Che ne pensate dei 30enni ancora a casa con i genitori?

Discussione iniziata da soleluna09 il 12-05-2014 - 190 messaggi - 48569 Visite

Like Tree130Likes
  1. soleluna09 soleluna09 è offline BannedMessaggi 18,933 Membro dal May 2011 #1

    Predefinito Che ne pensate dei 30enni ancora a casa con i genitori?

    che ne pensate delle persone diciamo dai 30 anni in su che hanno un lavoro e stanno ancora a casa dei genitori?
    e di quelle che in più sono fidanzati/e?
    raccontate


     
  2. L'avatar di AMV8

    AMV8 AMV8 è offline FriendMessaggi 2,549 Membro dal Mar 2011 #2

    Predefinito

    io ne ho 41 e sono ancora a casa con i miei genitori, che sono abbastanza anziani..
    Personalmente non mi creo nessun problema, mi ci sono talmente abituato che non me lo pongo nemmeno il problema
    I lati negativi naturalmente sono quelli che i genitori mi trattano sempre come un bambino piccolo e che non si può avere molta libertà
    Poi di quello che pensa la gente di questa situazione (e cioè che sono un bambinone) a me non può fregar di meno

    come mai hai aperto un 3D simile?
     
  3. xSognox xSognox è offline ApprendistaMessaggi 268 Membro dal Apr 2014 #3

    Predefinito

    Io non penso che siano necessariamente dei bambinoni, anzi non condivido quella mentalità che ad una certa età (per qualcuno 25 per qualcuno 30) si debba andare a vivere da soli, specie oggi con le difficoltà lavorative ed il costo della vita la vedo quantomai anacronistica questa visione.
    Se io lavoro ed ho uno stipendio base e non ho nessuna relazione o altro motivo che mi spinge ad andare a vivere da sola perchè dovrei farlo? Si può essere maturi anche vivendo con i genitori, aiutandoli nelle faccende domestiche, e anche contribuendo alle spese, ma se posso risparmiarmi la batosta di un affitto e mettere quei soldi da parte per futuri porgetti non ci vedo nulla di male.
     
  4. nicolas76 nicolas76 è offline JuniorMessaggi 2,246 Membro dal Sep 2012 #4

    Predefinito

    io vivo da solo da quando ho compiuto 18 anni, e posso dire che invidio chi può vivere ancora con i suoi genitori, specie se sono amorevoli, non si smette mai di essere figli e mai di essere genitori, anche se questo purtroppo non è valso nel mio caso, ma questa è un'altra storia.
    Gedatsu likes this.
     
  5. L'avatar di Lanonimo

    Lanonimo Lanonimo è offline FriendMessaggi 2,956 Membro dal May 2013 #5

    Predefinito

    ah, tutto il male possibile!
    rabe and Eos83 like this.
    follow your bliss
     
  6. L'avatar di Novembrine_Waltz

    Novembrine_Waltz Novembrine_Waltz è offline FriendMessaggi 3,778 Membro dal Jun 2013 #6

    Predefinito

    Io personalmente sento già stretto stare in casa coi miei a 22 anni.
    Per questo non capisco (per quanto un rapporto possa essere bello) come si riesca a conviverci superati anche solo i 30. Cioè non sentire quello stimolo all'indipendenza.
    Capisco che possa essere anche carattere, andare a vivere per conto proprio non è necessariamente andare ad affittarsi un appartamento e vivere a pane e acqua perchè non ci si riesce a mantenere. Mia sorella (ad esempio, anche se donna) fino ai 28 anni ha vissuto in condivisione con altre persone, prima studenti e poi lavoratori.
    Sono sempre altre persone e la casa non è mai propria al 100%, ma si ha una libertà diversa che stare con mamma e papà che pure a 40 anni secondo me un po' condizionano la vita dei figli se sono in casa (lo dico perchè penso che se un figlio decide di rimanere in casa ci sono delle regole da rispettare. Se penso a casa mia penso che non potrò mai portare uomini, che dovrò sempre dire quando esco, dove vado, se decido di andare via qualche giorno devo dettagliare per filo e per segno cosa faccio/con chi/per quanto, devo avvisare se arrivo/non arrivo/a che ora per i pasti eccecc)
    MadWalker likes this.
     
  7. gioiadivita gioiadivita è offline JuniorMessaggi 1,298 Membro dal Aug 2013 #7

    Predefinito

    "E questa è casa mia, e qui comando io" dicono solitamente i genitori.
    Personalmente me ne andrei via di casa, perché già l'ho fatto in passato andando a vivere nella mia città universitaria, e soprattutto perché una volta abituata alla libertà è difficile tornare indietro. Io la vedo come un'occasione per imparare a fare tutto da soli ranzo,cena,spesa,pulizie,bollette. E credo sia ancora più utile farlo prima di una convivenza. Ti immagini imparare tutte queste cose e in più conciliare le proprie esigenze con quelle del partner??
     
  8. nicolas76 nicolas76 è offline JuniorMessaggi 2,246 Membro dal Sep 2012 #8

    Predefinito

    ora mi spiego perché tutte le mie ex cucinavano in modo orrendo, credevo volessero avvelenarmi...
     
  9. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline SeniorMessaggi 14,635 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #9

    Predefinito

    Io sono una bambocciona dichiarata: i miei sono fantastici,in casa mia sto da 10 e non prevedo di schiodarmici molto presto.
    Ma ho 25 anni,sono ancora un infante...

    Se non si hanno possibilità economiche e si sta bene a casa,che male c'è?
     
  10. L'avatar di Novembrine_Waltz

    Novembrine_Waltz Novembrine_Waltz è offline FriendMessaggi 3,778 Membro dal Jun 2013 #10

    Predefinito

    Ma si infatti credo dipenda un po' anche da come ci si trova in casa e da cosa "impongono" le regole della casa.
    Io sinceramente proprio non mi ci vedo a rimanere qui per i motivi sopra citati, tanto più che quando dico "camera mia" i miei ci tengono a sottolineare che siccome l'affitto non lo pago non è camera mia, ma camera loro ahahah So che lo dicono scherzando, ma d'altra parte è così.
    Se almeno devono uscire dei soldi dalle mie tasche per contribuire a delle spese voglio farlo perchè seriamente indipendente.

    Io però sono così di carattere, ho troppo bisogno di libertà.