Questo sito contribuisce alla audience di

"Mollare" la compagnia storica

Discussione iniziata da FBGL il 08-01-2017 - 16 messaggi - 1905 Visite

Like Tree13Likes
  1. FBGL FBGL è offline ApprendistaMessaggi 337 Membro dal Dec 2016 #1

    Predefinito "Mollare" la compagnia storica

    Ciao a tutti!
    Ultimamente frequento tantissimo il forum per le più svariate ragioni: malessere generale, problemi di cuore e poca autostima. Insomma, non va bene un ca*** .
    Ho 24 anni e finalmente ho capito che non posso continuare ad andare avanti così. Non voglio stravolgere la mia vita, ma attuare cambiamenti graduali per cercare di essere il più felice possibile ed ascoltare le mie esigenze.

    Arriviamo al dunque: esco con un gruppo di persone (9/10) con cui sono cresciuto perché abitiamo nello stesso paese di poche anime. Solo con due di queste posso dire di avere un vero rapporto di amicizia e confidenza, con gli altri vado più o meno d'accordo ma sono persone con le quali non voglio di certo condividere segreti, paure o questioni più importanti. Sono gli "amici" con cui divertirsi e basta, ma che adesso mi stanno un po' stretti. Non si parla mai di cose serie, solo cazz*** e non è cambiato nulla nella testa di molti dai tempi dell'adolescenza.
    Non mi reputo migliore e non li colpevolizzo assolutamente (alcuni se alcuni sono terribilmente superficiali) ma negli ultimi tempi ho coltivato interessi diversi e ho sviluppato una mentalità completamente opposta alla loro. Non ripudio nulla, ma ho bisogno anche di altro!
    Per quanto tutti lavorino (abbiamo tra i 22 e i 24 anni) sembra non sia cambiato nulla da quando avevamo 16 anni: ci si vuole solo sbronzare e divertire. Non c'è la minima intenzione di addentarsi in questioni più serie, anzi si evitano a priori. Ho paura che andando avanti così la situazione non cambi nemmeno alla soglia dei 30 anni e a pensare a questo vengo pervaso da un'ansia assurda.

    E' un gruppo estremamente chiuso e che fa muro a possibili nuove conoscenze: tutte le persone esterne vengono sottoposte a giudizi: "guarda che babbo quello!che sfigato!come fa quella a stare con quel cesso!" e cose simili. E' una cosa insopportabile!
    Non ho bisogno di cambiare drasticamente giri e locali: mi basterebbe un cambio di mentalità, ma chiedo troppo.
    Qualcuno si è mai trovato ad affrontare una situazione simile? Non voglio tagliare completamente i ponti perché sembrerebbe quasi che mi avessero fatto qualche torto e credo che mollando un po' la presa il rapporto ne possa giovare in generale.
    Cosa devo fare? Sono più le volte che mi sento a disagio di quelle in cui sono sereno. E' un periodaccio per me, ma intravedo una svolta per la mia vita e non voglio perdere altro tempo.
    Mi devo assumere il rischio perché quello che conta è che io sia felice, ma se avete consigli o dritte per capire come gestire la situazione ne sarei felice.
    Grazie e buona serata!


     
  2. L'avatar di Fraseggio

    Fraseggio Fraseggio è offline FriendMessaggi 2,501 Membro dal Sep 2015
    Località profondo Nord, angolo dell'Universo
    #2

    Predefinito

    Cosa ti piace e cosa ti attira dello stare con loro?
    Hai trovato altre persone, esterne al gruppo, che attirano la tua attenzione? E perché?
    PINASO likes this.
     
  3. ghoster ghoster è offline BannedMessaggi 707 Membro dal Nov 2016
    Località Italia del nord
    #3

    Predefinito

    Si insomma la "classica" compagnia di idioti... beh prima di pensare che tengano davvero a te, fatti qualche domanda.
    Ne ho avute anch'io in passato compagnie così, e ho visto emarginare amici di infanzia per un nonnulla..
    Poi è in parte normale dopo una certa età essere più selettivi e stare di più nel proprio brodo.
    Alla fine basta vedere la differenza tra un 80enne al bar che passa le giornate a giocare a carte, bere dei bianchi e bestemmiare, e un altro 80enne che nella sua vita ha fatto strada...
    Le strade si dividono... più si invecchia più diventiamo uno diverso dall'altro
    FBGL and PINASO like this.
     
