Essere mammoni

Discussione iniziata da Eva_8317 il 05-07-2021 - 22 messaggi - 1014 Visite

Like Tree2Likes
  1. Eva_8317 Eva_8317 è offline ApprendistaMessaggi 204 Membro dal Jun 2021 #1

    Predefinito Essere mammoni

    Nel mio caso " papponi" come dico sempre io.Mio padre è tutta la mia vita, la persona che più mi è mancata nell'età dell'infanzia e dell'adolescenza, con lui ho un rapporto speciale, sia come padre e figlia, ma anche come amici. Condividiamo molte cose insieme, ci capiamo solo guardandoci negli occhi. Spesso gli dico " spero di venire a mancare prima io, perché so che il giorno che lui non ci sarà più non avrò più la forza per vivere. Lo amo follemente, è un padre meraviglioso e per lui darei la mia stessa vita. Sono estremamente gelosa del nostro rapporto ed estremamente protettiva verso di lui. Ho rinunciato di trasferirmi lontana da casa per stargli sempre vicino, se lui sta male lo percepisco a km di distanza e quando non c"è , mi sento persa. Mi hanno sempre giudicata malissimo per il rapporto che ho con lui, perché una donna superata una certa età dovrebbe staccarsi da questo "cordone ombelicale", ma io proprio non ci riesco. Sono una donna indipendente, non sono di certo quella che non vive , non viaggia o non fa le sue scelte di vita se non ha papino con sè, però a livello emotivo non riesco proprio a staccarmi dall'amore che provo per lui. A volte cado davvero in uno stato di sconforto totale se mai lui dovesse venire a mancare, e più passano gli anni e lui invecchia,e più vivo col terrore di perderlo da un momento all'altro, anche per questo motivo cerco di vivermi più momenti possibili accanto a lui.Non so se qualcuno può capirmi o giudicarmi per questo, ma ho avuto una vita davvero difficile da quando sono nata e lui è l'unica persona che mi ha sempre sostenuta , aiutata e amata per ciò che sono. D'altra parte penso che questo rapporto che ho con lui, pregiudichi un po' tutta la mia vita ... mi fa sentire sempre come se da una parte non riuscissi a fare abbastanza per renderlo fiero di me e dall'altra come se mi limitasse a spiccare il volo lontana da lui.Oltre al fatto che vengo sempre presa per il **** da moltissime persone che ovviamente mi danno della " mammona".


     
  2. L'avatar di Avatar64

    Avatar64 Avatar64 è offline JuniorMessaggi 2,027 Membro dal Jun 2021
    Località Italia
    #2

    Predefinito

    Non ho capito la domanda, mi sembra un bel racconto di amore filiale nei confronti di un genitore.
    Io non lo sono mai stato mammone, sono andato via dalla casa familiare, che avevo meno di 16 anni, quindi pur provando molto affetto verso via madre, ho seguito la mia strada senza rimpianti.
    “Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui”(Ezra Pound)
     
  3. Eva_8317 Eva_8317 è offline ApprendistaMessaggi 204 Membro dal Jun 2021 #3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Avatar64 Visualizza Messaggio
    Non ho capito la domanda, mi sembra un bel racconto di amore filiale nei confronti di un genitore.
    Io non lo sono mai stato mammone, sono andato via dalla casa familiare, che avevo meno di 16 anni, quindi pur provando molto affetto verso via madre, ho seguito la mia strada senza rimpianti.
    Mi dimentico sempre di porre la domanda 🤣
    Se qualcuno c'è passato forse riesce a darmi qualche consiglio per arginare questi miei stati di ansia o che magari possa spiegarmi come ci si può staccare un po' da questi pensieri.
    È come se fossi sempre combattuta.
    Razionalmente so bene che posso condurre la mia vita anche lontano da lui, mi ha sempre cresciuta come una donna che sa cavarsela anche da sola, d'altra parte, la mia parte emotiva, sta male al pensiero di lasciarlo, di non essere magari vicina a lui se mai avesse bisogno di me
     
  4. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline FriendMessaggi 3,980 Membro dal Nov 2019 #4

    Predefinito

    Ecco perché ti attraggono i pupetti! Perché l'uomo, il vero uomo alfa, c'è già nella tua vita e un altro "pari grado" sarebbe conflittuale 🕵🏻
    Ma quanti anni ha il papino?
    Quando sarò vecchio mi pentirò dei miei peccati... non commessi
     
  5. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 11,278 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #5

    Predefinito

    Essere legati ai genitori è normale , un po' meno se ecco è qualcosa di esagerato. Sicuramente la tua infanzia e adolescenza ha avuto un impatto. Però dici di essere indipendente, hai la tua vita, relazioni , hobby e vivi in una casa tutta tua. Non ti definirei pappona
    Gli Dei immortali, di solito, quando vogliono castigare qualcuno per le sue colpe, gli concedono, ogni tanto, maggior fortuna e un certo periodo di impunità, perché abbia a dolersi ancor di più, quando la sorte cambia.
     
