Le donne che si lamentano di non trovare uomini - Pagina 24

Discussione iniziata da francesco983 il 19-11-2020 - 495 messaggi - 19363 Visite

Like Tree660Likes
  1. BenShapiro BenShapiro è offline BannedMessaggi 297 Membro dal May 2020 #231

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hafsa Visualizza Messaggio
    Europa dell'est?
    Guarda che non ho mai parlato di Europa dell'est.
    Quella del soldato è ancora una professione in cui si rischia la morte, questo cercavo di farti inutilmente capire.
    A chi dovevano chiederlo di andare a combattere? Ai gerarchi fascisti?
    Ai governati che pensavano neanche in fabbrica una donna potesse rendere come un uomo (e infatti venivano pagate meno)?
    La chiudo qua che mi sento troppo stupida a parlare dell'ovvio.

    Per quanto riguarda i roghi, basta studiare un po' di storia.
    La maggioranza di donne soldato che muore al fronte orientale è originaria di Afghanistan, Siria, ecc.
    Soldatesse occidentali ce ne sono una sparuta minoranza e in ogni caso, a differenza del passato, oggi chi va al fronte lo fa volontariamente e riceve un compenso maggiorato. Quando muore è quasi sempre per attentati più che per vere e proprie battaglie. Ben diverso che essere sottoposti a leva obbligatoria e obbligati a caricare a piedi sotto il fuoco delle mitragliatrici.

    La società patriarcale c'era anche nel dopoguerra, ma ciò non ha fermato le richieste di diritti da parte delle donne. Perciò si sarebbe potuto fare anche prima. E la stessa cosa è successa in paesi occidentali che non avevano regimi totalitari e gerarchi. Guarda caso le uniche donne soldato della seconda guerra mondiale erano i cecchini russi.

    Se poi vogliamo finire alla caccia alle streghe pur di lamentarci di qualcosa, allora ok. Il prossimo sarà un cristiano che si lamenta perché i romani lo mandavano a morire al colosseo.
    francesco983 likes this.


     
  2. BenShapiro BenShapiro è offline BannedMessaggi 297 Membro dal May 2020 #232

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Melite Visualizza Messaggio
    Ma il lavoro in generale non è elemento di attrazione. E' elemento di interesse nel senso più materiale del termine, ma non è che una donna si innamora di te perché fai l'imprenditore, al limite verrà con te per ottenere vantaggi materiali.
    La posizione sociale suscita attrazione, al di là dei possibili ritorni materiali. E' un'evoluzione dell'istinto femminile di cercare un partner che possa offrire benessere e protezione alla prole.
    Gigetta89 likes this.
     
  3. L'avatar di maxpayne

    maxpayne maxpayne è offline FriendMessaggi 3,130 Membro dal Jan 2017 #233

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da BenShapiro Visualizza Messaggio
    Mi autoquoto dall'altro topic:
    Esattamente
    Fingete che qui ci sia una bestemmia
     
  4. L'avatar di maxpayne

    maxpayne maxpayne è offline FriendMessaggi 3,130 Membro dal Jan 2017 #234

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da IsoldaCoeurDAnge Visualizza Messaggio
    Appunto io quel tipo di uomo ammiro,capace e coraggioso.
    Come si può amare una persona se non l'ammiri per quello che è, per quello che fa,se non ha degli ideali e sogni alti,se non rischia mai niente?
    Eh già, però in quegli anni che a te tanto mancano, le donne non avevano diritti, stavano zitte, sottomesse e in cucina
    Fingete che qui ci sia una bestemmia
     
  5. L'avatar di maxpayne

    maxpayne maxpayne è offline FriendMessaggi 3,130 Membro dal Jan 2017 #235

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Firecatcher Visualizza Messaggio
    Ma non è una novità. Gli uomini che non si arruolavano venivano pubblicamente umiliati dalle suffragette tramite la pratica della penna bianca. Così come oggi chi lavora nelle FFOO (o fa il criminale) è sempre di attrattiva per le donne, perchè risveglia l'istinto primordiale del cacciatore/protettore. Purtroppo il sessismo ad un certo punto fa parte del DNA e non lo puoi sradicare. Puoi aggirarlo con i sentimenti e con la chimica, che è quello a cui puntano i normaloidi appunto, ma si fa una gran fatica XD
    Il fatto che siano attratti dai criminali è un qualcosa di uno schifo incalcolabile
    Fingete che qui ci sia una bestemmia
     
  6. L'avatar di Maggiolo

    Maggiolo Maggiolo è offline FriendMessaggi 3,456 Membro dal Feb 2013
    Località Milano
    #236

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da BenShapiro Visualizza Messaggio
    Tu vivi nel mondo delle favole.
    Dici? Guarda che se certe cose riguardo la guerra 14/18 posso averle lette solo nei libri, con reduci della guerra 193 - 45 ho avuto modo di parlarci; adesso sono passati a miglior vita, ma ci ho parlato, e a lungo.