  4. L'avatar di Haydee

    Haydee Haydee è offline Super ModeratorMessaggi 2,650 Membro dal Apr 2016 #4

    Predefinito

    Magari loro fanno e pensano le tue stesse cose. Mai sottovalutare gli altri.
    Ovverosia, solo con due e tre si confidano perché li sentono più affini e con gli altri è un rapporto sciuè sciuè.
    Un piccola postilla io amo ballare da sola da una vita, ho (avevo) amiche/i carissime/i ma mai amiche/i del cuore, ad esempio. Non amo le compagnie “storiche”, o meglio non amo le compagnie fisse e a numero chiuso. Essere amici da tanto tempo ed avere anche una routine non è un male assoluto (credo), il male è quando i rapporti sono limitanti.
    Ma onestamente quelli sono casi limiti ed adolescenziali. Io davvero nun ce posso credere che oltre i 20anni la compagnia ancora imponga dei diktat. Dai, ma non mi pare proprio possibile.
    Mi spiego meglio: che loro non vogliano altri nel gruppo, non lo capisco, ma sarebbe anche lecito,
    la limitazione sarebbe nel caso non vogliano che si frequenti altri oltre il gruppo.
    Ahò non mi pare che sia il tuo caso. Non ti hanno mica detto: o esci solo con noi oppure sei fuori dal nostro giro!
    Ergo, ogni tanto ti vai a bere una birra analcolica se hai voglia con loro, e nel mentre niente ti vieta di cercare, di girare, di muoverti, ma da solo.
    Crescere significa anche quello. Essere soli e fare nuove conoscenze.
    Oppure dovevate partire tutti insieme in stile armata Brancaleone?!
    ghoster and FBGL like this.
     
  5. L'avatar di lucase

    lucase lucase è offline JuniorMessaggi 1,980 Membro dal Apr 2013 #5

    Predefinito

    Tieniti la compagnia di una vita, altrove non pensare che ci sia di meglio. Credo che stai vivendo un periodo "no" per cui qualsiasi compagnia non cambierebbe il tuo stato. Momento passeggero, passerà.
    Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l’imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile.
     
  6. FBGL FBGL è offline ApprendistaMessaggi 337 Membro dal Dec 2016 #6

    Predefinito

    Innanzitutto grazie a tutti per le risposte!
    Io non voglio eliminare i ponti con loro, ma vorrei ritagliarmi più spazi per me! Assolutamente non sono vincolato e io posso decidere benissimo di frequentare anche altre persone (cosa che in parte faccio), ma inevitabilmente loro sono il gruppo di riferimento. Abitando in un paese di 3000 persone penso sia anche normale.
    Chi ha magari già letto altre mie storie (come @Haydee ) sa che sono in un periodo "no" e vorrei tutt'altro che stare da solo! Ma fortunatamente sono molto selettivo e non mi basta la presenza di qualunque persona per colmare il mio vuoto e farmi sentire a mio agio! Se fossi un po' più sereno saprei stare anche bene da solo.
    Sono consapevole che sia un problema comune a molte compagnie e non condanno in toto quello che si fa. Mi va bene ubriacarmi quando capita e fare ******* (nessuno mi obbliga ripeto) ma mi pesa che non ci sia voglia di fare altro. Evidentemente alla maggior parte va bene così, ma a me non più.
    Uno mi ha detto una cosa, ovviamente scherzando, che però ha assunto i toni di una condanna a morte ahahah: "che bello quando avremo 80 anni e saremo al bar a giocare alle macchinette!". Vi giuro, mi è salita l'ansia
     
  7. FBGL FBGL è offline ApprendistaMessaggi 337 Membro dal Dec 2016 #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Fraseggio Visualizza Messaggio
    Cosa ti piace e cosa ti attira dello stare con loro?
    Hai trovato altre persone, esterne al gruppo, che attirano la tua attenzione? E perché?
    Sono gli amici con cui sono cresciuto: dalle elementari, oratorio, vacanze insieme e uscite in generale.
    Di amici veri non ne ho molti e quelli a cui sono più legato li ho conosciuti alle superiori. Ci vediamo e sentiamo poco, ma il rapporto è rimasto inalterato. La cosa bella è che sappiamo di esserci sempre gli uni per gli altri quando si ha bisogno e di questo sono veramente felice.

