Depressione contro Amore

Discussione iniziata da elsa_ il 22-10-2020 - 26 messaggi - 1129 Visite

Like Tree21Likes
  1. elsa_ elsa_ è offline PrincipianteMessaggi 38 Membro dal May 2020 #1

    Predefinito Depressione contro Amore

    Vorrei leggere delle esperienze di coppie che hanno avuto a che fare con la depressione.
    certo... leggerei molto più volentieri quelle a lieto fine, naturalmente, ma... ogni realtà è ben accetta.

    In questi giorni sto cominciando a realizzare cosa sia la depressione... quella vera.
    Credo che "depressione" sia un termine usato con un po' troppa facilità. Io stessa credevo di essermi sentita depressa in vari momenti della mia vita. Certo, mi sono sentita anch'io molto male e senza energie né voglia di fare, come capita quasi a tutti, ma... sto capendo che esiste la depressione che è LA vera e propria malattia.
    Teoricamente lo sapevo... eppure non lo sapevo. Sto scoprendo un mondo davvero brutto e disarmante.

    Ho aspettato per un anno un ragazzo senza sapere che fosse depresso. L'ho aspettato nonostante tante situazioni di incostanza, di assenza e di non presenza, tanto da far rimanere il rapporto ad uno stadio più o meno iniziale.
    Recentemente, dopo mesi in cui non ci vedevamo - anche se i contatti via messaggi sono continuati, un po' scarsetti come sempre - avevamo scelto di rivederci e finalmente "conoscerci". Volevamo "ricominciare". Parlavamo di tante cose da fare insieme.
    Prima di vederci, per qualche giorno, è stato anche molto dolce, presente e non vedeva l'ora di rivedermi... e invece, dal giorno dopo, lo stesso copione di incostanza, di assenza e infine di sparizione ha iniziato a ripetersi. Adesso non si fa sentire da una settimana.

    Ho letto di come le esperienze più belle causino ai depressi un illogico allontanamento. Più una cosa può essere bella e positiva per loro, più poi causa in loro un ennesimo isolamento.
    Ho letto esperienze di persone care allontanate dai depressi. In particolare modo, ho letto di fidanzate che riuscivano a vedere il ragazzo dopo tantissimi giorni se non proprio ogni tanto... e là ho aperto gli occhi.
    Non sono certo diventata un'esperta... ma sembra che si alternino fasi in cui i depressi a volte tornano "in sé" a fasi in cui poi tornano a isolarsi per qualche giorno o settimana.
    Mi è tornato in mente anche il caso dell'Alzheimer... li conosciamo tutti, vero?...i commoventi e strazianti casi in cui il malato torna in sé per qualche attimo.

    In realtà lui un paio di volte (ma anche un pochino di più) aveva cercato di dirmelo... mi aveva accennato la parola "depressione", aveva nominato il "male di vivere"... e invece io non avevo capito a pieno e me ne rendo conto adesso.
    Ed ecco, solo adesso che ho iniziato a informarmi meglio, tutto torna: le assenze... l'intenzione di aspettare, di far passare il tempo... gli allontanamenti, i suoi stati di isolamento di cui tante volte mi ha accennato.
    Praticamente ha cercato di guarire essendo in terapia con una psicologa, ma non ci è riuscito.

    E io che, pur fidandomi, in fondo al cuore avevo comunque il sospetto, per tutto questo tempo, che ci fosse di mezzo qualcosa come cattiveria o menefreghismo... anche se poi vinceva sempre un senso di fiducia nella sua persona.
    L'ho aspettato quando non capivo nulla... potrei aspettarlo a maggior ragione adesso, che invece so.

    Certo, da un lunghissimo periodo in cui ho sofferto molto ho imparato che, anche se è difficile, devo sempre pensare anche al mio benessere. Ma vorrei tentare di farlo senza chiudere totalmente la porta. I momenti di tristezza mi prendono e forse sono normali, perché la situazione è difficile e perché non si fa sentire di nuovo da una settimana (e forse involontariamente l'ho messo anche io sotto pressione, perché anche se con gentilezza avevo lamentato il fatto che non si facesse sentire e che non avevo idea di quando lo avrei visto ancora, nonostante varie mie proposte andate a vuoto)
    ... ma soprattutto c'è la paura che un'altra possa prendere il mio posto, mentre lui mi tiene lontana. Ma forse, ora che sono più consapevole, posso cercare di deviare meglio i pensieri, senza illudermi troppo e, magari, tornerà ancora. Magari, un giorno, riuscirà a guarire davvero...
    lo dicono tutti che di depressione si guarisce...
    Quello che mi spaventa è il dopo: c'è chi cambia e non ritrova i sentimenti che provava per la persona che amava; e c'è chi, invece, torna insieme alla stessa persona.
    Penso che dipenda da caso a caso... comunque è solo questo che mi spaventa... perché, per il resto, a me la pazienza in generale nella vita non manca - credo di potermelo dire.

