Chissà se mi salverò...

Discussione iniziata da illuso84 il 11-09-2014 - 4 messaggi - 627 Visite

  1. illuso84 illuso84 è offline PrincipianteMessaggi 11 Membro dal Aug 2014 #1

    Predefinito Chissà se mi salverò...

    Buongiorno a tutti,

    sono nuovo del forum e quindi spero perdonerete se mi dilungo un pò...ma inizio a raccontarvi la mia storia e spero sappiate darmi dei consigli....

    Tre anni fà ho inizato una relazione con una ragazza che già conoscev oda un paio di anni...lei è + giovane di me...io avevo 32 anni e lei 25,iniziammo a frequentarci e scoprimmo di trovarci bene assieme tranne qualche sporadica litigata,dovuta soprattutto alla sua gelosia...ma ripeto andava tutto magnificamente!!!il primo anno di relazione fù veramente meraviglioso!!ero felice come non lo ero da tempo e vedevo che anche lei era felicissima!!più di me!!Addirittura visto che io lavoravo fisso e avevo dei risparmi decidemmo di andarea convivere e coronare la ns unione che sembrava magica...

    Purtroppo la mia vita è segnata dalla sfortuna e ad un anno esatto di relazione...l'azienda dove lavoravo da circa 8 anni mi cominicò che avrei dovuto entrare in cassa integrazione per all'incirca un anno...io provai a far valere le mie ragioni ma...ahimè...non furono accolte....vidi tutti i miei sogni e tutti i miei progetti svanire nel nulla....iniziò un lento ma inesirabile calvario per far fronte alle giornate e per racimolare denaro...dato che la cassa non mi era anticipata....furono mesi d itristezza,angoscia e sofferenza..che poi peggiorarono con il conseguente licenziamento.
    Mi trovai smarrito e terrorizzato...io da aprte forte della coppia divenni la parte debole...iniziò un lungo periodo di disoccupazione lavori saltuari spesso mal pagati...lei,al contrario di me,invece trovò un ottimo inpego con un ottimo stipendio e una volta passata fissa,,,deicdemmo di riprendere i ns progetti accantonati 2 anni prima (si,2 anni di precariato ho dovuto affrontare),,,così ci prendemmo un piccolo appartamento in affitto e andammo a viverci dentro.
    Purtroppo la convivenza non si rivelò come avevamo deisderato,ennesimo schiaffo alla mia vita...lei sentì fin dal primo giorno la mancanza della sua famiglia e io nonostante le mie premure ed i miei problemi non riuscii a distolgierla...poi quasi da subito seguirono:
    rapporti intimi quasi inesistenti fino alla scomparsa
    lunghi turni di straordinario dove quand orientrava era intrattabile
    insofferenza per me e persino per la mia voce
    un continuo chattare con amiche/amici...
    iniziarono poi le uscite separate dove lei rientrava più tardi di me..e non mi giustificava dove era andata...
    menefreghismo totale per le faceende domestiche,che ormai di buona volontà svolgevo io vista la mia situazione lavorativa....insomma furono mesi infernali,io cercavo lavoro tutto il giorno e la sera frustrato vedevo la mia vita coniugale andare in pezzi...quello mi distrusse...inizia ad uscire con amici e andare in discoteca,,,iniziai a trascurarla per le mie cose e i miei problemi... a fare lo stupido con altre donne e ad ubriacarmi il fine settimamna fino a quando vista la totale indifferenza in cui eravamo entrati..decisi di lasciare la ns casa e andarmene...lei da parte sua mi spinse ad andarmene e non me lo impedì neppure....vidi x la prima volta una persona totalemte fredda e assente nei miei confronti...mi spezzò il cuore...me ne andai tra mille lacrime e per le prime tre settimane mi scrisse ancora dei messaggi e mi fece qualche telefonata... anche di gelosia in quanto mi avava visto in giro a chiaccherare con ragazze..io non la cercai mai!!!poi invece nelle settimane successive il nulla....allora la cercai io per chiederle spiegazioni e mi disse che non voleva più stare con me e che potevo portare via tutte le mie cose che era finita...io così mi ritrovai solo...senza lavoro .pochi amici...e con pochi soldi...l'ho rivista un paio di giorni fà mentre correvo al parco...si è fermata in macchina a a parlarmi come nulla fosse del più e del meno...erano 2 giorni che mi aveva detto di prendermi le mie cose...mah?ora son oa chiedervi...cosa dovrei fare?come posso trovare la forza di diciamolo pure...Risorgere da una situzione simile?...io sono veramente a pezzi...vi prego...datemi consigli.
    ora a distanza di tre mesi lei non si è più fatta sentire e vedere,a parte brevi incontri casuali al parco dove entrambi andiamo a correre sò che se la stà spassando con amici,amiche e parenti..discoteche,cene e altro..,inutile dire che mi manca molto....ma parliamo più che altro di cose futili...mah....cosa dovrei fare?
    Scusate la lunghezza....
    grazie per l'attenzione


     
  2. L'avatar di praline

    praline praline è offline JuniorMessaggi 2,234 Membro dal May 2012 #2

    Predefinito

    dovresti spassartela così come fa lei.
    adesso lavori?nn ho ben capito...puoi continuare a cercare e fare lavoretti e nel frattempo dedicarti ad amici famiglia ed uscite, insomma vivi!
    La cosa più giusta da fare quando inizi a sentire le farfalle nello stomaco è bere insetticida.
     
  3. L'avatar di rabe

    rabe rabe è offline MasterMessaggi 30,013 Membro dal Aug 2010 #3

    Predefinito

    Dimenticala, divertiti e continua fiducioso a cercare un lavoro fisso
    Campionessa
    Megatorneo Panamandiano
    Covid - 19

    Muta il destino lentamente,

    ad un'ora precipita.




    (U.Saba)
     
  4. illuso84 illuso84 è offline PrincipianteMessaggi 11 Membro dal Aug 2014 #4

    Predefinito

    avete ragione,si ora lavoricchio ma niente di fisso.....speriamo x il futuro....la cosa che mi rammarica di più è vedere tutto ciò che faticosamente ho costruito andare in pezzi...