    Riguardo alle condizioni in agricoltura, anche qui, di persone che hanno iniziato a fare gli agricoltori poco prima che iniziasse la guerra o in tempo di guerra ne ho conosciute, e ne ho conosciute nel primo caso e ne conosco nel secondo.
     
  7. L'avatar di Maggiolo

    Maggiolo Maggiolo è offline FriendMessaggi 3,456 Membro dal Feb 2013
    Località Milano
    #237

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da francesco983 Visualizza Messaggio
    Ma la storia delle vecchie generazioni sinceramente fa ancora piu' ridere.
    Questa cosa di voler vedere il vecchio come migliore in assoluto.
    Il reputare "eroi" dei poveri disgraziati che andavano a farsi sparare sotto gli ordini di un generale incapace.
    Il sovrastimare il valore del lavoro fisico di una volta.
    O ancora ritenere una generazione passata così migliore della successiva.

    Intanto semplicemente molte cose si adeguano ai tempi, e questo vale per uomini e donne.
    Oggi fare un lavoro prettamente fisico non ha alcun "pro" e te lo dice una persona che per alcuni anni lo ha fatto. E tornando indietro è un esperienza che non rifarebbe mai, ma non perchè è massacrante, ma perchè per la realtà di oggi è assolutamente inutile. E' molto meglio, piu' remunerativo, ed anche apprezzato dalle donne (ehm) fare un lavoro ad elevato valore aggiunto, dove con poca fatica guadagni tanto. La realtà è che quello che si spacca la schiena, quello che fa i "sacrifici" le donne non lo calcolano mica. Forse apprezzano "l'idea" ma non la realtà.

    A me fa ridere quando si inneggia all'uomo di una volta e le sue assolute qualità, ma non perchè non ne avesse, ma perchè nella realtà dei fatti molte qui hanno un ideale del tutto di fantasia di questo fantomatico uomo di una volta.
    Che poi davvero, se parliamo di uomini nati 120 anni fa, quelli che si sono sorbiti guerre, e fame... ed almeno in teoria posso pure capirlo. Ma l'uomo che oggi ha 50 o anche 60 anni, ma onestamente che sacrifici ha fatto che in misura non tanto diversa non si fanno anche oggi?
    Guardate che questi uomini bamboccioni che non fanno nulla da mattina a sera (isolda style) stanno quasi sempre nella vostra fantasia, la maggior parte delle persone la mattina si sveglia e va a lavorare... con molte piu' incertezze e meno sicurezze di quanto successo ai loro padri.
    Tutto il resto l'ho già spiegato una volta e non mi metto certo a ripeterlo. Chi ha voluto comprendere ha subito compreso (Melite).

    A me invece fanno ridere tutte queste persone che vivono di social, che i problemi se li creano loro e quando la vita li mette di fronte a un problema vero, capitolano subito e si mettono a piangere (o a riversare tonnellate di messaggi su questo Forum ma alla fine.... udite udite, rimangono della loro idea di partenza).
    E mi fa ridere anche che in un giorno un topic di questo forum cresca di dieci pagine dove una buona metà degli utenti si danno addosso l'uno con l'altro; non c'è che dire, son soddisfazioni.

    Su una cosa invece ti do ragione; molti cinquantenni e sessantenni di oggi sono comunque nati in un periodo di benessere, hanno vissuto il 68 e magari hanno aderito alla contestazione (faceva figo...), hanno beneficiato del 6 politico e magari anche della laurea politica, sono cresciuti credendo che "tutto gli fosse dovuto" e nel loro caso, non a torto; hanno avuto il "posto fisso" goduto di stipendi che un giovane di oggi vede con il cannochiale, ma ora, anche loro si ammazzano di social.. e per loro trovarsi tolta un'amicizia su F.B. è un vero dramma:
     
  8. L'avatar di maxpayne

    maxpayne maxpayne è offline FriendMessaggi 3,130 Membro dal Jan 2017 #238

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da IsoldaCoeurDAnge Visualizza Messaggio
    No no,il mio uomo ideale è il Massimo del gladiatore😉😉,ma non come muscoli,ma come coraggio e bravura.Pero mi posso accontentare pure di un uomo moderno molto independente che ha lavorato,studiato,che sa cosa è il sacrificio e l'amore,che ha certi valori in cui io credo e ancora applico.Non chiedo mica la luna,anche io so essere donna di altri tempi,quindi chiedo lo stesso!Se io faccio il mio ruolo di donna che lui faccia quello di uomo!
    Dovresti specificare quali "tempi", perchè per l'uomo che vorresti tu, l'equivalente femminile è una femmina zitta, sottomessa, che venera il marito
    Fingete che qui ci sia una bestemmia
     
