Un amore nato in chat e morto nella realtà. Aiutatemi.

Discussione iniziata da Pinny85 il 25-12-2017 - 69 messaggi - 6120 Visite

Like Tree73Likes
  1. Pinny85 Pinny85 è offline PrincipianteMessaggi 16 Membro dal Dec 2017 #1

    Predefinito Un amore nato in chat e morto nella realtà. Aiutatemi.

    Ciao a tutti,
    innanzitutto buone feste. Mi sono iscritto perchè vorrei condividere la mia storia amorosa e cercare consigli su come superare la sua fine. Ho 32 anni e per quasi un anno sono stato assieme (quasi del tutto a distanza) ad una ragazza di 18. So già che molti di voi storceranno il naso, ma il sentimento davvero non ha età. Tanto più che lei all' inizio mi disse di avere 20 anni (quindi io ne avevo 31), e la differenza di 11 anni sembrava più accettabile. Invece quando iniziò ad esserci del sentimento tra noi, mi rivelò la sua vera età, 17 anni e mezzo. Bello iniziare con una bugia del genere. L' ho conosciuta reclutando giocatori su un popolare videogame. Mi attirarono da subito i suoi modi gentili e pacati. Piano piano abbiamo cominciato a sentirci sempre più spesso, fino a che abbiamo deciso di scambiarci i contatti social, whatsapp e facebook. Appena l' ho vista sono rimasto fulminato, un angelo bellissimo in tutto, fisico compreso. Non vi so spiegare bene il come e il perchè, ma c'è stata da subito tra di noi una magia pazzesca. Una chimica di attrazione totale. Cominciamo a telefonarci ogni giorno, e presto capiamo che è nato qualcosa di forte. Ci siamo innamorati come pazzi. So che può sembrare assurdo. Eppure le emozioni che abbiamo provato erano da cuore in gola, incredibili, forti, solide, travolgenti e vere. Abbiamo bruciato le tappe in fretta. Ci siamo praticamente detti ti amo sentitamente, dopo un mese o due. Siamo diventati drogati l' uno dell'altra. Ci sentivamo ogni giorno e a tutte le ore. Capitava di stare al telefono per ore e ore e ore senza sosta. Nessuno riusciva a chiudere. Ci svegliavamo anche nel cuore della notte per chiamarci, ed era bellissimo svegliarsi così. Per entrambi. Ci sembrava d' aver trovato la nostra anima gemella. C' era tutto: rispetto assoluto, amore, complicità, fedeltà, attrazione estrema, erotismo. Al telefono, abbiamo passato quelle normali fasi di innamoramento. Ricordo ancora il nostro primo bacio virtuale. Capitava spessissimo di emozionarci e commuoverci in maniera spontanea per la potenza assurda di quello che stavamo provando. Un sogno magico e irripetibile. Siamo presto passati alle videochat. E altrettanto presto, al sesso virtuale. Ci masturbavamo in video fino a raggiungere orgasmi spettacolari che ci lasciavano basiti e distrutti con gli occhi lucidi. Ci addormentavamo cantandoci le ninnananne e immaginando di stare stretti stretti a coccolarci. Tutto era permeato da una dolcezza inimmaginabile. Io sono molto fantasioso, e parlandole riuscivo a far sembrare che fossi realmente lì vicino a lei. Ho parlato anche col resto della sua famiglia, spesso, tranne il papà e il fratello. Più avanti capitava di discutere, ovviamente. Lei su tante cose era abbastanza ignorante, mi duole ammetterlo, e immatura, ovviamente a causa della differenza di età. Ma per avere 18 anni era anni luce avanti alla maggiorparte delle sue coetanee, a causa di una vita dura in una famiglia problematica. Mi diceva sempre che la sua immaturità avrebbe rovinato il rapporto, perchè io ero secondo lei perfetto, un uomo in gamba, un dio del sesso, bello e gentile, premuroso e dolce, intelligente e umile. Diceva che io ero troppo per lei, e aveva paura che l' avrei abbandonata. Sinceramente io aveva la stessa paura, cioè di essere abbandonato, poichè lei mi sembrava troppo bella per essere vera. Non avevo mai avuto una ragazza così bella. Era una da copertina, a parte l' altezza. Veramente una bomba sexy credetemi. Ma al tempo stesso carina e delicata, umilissima e insicura. Non si sentiva bella. Insomma questa cosa va avanti per mesi e mesi, di nascosto dalla maggiorparte dei nostri conoscenti, perchè ci spaventava che gli amici potessero giudicare la nostra relazione, a causa di età, distanza, e modalità di conoscenza (virtuale). Ovviamente abbiamo cercato tutti i modi per cercare di vederci. Lei era troppo piccola per partire da sola da un uomo "sconosciuto", e il papà non sarebbe mai e poi mai stato d’accordo con la nostra storia, anzi ne avevo molta paura. Anche perchè la controllava tanto, e avevo il terrore che potesse beccare quella tonnellata di video e foto super espliciti che ci mandavamo. Se avessimo perso o io o lei il cellulare, ci saremmo rovinati. Io già mi facevo i film mentali dove ero imputato in un processo con l' accusa di circonvenzione