    Ho avuto modo di uscire (e soffrire ) con una ragazza motivante ed estremamente interessante. Mi ha fatto capire quanto, in realtà, non sia pienamente felice di quello che ho.
    Vorrei conoscere anche altre persone che siano più sulla mia stessa lunghezza d'onda.
     
  8. FBGL FBGL è offline ApprendistaMessaggi 337 Membro dal Dec 2016 #8

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Haydee Visualizza Messaggio
    Magari loro fanno e pensano le tue stesse cose. Mai sottovalutare gli altri.
    Ovverosia, solo con due e tre si confidano perché li sentono più affini e con gli altri è un rapporto sciuè sciuè.
    Un piccola postilla io amo ballare da sola da una vita, ho (avevo) amiche/i carissime/i ma mai amiche/i del cuore, ad esempio. Non amo le compagnie “storiche”, o meglio non amo le compagnie fisse e a numero chiuso. Essere amici da tanto tempo ed avere anche una routine non è un male assoluto (credo), il male è quando i rapporti sono limitanti.
    Ma onestamente quelli sono casi limiti ed adolescenziali. Io davvero nun ce posso credere che oltre i 20anni la compagnia ancora imponga dei diktat. Dai, ma non mi pare proprio possibile.
    Mi spiego meglio: che loro non vogliano altri nel gruppo, non lo capisco, ma sarebbe anche lecito,
    la limitazione sarebbe nel caso non vogliano che si frequenti altri oltre il gruppo.
    Ahò non mi pare che sia il tuo caso. Non ti hanno mica detto: o esci solo con noi oppure sei fuori dal nostro giro!
    Ergo, ogni tanto ti vai a bere una birra analcolica se hai voglia con loro, e nel mentre niente ti vieta di cercare, di girare, di muoverti, ma da solo.
    Crescere significa anche quello. Essere soli e fare nuove conoscenze.
    Oppure dovevate partire tutti insieme in stile armata Brancaleone?!
    Il fatto che il gruppo faccia "muro" non penso sia una cosa attuata consapevolmente. E' l'atteggiamento di fondo che impedisce che si aggiunga altra gente. Come ho già detto, non è normale giudicare sempre gli altri ed etichettarli in un certo modo ancor prima di conoscerli. Tra l'altro, le persone che si sono susseguite o si sono aggregate alla fine ci hanno sempre abbandonati.
    Non ci sono veri e propri diktat, ma ti posso assicurare che molti non sono ancora usciti dalla fase adolescenziale. Io non mi posso ritenere di certo così maturo per l'età che ho, ma perlomeno ho il buonsenso di pormi alcune questioni, cosa che altri non fanno o evitano di fare a prescindere.

    Non viene impedito di frequentare altre persone, ma più volte alcuni hanno preteso di sapere con chi si uscisse o dove si andasse al di fuori della cerchia. Magari scherzando, ma alla fine lo si voleva sapere davvero.
    Io sono sicuro che la mia situazione pregressa accentui il disagio che ho, però davvero mi sento limitato.

    Aggiungo a proposito dell'armata Brancaleone ahaha: proprio ieri sera si sono aggiunti altri gruppi del paese. Già si parla poco o di cazz***, smartphone sempre in mano quando siamo al pub. Ci siamo spostasti in 16 senza aver prenotato da qualche parte e alle 23.30 eravamo ancora all'aria aperta a prendere il freddo senza sapere dove andare. Non si trovava un compromesso. Ma io dico: tanto non ci si parlerebbe comunque, non ha più senso che chi ha voglia di fare qualcosa di particolare lo faccia e gli altri vadano da qualche altra parte, anche separati? A nessuno importava e alla fine ho preferito andare a casa.
    Haydee likes this.
    Ultima modifica di FBGL; 08-01-2017 alle 21:40
     
