Questo sito contribuisce alla audience di

A qualcuno piace il teatro?

Discussione iniziata da Tony59 il 02-02-2014 - 20 messaggi - 2821 Visite

Like Tree4Likes
  1. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,175 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #1

    Predefinito A qualcuno piace il teatro?

    Mi sono inserito qui, per creare questo argomento. Non mi sembra che ci fossero altre sezioni più idonee, il teatro del resto appartiene alla letteratura; per la verità ci appartiene anche il cinema, un film deve prima di tutto essere scritto.
    Non ho particolari preferenze. Il mio autore preferito rimane tuttora Carlo Goldoni, specialmente nelle commedie in veneziano. Spesso però queste commedie mi piace leggerle. Non sopporto quando, di un commediografo qualsiasi, il regista decide di rappresentare una commedia, reinterpretandola a proprio modo.
    Riguardo a Goldoni, ritengo che se il regista non lo interpreta alla lettera non capisca proprio niente. Mi piace molto anche Shakespeare, che credo lasci più spazio interpretativo rispetto a Goldoni. L'epoca è diversa, però. Anche Shakespeare è un autore che preferisco piuttosto leggere, nonostante non mi dispiaccia poter vedere una sua commedia recitata in un teatro. Pirandello? Ho letto "Così è, se vi pare" e "Liolà", oltre al romanzo - non opera teatrale, quindi - "Il fu Mattia Pascal". I gusti sono gusti, ho letto queste opere pirandelliane quando avevo poco più di vent'anni, per me questo può bastare, tuttora.

    Altri hanno altri gusti? C'è qualcun altro a cui qualcosa piace, che abbia qualcosa da dire, gusti, opinioni, atteggiamenti critici su autori, registi, attori? Altre idee?

    Vi aspetto volentieri.


    Die Sonne scheint jeden Morgen, braucht man nie sich zu sorgen (in una lingua parlata un po' più verso nord, rima però mia).

    ...Unsere beiden Schatten,
    Sah'n wie einer aus,
    Daß wir so lieb uns hatten,
    Das sah man gleich daraus.
    Und alle Leute soll'n es seh'n,
    Wenn wir bei der Laterne steh'n,
    Wie einst, Lili Marleen...
     
  2. Dark_Predator Dark_Predator è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 724 Membro dal Feb 2015 #2

    Predefinito

    Ho fatto teatro per anni. Ho visto parecchi spettacoli e recitati un paio.
    Le opere teatrali famose che più apprezzo sono quelle di Pirandello,Shakespeare e il teatro russo in generale.
    Tony59 likes this.
     
  3. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,175 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #3

    Predefinito

    Interessante. Ecco, del teatro russo non so proprio niente.
    Mi piacerebbe leggere anche qualcosa di Ibsen e Brecht: ammetto di averli solo sentiti nominare.
     
  4. Dark_Predator Dark_Predator è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 724 Membro dal Feb 2015 #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tony59 Visualizza Messaggio
    Interessante. Ecco, del teatro russo non so proprio niente.
    Mi piacerebbe leggere anche qualcosa di Ibsen e Brecht: ammetto di averli solo sentiti nominare.
    Per quanto riguarda il teatro russo i due nomi più importanti sono Tolstoj e Bulgakov, l'elenco delle opere sarebbe però infinito. Io mi sono innamorato del teatro russo vedendo una trasposizione teatrale del racconto di Dostoevskij "La Mite". Per un profano potrebbe essere un ottimo inizio.
    Ibsen è osannato ma la sua opera principale,Casa di Bambola,a me non ha detto granché.
    Spetti,dello stesso Ibsen,l'ho trovata già più sopportabile.
    Di Brecht ho visto una rappresentazione de "L'Opera Da Tre Soldi" veramente suggestiva.
    Se ti piace il genere ti consiglio anche Samuel Beckett con "Aspettando Godot" e "Finale di Partita".
     
  5. L'avatar di thebloodtears

    thebloodtears thebloodtears è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 25 Membro dal Dec 2015
    Località Senago.
    #5

    Predefinito

    A me piace moltissimo il teatro e se avessi i mezzi economici andrei a vedere un'opera teatrale a settimana! Il mio autore teatrale preferito è Luigi Pirandello: scava a fondo dell'anima umana, inventa situazioni straordinarie e induce il lettore alla riflessione. Poi ha un modo di scrivere meraviglioso, che cattura l'attenzione di chi legge. Mi piace molto anche Shakespeare, l'autore dell'amore e del romanticismo. Goldoni lo gradisco un po' meno per i temi trattati, anche se mi piace il suo modo di scrivere: ho apprezzato molto "La Locandiera". Poi adoro i tragediografi greci - Eshilo, Sofocle ed Euripide - che attraverso la mitologia hanno saputo dare volto alle angosce degli uomini. E poi il loro linguaggio è davvero poetico! Mi piacciono anche i commediografi Terenzio e Plauto: il primo fa riflettere, il secondo fa ridere.
    Per quanto riguarda le messe in scena di opere teatrali, preferisco quando il regista si attiene all'opera e non quando la reinterpreta a suo piacimento.
     
