L'amore vero è pura condivisione...

Discussione iniziata da Angel_of_Rome il 05-06-2015 - 5 messaggi - 688 Visite

Like Tree3Likes
  • 1 Post By Angel_of_Rome
  • 2 Post By mestessasempre
  1. L'avatar di Angel_of_Rome

    Angel_of_Rome Angel_of_Rome è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2015
    Località Italia - Roma
    #1

    Predefinito L'amore vero è pura condivisione...

    Salve a tutti utenti, questo è il mio primo post in assoluto che scrivo su questo forum, in generale è il mio primo post che scrivo in questa tipologia di forum, quindi cercherò di essere il più chiaro e coinciso possibile . Partirò con una mia condivisione di pensiero sulla frase del titolo, e poi parlerò anche un pò di me. Per me, soprattutto in questi ultimi anni, il concetto di amore è cambiato. Ora ho 27 anni, e da quando ho 22 anni che vedo l'amore non più come una splendida esperienza di completamento, ma come una enorme opportunità di condividere un percorso con una persona speciale. Rivisitando il concetto della "metà mancante della mela", io credo più che siamo delle mele già complete, alla ricerca di un'altra mela simile a noi ( gli opposti si attraggono in fisica ), con cui prendersi per mano e viaggiare attraverso una lunga strada chiamata vita. Io non ho bisogno di una persona d'amare per stare bene, io amo me stesso e non mi sento mai solo anche quando sono solo. Io voglio amare una persona perchè è una splendida sensazione innamorarsi ancora di più della vita, della natura e di tutto ciò che si fa, però condividendo tutto questo con una persona a noi affine. Io ho avuto due storie importanti, entrambe durate più o meno 4 anni, mese più mese meno. La prima è cominciata quando io avevo 17 anni ed è durata fino ai 22. E' stata la mia prima storia importante e quindi l'ho vissuta come un ragazzo di quella età, spensierato e speranzoso nel futuro. Dopo la conclusione di questa storia, ho avuto la fortuna di vivere una vera e propria rinascita che mi ha portato a considerare la vita come un vero e proprio dono, e a viverla di conseguenza. Ho cominciato a cambiare interessi, ad ampliarli, a conoscere gente nuova, a frequentare corsi e a girare l'italia per questo motivo. I miei interessi si sono espansi in vari settori, tra cui spiritualità, intelligenza finanziaria, imprenditoria, pnl, ho frequentato corsi molto profondi che mi hanno fatto crescere tanto e mi hanno fatto esplodere questa mia passione per la crescita personale. In poche parole, ho strutturato me stesso e sono cambiato completamente, riuscendo ad ampliare le mie passioni e a rendere ancora più forti le mie esperienze che portavo già avanti, tra cui tanto e salutare sport, e ovviamente cultura e lavoro. Ammetto di essere un ragazzo "particolare o strano" come dir si voglia, ma soltanto perchè vivo la mia vita cosi, in maniera forse un pò diversa rispetto a tutti i miei amici che conosco e frequento. Sono una persona solare, che ha una filosofia tutta sua, che si fa notare, ma in maniera semplice, amore incondizionato. Ecco tutto. Dopo circa un anno e mezzo dalla fine della mia relazione, ho conosciuto un'altra ragazza con cui sono stato altri 4 anni ed è finita da poco, circa un mese e mezzo fa. Soprattutto in questa ultima relazione, ho notato proprio il bisogno della mia ex ragazza di stare con me, ma mi è sembrato più un bisogno di una persona accanto che un amore sereno e puro. Io ho una vita molto ricca, e il mio punto di riferimento sono io, a prescindere da chi mi sta affianco. Invece, in questa relazione, io ero diventato il suo punto di riferimento, il solo e l'unico, e questo ha portato, a lungo andare, a una pesantezza nella storia che poi si è conclusa anche per altri motivi. Il quesito che vi pongo è questo : voi pensate che ci sia effettivamente differenza tra amare una persona in maniera libera e l'amare una persona perchè si ha il bisogno di non stare soli e di una persona affianco? e' capitato anche a voi una cosa simile? inoltre aggiungo che, avendo fatto tante esperienze di crescita nella mia vita, non sono il tipo da farmi prendere subito dalla prima ragazza che incontro, in quanto cerco qualcosa di molto profondo, qualcosa che va oltre l'aspetto fisico o l'attrazione. Cerco di "innamorarmi dell'anima" di una persona, della mente e della bellezza in tutto il suo genere di un'altra persona. Se una ragazza non mi colpisce fin da subito in maniera che forse ancora non ho mai provato, è difficile che io mi innamori. Mi sento di avere dei valori intrinsechi in me che faccio fatica a ritrovare in chi mi sta affianco. E' come se fossi carico di energia e di amore da condividere, solo che spesso il mio modo di essere sembra quasi antico per questo tempo. Sono sicuro che la mia anima gemella ci sia e sta soltanto aspettando il mio arrivo. Nel frattempo, cerco di tirare fuori un sorriso a quante persone più posso. Cosa pensate di questa ultima mia riflessione? ammetto che come primo post è bello corposo, ma vorrei lasciarvi con questa frase : i talenti si coltivano nel privato, il carattere si forma nelle tempeste del mondo. A presto. Un abbraccio. Angel
    stellasole likes this.


