Diatriba amante single Vs amante impegnato - Pagina 23

Discussione iniziata da Jungle il 08-05-2021 - 344 messaggi - 20107 Visite

Like Tree277Likes
  1. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 10,425 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #221

    Predefinito

    Infatti la fedifraga non amava Harald, ci stava solo per sesso e per il bene di lei stessa e al massimo provava attrazione ma l'attrazione non è amore, Harald invece era convinto che ci sarebbe stato di più per poi sbattere la testa sul palo(famosa scena di Banfi sul 13). Oddio per Karma senza offesa se lo merita perché sapeva che era una donna già impegnata e che mentre loro si divertivano qualcuno veniva ferito alle spalle, anche se il Karma dovrebbe subirlo la traditrice in questione che ha la maggior colpa ma pazienza .

    " ... io Spaturno sono sulla tua linea ... non fare agli altri cio che non vuoi sia fatto a te ... ma vado anche oltre ... cioè sfuggo le occasioni di dolore perché amo me stesso come e non meno di quanto amo le persone con cui ho relazioni ..." quoto Fausto


    Ho combattuto a lungo per sopravvivere, ma non importa cosa, devi sempre trovare qualcosa per cui combattere
     
  2. L'avatar di K.Herald

    K.Herald K.Herald è offline ApprendistaMessaggi 232 Membro dal Feb 2021 #222

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    ... sicuramente la donna di cui si è innamorato Herald è molto razionale e risoluta ... ma anche più vissuta di lui .. tanto da non dare tutto in una relazione che già sapeva sarebbe stata parziale ...
    Non c'è dubbio, hai pienamente ragione! Credo di essere una persona intelligente, matura sotto certi aspetti ma probabilmente come hai scritto tu meno "vissuto" di lei e senza alcuna ombra di dubbio io ho dato tutto e di più, lei ha dato tutto ciò che le era permesso, parzializzando.

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    e qui leggo che Herald ... per amore è disponibile a scoprire al dolore le sue debolezze ... è disposto a soffrire per amore ... irrazionalmente perché l'amore non è sofferenza ... il bene di un essere umano non è il dolore ...
    Sì l'ho fatto, mi son messo in gioco con tutto me stesso, ho scoperto cose di me di cui sono estremamente fiero, ora ne soffro, ora sto male, ma almeno so che sono vivo e che posso sentire, amare, donare. Hai ragione Fausto: Amore non è sofferenza, ma amare può esserlo. E dopo questo aforisma appena inventato vado a buttarmi già da un ponte (hahaha).
     
  3. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 10,425 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #223

    Predefinito

    Si ama per stare bene con se stessi e con gli altri non per soffrire, se soffri c'è qualcosa che non va
    Etta87 likes this.
    Ho combattuto a lungo per sopravvivere, ma non importa cosa, devi sempre trovare qualcosa per cui combattere
     
  4. L'avatar di K.Herald

    K.Herald K.Herald è offline ApprendistaMessaggi 232 Membro dal Feb 2021 #224

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Infatti la fedifraga non amava Harald, ci stava solo per sesso e per il bene di lei stessa e al massimo provava attrazione ma l'attrazione non è amore
    Non devo spezzare nessuna lancia in suo favore, però credo che tu non possa davvero pensare che sia stato così stupido da ridurre il tutto a semplice "sesso+attrazione". Ci poteva essere un'innegabile idealizzazione dei suoi sentimenti, ma non li ridurrò mai e poi mai a solo "sesso+attrazione".

