Delusione in amicizia

Discussione iniziata da ilariaaa il 29-03-2020 - 5 messaggi - 460 Visite

Like Tree7Likes
  • 2 Post By Soldatojoker
  • 3 Post By Firecatcher
  • 2 Post By michelino123
  1. ilariaaa ilariaaa è offline Messaggi 1 Membro dal Mar 2020 #1

    Predefinito Delusione in amicizia

    Ho un problema che mi fa stare davvero male.
    Ho un’amica a distanza, io abito in Abruzzo e lei in Toscana, e ci conosciamo da ben 5 anni. Dopodomani, il 31 marzo, sarà il nostro “anniversario”. Mi sono affezionata a lei in un modo che non potete immaginare, le voglio bene come una sorella e non mi sono mai fatta problemi a considerarla come la mia migliore amica. Non ci siamo mai incontrate, per via della nostra età e dei nostri genitori che non c’è l’hanno permesso, ma sono legata a lei in un modo assurdo. Le ho sempre dimostrato tutto il bene che provo nei suoi confronti, le ho fatto conoscere tutte le mie amicizie, la mia famiglia ecc...ma lei è molto più privata su questo ma non l’ho mai ritenuta una cosa per condannarla, perché ognuno ha il proprio carattere. Solo che, a differenza mia, non mi ha mai detto niente su quanto tenesse a me e quando le ho chiesto se fossi la sua migliore amica, lei mi ha detto di no solo perché le mancava conoscermi nella realtà e vedere se stava bene con me. Voi direte che è un discorso logico e che lei ha ragione ma io non mi sono fatta problemi a prendermi il rischio di considerarla così importante, magari ho sbagliato, perché so che se poi non dovessimo trovarci bene nella realtà sarebbe una delusione, ma io lo riprenderei altre mille volte questo rischio perché mi sono sempre trovata tanto bene con lei. E certe volte parla del futuro come se io non rientrassi per niente nei suoi piani. Lì in Toscana si è trovata con delle amiche di m****a che l hanno fatta soffrire ed io l’ho aiutata in tutti i modi e ho cercato di essere tutto quello che le sue amiche non sono mai state nei suoi confronti. Ma nonostante questo lei fa discorsi tipo: “Quando andrò all’università spero di incontrare un’amicizia vera”
    E non mi nomina minimamente e questo mi fa male perché io ci tengo molto a creare dei miei piani futuri con le persone a cui tengo. E ieri ha fatto una cosa che mi ha distrutta: mi ha detto che non aveva molta voglia di utilizzare il cellulare, che rappresenta il nostro unico mezzo per sentirci, e mi ha detto che non aveva nemmeno tanta voglia di sentirmi. Ha detto che andava a fare la doccia alle sette di sera e da lì non mi ha più scritta. Mi ha scritto di nuovo stamattina dicendomi che si sentiva leggermente meglio ma che sentiva ancora quella sensazione di non volermi più di tanto sentire. Io mi sono arrabbiata e ci ho parlato di tutto quello che mi ha fatto male ma lei risponde solo: “Lo so”
    Senza nemmeno dirmi “mi dispiace se ti ho fatta star male” o “scusa” e quando le ho detto che secondo me non ci teneva a me, non ha fatto niente per dimostrarmelo. Non so che fare, aiutatemi.


     
  2. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline JuniorMessaggi 1,291 Membro dal Nov 2019 #2

    Predefinito

    Si, forse esistono le amicizie platoniche, ce n'è traccia nei libri romantici dell'ottocento. Ma ti dirò, io non ne ho mai letto uno.