di minorenne e pedofilia. Più avanti, appena ho potuto, ho iniziato a cercare un lavoro dalle sue parti. Io sono isolano, e lei abita in nord italia, un bel salto. A inizio di questa estate succede una tragedia, gli muore il padre in un brutto incidente. Tralasciando lo sgomento che ho vissuto assieme a lei, essendo io molto sensibile ed empatico, succede che alla fine riesco a partire a lavorare da lei, e arrivo proprio il giorno del funerale. Lavoravo a un' ora e mezza di pullman dalla sua città. Lei già prima di partire mi aveva espresso i suoi dubbi riguardo a noi. Diceva che si era un po svegliata dal caldo torpore della magia, e che anche se mi amava, sentiva dentro di lei qualcosa che la stava frenando, a causa della lontananza, dell' età e del fatto che sarebbe stato molto difficile vivere una relazione normale anche se io fossi andato nella sua città, a causa della buonanima del padre che era un tipo molto pericoloso e violento, a causa della diversità di interessi ed obiettivi e frequentazioni (vedi: età). Tornando al viaggio, arrivo lì, da solo, all' avventura, in una terra sconosciuta, con due spiccioli e una pizzeria che mi offriva lavoro con vitto e alloggio. Il mio primo giorno libero viene a trovarmi, prendiamo una stanza in hotel, ma mi dice che le si era spento il cuore e che non se la sentiva di fare nulla e voleva che per il momento ci consideravamo amici speciali. Per me era assurdo, ma era in lutto, e qualsiasi cosa che diceva l' avrei accontentata. C' ero rimasto male mica per l' idea che non avremmo fatto sesso, al quale do un' importanza non dico marginale, ma relativa; ma più che altro per il fatto che lei non mi considerava più il suo ragazzo. Prima di partire, ormai avevo fatto sapere di lei alla mia famiglia e ai miei amici. Eravamo in un limbo. Ci sentivamo ancora sempre, ma lei era un' altra persona. Comprensibilmente. Ricordo ancora la prima volta che la vidi, scendeva dal pullman ed eravamo entrambi emozionatissimi, un po imbarazzati. Ricordo che lei, timida, non riusciva a reggermi lo sguardo all' inizio. Non ci baciammo, ma appena arrivati in hotel, dopo avergli dato il mio centinaio di regali che le avevo portato, lei si spoglia per provare delle maglie appena donate, e mi offre la visione del suo fisico statuario in intimo. Rimasi interdetto, perchè mi aveva fatto capire bene che non avremmo fatto nulla. Ci abbracciamo, provo a baciarla ma nulla, si ritraeva, oppure rimaneva ferma a farsi baciare, ma come dire, non partecipava. A un certo punto ci siamo ritrovati a letto e lei mi è quasi saltata addosso. Abbiamo fatto sesso per ore, mi pareva di fare l' amore con una prostituta. Nel senso che c' era tutto, tranne l' affetto. Soprattutto il bacio, mi pareva che lei non lo sentisse. E' stata molto egoista nel sesso. Io ho fatto praticamente di tutto per cercare di soddisfarla. Lei zero, o quasi. Dopo mesi e mesi passati ad osannarmi per come madre natura mi aveva dotato là sotto, mesi e mesi con promesse di porcate indicibili, se ne esce tranquillamente dicendo che non mi avrebbe praticato del sesso orale. Certo, mi dispiaceva, ma che c' è di male?! Nulla, anzi io come sempre carino e comprensivo, le dico che non era per nulla un problema. Ma questa cosa, assieme allo stress per il nuovo lavoro e per tutta la situazione, mi destabilizzò ulteriormente, e le volte successive, nello stesso giorno, praticamente non riuscii più ad avere un' erezione completa, e nemmeno a venire. Lei in quell' occasione mi dimostrò tanta immaturità, poichè reagì alla cosa con totale assenza di tatto e anzi maleducazione. Per un uomo è devastante. Ma i meccanismi psicologici alla base della cosa erano molteplici in quel momento. Io non vedevo trasporto in lei, sembrava che volesse quasi usarmi e basta. Io, da innamorato, anche se estremamente porco e voglioso, non tolleravo sta cosa, mi offendeva un po. Lei forse pensava che bastava salirmi sopra per avere un' erezione a comando, ma non era così, almeno per me, almeno in quel momento. Mi sono sentito molto male per questa cosa. Tempo dopo c' ho riso anche su, sapendo di non avere per fortuna problemi legati a quella patologia. E sapendo che con lei non sono passato da impotente visto che le prime ore è andato tutto moolto bene. Mi disse poi, di sapere bene che la colpa era la sua, poichè gli era già capitato con altre persone, e poichè lei era impanicata dalla poca esperienza confronto a me, e dunque si era comportata in maniera impacciata e non spontanea. Non abbiamo nemmeno pranzato, e siamo usciti dall' hotel per mangiare circa verso le cinque del pomeriggio, chiusi in stanza dalla mattina a fare le nostre belle cosette.