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Oddio per Karma senza offesa se lo merita perché sapeva che era una donna già impegnata e che mentre loro si divertivano qualcuno veniva ferito alle spalle, anche se il Karma dovrebbe subirlo la traditrice in questione che ha la maggior colpa ma pazienza .
    Oh caro Minsc, non ti preoccupare che il caro karma mi sta punendo eccome, mi sta facendo patire le pene d'amore che ho fatto patire alla mia ex, amare incondizionatamente senza sentirsi ricambiati, ora so cos'ha provato, quindi tranquillo, la sto pagando per bene. Ti dirò, senza alcuna cattiveria che anche "lei" la pagherà con un karma che le farà crollare il matrimonio, accadrà, non so quando ma accadrà, ma sappi che io non gioirò di tale evento.
    E poi basta con sta "colpa", qui nessuno ha delle colpe e se tanto ci tieni a preoccuparti del marito, poco cambia, se non ci fossi stato io ci sarebbe stato un altro, il loro rapporto, la loro crisi, il loro non esser coppia esula la mia presenza. Sappi che io non mi sento "colpevole" nei confronti del marito, io mi sento "dispiaciuto" per lui perché ha accanto una lei che non prova a sistemare il rapporto. Scarico di responsabilità, non so, non mi interessa, questo è ciò che ho sempre pensato.
     
  5. L'avatar di K.Herald

    K.Herald K.Herald è offline ApprendistaMessaggi 232 Membro dal Feb 2021 #225

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Si ama per stare bene con se stessi e con gli altri non per soffrire, se soffri c'è qualcosa che non va
    Ho amato una persona sposata stando benissimo con me stesso. Il tempo ha fatto cambiare non il sentimento ma il bisogno. Il bisogno ha sopraffatto il sentimento e mi ha fatto stare male. Ho dato nuovamente retta al sentimento e amandola l'ho lasciata libera ed ora sto male perché il bisogno non è stato soddisfatto ma sto bene perché so d'aver amato.
    So che ti può risultare difficile capirmi, ma in queste parole che mi escono stasera mitigate da qualche birra, ci sono profondità di sentimenti e consapevolezza rari. Chiedo scusa per la mancata modestia, è rimasta in fondo al bicchiere.
    rob221 likes this.
     
  6. rob221 rob221 è offline JuniorMessaggi 2,068 Membro dal Jun 2020 #226

    Predefinito

    Non credo che lo scopo della vita sia essere sicuri e evitare ogni potenziale dolore.
    Se fosse così, nessuno dovrebbe avere figli, visto che lo sappiamo che la prima volta che il tuo bambino cade e si mette a piangere stai malissimo e da lì sarà sempre così.
    Certo non bisogna cercare volontariamente il dolore o crogiolarsi dentro, ma essere disposti a assumersi dei rischi si.
    Le relazioni importanti spesso sono accompagnate da sofferenza prima o poi, ma sono anche le sole che abbiano senso.
    olograf likes this.
     
  7. L'avatar di Hannibal__Lecter

    Hannibal__Lecter Hannibal__Lecter è offline FriendMessaggi 4,777 Membro dal Aug 2020 #227

    Predefinito

    Maledizione, questo bellissimo thread mi era sfuggito... O, meglio, mi era sfuggita la bellissima storia che ha raccontato K. Herald (poi mi spiegherà come mai gli piace così tanto un semisconosciuto cantante norvegese... ).
    Storia che ho trovato molto ben scritta, coinvolgente, emozionante in più punti.
    La sua storia mi ha colpito non solo dal punto di vista stilistico, ovviamente, ma soprattutto per i contenuti.
    L'ho trovata in qualche punto un po' destabilizzante però: in particolare quando descrive come lui ha iniziato questa relazione

    "non cercata, ci sono cascato, ho pensato che scrivere non mi portasse a flirtare, ho pensato che l'intesa mentale non mi portasse all'intesa sessuale, ho pensato che innamorarmi non mi portasse ad amarla, ho pensato che mai avrei sofferto così tanto, ci son cascato"

