Crisi esistenziale maschile - Pagina 14

Discussione iniziata da upsidedown il 07-12-2020 - 254 messaggi - 16928 Visite

Like Tree301Likes
  1. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline FriendMessaggi 3,705 Membro dal Jan 2020 #131

    Predefinito

    @apive ho usato termini usati precedentemente da altri utenti.


     
  2. L'avatar di apive

    apive apive è offline FriendMessaggi 3,589 Membro dal Dec 2016 #132

    Predefinito

    Che non sposta di una virgola il succo della questione.
    rabe likes this.
     
  3. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline FriendMessaggi 3,705 Membro dal Jan 2020 #133

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da white74 Visualizza Messaggio
    Lui è assolutamente libero di sentirsi in crisi, sopratutto dopo l’anno che avete passato, ma una persona adulta e responsabile non scappa, lui sta scappando, una persona adulta e responsabile sarebbe venuta a casa e avrebbe parlato prima con te e poi insieme avreste parlato con i vostri figli. Dopo sarebbe stato libero di andare. Così è solo una fuga, non un atto di coraggio.
    Anche io la penso così ma la tua e mia sensibilità è molto diversa dalla sua. Si è chiuso a riccio. In verità in questi giorni io e lui abbiamo cercato di chiarirci ma vede le cose così distorte e le interpreta in maniera cosí poco obiettiva che non riusciremo mai a fare un confronto lucido e obiettivo. È nello stato del bambino spaventato e si è chiuso a riccio. Io non ho la capacità di smuoverlo dal suo stato e lui non accetta interventi di nessuno. Ora il terapeuta sarebbe utile perché ci sono dei conflitti ma se lui si rifiuta non c’è nulla che si possa fare. Vede e interpreta tutto nero. Ha tirato fuori cose che abbiamo vissuto in questi mesi che a me avevano dato molta gioia e la sua interpretazione della mia reazione la vede completamente in maniera distorta e non riesce a venirne fuori. I give up!
    Ultima modifica di fantasticonov; 27-12-2020 alle 10:07
     
  4. trale trale è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 14,362 Membro dal Feb 2015 #134

    Predefinito

    @Fantasticonov, non è detto che il suo modo di vedere le cose sia per forza distorto.
    Tu hai forzato troppo a mio parere la riconciliazione e lui adesso sta rigurgitando tutto provando rancore.
    Questa è la mia opinione guardando da distanti. Cosa potrà mai fare un terapeuta di coppia? Dal suo punto di vista (che è evidentemente quello di una persona incapace di esprimere sé stesso davanti ad un mediatore) è un tuo alleato che contribuisce a forzare il suo sentire. Mi sembra logico che non voglia andarci.
     
  5. L'avatar di Ultimo_dei_Mohicani

    Ultimo_dei_Mohicani Ultimo_dei_Mohicani è offline Super ApprendistaMessaggi 540 Membro dal Apr 2020
    Località Italy
    #135

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fantasticonov Visualizza Messaggio
    In verità in questi giorni io e lui abbiamo cercato di chiarirci ma vede le cose così distorte e le interpreta in maniera cosí poco obiettiva che non riusciremo mai a fare un confronto lucido e obiettivo.
    Secondo me, da quel che scrivi, sembra che abbia bisogno di riflettere, chiarirsi le idee, osservare la realtà da un punto di osservazione più ampio, capire cosa vuole, senza l'affanno di dover fornire una risposta razionale, lucida ed immediata. Non mi sembra un modo vigliacco né debole e comunque non penso sia questo il momento delle valutazioni. Non ritieni che questa possa essere una buona opportunità per ripensare con calma a cosa non ha funzionato, cosa è mancato, cosa c'è da migliorare e rinnovare con l'obiettivo di definire un modello di coppia più equilibrato per entrambi?

    fantasticonov likes this.
    Ultima modifica di Ultimo_dei_Mohicani; 27-12-2020 alle 10:48
     
  6. white74 white74 è offline JuniorMessaggi 2,140 Membro dal Aug 2019 #136

    Predefinito

    Ultimo tutto può essere, quello che lascia perplessa me è il piantarla via lettera, a migliaia di km di distanza, senza la possibilità di un confronto diretto, e senza minimamente preoccuparsi di ciò che lei avrebbe dovuto dire ai figli. Il bisogno di un distacco, dopo la loro esperienza, ci può essere eccome, ma come gestisci la comunicazione fa la differenza.
    fantasticonov and flair like this.
     
