Domanda scomoda:vi mettereste mai con un uomo povero?? - Pagina 9

Discussione iniziata da Ladyligheia84 il 29-08-2019 - 123 messaggi - 7858 Visite

Like Tree175Likes
  1. L'avatar di MGTOW

    MGTOW MGTOW è offline ApprendistaMessaggi 476 Membro dal Jul 2019 #81

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ladyligheia84 Visualizza Messaggio
    No: se fosse stata ricca non sarebbe caduta nel baratro della povertà. In quello dell'alcol, o degli stupefacenti, ci vedo cadere i ricchi come i poveri. Per quanto riguarda le separazioni, il discorso è complesso: oggettivamente, le pari opportunità professionali sono nel 90% dei casi una chimera, le donne guadagnano meno per le stesse mansioni, e poi il fatto di assegnare la casa è una tutela più per i figli che per la moglie.
    Chiacchiere da bar senza fondamento nel reale.


    https://forum.amando.it/image.php?type=sigpic&userid=160306&dateline=15669  01665
     
  2. L'avatar di MGTOW

    MGTOW MGTOW è offline ApprendistaMessaggi 476 Membro dal Jul 2019 #82

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ladyligheia84 Visualizza Messaggio
    Nel caso che dici del marocchino, come in tanti casi di femminicidio, non c'entra niente l'idealismo. C'entra l'incapacità fisiologica di certi uomini di accettare il rifiuto della donna, che a livello inconscio vedono come "disponibile a prescindere" per il solo fatto di essere donna, appunto. Una donna che sceglie, che dice no, è un abominio, che deve essere eliminato con la violenza. Questo è in parte un retaggio culturale maschilista, ma anche una deviazione psicologica di certi individui (e qui, anche donne...): non c'è un sentimento sicuro del proprio valore al di là dell'apprezzamento o del rifiuto dell'altro. Per questo, il rifiuto viene visto come un'aggressione, una minaccia alla tua sopravvivenza emotiva. E se ti senti minacciato, uccidi. La stima di se stessi andrebbe insegnata in famiglia, e a scuola. Purtroppo, proprio la famiglia e la scuola sono la prima minaccia, in molti casi, a una consapevolezza serena del proprio valore indipendentemente dal giudizio altrui.
    Questo è senza dubbio il più grosso cumulo di vaccate che abbia mai letto nella mia vita.
    https://forum.amando.it/image.php?type=sigpic&userid=160306&dateline=15669  01665
     
  3. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 13,994 Membro dal Feb 2015 #83

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ridiamo Visualizza Messaggio
    Sono in tutto e per tutto d'accordo con te, Trale.

    Mi sono però fermata a riflettere su questo tuo passaggio ...

    Già.
    Quando eravamo giovani non ce ne importava.
    Ma adesso?
    Adesso, se tu fossi libera o lo diventassi, ti metteresti con uno povero povero, e quando dico povero povero intendo povero povero?
    Non alcolizzato, neh? Lasciamo perdere l'alcolismo. Solo povero povero.
    Penso che se fossimo libera o lo diventassi, non rinuncerei ad un amore perché lui è povero. Quate volte ho incontrato l'amore nella mia vita? Molto poche, 1 o 2 forse e ho 48 anni ... che non mi sentirei di rinunciarci perché lui è povero. Sono d'accordo che sarebbe meglio innamorarsi di un uomo ricco ma se questo non succede scelgo di lasciare che entri nel mio cuore la persona povera.
    Entrare nel mio cuore non significa che io mi faccia carico di uno uomo povero se magari nemmeno riesco a mantenere i mie figli eh ... però non mando via forzatamente, anche solo per il banale fatto che egoisticamente mi farebbe soffrire un distacco.
    Nel caso dell'autrice il problema dell'alcol è troppo invalidante, non ci fosse quello, presumo che nella condizione di donna 35enne non avrei problemi a considerare di formare una famiglia con uno scenografo parte time che si occupa della casa e su cui posso contare per l'aiuto nella gestione di eventuali bambini.
    Sulla differenza di età invece resto perplessa anche se non tanto quanto per il discorso (ribadisco grave) dell'alcolismo. È un uomo troppo vecchio per considerarlo come futuro padre a mio parere.
     
  4. L'avatar di pianoB

    pianoB pianoB è offline ApprendistaMessaggi 336 Membro dal Aug 2019 #84

    Predefinito

    Ma io mi domando se si tratta di un grado di alcolismo tenue ,perchè se comunque l'autrice del topic ne trova diverse cose piacevoli
    nel comportamento dev'essere per forza qualcosa che compromette ben poco la sua personalità ,altrimenti tutto questo fascino da dove scaturisce ,dalla bottiglia ?
    Ce l'avete presente un alcolista di quelli veri ?
    PINASO likes this.
    Prima di quotare scegli con cura le parole che userai .
     
  5. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline SeniorMessaggi 13,399 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #85

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Simpas Visualizza Messaggio
    Ok Fausto ma io intendevo più che altro la possibilità di capire la roba riguardante l'essere frustato e altre cose del suo carattere che l'utente non conosce o conosce poco e magari può aver idealizzato.
    Su questo hai ragionissima, infatti ha scritto "Ha carisma, a modo suo." che io interpreto in un tentativo estremo di idealizzazione. Alle donne serve costruire mentalmente. Poi ci prendono le fregature per colpa degli uomini. Basterebbe applicare il buon senso e rendersi conto che significa depresso-alcolizzato: significa che prima si deve curare, poi si deve riprendere professionalmente e poi si considera per una relazione.
    2020 . . . bi.sex.stile ... sex.stile ... stile ... bi bi ...
     