    -----continua nella parte 2-----


     
  2. Pinny85 Pinny85 è offline PrincipianteMessaggi 16 Membro dal Dec 2017 #2

    Predefinito Un amore nato in chat e morto nella realtà. Aiutatemi.

    (parte 2)

    Usciti, notavo la sua freddezza, la sua assenza. Pensavo fosse a causa del lutto. Ancora, in giro, provai a baciarla, con spontaneità, in una panchina isolata, come tutte le coppiette, ma nulla. Si lasciava a stento baciare a stampo, e mi sentivo come una specie di violentatore a insistere. Non riuscivamo a vederci a causa dei nostri orari di lavoro, ma lei cmq era sempre più distaccata. Le feci una sorpresa e andai a casa sua settimane dopo, con un grande mazzo di fiori. Trovai il gelo siberiano ad attendermi. Nemmeno un mezzo abbraccio. Assurdo. Mi disse di essere stata fino a tardi con un amico in un belvedere sopra la città, quella notte. Mi si accese una lampadina. Lei anche in passato era spesso vaga ed elusiva sulle sue frequentazioni. Spesso spegneva internet per ore. Una volta dormì fuori senza avvisarmi, dopo avermi detto che mi avrebbe chiamato dopo dieci minuti. Insomma, secondo me avevo a che fare con un gran bugiarda seriale. Era molto furba, lo diceva lei stessa di se. Cominciai a chiederle se aveva un altro. Ma negava sempre. Passano altre settimane. Io sempre affettuoso e dolce, lei sempre più fredda e anche acida a volte, ma la giustificavo per il lutto. Io stressatissimo dal nuovo lavoro, che non ingranava bene all' inzio, da solo, in mezzo a sconosciuti e lontanissimo da casa. Un giorno dopo l' ennesima insensata risposta fuori luogo e crudele, la lascio. Le scrivo delle cose spiacevoli spiegandole quanto fossi deluso e offeso. Cavolo ho cambiato vita per lei, e pazientato per mesi su mille cose. Lei nemmeno risponde. Assurdo vero? Dopo un mese, la mia indole buona, la solitudine, l' amore, mi fanno di nuovo venire voglia di sentirla. Mi scuso, ma lei mi dice che non fa nulla, non era arrabbiata ma che cmq la decisione era presa. Le ero indifferente in pratica. Cioè io mi chiedo come possa un amore così grande svanire così in fretta. Diceva di volermi bene, di volermi rimanere amica, ma nulla di più. Ora, capisco che forse dal mio racconto emergono quasi solo le cose negative, ma vi assicuro che per mesi e mesi lei era totalmente pazzamente innamorata di me, questo è certo. Avevamo dei progetti, parlavo spesso con la madre, che mi adorava anche lei. Ogni tanto scoppiava in lacrime se non le rispondevo per un po, chiedendomi se la stessi tradendo. Cose di questo tipo. Mi diceva che ero la persona più spettacolare che avesse mai conosciuto. Che ero stato il primo a rubarle davvero il cuore. Il suo primo grande vero amore. Che ero stato il primo a farla vibrare in quel modo unico, magico, a toccarle le corde più profonde della sua anima. Diceva che non mi avrebbe mai lasciato e che ero l' unico uomo sulla terra che desiderava. Io ci riprovo in tutti i modi a riaverla, ma nulla. Ci sentivamo ormai di rado, e arrivò il momento della fine della stagione estiva, ed io non avendo trovato altro lavoro, dovetti fare le valigie per tornare a casa, sconfitto e deluso. Non volevo