  7. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline FriendMessaggi 3,705 Membro dal Jan 2020 #137

    Predefinito

    [QUOTE=white74;4345514 Il bisogno di un distacco, dopo la loro esperienza, ci può essere eccome, ma come gestisci la comunicazione fa la differenza.[/QUOTE]
    Il tutto per poi lanciarmi una frase “lascia tutto e vieni qui” dopo avermi detto che non sarebbe venuto a casa. Concetti ed emozioni così contrastanti da far paura, da destabilizzare. Come si fa a stare emozionalmente sereni davanti a cose del genere? Speriamo che si chiarisca le idee. Ma nel frattempo me le schiarisco pure io.
    Ultima modifica di fantasticonov; 27-12-2020 alle 12:48
     
  8. L'avatar di Ultimo_dei_Mohicani

    Ultimo_dei_Mohicani Ultimo_dei_Mohicani è offline Super ApprendistaMessaggi 540 Membro dal Apr 2020
    Località Italy
    #138

    Predefinito

    @W74: in teoria sì, nella pratica non saprei dire e quindi mi astengo da ogni considerazione. Nel forum ha senso fornire suggerimenti di buon senso evitando di entrare nel dettaglio dei comportamenti poiché nessuno di noi può conoscere con esattezza come sono andate le cose e quali sentimenti albergano nel cuore. In linea di massima penso che un periodo di distacco possa costituire una buona occasione per effettuare un bilancio complessivo e ripensare al modello di funzionamento della coppia. Il resto, secondo me, sono argomenti troppo di dettaglio su cui non ha molto senso esprimere considerazioni di carattere generale. Ovviamente le modalità scelte potranno avere un peso al termine di questa fase, ma quel peso lo potranno stabilire solo i diretti interessati.
    fantasticonov, white74 and rob221 like this.
     
  9. L'avatar di apive

    apive apive è offline FriendMessaggi 3,589 Membro dal Dec 2016 #139

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da white74 Visualizza Messaggio
    come gestisci la comunicazione fa la differenza.
    Si comunica in molti modi e spesso le parole trasmettono un'idea edulcorata del nostro pensiero, quando il nostro pensiero non piace a noi stessi in primis. In tali casi, a volte scappa qualche frase che lascia trasparire il nostro vero pensiero, ma bisogna essere attenti e lesti ad afferrarle, perché vengono subito minimizzate e relativizzate, se non proprio negate.

    I fatti sono diversi: restano lì, incontrovertibili, a testimoniare il nostro pensiero più profondo.

    Di primo acchito anch'io, come più o meno tutti, ho trovato quanto meno sgradevole il fatto che il marito di @fanta non tornasse a casa per Natale. Ripensandoci, è una comunicazione potente: non solo ha messo sul piatto tutto il suo malessere con la moglie, ma costringendola a comunicarlo ai figli l'ha obbligata a scoprire tutti i loro altarini anche con i figli. Non c'è via di ritorno: ha bruciato tutti i ponti dietro di sé.

    A volte quando ci si imbarca in un tradimento, più che per il "gusto di tradire" lo si fa per avere una certificazione della fine della coppia. Questo perché in genere hai voglia a dire che ci sono dei problemi: raramente due si mettono lì a tavolino e ne parlano lucidamente e, anche, spietatamente. E se provi a dire: "per me finisce qui", ecco che allora intervengono tutti per dire "ma parlatene, risolvete i problemi, non si buttano trent'anni di vita insieme così...". Tutti. Parenti, amici, conoscenti, figli, preti, rabbini, ayatollah e sciamani vari.

    La relazione extra, se non è giusto una "trombatina di preavviso", invece è la pietra tombale su ogni possibilità di recupero: da parte del tradito è un segnale spesso irreversibile, da parte del traditore è la presa di coscienza della distanza ormai incolmabile che si è creata. Se una relazione extraconiugale dura anni e anni (quattro in questo caso, se ricordo bene), il traditore deve costantemente mentire, deve andare contro le sue stesse idee (naturalmente non stiamo parlando di un seriale, ça va sans dire), ha i suoi pensieri rivolti altrove quando è in casa, quando è in vacanza con la famiglia, quando va a letto con la moglie. Un giorno dopo l'altro, per anni. Se in partenza c'era una distanza che necessitava un ponte per essere colmata, viene fatto il contrario: la distanza aumenta e diventa più profonda.

    Uno che si imbarca in una relazione così e non è seriale, non lo fa a cuor leggero dalla sera alla mattina: in genere è la somma di incomprensioni e risentimenti che si sono accumulati in anni. Tanti piccoli segnali che non sono stati esplicitati nella coppia.

