La coppia - un punto di vista alternativo

Discussione iniziata da cinciabigia il 31-07-2013 - 61 messaggi - 4088 Visite

Like Tree11Likes
  1. L'avatar di cinciabigia

    cinciabigia cinciabigia è offline Super ApprendistaMessaggi 627 Membro dal Mar 2012 #1

    Lightbulb La coppia - un punto di vista alternativo

    Chiedere cos’è l’amore direi che sarebbe una domanda troppo banale con una risposta maledettamente complicata. Ognuno ha la sua risposta, qualcuno nemmeno si pone il quesito. E la coppia dove la mettiamo?

    Da un anno e 4 mesi sono single, nel complesso direi felicemente single. Sono passata per diverse frequentazioni (sesso, amicizia, io presa lui no – e viceversa, ecc.) con periodi in cui volevo stare da sola (“dio, non sarà poi così difficile?!”) a periodi in cui avevo voglia/bisogno di conoscere e frequentare persone.
    L’amore trionfa sempre, forse è questa la segreta speranza del mio inconscio, visto che il mio ‘conscio’ dice che è tutta una fregatura.

    Fino a non molto fa (parliamo di qualche mese) credevo che stare assieme ad una persona senza amarla fosse una follia! Questo poi ho visto essere il pensiero di molti… quasi tutti oserei dire.
    Beh tra corna, amori distrutti e amori impossibili (e chi più ne ha più ne metta), sono giunta alla conclusione che forse non è così male stare in coppia anche se non innamorati, certo bisogna essere molto consci ed onesti verso se stessi e verso l’altra persona.

    “Caro, non ti amo ma voglio stare con te”. Perché vivere soli a lungo andare è un gran pacco, perché un orecchio che ascolti le disavventure quotidiane sta sempre bene, magari con qualche parola di conforto, perché condividere gioie & dolori sembra più una necessità che una virtù (o un dovere).
    Su questo ultimo punto ci ho riflettuto di recente, ma non mi pare sia una novità anzi è sotto gli occhi di tutti (o quasi): facebook fa la parte della regina, migliaia di post su cosa pensiamo, cosa sentiamo e come stiamo. Ma nessuno si è chiesto perché? Perché ho bisogno che i miei amici sappiano come mi sia svegliata stamattina? Condividere, anche se all’altro non gliene può fregare di meno.
    Forum come questi possono rientrare in questa necessità. Gli aperitivi con gli amici anche. Condividere e comunicare.

    E a casa? Se non si vive con mamma e papà che -bene o male- ci ascoltano e ci commentano (=criticano), se non si vive da studenti in 5 nello stesso appartamento, se si vive soli ma non ci sono i soliti amici & parenti installati a casa nostra, se la tv non ci soddisfa (e per fortuna!), se vogliamo bene al nostro cane/gatto che ovviamente ci capisce perfettamente ma (per fortuna) non ha il dono della parola, se parlarci allo specchio può sembrarci una forma di disturbo mentale latente… Troviamoci un fidanzato! Poco importa se non lo amiamo, se l’amore sembra una cosa dell’altro mondo (quello delle fiabe o delle Barbie), se quanto abbiamo vissuto ci ha fatto erigere una corazza verso l’innamoramento.

    Ci sono mille teorie per chi ha questa corazza: paura dell’intimità, paura di impegnarsi, sindrome di Peter Pan, “non ti accontenti mai”, “non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca”, ‘cuore di pietra’, ecc. Insomma di tutto pur di farti sentire strano, inadeguato, quasi malato.

    E poi i romanticoni (a mio parere sono più le donne), cresciuti a pane & Cenerentola, che inorridiscono “Stai con lei/lui e non la/lo ami??” Orrore!!
    Una volta c’era anche “Fai sesso senza sentimento??” ma mi pare che questo non scandalizzi più nessuno, tranne le nonne (della sere ‘si stava meglio quando si stava peggio’).

    Insomma… se siamo di quelli che credono che innamorarsi sia un po’ come calare le braghe, dobbiamo restare per forza single? Se all’altra persona diciamo quello che pensiamo realmente, senza illuderla e magari illudendoci che sia abbastanza matura e forte per decidere e rendersi conto di quello che fa, perché non si può stare in coppia??
    Certo io comunque devo avere una certa intesa mentale, spirituale e fisico/sessuale… quindi non è che prenderei il primo che passa. Ma devo sentirmi un mostro solo perché non ne sono innamorata?? Ma cos’è l’amore poi… Eh…

    Beh almeno se ci lascia staremo meno male. Dico meno e non ‘non staremo male’ perché comunque ci si affeziona, ci si abitua, ma sarà come dire addio a una cara amicizia.
    Dopotutto l’amore non è anche saper lasciare andare quando questa risulta la cosa più giusta da fare??

