La donna che tradisce è..... - Pagina 45

Discussione iniziata da Spettrale il 15-10-2021 - 656 messaggi - 42489 Visite

Like Tree489Likes
  1. Luce2020 Luce2020 è offline JuniorMessaggi 2,207 Membro dal Feb 2021
    Località Roma
    #441

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da trale Visualizza Messaggio
    Vuoi dire che "porterebbe" alla separazione?
    Comunque non capisco perché usare la parola fallimento, una coppia che comunque ha dato la vita a dei figli ti pare poco?
    Il mio analista dice che l'amante è un po' come un oggetto di transizione da uno stato all'altro. Dice che è come il ciucciotto dato ai bambini che vengono svezzati. Ci cerchiamo un amante per distaccarci dal marito senza sentire il vuoto o comunque usiamo l'amante per consolarci della mancanza di affetto del marito così come il bambino si consola col ciuccio per la mancanza del seno.
    Mi sembra una analisi possibile.
    Probabilmente se te lo dice il tuo analista.
    Solo che dopo un po' il ciucco lo devi mollare.
    Non ho mai visto un bambino di 8-9 anni portarlo.
    Guarda caso alcuni bambini il ciucco non lo hanno mai voluto, succede. C'è chi ne ha bisogno e chi no.
    Minsc and ReiMemoria like this.


     
  2. Iote Iote è offline ApprendistaMessaggi 384 Membro dal Feb 2021
    Località Italia
    #442

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avatar64 Visualizza Messaggio
    Fausto,

    Erich Fromm ha scritto anche:

    “Solo colui che ha fede in se stesso *è in grado di essere fedele agli altri, lui solo può avere la certezza di essere per loro, in un tempo futuro, com’è oggi e che, di conseguenza, sentirà e agirà come ora sente e agisce.”
    (Erich Fromm)

    Per quanto concerne, invece, l’affermazione che il tradito non subisce alcun danno dal tradimento, vorrei ricordare anche a te, che almeno per le coppie sposate, i coniugi hanno sottoscritto un atto di matrimonio, nel quale tra i doveri dei coniugi sono riportati gli articoli 143, 144 e 147 del codice civile.

    Nella fattispecie, l’articolo 143 prevede:
    
“Diritti e doveri reciproci dei coniugi.
    Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri.
    Dal matrimonio deriva l'obbligo reciproco alla fedeltà, all'assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell'interesse della famiglia e alla coabitazione.
    Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia”.

    Sai a volte “repetita iuvant”, perché molti tendono a dimenticare, quello che hanno, si presume, liberamente sottoscritto.
    Pertanto, tradendo, il traditore, viola un dovere, che si era impegnato ad osservare ed il tradito perde l’esclusività sia fisica, sia spirituale.
    Ciò, costituisce chiaramente un danno per il tradito!

    Nondimeno, lo Stato, ancorché come tu scrivi, oggigiorno, abbia depenalizzato il reato d’infedeltà, ne tiene comunque in debito conto in sede civile nell’attribuzione dell’addebito nel procedimento di separazione coniugale.
    Certo, poi con i soliti cavilli giuridici italici diventa un’impresa dimostrare che la separazione coniugale è dovuta esclusivamente al tradimento.
    Però, a volte ci si riesce.

    Tuttavia, quello che veramente danneggia il tradito è la violenza psicologica, che subisce con il tradimento, della quale gli strascichi rimangono per anni, se non per sempre.
    Senza cercare lontano, ti basterebbe leggere qualche post, scritto da un tradito anche su questo forum, per vedere e comprendere gli effetti di essa sulla psiche del medesimo.

    La violenza psicologica, a volte, è peggiore di quella fisica, perché essa mina la fiducia in se stessi e nei rapporti con gli altri, oltreché cambiare per sempre l’animo ed il carattere, di chi l’ha subita!
    Inutile dire che sono pienamente d'accordo, comunque lo dico lo stesso
    Avatar64 and ReiMemoria like this.
     