  6. Eva_8317 Eva_8317 è offline ApprendistaMessaggi 204 Membro dal Jun 2021 #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Soldatojoker Visualizza Messaggio
    Ecco perché ti attraggono i pupetti! Perché l'uomo, il vero uomo alfa, c'è già nella tua vita e un altro "pari grado" sarebbe conflittuale 🕵🏻
    Ma quanti anni ha il papino?
    Non lo vedrei per nulla conflittuale, ma poi conflittuale per chi?🤔
    Mio padre ha superato i 60...
     
  7. Eva_8317 Eva_8317 è offline ApprendistaMessaggi 204 Membro dal Jun 2021 #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Essere legati ai genitori è normale , un po' meno se ecco è qualcosa di esagerato. Sicuramente la tua infanzia e adolescenza ha avuto un impatto. Però dici di essere indipendente, hai la tua vita, relazioni , hobby e vivi in una casa tutta tua. Non ti definirei pappona
    Non ho problemi su quello, avendo avuto sempre un carattere un po' ribelle, ho sempre fatto le mie scelte di vita e lui non mi ha mai ostacolata o altro. È proprio la parte emotiva che sento profondamente legata a lui.,quando invece vedo che tante mie amiche non sono così, legate si, ma non passano così tanto tempo con la propria famiglia o stanno lì a preoccuparsi più di tanto.
     
  8. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 11,278 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #8

    Predefinito

    Per voler bene ai propri genitori non serve la frequenza, voglio dire non è la frequenza a fare la differenza. Non necessariamente bisogna essere attaccati. Hai la tua vita e quella del tuo futuro partner , va bene essere legati molto ai propri genitori ma ci sono priorità e una di queste è la tua vita stessa e della tua relazione che hai/avrai. Se diventa qualcosa di troppo attaccato rischi di mettere il resto in secondo piano e questo condizionerà la tua vita in maniera pesante. Senza considerare che 100 anni di salute quando lui non ci sarà più il dolore per te sarà moltiplicato e rischi una brutta depressione. Dovresti un po' staccarti per il bene di tutti. Dubito che tuo padre stesso voglia questo. Non dimenticare che esiste anche tua madre
    Gli Dei immortali, di solito, quando vogliono castigare qualcuno per le sue colpe, gli concedono, ogni tanto, maggior fortuna e un certo periodo di impunità, perché abbia a dolersi ancor di più, quando la sorte cambia.
     
  9. Eva_8317 Eva_8317 è offline ApprendistaMessaggi 204 Membro dal Jun 2021 #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    Per voler bene ai propri genitori non serve la frequenza, voglio dire non è la frequenza a fare la differenza. Non necessariamente bisogna essere attaccati. Hai la tua vita e quella del tuo futuro partner , va bene essere legati molto ai propri genitori ma ci sono priorità e una di queste è la tua vita stessa e della tua relazione che hai/avrai. Se diventa qualcosa di troppo attaccato rischi di mettere il resto in secondo piano e questo condizionerà la tua vita in maniera pesante. Senza considerare che 100 anni di salute quando lui non ci sarà più il dolore per te sarà moltiplicato e rischi una brutta depressione. Dovresti un po' staccarti per il bene di tutti. Dubito che tuo padre stesso voglia questo. Non dimenticare che esiste anche tua madre
    Lo so , ma i genitori non sono eterni e io non ho avuto la fortuna di potermi godere il rapporto con lui quando ero piccola, quindi crescendo ho sempre sentito il bisogno di recuperare il tempo perduto. Poi nei miei rapporti, la figura di mio padre non è mai stato un problema, non è un padre invadente, anzi, e i miei partner non si sono mai sentiti, diciamo " minacciati" dalla sua figura o dalla sua presenza.Sono io ad essere molto premurosa nei suoi confronti, forse perché vivo col terrore di perderlo..Forse perché ho già perso troppe persone per me importanti e non posso perdere anche lui , è qualcosa che emotivamente non riesco ad accettare e sono certa al 1000 per mille che rischio più che una depressione quando lui non ci sarà più..Con mia madre non ho un gran rapporto... le voglio bene certo, ma non mi sento così legata a lei.
     
  10. L'avatar di Avatar64

    Avatar64 Avatar64 è offline JuniorMessaggi 2,027 Membro dal Jun 2021
    Località Italia
    #10

    Predefinito

    La morte fa parte del ciclo della vita ed è anche l’unica certezza, che un essere umano ha del futuro, perché presto o tardi essa arriva.
    Non si può vivere con l’ansia della morte, piuttosto bisogna vivere godendosi (non intendo solo le bombate) ogni istante ed ogni esperienza.
    “Se un uomo non è disposto a lottare per le sue idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale nulla lui”(Ezra Pound)