    Cinica? Forse sì. Certo che ora vedo il mio futuro meno nebuloso (forse).
    Simo89, 4justme4 and miguel_s like this.


     
  2. Simo89 Simo89 è offline PrincipianteMessaggi 21 Membro dal Nov 2009 #2

    Predefinito

    ... sarà che mi trovo in gran parte d'accordo con te (o in toto? forse).
    Si tende a vivere la vita per "tendenze"/"tradizioni". La gente fa le cose, vive in un certo modo, perché "è cosi che va fatto". Io sono del parere che "il mondo è bello perché è vario" porta al fatto che ognuno di noi è una persona unica, e quindi diversa dalle altre. Ognuno di noi ha gusti, esigenze, personalità, carattere propri. Proprio negli ultimi tempi mi sono trovato ad avere difficoltà nel gestire il mio rapporto con la mia ex, per vari problemi. Infatti al momento ci frequentiamo, ma non stiamo insieme. Questa situazione è difficile per lei quanto per me. Io ho i miei problemi, dati forse dal cambiamento che si subisce crescendo. Lei sà un po tutto, ad iniziare dai problemi che ho ad accettare un rapporto duraturo con lei. Perché non la amo, perché nel contempo ho tante attrazioni intorno a me, di cui spesso e volentieri mi rendo ben conto di non voler fare a meno. Cerco cose che altre persone non cercano. E sono solo nel mio mondo senza poter raccontare niente a nessuno.
    Tutto ciò per dire che ognuno ha bisogno di uno stile di vita diverso. E a volte per diverso si può intendere qualcosa che chi ci vede dall'esterno non ha mai visto. E allora veniamo considerati "strani".

    Cosi come tu hai incontrato l'esigenza di avere una persona accanto (o chi per essa), senza però che ci sia un legame estremo come l'innamoramento, io sono su piani simili ai tuoi. E mi trovo spesso a non volere una persona accanto stabilmente. Forse perché non ne ho bisogno, non ora almeno. I miei pensieri vanno da tutt'altra parte molto spesso e volentieri.

    Ognuno è libero di vivere la vita come meglio crede. E se il proprio è uno stile diverso da quelli già conosciuti, a mio parere suscita anche molto più interesse.
    Il mio, in questo momento è fatto di non avere una donna fissa (non perché ne ho di più in poco tempo). Io in questo momento starei bene con una persona dell'altro sesso che possa darmi ciò di cui ho bisogno, e parlo di un rapporto particolare. Ma so che non è facile trovarla, e per questo motivo non mi infilo in altri rapporti che non sono tagliati per me.

    Capisco benissimo il tuo punto di vista.
    cinciabigia likes this.
     
  3. L'avatar di Gypsy

    Gypsy Gypsy è offline Super FriendMessaggi 7,044 Membro dal Aug 2011 #3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cinciabigia Visualizza Messaggio
    Insomma… se siamo di quelli che credono che innamorarsi sia un po’ come calare le braghe, dobbiamo restare per forza single? Se all’altra persona diciamo quello che pensiamo realmente, senza illuderla e magari illudendoci che sia abbastanza matura e forte per decidere e rendersi conto di quello che fa, perché non si può stare in coppia??
    Certo io comunque devo avere una certa intesa mentale, spirituale e fisico/sessuale… quindi non è che prenderei il primo che passa. Ma devo sentirmi un mostro solo perché non ne sono innamorata?? Ma cos’è l’amore poi… Eh…
    in linea di massima potrebbe anche starci... Nella pratica poi penso sia difficilissimo trovare una persona con cui c'è intesa mentale spirituale e sessuale e soprattutto disposta a ciò. Senza contare il fatto che stando fidanzata per finta con qualcuno puoi perderti qualche opportunità più importante.
    Tu vorresti un amico o un coinquilino con cui fare sesso e cenette romantiche? O semplicemente una persona con cui sentirsi meno soli? Sebbene fosse bello credo che un rapporto così non sia fattibile. O forse sì, in fondo di coppie in cui uno dei due non è innamorato sul serio ce ne sono, in più ci vorrebbe solo la sincerità di ammetterlo e la fortuna di trovare una persona che lo accetti.
    Amore è tutto ciò che si può ancora tradire.
    (A.Pazienza)
     
