Amore masochista

Discussione iniziata da Stefanmng il 06-05-2016 - 6 messaggi - 2017 Visite

  1. Stefanmng Stefanmng è offline PrincipianteMessaggi 6 Membro dal May 2016 #1

    Predefinito Amore masochista

    Ciao a tutti, oggi voglio condivedere con voi questo mio malessere interiore che mi trascino appresso da anni... la mia è l'ennesima storia di amore non corrisposto. E' una cosa che purtroppo nella vita capita a tutti almeno una volta.. ora voglio spiegarvi un po la mia storia.
    Ho conosciuto questa ragazza ai tempi della scuola. Lei era più piccola di un paio d'anni, io ero quasi in procinto di diploma. Quando la vidi la prima volta rimasi molto colpito da lei, ma era già fidanzata con un altro ragazzo. Dopo che si è lasciata, ho deciso di volermi fare avanti per conoscerla. Abbiamo prima parlato su facebook e poi ci siamo visti spesso a scuola durante le giornate, cosi a parlare del più e del meno... la stavo prendendo come un gioco all'inizio. Poi finita la scuola, ci sentiamo per tutta l'estate. Ma fin li tutto normale, due semplici amici che parlano e si sentono. Ricominciata la scuola, la trovo cambiata, cresciuta e molto più attraente di come la ricordassi. Ripresi a vederci constantemente, decidiamo di uscire un sabato insieme, per prendere maggior confidenza. Tutto bene, una bella giornata alla quale se ne seguiranno altre. Tre mesi passano in questo modo, il mio interesse che all'inizio era uno scherzo stava diventando qualcosa di più grande... ero cotto di questa ragazza. lei era dolce, simpatica, mi faceva stare bene ed io ero diverso con lei... protettivo, dolce, la facevo ridere sempre e la facevo sentire importante. Le cose crescevano, ma tra noi era sola amicizia... mesi da quell'uscita, c'è stato il suo compleanno. Lo ha festeggiato con le amiche... io sono andato da lei a farle una sorpresa, portandole un regalo e una lettera. Il regalo che le ho preso aveva un significato particolare per lei, una collana alla quale tiente molto.. che tutt'ora indossa. Lei era felicissima di vedermi, ha aprrezzato la lettera, il regalo, il fatto che io fossi venuto solo per vederla 5 minuti, tanti abbracci e bacetti... il cuore mi andava a mille e preso dall'euforia del momento le ho dichiarato il mio interesse. Lei è rimasta spiazzata, come se non se l'aspettasse. Mi ha detto che ero stato dolcissimo, che sono un ragazzo straordinario ma che per lei ero un amico e niente più ed era dispiaciuta di non potermi ricambiare. Torno a casa distrutto, con tutte le aspettative crollate e il morale sotto i piedi. Attraverso il classico periodo del post rifiuto, un periodo davvero brutto, dove sto parecchio male, non so se ero innamorato già allora ma stavo soffrendo... e soffrivo anche perchè non avevo lei accanto, mi mancava come persona. Anche io le mancavo, lei ci teneva molto a noi due. Decido di provarci, ad essergli amico, a vederla sotto occhi diversi... per un po ci riesco anche in maniera un po forzata ma ci riesco. Poi a lei piaceva un altro ragazzo con la quale si metterà insieme... Arrivati a questo punto, sono felice per lei ma ci resto un po male dentro di me... perchè lui non la meritava, non le avrebbe mai dato quello che potevo darle io, magari è un pensiero presuntuoso il mio, ma io a lei ci tenevo tanto e gliel'ho dimostrato sempre, cosa che lui invece non ha fatto e sinceramente mi faceva rabbia questo. Vedere che senza sforzarsi lui ha ottenuto la sua mano e io no, in un angolo a leccarmi le ferite. Ovviamente lei non sapeva niente di tutto questo, non sapeva che io stessi male per questa storia. Questa loro storia dura quasi due anni, io nel frattempo cerco di andare avanti, ma il pensiero a lei non riesco a distoglierlo... Questo non mi aiuterà infatti nella conoscenza di altre ragazze. Anche perchè noi manteniamo la nostra amicizia, anche se lei era fidanzata, uscivamo a volte insieme e ci sentivamo spesso. Non riuscivo a starle lontano e lei diceva lo stesso per me. Ad un certo punto, riesco a distaccarmi un po da lei, a pensarla di meno, a cercarla di meno... pensavo di essere riuscito finalmente