nemmeno avvisarla della mia partenza, ma per combinazione mi scrive lei il giorno prima che me ne sarei andato. Mi chiede come va il lavoro e le spiego tutto. Si offende, dice che avrei dovuto avvertirla. Vero, credo. Allora ci diamo appuntamento in stazione. Lei arriva, freddissima come sempre, ci beviamo un caffè, due chiacchiere e nel salutarci davanti al treno per l' aeroporto, provo ad abbracciarla. Lei dice di no secca, e si scosta. Un gesto orribile che non scorderò mai. Le do due tocchi (baci) imbarazzati e frettolosi sulle guance e ci salutiamo con un ciao. Poco prima le avevo chiesto per l' ennesima volta se frequentasse qualcuno, e lei disse di no. Tornato a casa le scrissi un altro brutto messaggio, per ringraziarla ironicamente per il mancato abbraccio e per tutto il resto del suo comportamento pessimo. Si scusa, ammette che ho ragione. E mi scrive che mi aveva mentito alla stazione. Che era uscita già con due ragazzi. Sarei voluto morire. Mi dice che si sta frequentando con uno. In pratica c' eravamo lasciati da circa un mese e mezzo, e lei dopo già due settimane usciva con altri. Lì sono esploso. Senza parolacce ma con parole ricercate e taglienti, le ho detto quanto mi faceva schifo, che doveva vergognarsi, e le ho dato l' addio senza che lei battesse ciglio, e bloccata nei social. La sblocco dopo pochi giorni, sensi di colpa e voglia di lei. Ma non le scrivo per mesi, fino a pochi giorni fa. Anzi per sbaglio guardando la sua chat partì un messaggio con un pugno di lettere a caso, provai a eliminarlo ma una notifica le arriva cmq. Allora le scrivo che ho sbagliato e di scusare il disturbo. Lei risponde gentilissima e serena, che non era successo nulla e mi ringraziava per la spiegazione. Nessuno chiese come stesse l' altro. Un paio di giorni fa mi richiamano dallo stesso posto di lavoro, e par arrivarci dovrò passare per forza dalla sua città. Così le scrivo. All' inizio gentile, poi subito distaccatissima, ovviamente. Le propongo un caffè. Mi dice che è fidanzata e non può. Sapevo bene che lo era, dato che postava gli stati wz baciandosi con uno, già da tempo. Ho anche scoperto chi è: un fighetto ventenne sgrammaticato come lei. La informo allora che ho scritto il libro che tanto desiderava, quando stavamo assieme. L' avrei mandato in stampa singola solo per lei. Il libro parla di tutta la nostra storia, e forse in futuro cambiando nomi e foto, lo metterò in vendita come e-book o cartaceo. Il mio primo libro, un sogno che si avvera. Uno sfogo in questi mesi tormentati, giorni e notti di lavoro certosino. Un lavoro assurdo per imparare le regole dell' impaginazione, scegliere le foto, scrivere tutti quei capitoli, rifrugare dolorosamente nelle nostre chat e nella mia memoria. E lei cosa mi dice? Che non lo vuole perchè il ragazzo è geloso e glielo farebbe buttare. Mi dice anzi che lo vorrebbe, ma non può. Le propongo di mandarle il pdf per leggerselo nel cellulare e poi cancellarlo, ma niente. Ci rimango malissimo. Le scrivo le mie scuse più sincere per le brutte parole, e le dico che avevo finalmente trovato la forza di perdonare le sue brutte azioni. Le dico anche della mia