  4. L'avatar di cinciabigia

    cinciabigia cinciabigia è offline Super ApprendistaMessaggi 627 Membro dal Mar 2012 #4

    Predefinito

    Gypsy hai ragione, non è facile trovare una persona che potrebbe accettare una tale situazione.
    Avendo molto ridimensionato l'amore di coppia (per me quello che si vede è uno scambio reciproco che funziona fino a quando l'altro ci soddisfa), capendo che l'innamoramento è uno scombussolamento ormonale destinato a morire (o si passa all'amore... eh ma cos'è...), io credo di voler trovarmi un partner più perchè l'idea di restare sola tutta la vita mi spaventa.
    Io ora vivo sola da un anno, ho diversi amici, a periodi ho dei ragazzi con cui esco... amo la casa vuota e la mia libertà ma a volte una compagnia non mi dispiacerebbe.
    In più non mi interessa di diventare madre, preferirei adottare anche se onestamente mi ci vedo di più con un partner che ha già un figlio... Insomma non mi piace nemmeno l'idea di essere una coppia che invecchia da sola.
    Credo di non sapere molto bene cosa voglio....
     
  5. Incondizionatamente Incondizionatamente è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 4,602 Membro dal Aug 2012 #5

    Predefinito

    Le definizioni non servono a nulla e non servono neanche mille parole.

    Ma vorrei spendere qualche parola. Chi è stato innamorato sa cosa succede quando ci si innamora di una persona e sa come viene considerata quella persona. E' la più bella e buona di tutte le cose, in toto. Ma questo è amore? No. Ci sono buone possibilità che se si è entrambi fortemente innamorati e fortemente legati l'innamoramento maturi in amore ma non è matematico. A volte finisce l'innamoramento e con quello finisce tutto.

    Ma supponiamo di non essere innamorati (per qualsiasi motivo e ce ne sono motivi) e di non amare, ma di volere comunque la compagnia di qualcuno (sempre per tanti motivi). Insomma di desiderare qualcuno con cui condividere la strada e chissenefrega se non ci sono unicorni e fiori ovunque.
    Bè, ma questo qualcuno deve essere pressochè perfetto. Ci deve essere sicuramente una grandissima intesa sessuale, attrazione, un affetto ed una voglia di prendersi un po' cura dell'altro (un minimo al meno) reciproci. E poi ci devono essere altri motivi al di fuori della sfera emotiva per cui vogliamo farci compagnia, interessi in comune o desiderio di condividere gli interessi dell'altro. Insomma, tanta roba.
    E secondo te, se si trova una persona che soddisfa tutti questi requisiti (altrimenti non ne vale la pena di stare in coppia, meglio un trombamico), quanti ci metti ad innamorarti? Te lo dico io, TEMPO ZERO. E sai ai sentimenti cosa importa delle definizioni?
    E questo discorso prescinde dalle connotazioni che noi vogliamo per forza dare all'amore (esclusività, fedeltà, cuoricini ovunque).
    rabe likes this.
     
  6. L'avatar di cinciabigia

    cinciabigia cinciabigia è offline Super ApprendistaMessaggi 627 Membro dal Mar 2012 #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Incondizionatamente Visualizza Messaggio
    Chi è stato innamorato sa cosa succede quando ci si innamora di una persona e sa come viene considerata quella persona. E' la più bella e buona di tutte le cose, in toto. Ma questo è amore? No. Ci sono buone possibilità che se si è entrambi fortemente innamorati e fortemente legati l'innamoramento maturi in amore ma non è matematico. A volte finisce l'innamoramento e con quello finisce tutto.
    ......

    E secondo te, se si trova una persona che soddisfa tutti questi requisiti (...), quanti ci metti ad innamorarti? Te lo dico io, TEMPO ZERO. E sai ai sentimenti cosa importa delle definizioni?
    Proprio perchè sono d'accordo con la prima parte che ti dico che la seconda sì capisci che la persona ti piace per tutte quelle caratteristiche, che appunto non è amore ma è uno scambio di bisogni e di affetto, ma il vero amore è un'altra cosa. Per cui non sbarelli più come prima, ma riesci a dare una spiegazione razionale a quel che succede.

    mmm forse non sono stata molto chiara...
     
  7. L'avatar di cinciabigia

    cinciabigia cinciabigia è offline Super ApprendistaMessaggi 627 Membro dal Mar 2012 #7

    Predefinito

    Io credo che il vero amore sia solo quello tra genitori e figli: incondizionato. Dare senza volere nulla in cambio. Riempirsi di gioia solo per aver donato.