  6. L'avatar di DieSchoneMuellerin

    DieSchoneMuellerin DieSchoneMuellerin è offline Super ApprendistaMessaggi 549 Membro dal Feb 2015
    Località Bologna
    #6

    Predefinito

    A me Pirandello piace, come piace Goldoni e Shakespeare... Comunque oltre a letteratura e cinema c'è anche il teatro d'opera.
     
  7. Mosi Mosi è offline Super ApprendistaMessaggi 985 Membro dal Aug 2010
    Località Italia
    #7

    Predefinito

    Goldoni devi beccare una buona compagnia altrimenti è un massacro. Recentemente ho visto spettacoli di gioani autori italiani soprattutto commedie. Shakespeare è ovviamente un immortale.
    Fra gli attori Lavia (ma anche la sua ex Guerritore). Qualche anno fa vidi Luca De Filippo veramente bravo.
    Tony59 likes this.
     
  8. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,175 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #8

    Predefinito

    Su Goldoni la faccenda diventa intricata...quando - troppo spesso - ci sono registi che danno
    "una loro diversa interpretazione". Non si vogliono rendere conto di una cosa assai semplice: Goldoni deve essere interpretato
    alla lettera. Le sue commedie non lasciano spazio ad alcuna interpretazione. Infatti, non solo le parti sono scritte, sono
    scritti tra parentesi anche i gesti e i toni di voce che gli attori e le attrici devono assumere. Ciò fa parte della stessa
    cosiddetta riforma che l'autore fece a suo tempo, dalla Commedia dell'Arte, che invece era basata sull'improvvisazione
    ed era a 'canovaccio'. Purtroppo, quelle poche volte che ho assistito a una rappresentazione goldoniana al
    Teatro Verdi, qui a Padova, ho visto dei veri scempi.
    Il peggio l'ho però visto alla televisione, una volta in cui la commedia rappresentata era "Le Avventure della Villeggiatura".
    I gesti e il modo di recitare, la sceneggiatura....uno schifo assoluto...!
    So che non tutti capiscono il veneziano (io lo capisco e lo adoro), a me piacciono in particolare le commedie scritte
    appunto in questa lingua; infatti, dialetti sono, a mio avviso, altre parlate venete, surrogate del veneziano.
    Apprezzo però molto anche quelle interamente scritte in 'toscano', noi diremmo in italiano, di cui fa pure parte
    la Trilogia della Villeggiatura, con l'esempio accennato.
     
  9. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 5,175 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da thebloodtears Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda le messe in scena di opere teatrali, preferisco quando il regista si attiene all'opera e non quando la reinterpreta a suo piacimento.
    Brava. Questo è l'errore madornale, che ho spesso visto da parte dei registi che mettono in scena Goldoni.
    Il regista non è, infatti, l'autore, la commedia non l'ha scritta lui; oso dire che certuni di questi 'direttori' siano davvero presuntuosi,
    artisticamente si credano più bravi di quel che sono. Certo, non sempre è così: il meglio garantito, quando a recitare
    le commedie di questo autore è una compagnia amatoriale. Tra i registi noti...dopo Cesco Baseggio (morto nel 1971)
    nessun altro sembra essere più stato all'altezza.

    Di Pirandello non ho visto niente, però ho letto qualcosa: "Così è, se vi pare" e "Liolà". Mi è piaciuta di più,
    mi è sembrata resa meglio, la prima di queste due.
    Di Shakespeare, mi è piaciuta più di tutte "Le allegre comari di Windsor". Rileggerei, anche se è tutt'altro che allegra,
    "Re Lear". Molto bella "La bisbetica domata". Quest'ultima, di nome, è proprio ambientata qui, a Padova,
    anche se potrebbe benissimo trattarsi di qualsiasi altra città. Credo che sarebbe difficile da rendere,
    in teatro, il 'metateatro' come è scritta: una commedia fatta rappresentare da uno squire, per prendersi
    gioco di un ubriaco, Christopher Sly, incontrato in un'osteria in cui si era soffermato.....Una commedia, dentro
    una rappresentazione di cui è preludio e conclusione.
     
  10. eccezionalgigi eccezionalgigi è offline PrincipianteMessaggi 22 Membro dal Sep 2009 #10

    Predefinito

    faccio parte di una compagnia, il teatro d'Europa di Cesinali (av).
    mi sono trovato in quella compagnia per caso, storia lunga. penso che il teatro sia l'ambiente adatto per far crescere la propria cultura e per fare amicizia.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]