depressione e che mi mancava. Mi ringrazia, mi dice che le dispiace, e ci auguriamo il meglio a vicenda, ci scambiamo gli auguri, ma aggiunge di non scriverle più perchè il suo ragazzo non vuole. Le scrivo che rispetto a malincuore la sua decisione, e che le voglio un bene immenso, e lei mi risponde solo con dei generici saluti freddi ed educati dicendo che doveva andare. La saluto dicendole di nuovo che le volevo bene, ma lei risponde solo con un ciao. Tutto questo due giorni fa. Ora mi è ripresa l' angoscia e sta tornando a farsi viva la depressione nella quale mi ha gettato la fine di questo sogno assurdo. Lei appena finito di chattare con me, ma proprio un' istante dopo, mette una foto profilo dove si bacia col ragazzo. Ed erano settimane che aveva una foto profilo con suo papà. Come dire: guarda qui, mi hai mollato eh? io sono felice che me la spasso col mio nuovo amore, e tu per me non conti nulla. Mi sento molto umiliato da tutta la vicenda. Ho passato mesi depresso, a bere e piangermi addosso disperato e chiuso in casa. Sto avendo serie difficoltà a lasciar andare sta cosa. Mi ha completamente distrutto. Spezzato il cuore e l' orgoglio. La mia autostima è ai minimi storici. Mi vengono continuamente idee suicide e vi giuro che ho molta paura nel cuore perchè c'è la possibilità concreta che in un momento di debolezza e sconforto possa attuarle. Ora ho una paura fottuta a rinnamorarmi, e anzi non credo di riuscirci. Ho paura a fidarmi e a dare me stesso di nuovo. Non sono uno stupido nè uno sprovveduto, e riesco per fortuna ad analizzare la situazione anche da un punto di vista oggettivo, e so che passerà, so che lei sinceramente uno buono e sincero come me non lo meritava, e so che ho tante qualità per essere di nuovo apprezzato da una ragazza dall' animo gentile, sono sensibile, onesto, sincero, un brav'uomo, simpatico, carino, ironico, ho talento per la musica, per la scrittura, sono un amico fedele e un amante focoso, eppure ho perso totalmente autostima e non credo in me. Ho paura ad espormi e aprire di nuovo il mio cuore. Sono troppo emotivo e in me prende il sopravvento la negatività riguardo a questa storia, e non riesco a superare il trauma. Le voglio bene, ma non la amo di certo. Ma essere abbandonati così è davvero brutto. Inoltre sapere che lei si è innamorata di un altro in così poco tempo mi lascia perplesso. Ho scritto un romanzo caspita, spero di non avervi annoiato. La cosa triste è che un romanzo l' ho scritto davvero, e forse nessuno lo leggerà mai. Cosa ne pensate di tutta la storia? Io ci sto impazzendo, sto ossessivamente stalkerando i suoi profili, mi sento molto stupido e anche ridicolo sinceramente. Patetico. Ditemi la vostra, accetto qualsiasi critica, consiglio, parere. Vi prego di considerare che ho omesso un sacco di cose ovviamente, nel tentativo (vano ahahaha) di sintetizzare. Ho scritto di getto e senza badare troppo alla forma e alle correzioni, mi sono sfogato un po. Se sono qui all' alba ancora davanti al pc il giorno di natale, è perchè sto davvero male. Ma cmq viva la vita e speriamo in tempi migliori, grazie per l' attenzione e di nuovo buone feste.