     
  2. L'avatar di stellasole

    stellasole stellasole è offline FriendMessaggi 2,804 Membro dal Jan 2015
    Località Italia
    #2

    Predefinito

    Condivido in pieno il tuo pensiero e lo trovo di una profondità notevole..bravo..complimenti!
    Penso sia normale che la visione dell amore cambi nel tempo..possiamo dire maturi con gli anni..se dentro di noi evolviamo ..nella mente e nell anima il significato che attribuiamo alle cose evolve a sua volta ..e raggiunge gradi di profondità e crescita all altezza del pensiero che noi ne abbiamo..siamo come alberi che si innalzano al cielo..abbiamo radici che ci rendono saldi nel definire chi siamo e da dove veniamo ma abbiamo anche mille rami che protendono verso l esterno e ognuno di questi ha qualcosa di diverso da cui attingere per vedere il mondo da prospettive diverse.. La nostra crescita interiore è la base su cui i nostri occhi guardano la realtà..e su cui la nostra mente coltiva interessi e percepisce emozioni ..
    La vita dovrebbe essere un percorso di crescita e scoperta di noi stessi..perché tutto ..parte da lì..da dentro di noi...
     
  3. L'avatar di Angel_of_Rome

    Angel_of_Rome Angel_of_Rome è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2015
    Località Italia - Roma
    #3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da stellasole Visualizza Messaggio
    Condivido in pieno il tuo pensiero e lo trovo di una profondità notevole..bravo..complimenti!
    Penso sia normale che la visione dell amore cambi nel tempo..possiamo dire maturi con gli anni..se dentro di noi evolviamo ..nella mente e nell anima il significato che attribuiamo alle cose evolve a sua volta ..e raggiunge gradi di profondità e crescita all altezza del pensiero che noi ne abbiamo..siamo come alberi che si innalzano al cielo..abbiamo radici che ci rendono saldi nel definire chi siamo e da dove veniamo ma abbiamo anche mille rami che protendono verso l esterno e ognuno di questi ha qualcosa di diverso da cui attingere per vedere il mondo da prospettive diverse.. La nostra crescita interiore è la base su cui i nostri occhi guardano la realtà..e su cui la nostra mente coltiva interessi e percepisce emozioni ..
    La vita dovrebbe essere un percorso di crescita e scoperta di noi stessi..perché tutto ..parte da lì..da dentro di noi...

    Ciao stellasole, intanto ti ringrazio molto per la tua risposta e la tua condivisione. il tuo pensiero è molto bello. Condivido tutto ciò che hai detto. Sai, nella vita di tutti i giorni, è difficile trovare persone che sono consapevoli di quanto sia veramente importante partire da noi stessi per poi navigare nel mare della vita. Io vivo la mia vita partendo dalla mia anima! E' un pò come mettere un paio di occhiali da sole che, attraverso il filtro, ti fa vedere la vita in maniera più approfondita, più colorata, più ricca. E' come se avessi settato la mia energia a un certo livello. Penso che quando troverò una persona che entra nelle mie frequenze, me ne accorgerò subito Namastè
     
  4. erik555 erik555 è offline BannedMessaggi 6,086 Membro dal Oct 2012
    Località una grande città in mezzo alla pianura
    #4

