Despair

Discussione iniziata da Sara12 il 23-03-2019 - 6 messaggi - 488 Visite

Like Tree6Likes
  • 1 Post By PINASO
  • 2 Post By trale
  • 1 Post By Marcioindanimarca
  • 2 Post By Sara12
  1. L'avatar di Sara12

    Sara12 Sara12 è offline PrincipianteMessaggi 56 Membro dal Feb 2019 #1

    Predefinito Despair

    Buongiorno a tutti,
    mi ritrovo a scrivere in questa sezione perché da tempo ho dei problemi in casa non indifferenti che influiscono anche sulla mia persona e sulla mia vita sociale.
    Ho avuto un'infanzia felice con un padre e una madre presenti, con i nonni che mi ricoprivano di amore e non potevo lamentarmi.

    I problemi sono iniziati nel momento in cui mio padre perse il lavoro da operaio nella fabbrica della nostra città a causa del continuo mobbing subito e un infortunio sul lavoro. Inizialmente era intenzionato a fare causa ai dirigenti della fabbrica, ma mia madre e mia nonna lo fermarono per paura di perdere la casa, tutti i beni e finire in mezzo ad una strada, lui acconsentì e successivamente trovò altri lavori : fattorino, postino e poi si affermò nella vigilanza privata come guardia giurata.
    Le cose stavano andando meglio quando sul posto di lavoro in un turno di notte ebbe un infarto e da lì cominciò una lunga e dolorosa decadenza : poco a poco entrò in depressione, io vennì portata da i miei dai nonni e non si fece vedere per la maggior parte della mia adolescenza, consultò anche degli specialisti ma nulla lo aiutò.
    Ho cercato di fargli capire che non era colpa sua e che non doveva sentirsi un peso, ma non ha mai voluto sentire ragione e ad oggi è peggiorato ancora di più tanto da non volerne sapere nemmeno delle sue responsabilità e delegando a me la maggior parte dei compiti burocratici : una volta compiuta la maggiore età ho cominciato a interessarmi a piccoli passi del conto bancario, della posta, del funerale di mio nonno, della vendita di un alloggio al mare, sindacati, pratiche con l'agenzia delle entrate e tante volte ho dovuto mettere i soldi guadagnati col lavoro part - time. La cosa un pò mi pesava, ma mi sono fatta forza sapendo che così aiutavo anche mia madre e mia nonna.
    Oltre ad avere poca responsabilità si lamenta ogni giorno del lavoro che ha perso, ricorda ogni istante a mia madre e a mia nonna che è colpa loro e tante volte mette in mezzo anche me; in casa non siamo più sereni dato che lui è troppo occupato a lamentarsi pensano ai suoi turbamenti passati, di parlare in continuazione della religione (perché si è rifugiato nella Bibbia e nella chiesa), non fa più un discorso sensato, talvolta mi fa anche dei dispetti per infastidirmi ed è diventato arrogante... quando dovrebbe pensare al fatto che ha una figlia che dovrebbe far star bene a tutti i costi.
    Questa situazione mi porta dei problemi perché con il mio ultimo ragazzo è finita per questo : ho frequentato un ragazzo per diverso tempo (5 mesi) e subito lui mi presenta alla sua famiglia entusiasta, mi confida che si sta innamorando di me e che vuole fare di tutto per farmi stare bene, che i miei problemi non contano perché io sono io e basta questo. Ovviamente ci credo e mi aspetto che sia sicuro di ciò che dice dato che è anche più grande di me (io 23 e lui 26 anni), ma dopo poco tempo vedendo quante responsabilità ho in casa comincia ad essere dubbioso, esprime il desiderio di conoscerli subito, quando gli dico che voglio aspettare ancora qualche tempo si fa insistente con le domande senza rispettare i miei ritmi e non mi lascia tranquilla. Mi molla dicendo che non vuole far fronte ai problemi insieme a me, che devo comportarmi come una ragazza di 20 anni e non come una 50 enne che pensa alla maggior parte delle cose, che i miei non li vuole nemmeno conoscere. Tutto ciò i primi mesi di relazione quando una coppia dovrebbe prima pensare a conoscersi, invece che alle rispettiva famiglie.
    Sono distrutta e non so cosa fare e mio padre per indispettirmi ancora di più tira fuori discorsi come "ti ha lasciata per il brutto carattere che hai, mica perché hai problemi in famiglia..chissà cosa hai raccontato di noi"

