L'amore ai tempi del CoViD - Pagina 6

Discussione iniziata da Hannibal__Lecter il 14-10-2020 - 63 messaggi - 2384 Visite

Like Tree62Likes
  1. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline ApprendistaMessaggi 442 Membro dal Aug 2020 #51

    Predefinito

    Il problema è che nel frattempo il virus muta(potrebbe addirittura risultare innocuo o più debole rispetto a quello attuale).. 5 anni sono troppi ad esempio e sarebbe tutto inutile se poi quel vaccino ben sperimentato risultasse inutile. Non si dovrà perdere troppo tempo secondo me


     
  2. L'avatar di Hannibal__Lecter

    Hannibal__Lecter Hannibal__Lecter è offline JuniorMessaggi 2,013 Membro dal Aug 2020 #52

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Non si dovrà perdere troppo tempo secondo me
    Negli USA già si parla di una autorizzazione di emergenza da parte della FDA (l'Ente regolatore americano) non appena si otterrà una minima ragionevole sicurezza che un vaccino tra quelli attualmente in sperimentazione sia utilizzabile. In pratica saranno le Autorità americane che si assumeranno la responsabilità della commercializzazione di un vaccino non sufficientemente testato.
    Ma, ripeto, secondo me la somministrazione, almeno in una prima fase, comunque sarà limitata ad alcune categorie particolari.


    "​Vorrei che potessimo parlare più a lungo, ma sto per avere un vecchio amico per cena"
     
  3. L'avatar di Hannibal__Lecter

    Hannibal__Lecter Hannibal__Lecter è offline JuniorMessaggi 2,013 Membro dal Aug 2020 #53

    Predefinito

    Per completezza, c'è da dire che le prime fasi della sperimentazione sono state agevolate dal fatto che c'erano le esperienze fatte con la prima SARS, malattia per la quale già si stavano studiando dei vaccini. Sperimentazioni interrotte perché la SARS, come ricorderete, contrariamente al CoVid, rimase limitata in un ambito molto ristretto e svanì dopo poco tempo, per cui non ci fu più bisogno di un vaccino. Ma le esperienze preliminari fatte erano valide e sono state preziose nei mesi scorsi.


    "​Vorrei che potessimo parlare più a lungo, ma sto per avere un vecchio amico per cena"
     
  4. Tempestaperfetta Tempestaperfetta è offline ApprendistaMessaggi 200 Membro dal Mar 2019 #54

    Predefinito

    Io penso ai bambini e ai ragazzi. I veri dimenticati, nel nostro Paese, sia durante il lockdown che adesso.
    Purtroppo l'Italia sta dimostrando di essere un Paese per vecchi.
    I diritti dei bambini e le loro esigenze vengono sempre per ultime, e nessuno pare preoccuparsene, nonostante gli allarmi lanciati da studiosi ed esperti.
    Si stanno creando danni sia allo sviluppo fisico che psichico di intere generazioni, che rappresentano il futuro, oltre che una vera e propria disparità di trattamento tra cittadini, italiani ed europei.
    Noi adulti, certo, stiamo vivendo le nostre incertezze (parecchie, per quanto mi riguarda) e preoccupazioni, ma mettiamoci anche nei panni di un bambino di 10 anni, a quello che sta vivendo e provando, a quanto gli è stato tolto e a quanto purtroppo toglieranno ancora.
    La cultura, la socialità, l'attività fisica...
    Ai bambini campani hanno già impedito di andare a scuola.
    I bambini lombardi, se ho ben capito, già oggi non possono più fare le partite di calcio (nonostante le società applichino i protocolli), però a scuola ci possono ancora andare...
    È davvero un periodo strano e difficile, io cerco di non pensare troppo e di far vivere la quotidianità ai bambini nel modo più scherzoso e sereno possibile.
    rob221 and Hannibal__Lecter like this.
     
  5. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline ApprendistaMessaggi 442 Membro dal Aug 2020 #55

    Predefinito

    Va be ma era cosi anche prima del covid il fatto che l'Italia sia un paese per vecchi, la cosi detta "fuga di cervelli" è reale almeno che uno\una non sia cosi fortunato\a da trovare lavoro qui, infatti se si continua cosi entro 100 anni quando non ci saranno più le persone più anziane e i giovani saranno andati via, l'italiano in Italia sarà ormai divenuto minoranza in confronto alle popolazioni immigrate, colpa dei governi incapaci, colpa dell'ignoranza e del conflitto\astio che molti hanno verso noi giovani.
    passerosolitario84 likes this.
     