    Sono indecisa se dirgli direttamente che adesso ho davvero capito cosa succede... o se non farlo perché sarebbe una mossa sbagliata da fare, che magari potrebbe farlo sentire trattato come un "malato", in un modo che potrebbe non fargli piacere.
    O se, al contrario, potrebbe sentirsi più compreso...


     
  2. Melite Melite è offline SeniorMessaggi 8,608 Membro dal Oct 2017 #2

    Predefinito

    Perdonami, sarò cruda. Attenzione alla tua di depressione, perché mi sembra che tu stia entrando in una sorta di circolo vizioso fatto di rimuginare, di giustificare, di aspettare, tutte cose che sì, ti fanno onore in quanto a bontà, ma potresti rimetterci in salute.
    elsa_ likes this.
    Ultima modifica di Melite; 24-10-2020 alle 18:25
     
  3. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline JuniorMessaggi 2,092 Membro dal Nov 2019 #3

    Predefinito

    Hai presente quelle ragazze che con la vocazione di fare le crocerossine si invaghiscono dei tossici pensando di guarirli con il loro "amore"?
    Quelle che poi le rivedi tossiche pure loro a trascinarsi dentro e fuori dai boschetti dei magrebini e vanno vanno a farsi in qualche lurido capannone abbandonato?

    Ecco, tu sei come quelle ragazze. Pensando di guarirlo finirai morta dentro dopo aver gettato una parte della tua vita, se non tutta.
    Melite, elsa_ and Torniserena like this.
    "Noi addestriamo dei giovani a scaricare Napalm sulla gente, ma i loro comandanti non gli permettono di scrivere "ca zzo" sui loro aerei perché è osceno" Walter E. Kurtz
     
  4. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline JuniorMessaggi 2,092 Membro dal Nov 2019 #4

    Predefinito

    Melite, come crudezza sei una principiante in mio confronto... 😉
    elsa_ likes this.
    "Noi addestriamo dei giovani a scaricare Napalm sulla gente, ma i loro comandanti non gli permettono di scrivere "ca zzo" sui loro aerei perché è osceno" Walter E. Kurtz
     
  5. Melite Melite è offline SeniorMessaggi 8,608 Membro dal Oct 2017 #5

    Predefinito

    La verità è che mi è partito il messaggio per sbaglio ed ho dovuto correggere al volo (c'è un limite di tempo per la correzione) senza riflettere sufficientemente. Mi fa rabbia leggere queste cose, pensare che un comportamento scorretto e manipolatorio (quale è l'andare e venire, l'assenza per poi fare capolino e sparire di nuovo) debba essere giustificato fino a questo punto. Lei ha paura che subentri un'altra, e subentrerà (se non esiste già) perché questo rapporto è appeso ad un filo, un filo a cui lei è aggrappata saldamente e che lui invece tiene con il dito mignolo. Come lui lo molla, lei precipita in un baratro molto profondo, rompendosi tutte le ossa.
    elsa_ likes this.
    Ultima modifica di Melite; 24-10-2020 alle 18:44
     
  6. rob221 rob221 è offline JuniorMessaggi 1,053 Membro dal Jun 2020 #6

    Predefinito

    Situazione complessa.
    Certamente dovresti affrontare l'argomento, capire se sia realmente depresso, capire se è in cura e come, capire che tipo di depressione ha.
    E poi, se posso darti un consiglio, ragiona bene, perché purtroppo in una coppia la malattia dell'uno diventa facilmente la malattia dell'altro e ci si fa tanto, tanto male.
    elsa_ likes this.
     
  7. elsa_ elsa_ è offline PrincipianteMessaggi 38 Membro dal May 2020 #7

    Predefinito

    Ciao, felicissima di ricevere delle risposte - da tutti! ... in particolar modo cito Melite, perché mi ha sempre dedicato un po' del suo tempo ogni volta che sono tornata qui a scrivere.