    Non so come uscirne e quest'ultima esperienza mi ha segnata davvero tanto, vorrei un consiglio per favore


     
  2. PINASO PINASO è offline Super FriendMessaggi 5,567 Membro dal Feb 2015
    Località Tra fiume Po e fiume Arno, ad est del meridiano di Alessandria e ad ovest del meridiano di Bologna
    #2

    Predefinito

    mi fispiace moltissimo sara12 ma secondo me lui era uno che non cercava una storia seria.
    Sara12 likes this.
    Benvenuti, vedrete che vi troverete bene su questo forum, tranne se siete : doppi nick, fake, troll, utenti già bannati in passato e a chi vota nei sondaggi senza aver mai scritto messaggi. Diffidate dalle imitazioni, da chi vuole mettere zizzania tra gli utenti spu***doli in pubblico invece di cercare di chiarire in privato e fidatevi di chi mette il cuore nelle attività online ...Chi ha piacere a comunicare con me ascolti me, chi non ha piacere a comunicare con me mi ignori
     
  3. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 12,087 Membro dal Feb 2015 #3

    Predefinito

    Ci sono due ordini di problemi: quello di tuo padre e quello del tuo ex ragazzo. Quanto a tuo padre, mi dispiace molto per la situazione, spesso siamo costretti a subire il comportamento scorretto dei nostri genitori, non possiamo farci niente perché sono umani e sbagliano. Sbagliano anche molto, infatti tuo padre ha torto marcio e su questo non ci sono dubbi. Tu del resto hai un'età in cui dovresti iniziare a pensare anche a te e al tuo futuro, quindi va bene dare una mano con le faccende burocratiche di tua nonna che oggi giorno sono anche molto complicate e spesso da fare via web, ma tua madre dovrebbe sollevarti un minimo dalle questioni di casa. Tua madre dovrebbe anche fare in modo che tuo padre non ti infastidisca.
    Capisco il malessere di tuo padre ma non può riversarlo sui suoi familiari, difenditi e non permettergli di essere arrogante.
    Per quanto riguarda il tuo ex ragazzo, non devi farne un dramma, un ragazzo di 26 anni che insiste così tanto per conoscere la tua famiglia nonostante tu gli abbia detto di aspettare e poi dopo essere stato "sul punto di innamorarsi" decide di troncare tutto, tanto a posto col cervello non è. Anche il fatto di avere da ridire sul tipo di vita che fai e permettersi di dirti che devi fare la vita di una di 20 e non di 50, la trovo una cosa fuori da ogni logica. A 26 anni sei comunque un uomo da ogni punto di vista; se i suoi genitori avessero problemi lui non li aiuterebbe? Ma scherziamo?
    Quindi, tranquilla, non hai perso niente, solo un uomo egoista che vuole ancora giocare come i bambini senza rendersi conto che le sventure che hanno colpito te e che lui ovviamente non si augura e ritiene poco adatte a te (come se potessi decidere di farti adottare da una famiglia più consona alle sue idee), sono molto democratiche. Sai come si dice: dell'acqua che non si vuol bere ci si annega.
    Marcioindanimarca and Sara12 like this.
     