  6. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 3,041 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #86

    Predefinito

    @Fausto

    Tu credi che un 45enne frustrato dal fatto che non si può più permettere di fare la bella vita, si possa curare?
    Ammettendo che ha iniziato a fare lo scenografo a 25 anni, che professionista può essere uno che in 20 anni di lavoro non è riuscito a costruirsi la sua indipendenza, a prescindere dalla famiglia?
    Quello che voglio dire è che io penso che lui sia una persona profondamente immatura che ha dei grossi problemi che vanno al di la dell'alcolismo e della povertà.
    Povero lo è diventato perchè ha vissuto come una "cicala", alcolizzato lo è diventato per affogare la sua incapacità di crescere.
    Melite, Hurrem and Pitonessa like this.
     
  7. Ladyligheia84 Ladyligheia84 è offline PrincipianteMessaggi 124 Membro dal Aug 2019 #87

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pianoB Visualizza Messaggio
    Ma io mi domando se si tratta di un grado di alcolismo tenue ,perchè se comunque l'autrice del topic ne trova diverse cose piacevoli
    nel comportamento dev'essere per forza qualcosa che compromette ben poco la sua personalità ,altrimenti tutto questo fascino da dove scaturisce ,dalla bottiglia ?
    Ce l'avete presente un alcolista di quelli veri ?
    Intendi quelli "spacco bottiglia ammazzo famiglia"? No, non è il suo caso. Ma guarda che non necessariamente l'abuso di alcol ottunde completamente le capacità di ragionamento. Neppure l'abuso di stupefacenti, se è per questo. Chiedi a qualunque medico o operatore sanitario: c'è gente che sclera di brutto dopo una fumata d'erba, e gente che dopo vari tiri di coca si mantiene lucida, magari sovreccitata, ma non per forza violenta. Non è che ci siano trasformazioni tipo Dottor Jekyll-Mr.Hyde, la personalità di fondo non cambia. Certo, alcuni difetti, come l'irascibilità o, al contrario, l'apatia, possono aggravarsi.
     
  8. Ladyligheia84 Ladyligheia84 è offline PrincipianteMessaggi 124 Membro dal Aug 2019 #88

    Predefinito

    @ Trale Capisco che ragioni con i tuoi parametri, ma io ai figli non ci penso proprio, quindi un problema l'abbiamo eliminato Credo che se l'istinto materno ce l'hai, esce fuori a vent'anni, non a 35. Ho un fratello molto più grande di me che ha due figlie già adolescenti: da bambine, come zia, non le ho godute perché troppo piccola anch'io. Vorrà dire che, se loro avranno figli... sarò una simpatica pro-zia!!!
     
  9. Ladyligheia84 Ladyligheia84 è offline PrincipianteMessaggi 124 Membro dal Aug 2019 #89

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    Su questo hai ragionissima, infatti ha scritto "Ha carisma, a modo suo." che io interpreto in un tentativo estremo di idealizzazione. Alle donne serve costruire mentalmente. Poi ci prendono le fregature per colpa degli uomini. Basterebbe applicare il buon senso e rendersi conto che significa depresso-alcolizzato: significa che prima si deve curare, poi si deve riprendere professionalmente e poi si considera per una relazione.
    Boh... dire che qualcuno ha carisma non significa idealizzarlo, sai? Conosco varie persone che hanno carisma (intendo fascino, personalità, dialettica, fantasia, capacità di porsi al centro dell'attenzione in un gruppo senza esibizionismi, che è una cosa difficilissima), eppure in un rapporto sentimentale sarebbero insopportabili. La differenza tra come una persona è in se stessa e come è in un rapporto mi è chiara. Non mi sembra di avere le stelline negli occhi, né di mettere nessuno su un piedistallo.
    Melite likes this.
     
  10. Ladyligheia84 Ladyligheia84 è offline PrincipianteMessaggi 124 Membro dal Aug 2019 #90

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    Ma anche no, non deve entrare nella psiche di nessuno. Direi che tendenzialmente i problemi gravi vanno lasciati ai professionisti, non sono gestibili per sentimento. Penso che se non si capisce questo si continuerà a contare le morti delle donne.
    Depressione ed alcolismo conseguente non sono cosucce gestibili da volontarie improvvisate per sentimento.

    Se le piace molto e vuole fargli del bene, gli paga delle cure adeguate e si fa carico (economico) di riportarlo a livello adeguato nel lavoro, ma senza portarselo a casa od altro. A percorso completato vede se è il caso di iniziare una relazione.

    Volevo solo aggiungere che nel 2019 se si legge che una donna adulta di 35 anni si definisce giovane e in necessità di consigli, posso senza offendere la sua sensibilità femminile (du palle), farle presente che è una donna adulta che ha maturato un sufficiente livello di buon senso a 35 anni. Senza nessuna intenzione di offendere come non era mia intenzione nel mio precedente intervento.
    Poi se occorre dire che una donna di 35 anni è giovane e senza buon senso, lo dico, non mi costa nulla.
    Io sarò anche priva di buon senso (e anche vecchia, ok!), ma tanto buon senso nel tuo suggerimento di pagare la sua psicoterapia non ce lo vedo. Cosa sono io, il Servizio Sanitario Nazionale? Il massimo che potrei fare sarebbe indirizzarlo a uno psicologo della ASL di competenza.
    Sono invece d'accordo quando dici che i problemi gravi non sono gestibili col sentimento. Credo però che l'utente Simpas, quando dice "entrare nella sua psiche" non intenda che devo fare un lavoro di analisi, semplicemente conoscerlo meglio, capire le sue intenzioni, il suo modo di reagire in varie situazioni... insomma, vivere un po' questa persona, magari metterla anche un po' alla prova. Così come forse lui sta un po' mettendo alla prova me. Più o meno, è quello che facciamo tutti all'inizio di un rapporto, no?
    Melite and Simpas like this.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]