Che scuola superiore per un ragazzo speciale?

Discussione iniziata da trale il 12-09-2017 - 62 messaggi - 9145 Visite

Like Tree57Likes
  1. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,029 Membro dal Feb 2015 #1

    Predefinito Che scuola superiore per un ragazzo speciale?

    A gennaio dovrò scegliere la scuola superiore per mio figlio, che compie 13 anni a dicembre e che ha la sindrome di Asperger (per chi non lo sapesse è un disturbo dello spettro autistico). E' un ragazzo molto immaturo, anche fisicamente, ha scarsissima autostima, è disgrafico e disprassico e ha un forte deficit dell'attenzione. Ha enormi difficoltà ad interagire coi coetanei ed è spesso vittima di bullismo.
    Di contro è molto intelligente, ha un QI molto sopra la media e ha una memoria incredibile. A scuola va bene in matematica e nelle lingue ... in Italiano è un mezzo disastro ma penso sia dovuto alle sue difficoltà di scrittura. Si è appassionato molto a epica, tanto da avere 10 mentre in tecnologia viaggiamo sempre sul 5,5 recuperato all'ultimo ... assurdo avere 5 in tecnologia con una madre architetto e un padre ingegnere ma questi sono i misteri della vita.
    Che scuola gli faccio fare? Lui non ha assolutamente idea di cosa potrebbe fare da grande, è troppo immaturo. Mio marito dice di fargli fare il liceo scientifico che è una scuola neutra, che va bene per tutto e poi si vedrà ... l'alternativa sarebbe un istituto tecnico ... ma mio figlio è molto poco portato per le materie tecniche ... soprattutto è negato per tutto ciò che è pratico e manuale ... del resto ha difficoltà nella motricità fine e una scuola dove deve fare dei lavori manuali sarebbe un supplizio per lui.
    Qualcuno ha qualche idea?
    makabi and Pitonessa like this.


     
  2. L'avatar di Profondo_Blu

    Profondo_Blu Profondo_Blu è offline JuniorMessaggi 1,297 Membro dal Jul 2017 #2

    Predefinito

    Premesso che leggo tra le righe che voi avete già deciso che frequenterà anche l'università, con metematica e lingue, direi che informatica potrebbe essere uno sbocco, perciò il liceo scientifico potrebbe essere una scelta corretta, ma credo che pure il campo edile possa essere aĺla sua portata, ed anche li si parte dallo stesso liceo, salvo non possa interessare il discorso geometra... le strade sono molte, e pure molto impervie per un ragazzo con le problematiche del tuo. Sinceramente non saprei come aiutarti, anzi avrei voluto cancellare tutto per non sembrare inopportuno.
    toshio27 and fantasticonov like this.
    Vengono fuori dalle pareti! Vengono fuori dalle fottute pareti
     
  3. L'avatar di Waylander

    Waylander Waylander è offline JuniorMessaggi 1,319 Membro dal Jan 2016
    Località Milano
    #3

    Predefinito

    Se ha difficoltà nell'italiano, allo scientifico tradizionale c'è anche latino che potrebbe essere una bella gatta da pelare; forse lo scientifico con opzione scienze applicate potrebbe essere una buona soluzione (non c'è latino ma c'è informatica). Per quanto riguarda i tecnici c'è l'opzione informatica, è meno manuale/pratica e complessivamente l'utenza è meno scalmanata, si tratta di fatto di un quasi-liceo scientifico.
    makabi, trale, PINASO and 1 others like this.
     
  4. L'avatar di micetto77

    micetto77 micetto77 è offline Super FriendMessaggi 5,153 Membro dal Jun 2013 #4

    Predefinito

    Io se fossi in gli farei fare il liceo scientifico. Oltre ad essere una ottima scuola, al contrario degli istituti tecnici ha un bacio di studenti meno propensi al bullismo. Questa è la mia esperienza personale.
     
  5. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline SeniorMessaggi 14,517 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #5

    Predefinito

    Tuo marito secondo me non ha tutti i torti,visto che è portato per la matematica.
    Avete scientifici con sperimentazioni linguistiche nella tua città?
    Io ho fatto un corso di studi del genere e dà veramente una formazione completa.
    Vista la situazione punterei più ad assecondare le sue inclinazioni,piuttosto che valutare l'utilità del diploma ai fini del lavoro.

    Piccola nota sulla scelta della scuola e della classe,che secondo me in certe situazioni è fondamentale.
    Al liceo in classe avevamo un ragazzo autistico (un caso molto più grave di tuo figlio),avevano scelto di inserirlo da noi in quanto classe esclusivamente femminile e con un numero di iscritte non particolarmente importante.
    E' stata una decisione vincente,perchè lo spirito di gruppo si è rivelato fondamentale: le ore di sostegno erano scarsissime e in mancanza della persona addetta intervenivamo noi a turno.
    E' stato formativo per tutti.
    Quindi ecco,se riesci a valutare anche il tipo di ambiente che c'è in una determinata scuola,secondo me non è un fattore da sottovalutare.
     
