Convivenza e conto cointestato - Pagina 3

Discussione iniziata da gioiadivita il 16-02-2021 - 49 messaggi - 3442 Visite

Like Tree54Likes
  1. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline Super SeniorMessaggi 17,819 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #21

    Predefinito

    Fanta,
    ok, ma ad es. nella mia famiglia le cose sono l'opposto delle tue ... sono stato io a dover gestire i figli per lo più e tantissime altre cose ... mia moglie è figlia unica ed allergica alla cura della casa e tiene solo al suo lavoro ... però qui il discorso è convivenza e senza figli ... per cui la cosa è più semplice ...


    ... another perspective ...
     
  2. fantasticonov fantasticonov è offline BannedMessaggi 4,220 Membro dal Jan 2020 #22

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da gioiadivita Visualizza Messaggio
    A parte la simpatia innata che provo per Fausto, ogni volta mi dai spunti di riflessione interessanti.
    Concordo che le donne sono più "costose" e quindi spendaccione degli uomini, ma fare una suddivisione così precisa su chi spende di più (per esempio di acqua) è parecchio difficile.
    Preciso anche che, se è vero che la donna è la più spendacciona...è, in linea generale, quella che si smazza quasi tutti i lavori di casa (pulizie/lavatrici/cucina), in un certo senso si torna al famoso 50 e 50.
    Magari ci sono donne costose ma io costo pochissimo visto che non mi trucco molto e la tinta me la faccio da sola ed entrambi ci facciamo durare gli abiti per anni.
    Ma mio marito compera continuamente attrezzi per il giardino o cose elettroniche.
    Comperiamo poco ma comperiamo cose che durano, di qualità.
     
  3. Asleep Asleep è offline PrincipianteMessaggi 29 Membro dal Jan 2021 #23

    Predefinito

    Sono assolutamente contrario ad avere un conto cointestato.
    E' rischioso creare troppe saldature considerando che la maggior parte dei rapporti nel tempo tendono a deteriorarsi.
    I conti devono essere separati, ognuno deve avere il suo lavoro, l'ideale sarebbe anche una casa propria scongiurando la convivenza H24 che fa emergere solo difetti.
    Ultima modifica di Asleep; 17-02-2021 alle 21:52
     
  4. L'avatar di Tristano74

    Tristano74 Tristano74 è offline PrincipianteMessaggi 66 Membro dal May 2013 #24

    Predefinito

    Ho deciso entro l'anno prossimo di andare a convivere con la mia compagna, entrambi abbiamo figli, lei grandi io piccoli. Io ho un buon stipendio ma risparmi "ZERO", vico solo di quello, ma tra mutuo, soldi mantenimento ex, e cavoli vari, arrivo a fine mese senza mettere da parte un centesimo, sempre tirato. lei al contrario di me ha uno stipendio basso ma, a quanto pare, ha una discreta liquidità sul conto.
    In questo caso che si fa?? Se io pago solo le bollette della casa dove andremo mi indebito con la banca :-))).
     
  5. fantasticonov fantasticonov è offline BannedMessaggi 4,220 Membro dal Jan 2020 #25

    Predefinito

    Ci si cerca un secondo lavoro!!
     
  6. mieleditiglio mieleditiglio è offline ApprendistaMessaggi 384 Membro dal Apr 2020 #26

    Predefinito

    lì entra in gioco il principio mutualistico della coppia. rimane il fatto che tra i due stipendi, indipendentemente da chi guadagna di pi guadagna di più e chi di meno, dovete trovare il modo di coprire tutte le spese.
    tu ora dove vivi? paghi l'affitto? e lei?
     
  7. L'avatar di petitenoir

    petitenoir petitenoir è offline Super FriendMessaggi 7,020 Membro dal Sep 2015
    Località Italia
    #27

    Predefinito

    Noi, per ora, abbiamo conti separati.
    Nel momento in cui accenderemo il mutuo, apriremo un terzo conto dove versare ognuno la stessa cifra.
    norge likes this.
    Non andartene docile in quella buona notte. Infuria, infuria, contro il morire della luce.
     