    Tu ti sei "innamorata" di un'idea, in sostanza lei è poco più di un'amica immaginaria. Ma mentre l'amica immaginaria fa tutto ciò che desideri, lei ha quella componente reale che ti spiega brutalmente che certi giochi d'infanzia sono destinati a svanire con la crescita. È come quando ti rendi conto che la tua bambola preferita in realtà è un feticcio in cui proietti te stessa, è il momento in cui smetti di essere una bambina.
    La tua "amica" sta semplicemente crescendo e per farlo sta cercando di accantonare la propria bambola rappresentata da te. Adesso lei ha bisogno di relazioni fatte di fisicità e non saprei dirti se il suo modo di trattarti sia il migliore o il peggiore per te, forse non c'è un modo migliore, c'è solo il "trauma" della metamorfosi.
    Dai Ilariaaa, dai tempo al tempo e da farfalla troverai anche tu il tuo fiore.
    I morti sanno soltanto una cosa: che è meglio essere vivi. (Soldato Joker, quello vero)
     
  3. L'avatar di Firecatcher

    Firecatcher Firecatcher è offline JuniorMessaggi 1,990 Membro dal Sep 2015 #3

    Predefinito

    Nella vita siamo essenzialmente soli, le altre persone sono sempre di passaggio, non conviene affezionarsi nel modo in cui intendi tu (che è commovente e ci sono passato anche io, ma è inutile).
    Chemistry among people cannot be schematized with a formula.
     
  4. michelino123 michelino123 è offline JuniorMessaggi 1,064 Membro dal May 2019 #4

    Predefinito

    condivido i commenti di sopra, abituati all'idea che l'amicizia reale, è molto rara. tu ti stai illudendo troppo.
     
  5. L'avatar di Holiday91

    Holiday91 Holiday91 è offline PrincipianteMessaggi 143 Membro dal Aug 2017 #5

    Predefinito

    Posso capire come tu ti senta ora perché di delusioni in amicizia ne ho avute anche io, come tanti di noi, del resto. A volte diamo tutti noi stessi a una persona che prendiamo a cuore per qualche motivo, senza renderci conto di non essere ricambiati o non come vorremmo. Non facciamo nulla di male, non stiamo sbagliando noi ma non possiamo nemmeno dire che stiano sbagliando loro. Trovare una persona affine, che ci ricambi, non è semplice e scontato. A volte idealizziamo le persone, crediamo provino le stesse cose ma purtroppo non sempre avviene. E ci sentiamo sbagliati, ci chiediamo il motivo. Ma inizio a credere che un vero motivo non ci sia. Siamo persone forse più sensibili, che credono nei valori e purtroppo viviamo in un'era in cui non c'è tempo per questo. L'unica cosa che possiamo fare è essere noi stessi, apprezzarci per ciò che siamo e non farci del male frequentando persone "nocive". Ho imparato che è inutile elemosinare affetto, in qualunque relazione. Dobbiamo "inseguire" chi ci vuole, chi ci accetta per come siamo. Non è semplice e bisogna fare compromessi. Bisogna trovare un equilibrio tra ciò che desideriamo e ciò che il mondo ci può offrire, altrimenti soffriremmo soltanto. Io ho due care amiche e mi ritengo già fortunata ma ho dovuto mandare giù anche bocconi amari, ho dovuto ridimensionare la mia sensibilità per mantenere questi rapporti. La "migliore amica" purtroppo non esiste, è una concezione con una nota di possessività che non può esistere in questo mondo. Le persone cambiano: cambiano idea, cambiano interessi, conoscono persone nuove. La vita evolve e si è davvero fortunati se nel corso del tempo si riescono a portar dietro delle persone nel cammino.
    Dalle tue parole emerge il tuo affetto per questa persona ma anche la tua sofferenza e l'amicizia, come l'amore, non dovrebbe essere questo. Il mio consiglio è di parlarle apertamente, senza "aggredirla" ma facendole capire il tuo punto di vista. Stando in silenzio non si risolverà nulla. Se lei ti vuole bene capirà e cercherà di rimediare! E se così non fosse, non prenderla sul personale e cerca di investire in qualche altra amicizia! Non dico di lasciarla perdere, perché so che non sarebbe semplice ma di iniziare almeno ad allargare il tuo giro, in modo da avere delle alternative. E chissà, magari tra quelle alternative potresti trovare una persona più affine, che ricambi la tua amicizia più di quanto faccia lei! Te lo auguro e ti mando un grande abbraccio virtuale.