    Io mi immagino, forse sbagliando, che il marito di @fanta quando ha iniziato la relazione era roso dal rancore verso la moglie. Questo rancore probabilmente si è stemperato nei sensi di colpa che gli sono nati durante la relazione. Quando è stato scoperto, si è sentito in difetto e questo gli ha fatto acconsentire ad un tentativo di recupero. La distanza però ormai era troppa. E se, in sovrappiù, @fanta gli ha rovesciato addosso la metà della metà della violenza verbale che riversa sul forum, questo ha disfatto tutto quello che veniva fatto.

    Intendiamoci: non sto dicendo che lei non avesse diritto di essere inca77ata con lui. Certo che ce l'ha. Resta il fatto che l'unico modo in una situazione del genere di recuperare è quello di mettersela in tasca con eleganza e nonchalance: schiacciare il fedifrago con la propria superiorità per mostrargli che ha davvero fatto una ca77ata, perché altrimenti il pensiero che gli viene è "ma sai cosa? Tutto sommato avevo ragione e ho fatto bene!" Nota bene: è un discorso puramente teorico e razionale: credo che io NON sarei mai capace di farlo se mi trovassi in questa situazione, pur sapendo che è la cosa giusta!

    Il succo della questione è che noi qui leggiamo solo il pensiero di @fanta e l'esondazione della sua rabbia, ma sono convinto che se scrivesse la sua versione della storia il marito (quella vera, che pensa intimamente, non quella che ha raccontato a @fanta o in fase di terapia di coppia), probabilmente leggeremmo una storia diversa.
    rob221 likes this.
    Ultima modifica di apive; 28-12-2020 alle 09:20
     
  10. L'avatar di fantasticonov

    fantasticonov fantasticonov è offline FriendMessaggi 3,705 Membro dal Jan 2020 #140

    Predefinito

    @Apive hai fatto tante osservazioni interessanti.

    Resta di fatto che se una persona decide di fare una scelta, tradire, e resta in una situazione bloccata a lungo, poi la situazione si sblocca e poi inizia a interpretare a suo modo fatti e reazioni che tiene nascosti per poi esplodere tutto assieme, mi sembra una persona che dalle situazioni non ne vuole uscire, ma si crogiola nel malessere.
    perché il terapeuta di coppia dovrebbe essere mio alleato o interpretato tale? È una persona super partes che non conoscevamo affatto e che si aspettava di trovarsi davanti a una coppia con dei conflitti. Questi io ogni tanto li ho tirati fuori e li abbiamo elaborati in maniera obiettiva e mi sono presa le mie responsabilità grazie al suo intervento obiettivo che ci ha fatto vedere le cose da un’angolazione diversa. Se lui invece non è in grado di farlo ma l’unica reazione è la fuga, io vedo poca volontà di mettersi in discussione e di risolvere le questioni. Se non esistono queste volontà perché non chiede la separazione ufficialmente invece di isolarsi da moglie, figli e genitori anziani che sono in grande preoccupazione per lui? Non è la morte di nessuno separarsi ma farne una tragedia greca e lasciare tutti nella cakka e portare via i tacchi senza spiegazione mi sembra siano sintomi di molta sofferenza ma anche di immaturità. Le conseguenze delle sue azioni sono su di noi. I miei suoceri anziani immaginano cosa può essere successo ma sono a supporre cose perché lui non comunica. I nostri figli me li sono nuovamente dovuti gestire io, cercando di dire la verità e spiegando che l’amore genitoriale non è cambiato ma viversi il senso di abbandono non è facile neanche per loro.
    Sul lavoro appare come una persona in grado di prendere delle decisioni, di essere un problem solver a cui tutti si appoggiano.
    Nella vita è tutt’altro. Ma non voglio essere io a chiedere la separazione, per ora, mi piacerebbe che se ha dichiarato una crisi e se non fa passi per risolverla, sia lui a dire: non c’è soluzione se non la separazione. Almeno una volta che prenda una decisione o chieda aiuto. Ma faccia qualcosa alla luce del sole senza fuggire!

    Alcuni elementi che ha portato per dichiarare il suo malcontento e che per ovvie ragioni non posso qui riportare sono cose andate in modo completamente diverse da come me le ha descritte o le ha interpretate lui.

    Se io vedo una perla e la percepisco come un seme velenoso e quindi vedo tutto negativamente anche davanti a cose oggettive, c’è ben poco che un altro possa fare. Evidentemente voglio vedere il seme velenoso e sono accecato nelle mie percezioni. E se non mi voglio nemmeno avvicinare per capire se è una perla come dicono gli altri, evidentemente preferisco continuare a vedere il seme velenoso cosí se prenderò delle decisioni mi sarà più facile perché così mi posso convincere che di seme velenoso si trattava. Non so se mi riesco a spiegare.
    Ultima modifica di fantasticonov; 28-12-2020 alle 10:56