    Colpisce.
    Colpisce vedere come la forza progressiva ed irresistibile di un innamoramento possa travolgere ogni ragionamento logico, ogni razionalità, ogni possibile difesa mentale: arriva, senza che quasi tu te ne accorga, ti prende e ti trascina giù, come nel gorgo di un torrente.
    Colpisce vedere come questo possa capitare anche ad una persona ben strutturata, intelligente, "quadrata", come indubbiamente appare essere Herald.
    Leggere questa storia penso possa far sorgere a chiunque la subdola domanda: "ma potrebbe capitare anche a me?"
    Ed in questo caso, come reagirei?
    Se fossimo onesti con noi stessi, dovremmo rispondere TUTTI che non lo sappiamo, non possiamo saperlo... Nel presente, chi più chi meno, una risposta ce la possiamo dare: io posso essere sicuro, come sono, non al 100% ma al 1000% che non mi avventurerei mai sulla china presa da Herald e dalla sua donna "extra"... ma tra 5-10-15-20 anni?
    Il futuro nessuno lo conosce, il futuro nessuno lo può prevedere... Chi mette la mano sul fuoco ipotecando già adesso come si potrebbe comportare nella situazione in cui "è cascato" Herald o è un mentitore o un ingenuo... E siccome io non sono né l'una né l'altra cosa, sono costretto a riconoscere, obtorto collo, che alla domanda maligna che mi ha suscitato la storia di Herald non ho una risposta, il punto interrogativo mi rimane sospeso...

    Ed allora per "vendicarmi" (bonariamente... ), una domanda "maligna" (anzi due..) la voglio fare anche io a Herald.
    Premetto che ho apprezzato tantissimo la distinzione che fa tra innamoramento e amore:

    "L'innamoramento sono farfalle nello stomaco, sono pensieri costanti per l'altro, sono occhi che brillano, sono il cuore che batte, sono sorrisi incondizionati, sono notti insonni, sono emozioni vivide.
    L'amore è presa di cura, è presenza, è preoccupazione, è voler bene, sono sentimenti veri"


    Sottoscrivo in toto.
    Però, però.... Mi rivolgo direttamente a te, Herald: secondo te quanto è probabile che un innamoramento folle e totalizzante come quello che hai appena descritto (acclarato che non possa resistere uguale a se stesso in eterno) si trasformi in un amore "maturo" fatto di "sentimenti veri"?
    Per esemplificare: quanto è probabile che un amore nato con le farfalle nello stomaco regga l'impatto con la quotidianità, con le rate del mutuo da pagare, i calzini sporchi lasciati in giro, la pipì fatta fuori dal vaso (per lei) o le crisi isteriche per un nonnulla, la suocera invadente, le ore passate ad aspettare che lei si prepari per uscire (per lui) eccetera eccetera?
    In particolare: tu sei sicuro, ma proprio sicuro sicuro, che se la tua ex si fosse comportata diversamente ed avesse lasciato il marito per iniziare una storia "vera" con te, l'innamoramento folle che ci hai descritto sarebbe sopravvissuto alla fine dell'adrenalina connessa con la sua natura di storia extra? Che si sarebbe trasformato nell'amore dei "sentimenti veri, presa di cura, presenza, preoccupazione, voler bene"?
    Ricorda che spesso consideriamo "grandi amori" gli amori impossibili, quelli travagliati, dolorosi.. Amori che se smettessero di essere tali diventerebbero, probabilmente, meno grandi... O forse non sopravviverebbero proprio.

    Infine, mio caro Herald, un'ultima domanda, quella più "cattiva"..
    Mi ha colpito la tua descrizione del matrimonio della tua ex:

    "il "matrimonio" è irreparabile e l'interesse è prevalentemente egoistico ed autorealizzativo. L'amore per suo marito non lo metto in dubbio, dico seriamente, ma il matrimonio e la relazione di coppia è fottuta ed è "incollata" prevalentemente (ci tengo a sottolineare la situazione con questo aggettivo) da un legame lavorativo comune. So che vi sembrerò un pizzico velenoso, ma è ciò che penso ed in parte forse è il mio orgoglio ferito a parlare, anche se ribadisco, non metto in dubbio affetto e amore nei confronti di suo marito
    ".

