Essere vivi, ma sostanzialmente morti dentro - Pagina 2

Discussione iniziata da Antasia il 27-09-2020 - 28 messaggi - 1034 Visite

Like Tree26Likes
  1. L'avatar di Haydee

    Haydee Haydee è offline FriendMessaggi 4,090 Membro dal Apr 2016
    Località .
    #11

    Predefinito

    Sono viva fuori e dentro, tanto
    non ti puoi opporre al corso della vita. È un ciclo. Lo accetto e vivo bene.
    Sono così, io mi adatto.

    Ma talvolta provo fastidio per delle piccolezze.
    Fastidio quando imbocco quella strada secondaria, fastidio quando vedo un certo cibo, fastidio quando mi parlano dell'Inter, fastidio se penso all'età del mio gatto.
    Ed è sciocco provare fastidio per delle piccolezze.
    Solarz and Soldatojoker like this.


     
  2. L'avatar di thefranco

    thefranco thefranco è offline MasterMessaggi 40,261 Membro dal Aug 2009 #12

    Predefinito

    Brutta storia...ci ho impiegato anni per uscirne.....
    io non ho detto che l'anziantià giustifica perchè allora the sarebbe un killer qua dentro e aji peggio...
    sandy......09-03-2013......che data da spavento.....
     
  3. L'avatar di bigcrazy

    bigcrazy bigcrazy è offline ApprendistaMessaggi 355 Membro dal Aug 2014 #13

    Predefinito

    Sono vivo e NON sono morto dentro, ma mi rendo conto che un tempo ero diverso, più spensierato, più allegro.
    Fino ai 25 anni ero un tipo divertentissimo, vivevo facendo un sacco di imitazioni a scuola o tra gli amici, battute ecc...

    Poi con l'avanzare dell'età sono cambiato fino ad alcuni anni fa dove ho vissuto il periodo più brutto della mia vita e questo mi ha portato a scoprire dei lati in me che non avrei mai immaginato.

    Ne sono uscito, non senza fatica e da solo, e questo mi ha dato maggiore consapevolezza di me stesso, maggiore profondità interiore... però mi rendo conto che quel bigcrazy tanto spensierato e allegro appartiene al passato.

    Se da un lato tutto ciò è normale, nel senso che con l'età si diventa più "seri" e adulti, però io credo di capire cosa intende l'autrice del thread...
     
  4. rob221 rob221 è offline Super ApprendistaMessaggi 850 Membro dal Jun 2020 #14

    Predefinito

    Mi sento come te.
    Esistono dei fatti che, semplicemente, dividono la vita a metà. Sopravvivi, vai avanti, ma non sarai mai più la persona che eri. E a volte non sai neppure in che direzione andare.
     
  5. L'avatar di Antasia

    Antasia Antasia è offline Super ApprendistaMessaggi 529 Membro dal Sep 2020 #15

    Predefinito

    @Hannibal
    La speranza va e viene.
    E' brutto a volte sentire che si sta vivendo come in uno stato di apnea
    "Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo."

    "Non posso farci nulla: l'idea dell'infinito mi tormenta."
     
  6. L'avatar di Hannibal__Lecter

    Hannibal__Lecter Hannibal__Lecter è offline JuniorMessaggi 1,992 Membro dal Aug 2020 #16

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Antasia Visualizza Messaggio
    @Hannibal
    La speranza va e viene.
    E' brutto a volte sentire che si sta vivendo come in uno stato di apnea
    Sì, è brutto, bruttissimo, hai ragione.
    Non so dirti niente che ti possa aiutare: quando si tratta di questioni di questo genere (non cose tipo "lei/lui mi ha lasciato/a e mi ha cancellato da Instagram", per dire..), le parole servono a poco.
    Ripeto: solo il Tempo può fare qualcosa, niente e nessun altro.
    rob221 and Antasia like this.


    "​Vorrei che potessimo parlare più a lungo, ma sto per avere un vecchio amico per cena"
     
  7. ipazia73 ipazia73 è offline Super ApprendistaMessaggi 569 Membro dal Jun 2012 #17

    Predefinito

    Conosco molto bene quella sensazione...
    Dopo un evento che ti spezza in due.
    Senti che non sarai mai più la stessa... Se ne accorgevano pure gli altri che mi dicevano... Non sei più la stessa, eri luminosa, ora sei spenta.
    In compenso sono diventata più 'umana'... Meno giudicante, meno pronta a condannare il prossimo
    thefranco likes this.
     