    Ho già passato una fase brutta in cui stavo arrivando a toccare anche la mia salute e, naturalmente, farò di tutto per non tornare a quel livello. Recentemente ho provato di nuovo in parte quella sensazione, ma solo per un giorno o due - ed è successo perché stavolta sembrava intenzionato a ricominciare seriamente. Poi ho capito che non era cambiato nulla e mi sono rialzata quasi subito: so autoimpormi molto meglio di mesi fa delle cose - da fare e da non fare - che mi aiutano ad andare avanti senza tornare a quei punti.
    Sento di aver imparato più di qualcosa da tutto quello che mi è capitato e che ho provato; ho ancora tanto da imparare e tanto da approfondire: tra queste cose, il tema che mi ha colpito pochi giorni fa e di cui volevo parlare qui, ossia quello della vera depressione.

    Infatti vorrei rispondere ad una parte del tuo post, soldatojoker:
    tra le varie cose, ho appreso anche che, in quei casi, nessuno può guarire nessuno; quindi non ho la presunzione di "guarirlo" Infatti parlavo di lasciargli spazio e di pensare al mio benessere pur lasciando ancora la porta aperta. Di "accantonarlo" da una parte, ma dall'altra di non eliminarlo del tutto. Non di "guarirlo", ma magari di "aspettare" che lui guarisca; ed "esserci", quando vuole, senza forzarlo.

    Qui, naturalmente, qualcuno può essere portato a dubitare del fatto che questo ragazzo sia davvero vittima della depressione. Il beneficio del dubbio non si nega.
    Ho letto articoli di psicologi e di psicoterapeuti, di psichiatri, ed anche esperienze di fidanzate e fidanzati di persone depresse e di persone depresse stesse - anche in QUESTO forum, sebbene molto datate - che mi hanno colpita molto. Tantissime cose combaciano ed ho scoperto un mondo che non conoscevo affatto... e, sono sicura, anche moltissimi altri.
    Ultima modifica di elsa_; 24-10-2020 alle 19:32
     
  8. Baal Baal è offline JuniorMessaggi 1,023 Membro dal Aug 2019 #8

    Predefinito

    Fossi in te partirei da un'autoanalisi. Se resti attaccata a questa persona è chiaro che la sua presenza soddisfa un tuo bisogno. Non lo fai certo per beneficenza. Qual è questo bisogno?
    elsa_ likes this.
     
  9. elsa_ elsa_ è offline PrincipianteMessaggi 38 Membro dal May 2020 #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Baal Visualizza Messaggio
    Fossi in te partirei da un'autoanalisi. Se resti attaccata a questa persona è chiaro che la sua presenza soddisfa un tuo bisogno. Non lo fai certo per beneficenza. Qual è questo bisogno?
    Non so se vada bene, ma la risposta che mi viene in mente è: perché mi piace veramente in tutto, cioè sia esteticamente che caratterialmente per come si pone, per come pensa, per come stiamo quando ci vediamo dal vivo, perché lo credo una persona di valori ed anche intelligente.

    Immagino che il "bisogno" - se devo riagganciarmi alla parola della domanda - sia di avere una persona come lui nella mia vita
    Ultima modifica di elsa_; 24-10-2020 alle 19:38
     
  10. elsa_ elsa_ è offline PrincipianteMessaggi 38 Membro dal May 2020 #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rob221 Visualizza Messaggio
    Situazione complessa.
    Certamente dovresti affrontare l'argomento, capire se sia realmente depresso, capire se è in cura e come, capire che tipo di depressione ha.
    E poi, se posso darti un consiglio, ragiona bene, perché purtroppo in una coppia la malattia dell'uno diventa facilmente la malattia dell'altro e ci si fa tanto, tanto male.
    Sai che parlare di quei loro "problemi" alle persone depresse ne causa maggior allontanamento...
    lui di sua spontanea volontà aveva cercato più volte di dirmi di essere depresso (io lo intendevo solo come viene usato nel linguaggio comune: stressato, giù di morale, in un periodo di pigrizia/stanchezza etc,,, veramente, ignoravo molti aspetti del "mal di vivere"

    ... ...poi, avendo letto esperienze di altre persone, mi sono accorta che i suoi vari e inspiegabili comportamenti che ha avuto in tutto questo tempo combaciano.
    Allo stesso tempo, purtroppo sono tra le persone che allontana... magari se sarà lui a parlarmi meglio del suo problema oserò fare qualche leggera domanda in più, ma per il resto mi sembra di aver capito che meno li si mette sotto pressione, meglio è. E' complicato...
    Ultima modifica di elsa_; 24-10-2020 alle 19:46