  9. L'avatar di Maggiolo

    Maggiolo Maggiolo è offline FriendMessaggi 3,456 Membro dal Feb 2013
    Località Milano
    #239

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da BenShapiro Visualizza Messaggio
    Ahahah sta a vedere che ora bisogna morire in guerra per essere "veri uomini". Quelli che morivano in guerra erano pedine sacrificabili alle quali veniva promessa gloria vana in cambio della disponibilità a morire per gli interessi del paese d'origine.
    No, grazie.
    Certo certo, perchè secondo te erano tutti volontari?

    Ma se da quando se la coscrizione obbligatoria è stata introdotta da Napoleone Bonaparte.

    Nella guerra 1914/18 la gran maggioranza erano precettati, non avevano alternative.

    Poi sono io che vivo nel mondo delle favole.

    Certo, certo. Come no..
     
  10. L'avatar di francesco983

    francesco983 francesco983 è offline FriendMessaggi 2,787 Membro dal Oct 2019
    Località Italia
    #240

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maggiolo Visualizza Messaggio
    Tutto il resto l'ho già spiegato una volta e non mi metto certo a ripeterlo. Chi ha voluto comprendere ha subito compreso (Melite).

    A me invece fanno ridere tutte queste persone che vivono di social, che i problemi se li creano loro e quando la vita li mette di fronte a un problema vero, capitolano subito e si mettono a piangere (o a riversare tonnellate di messaggi su questo Forum ma alla fine.... udite udite, rimangono della loro idea di partenza).
    E mi fa ridere anche che in un giorno un topic di questo forum cresca di dieci pagine dove una buona metà degli utenti si danno addosso l'uno con l'altro; non c'è che dire, son soddisfazioni.

    Su una cosa invece ti do ragione; molti cinquantenni e sessantenni di oggi sono comunque nati in un periodo di benessere, hanno vissuto il 68 e magari hanno aderito alla contestazione (faceva figo...), hanno beneficiato del 6 politico e magari anche della laurea politica, sono cresciuti credendo che "tutto gli fosse dovuto" e nel loro caso, non a torto; hanno avuto il "posto fisso" goduto di stipendi che un giovane di oggi vede con il cannochiale, ma ora, anche loro si ammazzano di social.. e per loro trovarsi tolta un'amicizia su F.B. è un vero dramma:
    Ma che vuol dire vivere di social?
    Oggi i social esistono è un dato di fatto e vengono usati da quasi tutti, di entrambi i sessi e da persone di varia generazione.
    Non sono di certo la fogna dove vivono solo gli uomini 30 enni.

    Capiamoci, sono gli uomini 30 enni ad essere dei rammolliti, o tutte le persone di entrambi i sessi che vivono oggi ad essere piu' rammolliti di chi ha vissuto 100 anni fa.

    Perchè sono 2 affermazioni ben diverse.

    Secondo me semplicemente gli uomini e le donne di oggi vivono la loro epoca, con vantaggi e problemi che non c'erano negli anni 20 del secolo scorso e non c'erano negli anni 60/70.

    Facciamo sicuramente una vita fisicamente meno impegnativa degli uomini e delle donne nati nel 900, ma come dici tu stesso, al di la di alcune differenze opinabili, la nostra vita non è affatto piu' semplice di chi è nato 20 anni prima di noi.
    Eppure al di la della diatriba uomo/donna, è un discorso che sento spesso. ti faccio un esempio completamente diverso. Nel mio settore lavorativo, i professionisti che oggi hanno 60 anni, dicono che al loro tempo, con le attrezzature del tempo era piu' difficile lavorare.
    E fin qui è vero.
    Fanno poi un collegamento, per dire che loro erano molto piu' bravi, e noi che invece lavoriamo oggi siamo delle mezze seghe.
    Ma è un parallelo ridicolo, perchè oggi è vero che abbiamo attrezzature e tecnologie molto superiori, ma allo stesso tempo, il livello del lavoro che dobbiamo produrre per qualità e volume è IMMENSAMENTE superiore.
    Abbiamo anche una concorrenza molto piu' spietata e variegata. E' semplicemente una condizione diversa, non piu' facile.