  8. L'avatar di Antasia

    Antasia Antasia è offline Super ApprendistaMessaggi 529 Membro dal Sep 2020 #18

    Predefinito

    @Ipazia
    Guarda..io purtroppo il “lato positivo” della faccenda non lo vedo. Non so nemmeno se ci sia una ragione imperscrutabile
    Hannibal__Lecter likes this.
    "Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo."

    "Non posso farci nulla: l'idea dell'infinito mi tormenta."
     
  9. Solarz Solarz è offline JuniorMessaggi 1,758 Membro dal Mar 2013 #19

    Predefinito

    Ciao, io credo che col tempo il malessere delle persone stia crescendo e stia arrivando ad essere un malessere collettivo.
    La nostra società, così come la sua politica, la sua morale, stili di vita, gli "standard" e tutto ciò che ne fa parte, non sta andando proprio bene. questo si va a sommare alle proprie esperienze personali e quando ti accorgi che gli amici sono pochi, i serpenti sono anche in famiglia, il 90% della gente se ne frega del prossimo, trovo non normale ma logico che questi vadano a sconfinare in depressione, ansia, sconforto ecc. ecc.
    La cultura del materialismo, le divisoni su questioni fondamentali(sesso, età, religione, credo politico, filosofie di vita, cibo ecc.), l'indottrinamento della TV, l'utilizzo degli smartphone, i veleni nel cibo e nell'aria, il terrorismo mediatico, sono tutte cose che stanno portando le persone ad essere estremamente individualiste, vuote ed ipocrite. abbiamo perso la connessione con il senso del tempo, non riusciamo ad afferrare il passato e viviamo un presente che non riusciamo mai a comprendere perchè in evoluzione troppo rapidamente di quanto ci sia necessario.
    Immaginiamo il peso di queste cose se già ognuno ha le proprie disgrazie personali.
    Io penso che non devi riprogrammare in toto la tua vita. bisogna mantenere i sogni e le emozioni del passato, così come gli affetti per i vivi e per i morti, vivendo in maniera tale che il tuo corpo sia sano e che tu abbia tra le tue conoscenze solo persone le quali non ti giudicheranno negativamente solo per aver seguito il tuo percorso personale. quando vedi che vivendo in un certo modo, staccandoti dalle imposizioni di queste società, solo poche persone ti seguiranno...ne capirai anche la qualità...ed allora puoi sentirti in diritto di pensare con la tua testa e portare a termine ciò che hai lasciato indietro o ciò che ti vuoi creare.
    Chiediti se oggi stai vivendo nel contesto giusto, con le persone giuste, con gli amici giusti, sport, lavoro, salute...cosa senti che ti manca di piu'?
    Abbraccio.
    Ultima modifica di Solarz; 28-09-2020 alle 12:23
     
  10. L'avatar di flair

    flair flair è offline FriendMessaggi 3,200 Membro dal Jul 2015
    Località Ruttalia - Flairburg
    #20

    Predefinito

    Per quel che mi riguarda, per quanto possibile, cerco di mantenere separati i diversi ambiti della mia vita in modo che influiscano il meno possibile gli uni con gli altri.
    Non sempre è possibile e qualcosa va sempre da una parte o dall'altra e se ciò che "trasborda" è qualcosa di bello, lascio che avvolga tutto nella mia vita, ma quando si tratta di un problema faccio in modo che venga circoscritto e risolto prima che diventi incontrollabile.
    Un'altra cosa che mi "impongo" di fare è quella di mantenere la "giusta distanza" che mi permette di guardare la situazione dalle diverse angolature e definire esattamente quale sia la parte che mi compete, sia direttamente che indirettamente, in quanto spesso e volentieri mi sovraccarico dei problemi altrui.

    Il momento in cui si "rompe qualcosa" dentro di me, invece lo vivo come una liberazione. E' come se finalmente diventasse tutto più chiaro, come quando si entra in una stanza buia e poi si accende la luce, in quel momento mi sento finalmente libera, è come se facessi uno passo in avanti rispetto la mia visione della vita e di ciò che mi circonda.
    Solarz and Gershwin like this.