Amici Gay

Discussione iniziata da IlCondannato il 15-09-2018 - 6 messaggi - 993 Visite

Like Tree1Likes
  • 1 Post By stellaguerriera
  1. L'avatar di IlCondannato

    IlCondannato IlCondannato è offline Super ApprendistaMessaggi 864 Membro dal Apr 2018 #1

    Predefinito Amici Gay

    Allora, il mio migliore amico è gay, e dopo un anno in cui mi ero isolato per problemi miei, torniamo ad uscire insieme e conosciamo a sua volta altri gay con cui si fa comitiva per uscire. Mi dico perché no, cerco di essere alla mano, sempre etero ma non ci vedo nulla di male ad essere amico di gay, dopotutto gli amici etero come si fidanzano spariscono.
    All'inizio tutto ok, si scherza, si gioca, si va a ballare, si fanno i giri in centro. Sempre grazie a loro conosco l'unica ragazza che mi abbia mai dato una chance, anche se poi va tutto a brave donne.


    Insomma, dopo 8 mesi di conoscenza adesso incominciano i primi problemi. Praticamente 'sta gente ha avuto sempre un problema, che come conoscono un tizio a caso lo devono ficcare nel gruppo di whatsapp, e proprio il "capo" del gruppo, mette nella chat di whatsapp altri 3 tizi che conosceva solo lui praticamente, e il giorno dopo ci litiga e quindi esce dalla chat. Poi sono stati aggiunti altri 3 che nessuno conosce, boh.


    Questo qua è pure super permaloso, critica sempre, pare che capisce tutto lui nella vita, e se lui fa il figlio di ******* va bene perché lui è così e va accettato così; insomma i soliti moralismi usati a suo favore. Che comunque anche quei 3 sono pezzi di ***** eh, non è che abbia sbagliato, ma è proprio un caso di darsi la zappa sui piedi diamine, li hai messi tu nel gruppo.


    Insomma però ultimamente non ci caghiamo più, perché uscito questo nessuno propone più di uscire; se scrivi non ti caga nessuno.
    Che io da bravo boy ad alcuni ho pure scritto in privato per organizzarsi ed uscire, e 2-3 volte ci riesco, ma ieri scrivo ad uno di loro e vedo che il messaggio non gli arriva e che non vedo più l'immagine del profilo di whatsapp... e adesso perché mi ha bloccato?
    Fino a ieri mi chiamava dicendomi che aveva problemi d'amore, quando è ubriaco lo accompagno a casa io, spero sia solo un caso..


    Fatto sta che comunque a questi li devo sempre cercare io, loro non è che propongono mai nulla, e anche il mio migliore amico si è staccato da un po' dal gruppo. Ci esce ogni tanto se ci esco io, ma da solo non ne vuole sapere più molto, anche per il fatto che 'sti cristiani sono molto litigiosi, si incannano e bevono ogni sera.
    Cioè, però boh, alla fine tutti hanno i loro difetti e ci si scherza bene, poi vabbè che avendo io litigato con quella ragazza del gruppo -anche se ora ci riparliamo, o meglio, facciamo finta di nulla- anche io sono stato un po' assillante e ******* nei loro confronti. Infatti poi ho iniziato un modo di controllo della rabbia per cercare di non essere fastidioso.


    Però ecco, ad oggi se non mi faccio sentire io loro manco si domandano che fine io abbia fatto, che comunque io, per questa settimana poi mica per mesi, non sono potuto uscire per problemi familiari.


    Io davvero, già ho problemi di mio, ci manca pure che io corra dietro a loro. Ultimamente mi sento abbastanza meglio ad isolarmi e buttarmi tutto alle spalle. Anche ogni senso di colpa che ho con quella lì.

