Il futuro della nostra Cultura

Discussione iniziata da orione il 07-07-2020 - 2 messaggi - 243 Visite

  1. L'avatar di orione

    orione orione è offline MasterMessaggi 27,962 Membro dal Jan 2008
    Località Saluzzo
    #1

    Predefinito Il futuro della nostra Cultura

    Un pensiero, che vuol essere comunicazione di un dubbio di chi scrive, confrontando ciò che leggerete con il Vostro parere.
    Io sono, ovviamente, fruitore delle tecnologie che abbiamo a disposizione, pc, cellulare ecc e non rinnego la validità di questi “sistemi di comunicazione”.
    Mi chiedo.
    Noi, attraverso la scrittura sui libri o su stele di pietra, abbiamo il ricordo storico e la conoscenza di antiche civiltà, della loro cultura, del proprio vivere. Sono “strumenti” che mantengono il loro “messaggio” se non in eterno, per lungo tempo e tutto ciò viene messo a disposizione di tante e tante generazioni che possono “nutrirsi” dei pensieri proposti e, grazie a questa “alimentazione”, elaborare concetti più ampi, che permettono nuove conoscenze: pensate a tutte le discipline scientifiche quale strada hanno percorso . Allo stesso modo il “pensiero” che ha portato ad una Società multiforme.
    Non molto tempo addietro si usava il floppy disk, poi la chiavetta, poi i cd ecc per comunicare ed elaborare conoscenze.
    Oggi se hai qualcosa riportato su un floppy, difficilmente riesci ad avere il significato di quanto esso contiene, perché i pc non hanno più il lettore apposito.
    Continuando a riportare le nostre conoscenze sui supporti informatici, entra quanto tempo le nostre “radici” culturali, non saranno più di dominio pubblico. Oggi, basta un guasto al sistema elettrico e non sappiamo più come comunicare, per non parlare di tutti i disagi legati ai trasporti ecc.
    Sia chiaro che non voglio rinunciare a quanto sopra, ma riusciremo ad avere un archivio delle nostre conoscenze che non sia “schiavo” di supporti che via via, non saranno in grado di riportare alla luce il nostro “sapere”?


    "E’ il percorso non il traguardo a riempire la persona del proprio valore e della propria dignità.".
     
  2. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 7,471 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #2

    Predefinito

    Dipende molto da ciascuno di noi e da tutti, collettivamente.
    Non so se ho capito bene. In sintesi, sembrl non solo parlare di una certa continuita'. Qui c' entra, comunque, la tendenza, maggiore o minore, ad adagiarsi su quegli oggetti elettronici e su quelle procedure, ignorando qualsiasi altra cosa - non tenendo adeguatamente la propria intelligenza in esercizio.
    Cio' che e' evidente, con questi usi, molta gente lascia in stand-by il proprio senso critico....ma proprio fino allo spegnimento di esso. In pratica, la loro intelligenza adulta svanisce, diventa un "empty file" che non sara' piu' riempito.

    Di cio' non c'e' comunque da preoccuparsi: e' un male gia' avvenuto.
    La cultura di massa e' in visibile regressione. Molta, pero', di questa gente e' gia' da tempo regredita. Un'ulteriore distinzione va fatta, parecchi di questi individui erano messi male dapprima, non avevano quindi niente da perdere:
    il disagio...e' quindi un tantino contenuto....

    Se da cio' che si sente e si legge, si vuol passare agli aspetti formali, puoi vedere, tra i messaggi di chi interviene on line, in siti disparati, errori d'ortografia obbrobriosi.
    Talvolta, ci sono anche coloro che si prrmettono di bestemmiare nel web; fanno schifo piu' delle bestie.
    Colle Euganei, bosco e cascata Schivanoia