  3. Etta87 Etta87 è offline BannedMessaggi 12,949 Membro dal Oct 2020
    Località Itaia
    #443

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ste1984 Visualizza Messaggio
    poi magari neanche lui sa tenere il pisello nelle mutande 😅
    Ma infatti. Mai fare l’errore di pensare che pure il partner non abbia un’amante.
     
  4. Melite Melite è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 12,529 Membro dal Oct 2017 #444

    Predefinito

    Non vedo l'utilità nel discutere sempre delle stesse cose, anche perché qui dentro c'è gente che proprio ammette di non avere il valore della fedeltà, quindi di leggere tutti i nostri pipponi giustamente si fa una pippa. Il discorso di trale è un po' diverso perché comunque lei alla fine una decisione l'ha presa, una scelta l'ha fatta. Il problema non è tanto l'essere andati con qualcun altro, ma tradire la fiducia del proprio compagno/a in maniera reiterata, il menefreghismo diciamo, il pensare che non sia tanto grave, che non si sta facendo qualcosa di male, o che sia lecito fare male agli altri pur di star bene sé stessi. Non si riesce nemmeno a capire la differenza fra la fedeltà e il tradimento come concetti e una situazione nel suo specifico, quindi vedete voi a cosa possono portare queste discussioni.
    Avatar64, Luce2020, Etta87 and 2 others like this.
    Ultima modifica di Melite; 24-10-2021 alle 11:06
     
  5. Iote Iote è offline ApprendistaMessaggi 384 Membro dal Feb 2021
    Località Italia
    #445

    Predefinito

    Ed é per quello che dice Avatar, che chi tradisce tende a nascondere il tradimento, oltre che per interesse personale. Anche perché sa benissimo che molto probabilmente creerebbe un trauma violento al proprio partner.Quando si tradisce e lo si nasconde, si sta facendo un gioco pericoloso, più che su se stessi sulla vita di un altro. Questo è quello che ritengo inaccettabile. C'è chi tradendo, addirittura glielo dice al partner con lo scopo di procurargli quella violenza.....
    Ultima modifica di Iote; 24-10-2021 alle 11:11
     
  6. Luce2020 Luce2020 è offline JuniorMessaggi 2,207 Membro dal Feb 2021
    Località Roma
    #446

    Predefinito

    La fiducia la danno solo all'amante mica al padre o alla madre dei loro figli.
    Minsc likes this.
     
  7. Melite Melite è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 12,529 Membro dal Oct 2017 #447

    Predefinito

    Comunque è vero che chi subisce un tradimento cambia per sempre. E' una grossa ferita che magari dopo un po' non sanguinerà più, ma della quale rimarrà per sempre la cicatrice.

    All'intelligentone che augurava a noi "moralizzatori" di subire un tradimento, o di tradire con conseguenti grossi sensi di colpa, vorrei dire che non sta parlando con ragazzini di quindici anni, ma con gente adulta che probabilmente nella vita ne ha già passate di cotte e di crude, e che quindi conosce già bene queste situazioni. La differenza fra noi e loro, è che proprio a fronte di queste esperienze nasce la capacità di discernimento. Evidentemente loro non sono riusciti ancora a discernere il bene dal male, e forse non ci riusciranno mai, magari perché hanno avuto la fortuna di non provare il grande dolore della pugnalata alle spalle, o del rimorso, o magari perché sono molto forti caratterialmente, o forse dovrei dire superbi più che forti. La forza è un'altra cosa, è una virtù che in pochi possiedono.
    Minsc likes this.
    Ultima modifica di Melite; 24-10-2021 alle 11:16
     
  8. Etta87 Etta87 è offline BannedMessaggi 12,949 Membro dal Oct 2020
    Località Itaia
    #448

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Luce2020 Visualizza Messaggio
    La fiducia la danno solo all'amante mica al padre o alla madre dei loro figli.
    In che senso Luce?
     