  6. liz23 liz23 è offline JuniorMessaggi 1,662 Membro dal Jan 2013 #6

    Predefinito

    Penso che la scuola dovrebbe scegliersela lui. Non saprà cosa vuole fare da grande (e d'altra parte è del tutto inutile avere le idee chiare sul proprio futuro in un mondo che cambia alla velocità del mondo di oggi. Ma poi quale tredicenne ce l'ha?) però di sicuro sa cosa gli piace e a cosa gli piacerebbe dedicarsi nei prossimi anni.
    Se non ce l'ha forse la cosa migliore sarebbe spingerlo a farsi un'idea sua, aiutandolo e consigliandolo, ma poi la scelta dovrebbe essere sua.
    fantasticonov likes this.
     
  7. makabi makabi è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 3,422 Membro dal Mar 2016
    Località In fernem Land, unnahbar euren Schritten
    #7

    Predefinito

    Scientifico tutta la vita. Vera scuola e vera formazione su ciò che serve nella vita. Sceglierei anche il corso più tecnico scientifico che ci sia, possibilmente senza il latino. Se va bene in matematica, trale, stai serena, è ciò che serve. Un grande abbraccio al bimbo della nostra trale e una pernacchia ai bulli che gli rompono le scatole.
     
  8. babi79 babi79 è offline Super ApprendistaMessaggi 886 Membro dal Jul 2012 #8

    Predefinito

    Riesco a consigliarti abbastanza bene ( spero) perché ho a che fare tutti i giorni con ragazzi speciali come il tuo. Che non si riesce immagino a proiettare nel futuro, cioè a dirti cosa "vorrebbe fare da grande".
    Dovrei chiederti che livello di autonomia ha. Cose basilari.... tanto per capire in futuro cosa sarebbe in grado di fare concretamente e cosa no. Comunque cerco di consigliarti lo stesso.. il liceo scientifico non è un'idea malvagia...rispetto all'istituto tecnico è più frequentato da ragazzi vogliosi di studiare e quindi meno scansafatiche ( e meno dediti ad attività stupide, quali bullizzare coetanei). Tuttavia ci sono due grandi scogli. Il latino e il disegno tecnico. Che stando a quanto mi dice una mamma di un ragazzo coetaneo di tuo figlio.... è un pochino il loro punto debole....
    Quindi.... un liceo linguistico, socio pedagogico o turistico? Oggi esistono licei di cui neanche so l'esistenza: informati se c'e qualcosa nella tua città che inserisca lingue/ turismo e informatica come materie principali. Non dimenticare che comunque tuo figlio ha diritto ad un programma di studi personalizzato e all'utilizzo di sostegni tecnici (pc) per aiutarlo nella dislessia e nei problemi attentivi. buona fortuna!
     
  9. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,029 Membro dal Feb 2015 #9

    Predefinito

    Anche a me spaventa un po' il latino e anche l'impegno che ci dovrebbe mettere in generale, che non è poco considerando le sue difficoltà attentive. Per il disegno tecnico (che poi sarebbe disegno e storia dell'arte) avrà delle "facilitazioni" immagino, essendo disprassico ha difficoltà a maneggiare le squadre. Credo che potrebbe essere dispensation e magari fare i disegni al CAD ... Alle medie non è stato possibile ma non ho nemmeno insistito, del resto era piccolo.
    All'informatica ci ho pensato naturalmente ... ma mio marito dice che in un Istituto tecnico andrebbe a fare ancora più materie e sarebbe più dispersivo per lui ... Inoltre si troverebbe in una scuola magari a maggioranza maschile con tutti i disagi che ne deriverebbero per uno come lui, che non sono pochi. A suo fratello, che quest'anno inizia la prima media dove va lui, ha detto "mi raccomando, non dire che sei mio fratello altrimenti ti picchiano" ... E queste sono cose che non fa piacere sentire, meno male che suo fratello è sì molto buono ma è anche bello grosso e incute un certo timore ... Almeno con lui questi problemi non li avrò e anzi magari lo difendersi.
    Mi avete dato dei buoni suggerimenti, cercherò di capire se c'è un liceo scientifico ad indirizzo più scientifico senza il latino, una volta esisteva ...
    Grazie
     
  10. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline MasterMessaggi 29,349 Membro dal Aug 2013
    Località Torino
    #10

    Predefinito

    l'indirizzo scolastico ha la sua importanza, ma è proprio la scuola a fare la differenza, nel limite del possibile converrebbe scegliere per lui una scuola "tranquilla" nel senso di ben frequentata dove non ci sono molti elementi di disturbo e bullismo...
    .........Si vive una volta sola, ma se lo fai bene, una volta sola è abbastanza

    Mae West