    Predefinito

    Del tuo post mi ha molto colpito il piglio ottimista, al tuo viaggio esistenziale non manca quasi nulla, l'appetito di vita che provi è sano e robusto e positivo risulta altresì il tuo approccio alla relazione; l'unica piccola minuscolissima argomentazione che potrei muoverti e sulla quale potresti riflettere è questa:
    tu puoi offrire tot in termini affettivi ed esistenziali, contentati di ciò, perchè é quanto richiesto e sufficiente,non serve altro.....
    Le caratteristiche dell' altro da te ed il possibile percorso a due ... prova a immaginarle come un viaggio esplorativo: non aspettarti, non finalizzare la tua relazione, non contestualizzarla se non come risposta a tue normali esigenze umane. Cioè nel momento in cui tu provi "buone vibrazioni" vicino a una possibile partner...è tutto , la selezione è conclusa e lei in quel momento rappresenta la migliore partner reperibile, percò non chiedere altro a lei o al destino, nessuna garanzia, nessuna particolare sua risorsa né dote presente o futura che forgi alcunchè di eccezionale, duraturo,appagante eccetera in termini relazionali........ma un'anima ed un corpo che corrispondano semplicemente a reciproche istanze affettive e sessuali.
    Se tuo infatti "sfrondi" i tuo desiderata (per esempio a cominciare dal titolo liofilizzabile senza nessuna perdita in l 'amore è condivisione..senza aggettivi..) ai minimi termini e superi questo concetto improprio ed arcaico di una presunta anima gemella, ma ti "limiti" ad offrire ed agire un buon te stesso positivo e affettuoso (il buon te stesso insomma che stai coltivando) scoprirai che il tuo dare è molto più produttivo e redditizio di ciò che ti aspetti di ricevere confidando in chissà quale combinazione perfetta, pensiero che ti trascina purtroppo verso una distorsione, verso una falsa cognizione foriera di indebite aspettative e delusioni.
    Nel momento in cui interagendo spontaneamente con una donna che ti piace tu risulti a lei appetibile...questa possibile partner ti troverà buono da sgranocchiare e tu avrai la certezza che sia appunto lei la migliore partner che il destino può offrirrti.
     
  5. mestessasempre mestessasempre è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 998 Membro dal May 2015
    Località -
    #5

    Predefinito

    mmmhhh...che bel "diario", piacevole leggerti...quanta energia, quanto entusiasmo, quanta profondità d'animo che mi arriva ...complimenti.

    Vado "al sodo" rispondo alla domanda che hai posto:
    voi pensate che ci sia effettivamente differenza tra amare una persona in maniera libera e l'amare una persona perchè si ha il bisogno di non stare soli e di una persona affianco?

    Secondo me c'è differenza, eccome! personalmente detesto, e non lo consiglierei, il concetto di stare insieme ad una persona perchè si ha il bisogno di non stare soli, di avere qualcuno al fianco. Non mi piace e non mi appartiene questa visione, la trovo molto individualistica e profondamente egoista. ....come dire: sto insieme a te perchè "mi servi" ....ho bisogno di non star solo. ma che è? per me è inconcepibile.

    Come accennavi tu, la metafora delle due mele che si trovano. Io che sono "completo", che "mi basto anche da solo", ti ho trovato, ti ho conosciuto e mi hai preso il cuore, la mente, l'anima per quello che sei, e voglio costruire un progetto di vita insieme per farti felice, per essere felici insieme. L'unione delle forze per un fine più grande, sinergico.
    In altre parole, la prospettiva deve essere (almeno per me) proiettata alla coppia, anche perchè viceversa il rischio potrebbe esser quello di costruire una relazione precaria, piena di conflitti perchè ho lo sguardo rivolto all'io e non al noi; non lo condivido e non lo concepisco.

    Mi ritrovo molto nelle tue parole, mi fai tornare a quando avevo vent'anni....avevo nel cuore questi sentimenti, e questa serenità interiore è fondamentale per raggiungere molti obiettivi, per aprirsi all'altro nel modo migliore, più giusto ritengo, e avere la possibilità di trovare la persona giusta.
    Ad ogni modo, sperare e crederci fa bene, però nella giusta misura, vale a dire occorre saper cogliere quello che di buono la vita ci sa regalare, in ogni caso...comunque vada, perchè stiamo e staremo bene anche soli, non ne abbiamo paura.
    stellasole and Angel_of_Rome like this.
    Ultima modifica di mestessasempre; 09-06-2015 alle 13:28