    pinny
     
  3. ragazzobds ragazzobds è offline FriendMessaggi 4,053 Membro dal Jul 2017 #3

    Predefinito

    Buon Natale innanzitutto!

    Io ho letto tutto, cavoli! Sei un bravo scrittore. Mi sono proprio immedesimato in te e in quello che hai provato!

    Sarò sintetico, perdonami, ma non ho molto tempo ora per risponderti, tuttavia qualcosa voglio dirtela.

    Lei ha voltato pagina, devi farlo anche tu. Non pensare nemmeno al suicidio, non ha senso!
    Devi bloccarla dappertutto, e tornare nella situazione di stallo precedente. Lontana dagli occhi lontana dal cuore. Susu!

    Posso immaginare come ti senti. Mi piange il cuore. Ma devi farlo per il tuo bene. E pubblica quel libro. Lei potrebbe pure comprarmelo un giorno se conosce già il titolo. Alla fine non hai nulla da rimpiangere, lei non ti odia nemmeno, le sei solo indifferente (forse, o magari è solo orgoglio).
    Lei non credo ti dimenticherà comunque mai dato il carico di emozioni che la storia sentimentale con te ha avuto, ivi inclusa la morte del padre.

    Direi cioè che considerando che si tratta di una relazione finita male, ci sono presupposti per essere lieti per lo meno di avere lasciato un’impronta considerevole nella sua vita.

    Sebbene sembri che si sia dimenticata di te, non potrà mai farlo. Nemmeno tra 100 anni. Magari vorrebbe, ed è proprio per questo che ti ignora e lancia dei segnali (come la foto dello stato whatsapp) per dirti di lasciarla in pace.

    Rispettala e prima di tutto rispettati: andare a cercarla ancora ha significato conficcare di nuovo il coltello in una piaga che non si era ben cicatrizzata sebbene a te sembrava di sì.
    Mi raccomando!
    Pinny85 likes this.
     
  4. L'avatar di mystyrya

    mystyrya mystyrya è offline FriendMessaggi 2,826 Membro dal Mar 2016
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    Questa storia è così divertente che spero quasi sia vera.
    No, seriamente. Il vostro primo bacio è stato virtuale? Un accostarsi di emoji??
     
  5. L'avatar di francesco1983

    francesco1983 francesco1983 è offline FriendMessaggi 4,652 Membro dal Mar 2015
    Località Italia
    #5

    Predefinito

    Oddio, sei messo male amico mio.
    Hai abbandonato casa e lavoro per una 18 enne che diceva sciocchezze in una chat?
     