    Una descrizione che definire contraddittoria è dire poco: dici tutto ed il contrario di tutto, affermi ben due volte che lei ama suo marito (non lo metti in dubbio) ma che il suo matrimonio è finito e che lei sta con lui solo per motivi pratici, lavorativi...
    Sei sincero, però, quando dici che "forse" è il tuo orgoglio ferito a parlare...

    Ed allora ecco la domanda "cattiva", basata sulla tua distinzione tra innamoramento ed amore: non è che dovendo necessariamente scegliere tra "innamoramento" (per te) ed "amore" (per suo marito) lei abbia semplicemente scelto l'amore?
    olograf, K.Herald, Molly64 and 1 others like this.


    "​Vorrei che potessimo parlare più a lungo, ma sto per avere un vecchio amico per cena"
     
  8. Tempestaperfetta Tempestaperfetta è offline JuniorMessaggi 1,649 Membro dal Mar 2019 #228

    Predefinito

    Che meraviglia leggere post come quello qui sopra di @Hannibal...eh già, questa discussione sta diventando davvero profonda ed interessante.
    Ovviamente (lasciatemi un pizzico di provocazione!) per chi ci si accosta con la mente scevra da pregiudizi, mettendosi in ascolto.
    Spero di poter leggere i contributi di tanti utenti!
     
  9. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline Super SeniorMessaggi 19,183 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #229

    Predefinito

    Hanny,
    l'autopsia di una relazione è pericolosa perché si arriva a considerare particolari che non possono essere oggettivi. Ad es. la donna di cui si è innamorato Herald è stata sincera con lui? Ma oggettivamente sincera?
    Intendo dire se è stata sua cura far capire ad Herald la lista vera delle sue priorità di donna e di donna sposata.
    Quando si vuol capire la sincerità delle parole di una persona la si deve osservare senza l'audio. Ciò che esprime con il viso, con il corpo e con ciò che concretamente fa nella sua quotidianità. Ad es. una persona che ha a cuore l'ambiente che fa? Direi che per prima cosa dovrebbe "rifiutare" tutto ciò che viene da un condizionamento consumista, ma se vedi che usa prodotti tossici per l'ambiente solo per far risplendere un pavimento (!?!?!?) che possiamo dire? Sicuramente che per la salute ambientale il risplendere del pavimento non è prioritario.
    Alla stessa maniera, secondo me, va visto l'attaccamento per il proprio lavoro che può essere motivato da fatica e sacrifici è vero ma che non può essere messo prima dei sentimenti identitari. Dire che amo mia moglie e poi mi lego al lavoro o alla mia azienda trascorrendoci anche i tempo che dovrebbe essere speso per il bene di lei, che significa? Direi che in realtà non amo mia moglie.
    Probabilmente sbaglio ma nelle relazioni le parole contano veramente poco. Questo lo si capisce quando si passa dalla visione inesperta alla visione professionistica della vita. E come vita intendo proprio vivere secondo una lista di priorità reale e non astratta perché nell'astratto non ci sono obblighi concreti e tutto vale.

    Esperienze come questa di Herald portano ad essere un professionista della vita cioè ad essere una persona in equilibrio che calibra il proprio comportamento con consapevolezza. A cosa serve rischiare tutto in una relazione normale?
    ... another perspective ...
     
  10. L'avatar di stella.luna

    stella.luna stella.luna è offline Super ApprendistaMessaggi 876 Membro dal Nov 2020 #230

    Predefinito

    Non credo ci sia una regola , dipende dal tipo di legame che c è tra i due amanti (solo sesso, innamoramento ) , non credo quindi dipenda dall’essere single o meno ma dall intensità della relazione
    Ultima modifica di stella.luna; 14-05-2021 alle 07:51