    Stando con loro, e frequentando posti a tema qualche volta, poi ho imparato molte cose, ovviamente ci sono le eccezioni ma in genere (nel 90% dei casi quindi):
    1- L'omofobia è quasi giustificata. Rompono costantemente le palle provandoci se gli interessi, e mettendo in dubbio la tua sessualità proprio perché esci con loro, senza contare che qualche volta mettono pure una brutta parola con altre donne perchè "esci con i gay". Quindi uno deve quasi per forza avere timore di loro.
    2- Una donna preferisce starsene accollata ad un bel finocchio piuttosto che provarci con te che sei etero ma esteticamente normale.
    3- Su quest'onda mi fanno ridere le lesbiche che si schifano a baciare te etero, ma pomiciano con i gay senza problemi. Cioè lesbiche interessate alle donne pomiciano con gay interessati agli uomini. Vabbè..
    4- Un bruttino gay tromba 1000 volte di più di un bruttino etero; ma tutto perché sono pur sempre uomini che si attaccano ad ogni cosa. Ho sentito definire gente orribile (stempiatissima, con occhiali da nerd, viso da tipico pipparolo) come "boni". Quindi ogni loro complimento non è attendibile.
    5- Sia donne che uomini sono permalosi e aggressivi. Ho sfiorato più risse con dei gay in una sera, che con gente etero in tutta la mia vita. Cioè ma anche le lesbiche eh, 100 volte più acide di una donna normale.
    6- Tramite loro testimonianze, o comunque dal vivo dove si sentono più libere di confessare, si può tranquillamente sapere cosa pensano veramente le donne dei loro canoni, dei loro interessi amorosi, etc.
    7- No. Esattamente come amiche donne, non ti aiutano a conoscere ragazze. Quella sì, l'ho conosciuta tramite loro, ma non perché me l'abbiano fatta conoscere loro, ma perché ci siamo beccati per caso. E comunque al 90% l'hanno spronata a lasciarmi ed è stato solo UN caso.

    Insomma quindi, non per fare il maledetto che pregiudica, ho conosciuto anche gay e lesbiche con cui ancora parlo ogni tanto perché simpatici eh, ma in generale sono quasi come i drogati, se ci esci insieme al 90% finisce nei guai, magari non con la legge, ma socialmente parlando assisti davvero al peggio.


    "Sono brutto... ma sto cercando di smettere"
     
  2. L'avatar di stellaguerriera

    stellaguerriera stellaguerriera è offline SeniorMessaggi 10,576 Membro dal Sep 2011
    Località in un angolo di cielo colorato
    #2

    Predefinito

    Spesso purtroppo sono loro stessi ad essere "eterofobi" e a creare una propria comunità, perché vogliono sentirsi parte di un gruppo... Per quelle poche persone che ho conosciuto tra lesbiche è gay erano persone tranquille, solo uno di loro un vero pettegolo (ah ah).
    Sole19 likes this.
    Non posso venire da te, perché già ti sono accanto.

    Nessun regno è più grande di questa piccola cosa che è la vita.

     
  3. L'avatar di MonacoFrigido

    MonacoFrigido MonacoFrigido è offline SeniorMessaggi 8,345 Membro dal Jun 2016
    Località Brixia, Longobardia Maior
    #3

    Predefinito

    Io non ho mai avuto un grande rapporto con i gay, ma non per mia scelta ma semplicemente perché i gay mi hanno sempre evitato, infatti io ho studiato lingue all'università dove il 90% degli iscritti era donna e del restante 10% otto su dieci erano gay, ma non sono mai riuscito a conoscerne uno. Ricordo che solo uno di loro mi aggiunse su Facebook, ma dopo circa un anno o due inspiegabilmente mi ha cancellato, senza che avessimo mai litigato.
    Di solito quando chiacchieravo con qualche altro collega universitario (donna o uomo, l'ho messo al maschile ma lo intendevo in senso universale, quindi non solo uomini ma anche donne) e nel gruppo c'era qualche gay, allora il gay non mi considerava, non lo so perché, perché io non ho mai preso in giro i gay e non ho mai fatto le cose omofobe.
    We need a more permanent solution to our problem
     