  4. L'avatar di Marcioindanimarca

    Marcioindanimarca Marcioindanimarca è offline JuniorMessaggi 1,612 Membro dal Mar 2017 #4

    Predefinito

    Ciao Sara,
    Ti capisco perfettamente perché pure mio padre è così, devo occuparmi di qualsiasi cosa perché lui altrimenti non la fa, aprii anche un theead a riguardo. Ne ho provate di tutte ma invano, col tempo ho imparato ad accettarlo perché le sue negligenze si ripercuotono su di me, e io di problemi non ne voglio. Per fortuna ora per studio abito lontana, che mi dà un po' di libertà e tempo per dedicarmi alla vita da studentessa, e cerco di risolvere tuttle le varie incombenze qualche volta che torno nel weekend.
    Io, però, a differenza di te, non ho nessun altro, quindi tu che puoi secondo me fai bene a seguire il consiglio di trale e a chiedere aiuto anche a tua madre.
    Per quanto riguarda questo ragazzo, il suo problema era che avevi poco tempo da dedicare a lui per causa delle questioni burocratiche? Perché altrimenti non riesco a capire che problema gli desse. Io a furia di smaltire da sola ogni incombenza mi sono sentita tanto indipendente, e un domani se dovessi costruire da sola una famiglia mi sentirei già "preparata". Pensa che se con questo ragazzo fossi andata a vivere insieme avresti inevitabilmente dovuto fare anche lì le cose "da vecchia" che lui tanto critica, non dovendo più dipendere dai genitori.
    Sara12 likes this.
    "We walk through ourselves, meeting robbers, ghosts, giants, old men, young men, wives, widows, brothers-in-love. But always meeting ourselves." J.J.
     
  5. L'avatar di Sara12

    Sara12 Sara12 è offline PrincipianteMessaggi 56 Membro dal Feb 2019 #5

    Predefinito

    Innanzitutto vi ringrazio per avermi dato i vostri pareri, ci tengo molto a questa situazione per la mia crescita personale.
    Purtroppo non so come affrontare il problema di depressione di mio padre, non si cura di se stesso e addirittura non vuole andare dal medico anche avendo dei problemi gravi di salute. E' brutto da dire, ma credo mi darà solo problemi in futuro e non so cosa fare.
    Ho provato a parlarci molte volte, ma non ho cavato fuori un ragno dal buco..sta sempre sulle sue e dice che la vita è una sofferenza. Non deve essere così per me, sono molto giovane e non intendo sacrificare niente...mi sono posta molti obiettivi che intendo realizzare ed un giorno mi piacerebbe anche avere una famiglia tutta mia. Ho paura che col suo comportamento farà scappare tutti da me e anche se tanti amici mi dicono che non devo vergognarmene la percepisco come la classica frase fatta ed il problema è che quando non ci sei dentro a certe cose è difficile comprenderle. La risposta devo trovarla da me e sperare di incontrare una persona più matura che mi ami per quella che sono nonostante le difficoltà.
    Mia madre per quanto ci provi è sempre stanca e stressata per il lavoro (fa la colf da molte signore si alza alle 6 e torna a casa alle 20) quindi non gliene faccio una colpa come non la faccio a mio padre, ma è veramente estenuante a volte.
    Adesso le cose stanno andando meglio e le tensioni si sono allentante da quando mi sono lasciata...

    Per quanto riguarda il mio ex credo sia proprio un bambino troppo cresciuto che è stato viziato in maniera esagerata dai suoi. Non credo di stare vivendo come una cinquantenne, anzi sto cercando di maturare e responsabilizzarmi...quello che lui non è in grado di fare. Frequento l'università, lavoro, esco con gli amici e per necessità mi occupo anche di qualche questione di casa e non me ne vergogno per niente. Non è la persona di cui ho bisogno e non trovo corretto demonizzare una persona quando ciò che gli accade non dipende esclusivamente da lei.
    trale and Marcioindanimarca like this.
    Ultima modifica di Sara12; 06-04-2019 alle 17:04
     
  6. oltrepo oltrepo è offline JuniorMessaggi 2,144 Membro dal Jul 2013
    Località pavia
    #6

    Predefinito

    anch,io ho problemi con mia madre 83 enne
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]