  9. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline MasterMessaggi 25,395 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #449

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avatar64 Visualizza Messaggio
    Fausto,

    Erich Fromm ha scritto anche:

    “Solo colui che ha fede in se stesso *è in grado di essere fedele agli altri, lui solo può avere la certezza di essere per loro, in un tempo futuro, com’è oggi e che, di conseguenza, sentirà e agirà come ora sente e agisce.”
    (Erich Fromm)
    ... e non solo ... se leggi "Anatomia della distruttività umana" resti folgorato! Poi devi passare assolutamente a "Psicoanalisi della società contemporanea" ... tutta "roba" che spiega perché gli ideali sono basati su una "logica ipocrita" ...

    ... ma devi tener presente che in quella citazione "fede" sta per "amore", prendersi cura di se cioè ciò che dico spesso. Chiunque non sviluppa la capacità di prendersi cura di se stesso in quanto essere umano con vizi e virtù, non può prendersi cura degli altri esseri umani riconoscendoli nei vizi e nelle virtù. Nel momento in cui hai "fede" in te stesso nonostante gli evidenti "vizi", sei consapevole (concetto a te caro) delle tue virtù che non sono quelle ideali ed astratte, sono le virtù reali e sempre soggette ai limiti umani.

    Quello che sfugge ai "fedeli" che hanno bisogno di divulgare per "confermarsi", è che l'ideale in quanto tale è ideale e non reale. Volerlo calare nel reale può significare cavalcare l'ipocrisia per interessi privati come fanno di norma i religiosi oppure fare proselitismo per dimostrare l'indimostrabile. Non è che avrai più fede in te se ti batti per un ideale, Fromm dice che per avere fede in te stesso e negli altri devi vivere te stesso e gli altri. Lascia perdere l'astrazione dell'ideale che in quanto astratto è perfetto e consapevolmente abbi fede nella tua essenza umana, reale e non perfetta. La fede nella tua essenza umana ti rende capace di essere fedele all'essenza umana degli altri.
    Come si capisce dalla citazione di Fromm, l'essere è certo nella sua umanità consapevole e non in un ideale.

    Paradossalmente, sono gli adulteri ad avere più fede in loro stessi e negli altri, proprio perché vivono cioè sentono ed agiscono secondo la loro natura umana.
    ... another perspective ...
     
  10. trale trale è offline Super SeniorMessaggi 15,331 Membro dal Feb 2015 #450

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Luce2020 Visualizza Messaggio
    Probabilmente se te lo dice il tuo analista. Solo che dopo un po' il ciucco lo devi mollare. Non ho mai visto un bambino di 8-9 anni portarlo. Guarda caso alcuni bambini il ciucco non lo hanno mai voluto, succede. C'è chi ne ha bisogno e chi no.
    Sì è quello che ho pensato anche io anche se è una interpretazione possibile, ma non è detto sia così per tutti. Tutto sta a capire cosa si vuole veramente e perché si sta dentro ad una storia che ci provoca sofferenza.Qui ognuno ha la sua storia e le sue motivazioni. Io peraltro non ho mai preso il ciuccio da bambina stando a ciò che mi racconta mia mamma.Sto facendo un viaggio attraverso me stessa e sicuramente arriverò da qualche parte. Non ho provocato violenza psicologica in mio marito, certo non gli ha fatto piacere ma ha reagito esattamente come mi aspettavo. Una cosa per me è positiva: non devo più sostenere la parte della donna, moglie, madre, lavoratrice perfetta. Sono umana anche ai suoi occhi, ho le mie debezze, mi sono potuta liberare in un certo senso.Ma ognuno ha la sua storia ed è interessante leggere le debolezze anche degli altri. Ad esempio il terrore del tradimento, la paura di perdere il possesso e l'esclusività di una persona, sentimenti che ho provato anche io, sono più che altro sintomi di insicurezza personale a mio parere. Credo che anche voi che scrivete contro l'infedeltà dovete esorcizzare le vostre paure e lo comprendo benissimo ma prima o poi darete la giusta importanza alla cosa.
    Sara111 likes this.