  6. L'avatar di Ivanhoe89

    Ivanhoe89 Ivanhoe89 è offline JuniorMessaggi 2,089 Membro dal Jul 2017 #6

    Predefinito

    Mi spiace molto per quello che ti è successo. Io sono un convinto sostenitore che l età sia solo in numero e sono favorevole alle coppie che hanno anche molta differenza di età, ma adulte. Qui si parla di un adolescente di 17 anni! Il significato di amore per una ragazzina, per quanto fisicamente sia già donna e possa essere più matura delle sue coetanee (ma per come si è comportata non lo è) non dimentichiamoci che è sempre una 17enne! Sicuramente si è innamorata di te ed era presa ma, a questa eta basta poco per cambiare idea perché tutto è un gioco, è sperimentare. Lei sarà stata lusingata che un uomo adulto le stesse dietro, che le facesse dei regali, che la desiderasse fisicamente e volesse fare l amore con lei. Ma non da desiderare un rapporto da adulti, troppo impegnativo. Con te non avrebbe potuto vivere la sua età e fare quello che fanno le sue coetanee, sarebbe dovuta crescere in fretta. Tu perdonami sei stato troppo frettoloso nel trasferirti li senza nessuna base concreta che lei ci tenesse davvero!poi per avere 31 anni e diventare scemo per un bacio virtuale che può anche starci ma forse ci vuole qualche cosa di più concreto, e non parlo solo di sesso ma di ben altro. Il mio consiglio è di crescere, le conoscenze virtuali servono per conoscere le persone ma poi tutte le cose vanno fatte nella realtà. E adesso stare dietro ad un adolescente che ogni mezz ora cambia idea come tutte le adolescenti non ha senso e ti fai solo del male, lasciala perdere.
    Pinny85 and Elalunaeunapalla like this.
    L'inverno sta arrivando...
     
  7. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,525 Membro dal Dec 2016 #7

    Predefinito

    Certi sogni devono rimanere tali. Quando inizi una storia con una ragazza molto più giovane devi tenere presente il rovescio della medaglia. Sono convinto che tu ne fossi innamorato ma ti piaceva anche l'idea della 18 enne indifesa umile buona e cara e un po' scemotta data la sua età. La 18 enne è un vulcano pronto ad esplodere invece.
    Pinny85 and Rosascarlatta like this.
     
  8. L'avatar di susy84

    susy84 susy84 è offline JuniorMessaggi 1,073 Membro dal Jul 2016
    Località Italia
    #8

    Predefinito

    Buon Natale, non ho letto tutti i commenti ma prometto lo farò 😊. Premetto di non leggere le mie parole come ramanzina perché sono ben lontani dall’esserlo. Forse sei stato troppo disponibile è buono e i suoi confronti, perdendo di vista e cercando di assecondare tutti quei segnali evidenti che comunque hai colto. Non metto in dubbio che magari all’inizio eravate coinvolti entrambe, ma come hai detto tu giustamente era poco matura (anche per la sua giovane età) e si è stufata subito senza avere l’onestá di dirtelo. Mi spiace che ci sia rimasto così tanto male. So benissimo come ti puoi sentire ed hai ragione ad aver paura ad innamorarti di nuovo, anche io ce l’ho. Ma vale sempre la pena innamorarsi anche solo per un’istante di pura e intensa felicità.😊 cerca di voltare pagina e, visto che ti piace scrivere sfogati con le parole... è terapeutico. Riparti da te e datti tempo😊 vedrai c’è la farai!🤗
     
  9. Float Float è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,051 Membro dal Mar 2017 #9

    Predefinito

    Probabilmente ti ha solo usato ma non era per niente innamorata di te. Passa oltre!
    Rosascarlatta likes this.
     
  10. Vivi9842 Vivi9842 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,881 Membro dal Apr 2017
    Località Toscana
    #10

    Predefinito

    Onestamente tra i due quello che mi sorprende è stato il comportamento di un over30 che dovrebbe dimostrare maturità tanto da "governare" il rapporto e non farsi manipolare come una marionetta.
    Lei è una ragazzina problematica di 18 anni , mi sembrano fisiologiche queste follie sentimentali.
    Inoltre crederle perché "l'ha detto lei" fa riflettere sul grado di lucidità del soggetto .
    Per non parlare dei baci virtuali...

    Follia.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]