    La coppia "che si ama" non è così (escludo l'innamoramento che si sa che dura quel che dura). Perchè per quanto vuoi bene all'altro, ti aspetti che lui ricambi. Si "ama" solo chi ci "ama", chi ci ricambia. Altrimenti non lo amiamo più.
    Nel senso 'tu mi dai quello che emozionalmento ho bisogno allora ti amo'.
    Ma cha amore è? E' uno scambio reciproco, è un "amore" egoistico.
     
  8. Incondizionatamente Incondizionatamente è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 4,602 Membro dal Aug 2012 #8

    Predefinito

    Forse perchè vedi l'amore come una forza irrazionale che tiene intrecciate le vite di due persone AL DI LA' di ogni condizione.
    Ma io non la vedo così.
    Nel senso, se amo una persona, la amo, punto. Se oggi è una gnocca stratosferica e domani ha un incidente e rimane sfigurata, non m'importa (e posso dirlo con assoluta sicurezza perchè quando amo una persona ci rimango secco).
    La caratteristica che ha secondo me l'amore è la condivisione senza condizioni di qualcosa. Che può essere un insieme di valori, la compagnia, un grande affetto, ma anche tante altre cose. E infatti l'amore non è solo tra uomo e donna, ma anche tra uomo e uomo, fratello e sorella, tra uomo e animali. Non è legato a bisogni, ma non sta neanche in piedi da solo come una forza misteriosa.
    Il fatto è che dopo un po', non tiene neanche più in conto la questione del bisogno e della soddisfazione...è come se quella persona particolare ed unica ti completasse o migliorasse alcuni spazi dell'esistenza.
    Io credo che l'amore da fiaba lo puoi provare da molto giovane, ma poi devi imparare ad amare anche con il cervello, non solo con il cuore.
    E' un discorso nebuloso, ma spero che il succo sia chiaro.
     
  9. Incondizionatamente Incondizionatamente è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 4,602 Membro dal Aug 2012 #9

    Predefinito

    Ma infatti quando AMI lo fai incondizionatamente. Alle persone non piace questa parola, perchè quando si fanno un attimo l'esame di coscienza e guardano alla loro relazione con onestà, si rendono conto che non sono così incondizionati. Ma è scomodo ammettere che si è egoisti e che il proprio amore non sia così puro come quello dei cartoni animati.

    Il fatto è che quando due persone si amano, si danno reciprocamente, come dici tu, tanto affetto senza che nessuno pensi di dover pretendere nulla in cambio. Ma comunque l'amore lo ricevi lo stesso, perchè invece di essere entrambi egoisti, si è entrambi altruisti. E si riceve il vantaggio di stare bene perchè si dà senza volere nulla in cambio e si riceve il vantaggio di avere comunque l'affetto disinteressato della persona che si ha accanto. QUESTo è l'amore. Ed è più UNICO che raro.
     
  10. L'avatar di cinciabigia

    cinciabigia cinciabigia è offline Super ApprendistaMessaggi 627 Membro dal Mar 2012 #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Incondizionatamente Visualizza Messaggio
    1. (e posso dirlo con assoluta sicurezza perchè quando amo una persona ci rimango secco).
    2. La caratteristica che ha secondo me l'amore è la condivisione senza condizioni di qualcosa. Che può essere un insieme di valori, la compagnia, un grande affetto, ma anche tante altre cose. E infatti l'amore non è solo tra uomo e donna, ma anche tra uomo e uomo, fratello e sorella, tra uomo e animali.
    3. ...è come se quella persona particolare ed unica ti completasse o migliorasse alcuni spazi dell'esistenza.
    1. quando ami o quando sei innamorato? c'è una bella differenza.
    2. sono d'accordo, infatti il vero amore per me è universale, è amare tutti indistintamente. E' proprio quello che descrivi tu.
    3. questo punto cozza enormemento col 2. Parli di persona particolare ed unica, mentre prima parli di amore tra uomo-uomo, fratello-sorella, uomo-animali. Col punto 2 sembra che tu dica che si può amare tutti, tante persone, col punto 3 dici che è unica e particolare.
    Se fosse vero il punto 2 allora non ti dispereresti se la tua donna ti dicesse di amare un altro. Anche un altro. Oppure ti lasciasse perchè non è felice.... amare è anche saper lasciare andare...
    Capisci il mio ragionamento?