  8. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 8,042 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #28

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    ... ok, ma tu Minsc hai la mentalità del giovane maschio, non è che hai l'esigenza di acquistare vestiti, scarpe, accessori, cosmetici, intimo, calze, e tonnellate di altri oggetti ed affini per lo più "inutilizzati" ma necessari ... come dicevo, tu di norma hai esigenze semplici e normali ... per cui dici, per le spese generali servono 1.000,00€? Ok, 500,00€ a testa ... e questo va bene se la tua partner può permettersi di togliere dal suo budget i 500,00€ ed avere comunque quanto basta per gli "sfizi" ... ma se ciò non è, capisci che il tuo discorso non è così concretizzabile ... e siccome il maschio è condizionato sulla modalità "la figa merità sempre la galanteria=pagare", da 50/50 il discorso passa a 80 a tuo carico e 20 a suo carico per poi arrivare al 100% a tuo carico ... ecco perché il conto condiviso ha un forte significato di "parità di genere" ...
    ... ma tu sei ancora molto lontano da queste considerazioni, ti serviranno ancora una 20na di anni per arrivare a sentirle crescere dal teorico al pratico ...
    Io credo che comunque alla fine anche i soldi si condividono, se sei sposato o convivi non esiste più "Io" ma "NOI". Questo non significa che Tizio deve spendere tutti i suoi soldi e Tizia non uscire un euro. Non è cosi nelle coppie moderne, si fa tutto insieme e si condividono soldi e spese e anche faccende di casa. Però è anche vero che una donna contribuisce non solo nelle spese ma in altro. Faccio l'esempio del marito/fidanzato che lavora molte ore al giorno, la moglie/fidanzata che lavora ma guadagna meno o magari lavora poche ore al giorno fa le faccende, cucina e contribuisce anche a livello monetario. Per me non è disparità a livello di coppia a quel punto, do a Cesare quel che è di Cesare e mi pare che comunque in una situazione simile ci sia parità come coppia. Se invece la moglie non fa niente(neanche le faccende) ma pretende solo e neanche lavora, a quel punto è sbagliato ma è anche colpa dell'uomo che si fa passare una situazione simile
    "Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa"

    "Dove l'amore impera, non c'è desiderio di potere, e dove il potere predomina, manca l'amore. L'uno è l'ombra dell'altro"

    "Il progresso tecnologico è come dare un'ascia ad un pazzo criminale"

    "Il cambiamento non viene mai senza dolore"

    "Anche nei momenti bui, non possiamo rinunciare alle cose che ci rendono umani"

     
  9. L'avatar di Haydee

    Haydee Haydee è offline FriendMessaggi 4,184 Membro dal Apr 2016 #29

    Predefinito

    Io stipendio buono, lui stipendio ottimo.
    Zero litigi, zero screzi.
    Io sono una scialapopolo, lui anche.
    Ma due scialapopolo che hanno comunque ognuno le proprie cose, quindi le nostre "difficoltà" sono state altre rispetto al conto cointestato, che abbiamo per una questione di mera praticità.
    Proprio perché siamo molto simili no, non facciamo la conta dei centesimi, delle docce o della spesa.
     
  10. gioiadivita gioiadivita è offline JuniorMessaggi 1,404 Membro dal Aug 2013 #30

    Predefinito

    È indubbio che la moglie che poi ha dei figli sia quella che nel 90% dei casi rinuncia alla carriera per amore della famiglia.
    Concordo con chi dice che, anche se la capacità economica della moglie/compagna sia inferiore economicamente...a livello di istruzione dei figli e del mantenimento della casa, la coppia torni in pari (anzi penso che comunque la madre sia sempre quella che fa di più).
    Certo, ci sono delle eccezioni, ma abbastanza rare.

    Il mio caso era quello di una coppia senza prole con stipendio quasi identico. Ma vedo che, alcuni ragionano sul "noi" e quindi si guadagna insieme e si spende insieme senza fare troppe storie, e chi sul "io" dove si cerca da subito di evitare situazioni spiacevoli a monte.

    Ps: per l'accensione del mutuo molto spesso si richiede il trasferimento dello stipendio sul conto corrente su cui poggia il debito, per questo viene difficile fare un bonifico ogni mese da altro conto...anche perché se una volta ti dimentichi/sbagli importo che fai?
    D