a tirare avanti dopo due anni... ma invece succede qualcosa di inaspettato. Loro si mollano. Lei mi cerca e mi chiede di vederci. Io le dico di si, perchè mi sentivo tranquillo, ormai immune. Passiamo una bella giornata insieme come al solito, ridiamo, ci abbracciamo. Da quel giorno riprendiamo i contatti in modo costante... tutti i giorni a sentirci, a parlare di tutto, a riallacciare il nostro legame. Lei mi dedica bellissime parole che mi fanno capire che al di la di tutto, lei mi vuole nella sua vita, che tiene molto a me, che sono una persona importante. Col passare del tempo, uscendo di nuovo con lei però qualcosa riesplode dentro... mi accorgo che non è passato il mio sentimento per lei... mi rendo conto di amarla.. di volerla, di farla mia, di possederla, corpo ed anima, di proteggerla. In questo periodo siamo stati molto uniti, io le facevo delle sorprese inaspettate, andavo a trovarla a casa senza avvisarla, considerando che lei abita molto lontano da casa mia ed io sono sprovvisto di mezzi. Le nostre uscite sono sempre più belle ed intense, ma non succede mai quel qualcosa in più. Me ne rendo conto anche se voglio pensare che prima o poi la volta giusta arriverà. Poi lei cambia, diventa più fredda, tirata.. perchè le sta succedendo qualcosa di brutto in famiglia e lei soffre di questa cosa... io me ne accorgo e cerco di restarle lo stesso accanto, rassicurandola che io aspetterò con lei, che la proteggerò, che la difenderò e che passeremo i momenti brutti insieme. Affronterò tutto insieme a lei, senza lasciarla un attimo. Mettendo la sua felicità e le sue esigenze prima di me. E' così ho continuato a fare, fino a quando non arriva il momento in cui lei mi chiede se io provassi qualcosa per lei... che sfortuna, proprio quando stavo preparando il momento per dichiararmi ancora, nonostante la paura del secondo rifiuto, non doveva chiedermelo lei, non per messaggi. Perchè si sa, non è la stessa cosa di parlare faccia a faccia a guardarsi negli occhi, soprattutto quando ci sono sentimenti cosi grandi in mezzo... Io ho paura di confessarle il mio amore, lei mi anticipa comunque dicendomi che se provo qualcosa di più lei non vuole vedermi stare male perchè prova un grande bene per me e non vuole che io soffra per questa situazione. Da qui deduco che per lei non è cambiato niente in realtà da quella volta. Lei mi vuole bene, ma non riuscirà mai a vedere in me più di un amico.. e questo mi fa stare male, perchè io la amo... e lo faccio incondizionatamente... non la amo perchè pretendo qualcosa in cambio, non voglio il suo amore per questo, non voglio che lei mi deve amare perchè io faccio di tutto per lei...l'amore deve nascere spontaneo, io faccio tutto questo perchè pè il mio modo che ho per mostrale quanto io tenga a lei... io la amo e basta. Voglio prendermi cura di lei, costruire un futuro insieme, vivere con lei, dividere i miei giorni con lei, i miei momenti, belli e brutti, tutto insieme a lei. Ma mi rendo conto che tutto questo resterà un sogno, un'illusione che fa male... perchè ci ho sperato davvero stavolta. Ho messo tutto me stesso e continuo ancora a farlo. Perchè dopo quel suo messaggio io le ho detto di provare anch'io un gran bene per lei, che non doveva preoccuparsi per me e che non stavo per niente male, perchè lei era nella mia vita. Forse sbaglio a volerla per forza nella mia vita, a tenerla, ma non riesco a stare senza di lei, ci ho provato e sono passati 4 anni già... non 4 mesi.. ancora oggi io sono innamorato di lei... e non so cosa fare adesso. Se restare sempre nella speranza che lei si accorga di noi, che veda questo rapporto con occhi diversi oppure rassegnarmi a perderla... ma non ci posso pensare alla mia vita senza di lei... anche se mi fa soffrire molto... pensare anche che lei un giorno possa essere di nuovo di qualcuno che non sia io... la amo e questo amore mi uccide... sono un povero masochista innamorato.
    Grazie a chi avrà la paziena di leggere tutto e a chi avrà la gentilezza di rispondermi e darmi un parere. Grazie in antipico se qualcuno mi deidcherà un po del suo tempo!