  4. L'avatar di Sole19

    Sole19 Sole19 è offline PrincipianteMessaggi 78 Membro dal Jun 2016
    Località mio che stai sulla collina...
    #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stellaguerriera Visualizza Messaggio
    Spesso purtroppo sono loro stessi ad essere "eterofobi" e a creare una propria comunità, perché vogliono sentirsi parte di un gruppo... Per quelle poche persone che ho conosciuto tra lesbiche è gay erano persone tranquille, solo uno di loro un vero pettegolo (ah ah).
    Condivido il tuo pensiero!
    Ho avuto modo di conoscere qualche ragazzo gay ed effettivamente ho notato che tendono ad isolarsi perché non si sentono compresi appieno se non tra loro.
    Alcuni erano pure maschilisti/misogini nei discorsi ma ho sempre evitato di contraddirli per non scatenare la loro aggressività e non dargli modo di definirmi omofoba nel tentativo di difendere il genere femminile.
    Sono ipercritici perché sono i primi a sentirsi giudicati dagli altri ed usano questa come arma di difesa.
    Da un lato comprendo che questa loro rabbia/permalosità (non di tutti però) deriva dal fatto che in questa società non si sentono completamente accettati e compresi..
    "Ciò che rende socievoli gli uomini è la loro incapacità a sopportare la solitudine e, in questa, se stessi".

    "L'amore è desiderio divenuto saggezza. L'amore non vuole possedere nulla, vuole solo amare".

    "Bisogna parlarci con le bestie, non sono mica uomini!".
     
  5. L'avatar di IlCondannato

    IlCondannato IlCondannato è offline Super ApprendistaMessaggi 864 Membro dal Apr 2018 #5

    Predefinito

    @Monaco, metti che molti hanno la puzza sotto il naso. Il modello tipico del gay ad oggi (offerto da icone youtubiche) è quello di fare la prima donna che pretende tutto. Insomma come una ricca donna d'affari.

    Anche a me a volte hanno aggiunto per poi provarci, visto che appunto mi vedono con altri come loro. Io, gentilmente, spiego loro che non sono interessato e ti rispondono sca**ati, mettendo in dubbio la tua sessualità e poi ti tolgono. Tutti eh, se ne fosse salvato uno.

    @Sole, sì, io con loro difficilmente mi posso confidare in fatti d'amore. Perché si immedesimano più nella parte della donna e quindi ogni volta danno la colpa a qualche mio errore. Però se sono loro a litigare con una ragazza glie ne dicono di tutti i colori. Davvero roba che non sento dire nemmeno da veri misogini. Si sentono superiori anche come "sesso femminile".
    In generale parlo, poi c'è sempre chi ha un po' più la testa a posto, ma alla fine è come un virus, vedono che gli altri lo fanno e hanno successo, allora ci provano un po' tutti.

    Senza contare degli stereotipi che passano poi alle loro amiche donne, che l'uomo se non è incrociato con un cavallo (pene grande) non vale la pena. Davvero ci si sente solo male a sentirli parlare con le ragazze.
    "Sono brutto... ma sto cercando di smettere"
     
  6. L'avatar di Sole19

    Sole19 Sole19 è offline PrincipianteMessaggi 78 Membro dal Jun 2016
    Località mio che stai sulla collina...
    #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da IlCondannato Visualizza Messaggio
    Senza contare degli stereotipi che passano poi alle loro amiche donne, che l'uomo se non è incrociato con un cavallo (pene grande) non vale la pena. Davvero ci si sente solo male a sentirli parlare con le ragazze.
    Ma dai!! quanta superficialità!!! so che scatenerò l'inferno con questa mia affermazione: ma davvero, a mio modesto parere, le misure non contano.
    Io ricordo certi insulti a riguardo dell'organo genitale femminile da far rabbrividire! davvero alcuni (non tutti per fortuna) si sentono di molto superiori alla donna e spesso cercano di convincere anche gli altri uomini (etero) di quanto siano stupide le donne .
    Sinceramente mi sono sempre domandata se lo fanno perché si sentono in competizione con le donne oppure no! a volte cercano pure di avere amicizie femminili ma poi alle spalle ne dicono peste e corna.
    Anche se ribadisco: comprendo come possano sentirsi frustrati a causa di questa società che ancora non li riconosce appieno, non giustifico certi comportamenti misogini! il rispetto deve esserci sempre e comunque!.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]