  6. rob221 rob221 è offline Super ApprendistaMessaggi 860 Membro dal Jun 2020 #56

    Predefinito

    Quello che più sto comprendendo è che il contatto umano è, nel bene e nel male, qualcosa di unico.
    L'istruzione, per esempio, a distanza funziona meno. La presenza fisica dell'insegnante e dei compagni, ad esempio, induce a imparare di più.
    flair likes this.
     
  7. L'avatar di SunsetLimited

    SunsetLimited SunsetLimited è offline ApprendistaMessaggi 320 Membro dal Jan 2017
    Località La più grande delle isole italiane
    #57

    Predefinito

    Sicuramente c'è molta più presenta a livello di social, rispetto a prima. Personalmente non vivo male questa situazione, l'unica preoccupazione (e non è poca) è quella lavorativa, ma dato il mio settore posso trovarne in un certo senso vantaggio, per i rapporti sociali sono molto tranquillo, ovvero mi attengo alle regole che ci danno, ma sono sereno non vivo con l'angoscia della mascherina copri tutto, o se mi devo preoccupare a fare la spesa o mangiare una pizza fuori.
    Rispetto le regole ma continuo a vivere come sempre, fondamentalmente mi ricorda il periodo dell'AIDS, non ho smesso di fare sesso allora e non ho smesso di vivere oggi.
    Tanto di qualcosa si deve morire.
     
  8. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 3,200 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #58

    Predefinito

    Guarda Rob, poco fa la mia vicina di casa che insegna ad una quinta elementare mi ha detto che sta facendo il programma dello scorso anno ed è così in tutte le scuole, il secondo quadrimestre dello scorso anno scolastico non è praticamente esistito, e dal 23 novembre al 10 gennaio, nella scuola della figlia di una mia amica, si farà didattica a distanza.
    Lo hanno già comunicato, in pratica un altro quadrimestre fatto in qualche modo.
    rob221 likes this.
     
  9. L'avatar di Antasia

    Antasia Antasia è offline Super ApprendistaMessaggi 547 Membro dal Sep 2020 #59

    Predefinito

    I problemi dell’istruzione e della scuola ci sono sempre stati. Ora, forse ancor di più, si sono accentuati, dimostrando la loro totale inadeguatezza.
    È da anni e secoli che non viene prestata attenzione ai programmi scolastici (troppo vasti, già ai miei tempi non riuscivano mai a finire il programma); i ragazzi non hanno uno spazio decente dove poter praticare l’educazione fisica e lo sport; c’è poca tecnologia nelle scuole, poca attenzione alle problematiche dei ragazzi, e gli insegnanti, per la miseria con cui sono pagati, alla fine perdono l’interesse a spiegare, a coinvolgere e ad istruire.
    rob221 likes this.
    "Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo."

    "Non posso farci nulla: l'idea dell'infinito mi tormenta."
     
  10. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline FriendMessaggi 2,537 Membro dal Jan 2020 #60

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da luca9028 Visualizza Messaggio
    Il covid ha creato situazioni devastanti nei rapporti umani.il problema è che quando entra in atto un meccanismo è difficile modificarlo..vedi tanta gente che ti evita e ti sta lontano per paura, e poi la mascherina ti fa da barriera al contatto umano..è una brutta situazione, che ha provocato e aggravato tante tipologie di malattie mentali..ma tutti noi dobbiamo il più possibile essere ottimisti cercando di filtrare il disagio e creare situazioni lo stesso positive..👍
    Vero per tante cose, ma vedere che per la prima volta il calcio si fa a porte chiuse, dopo che sembrava per decenni l’attività più importante del mondo, irrinunciabile, mi ha dato speranza che quando serve, abbiamo ancora presenti le priorità della vita: la vita umana sopra l’economia!
    Ora con la nuova ondata, non ne sono piú tanto sicura che questa sia la priorità, ma avremo imparato qualcosa di positivo? Spero di sì. Sicuramente grazie alla tecnologia, questa è la prima volta che non si è completamente isolati, le lezioni a scuola e università vanno avanti lo stesso, i lavoratori possono in molto casi lavorare da remoto e persone bloccate a casa possono comunque comunicare e vedersi grazie alle videochiamate. Insomma fossimo vissuti durante la spagnola ce la saremmo cavata molto peggio! Non è tutto negativo!!
    PINASO likes this.