     
  2. L'avatar di Memetchi95

    Memetchi95 Memetchi95 è offline ApprendistaMessaggi 481 Membro dal Jan 2016
    Località L'isola che non c'è.
    #2

    Predefinito

    Ciao!
    Mi sento in dovere di risponderti perché io mi sono trovata dalla parte della ragazza in questione e, leggendo la tua storia, ho rivisto tanto del mio ex. Già. Ex perché dopo ben cinque anni io ho ceduto. Cinque anni passati a cercarci in continuazione. E poi, proprio quando lui ormai si era rassegnato, ho sentito quella mancanza che s'impossessa di te giorno dopo giorno. L'aspettare un messaggio, una chiamata senza mai ricevere; la nostalgia dei giorni passati assieme; prendere quello stesso pullman per incontrarlo. La mia vita andava avanti lo stesso, ma mancava lui, che le dava un tocco di colore diverso. Mi son resa conto che anche da parte mia poteva esserci qualcosa di più ...e mi son messa in gioco. La nostra storia è durata due anni, i più belli della mia vita e lui l'unica persona a cui sentissi di appartenere veramente. Presente il film Forrest Gump? Era uno dei nostri preferiti perché la coppia in qualche modo somigliarci, pane e burro, ma anche due persone che si rincorrono senza mai riuscire a prendersi sul serio.
    Non so perché ho voluto condividere con te la mia storia, forse per darti speranza...o forse perché spero per voi un bel lieto fine.

    Lo so cosa si prova ad essere consci di far soffrire una persona perché non si riesce a ricambiare l'Amore che ci è donato. Da una parte vorresti vedere lui felice, ma è difficile realizzare che tu fai parte di quella felicità, perché lui c'è nella tua, ma sotto un'altra veste.
    E lei, come vedi, ti conosce troppo bene per non sapere che in realtà il tuo sentimento è ancora là, respira, si nutre di quelle speranze dettate dai suoi gesti di affetto. Ma tu sei troppo importante per lei e per questo non vuole perderti, nè rinunciare ad averti nella sua vita. O meglio, sarebbe disposta a rinunciare a te a patto della tua felicità (o non sofferenza), essendo disposta a farsi da parte, pur di non vederti star male ancora una volta.

    È una situazione incasinata. Però, un consiglio: non sprecarci troppo tempo. Magari là fuori ci saranno altre ragazze che potrebbero essere interessate a te e che non aspettano altro che fare la tua conoscenza. Forse lei per te rappresenta anche una sorta di porto sicuro e questo rende il tutto più difficile. Io, se fossi in te, mi darei un ultimatum...e poi mi giocherei il tutto per tutto. Se va, allora avrai l'occasione di coronare il tuo amore; altrimenti vuol dire che non era destino e che sicuramente troverai qualcuna che sappia darti quel qualcosa in più. Ecco come mi comporterei io.
    Tu come ti senti?
    Come vedi il tuo futuro nelle due/tre possibilità? Quanto sei disposto a perdere?
    Per questo, cari Amici, ci siamo riuniti per aiutarci a vicenda,
    perché non vogliamo lasciarci rubare il meglio da noi stessi,
    non vogliamo permettere che ci rubino le energie,
    che ci rubino la gioia, che ci rubino i sogni con false illusioni.

    - Papa Francesco, Giornata Mondiale della Gioventù 2016
     
  3. Stefanmng Stefanmng è offline PrincipianteMessaggi 6 Membro dal May 2016 #3

    Predefinito

    IO mi sento molto confuso sinceramente... ho paura di perdela, forse più di quanto non ne abbia mai avuta in vita mia. Dentro di me sono consapevole di dover fare una scelta prima o poi. Se sarà un si allora avrò realizzato questo sogno, avrò raggiunto finalmente il suo cuore. Se sarà no, me ne dovrò fare una ragione prima o poi.. grazie per aver condiviso la tua storia con me... hocapito alcune cose... dipende sempre da me comunque...o trovo il coraggio oppure resto in questa situazione di continua sofferenza... La paura del no e di perderla... è tanta
     
  4. L'avatar di Memetchi95

    Memetchi95 Memetchi95 è offline ApprendistaMessaggi 481 Membro dal Jan 2016
    Località L'isola che non c'è.
    #4

    Predefinito

    In ogni caso c'è un prezzo da pagare, sia che tu decida di restare impiantato in questa situazione, sia che tu decida di rischiare il tutto.
    Per questo, cari Amici, ci siamo riuniti per aiutarci a vicenda,
    perché non vogliamo lasciarci rubare il meglio da noi stessi,
    non vogliamo permettere che ci rubino le energie,
    che ci rubino la gioia, che ci rubino i sogni con false illusioni.

    - Papa Francesco, Giornata Mondiale della Gioventù 2016
     
  5. Stefanmng Stefanmng è offline PrincipianteMessaggi 6 Membro dal May 2016 #5

    Predefinito

    Lo so, in ogni caso, qualunque scelta porterà conseguenze.. devo capire cosa sono disposto a perdere
     
  6. L'avatar di Sensei

    Sensei Sensei è offline Super FriendMessaggi 6,040 Membro dal Nov 2009
    Località Italia
    #6

    Predefinito

    Se posso: credo sia questo il punto: in generale bisognerebbe (e so che non è facile) disposti a rinunciare a tutto. Tranne che a sé stessi, il che significa che affrontare una situazione va bene in sé, a prescindere dal risultato.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]