  9. L'avatar di Haydee

    Haydee Haydee è offline Super ModeratorMessaggi 2,650 Membro dal Apr 2016 #9

    Predefinito

    @F Ma solo tu sai di cosa hai bisogno, ovviamente. Io non lo so se lavori o studi, o fai entrambe le cose. Le tue possibilità di "uscita", facile dire: fai e disfa! Ma il contesto conta tanto.Sembra brutto, ma valuta bene l'uscita dal gruppo, proprio perché certi "posti" non hanno un bacino di utenza elevato. Facile uscire dal "gruppo" più difficile rientrarci. Bada bene non sto dicendo di accontentarti, ma di "usarlo" come un intermezzo per staccare tra le tue riflessione personali e la ricerca di nuove possibilità. Guarda che per certi versi è anche un modo per rimanere nel mondo. Sembro una pazza, ma è così. Per apprezzare il meglio, a volte, bisogna anche mangiare un po' di mer da. Io faccio così, quando mi trovo in mezzo a ggente che non c'entra niente con me. Succede, purtroppo. Alla fine della fiera mi diverto pure. Io sono principessa, ma vivo bene alla corte dei miracoli Magari mettila su questo piano. O meglio trova tu un modo di viverla meglio. Io ti auguro di circondarti solo di ciò che reputi il meglio per te, ma per esperienza non sempre è possibile
    Ultima modifica di Haydee; 09-01-2017 alle 00:32
     
  10. FBGL FBGL è offline ApprendistaMessaggi 337 Membro dal Dec 2016 #10

    Predefinito

    @Haydee
    Grazie per le dritte! Comunque studio e faccio lavori occasionali (solo un altro ha scelto il percorso universitario, tutti gli altri hanno finito a fatica la scuola e lavorano).
    Non so se magari la loro mentalità sia stata influenzata da questo; non mi reputo più intelligente di nessuno per il semplice fatto di aver proseguito gli studi, ma sicuramente la scuola che ho fatto (un liceo) e l'aver scelto di frequentare l'università mi hanno consentito di confrontarmi con più persone e "ideali" differenti. Quindi posso parlare con cognizione di causa.

    Gran parte dei componenti della compagnia si lamenta del lavoro che fa, del fatto che si sveglino presto, che facciano fatica e aspettano il weekend SOLTANTO per "disfarsi" di alcol e sparare ca*****. Lo possono fare per carità, sono io che devo prendere le distanze qualora le cose non mi vadano bene. Alla lunga queste cose però stancano quando diventano la routine (ormai da anni) ma comunque non addosso loro alcuna colpa.

    Mi sento un alieno, estraniato da tutto: spesso mi accusano di essere "particolare" per i discorsi che faccio o che cerco di intavolare. Ho un'autostima bassa, ma fortunatamente non mi importa di essere accettato da tutti e di questo ne vado orgoglioso.

    Tasto dolentissimo: le ragazze. Non si riesce a conoscerle. L'unica possibilità quando si è sbronzi e quindi puoi capire quanto può essere superficiale la conoscenza (dato che poi non prosegue quasi mai da sobri).
    Io, per quanto non sia per nulla un donnaiolo, il mio l'ho fatto e tutt'ora lo faccio. Ad alcuni proprio non sembra importare, o addirittura non sono capaci a rapportarsi con le ragazze.

    Il mio discorso potrebbe sembrare fine a se stesso e un'invettiva gratuita contro gli altri componenti. Io non sono assolutamente il "bravo" e loro i "cattivi".
    Devo solo capire bene come gestire la cosa. Sono piuttosto estroverso, mi piace fare il simpatico e divertire gli altri. Non mi interessa entrare in un'altra compagnia, mi basta incontrare gente nuova e più motivante, per la quale essere un valore aggiunto e lo stesso loro per me.
    Ma il salto nel vuoto mi fa un po' paura. In fin dei conti la vita è fatta di scelte. Rischiare significa crescere e cambiare, e in questo momento non ho bisogno di altro.
     

AMANDO SOCIAL

Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]