Ho deciso di intraprendere un percorso terapeutico

Discussione iniziata da Romance il 22-09-2021 - 12 messaggi - 672 Visite

Like Tree9Likes
  1. L'avatar di Romance

    Romance Romance è offline Super ApprendistaMessaggi 855 Membro dal Oct 2013 #1

    Predefinito Ho deciso di intraprendere un percorso terapeutico

    Qualche giorno fa ho avuto un attacco d'ansia molto forte, che mi ha paralizzato e spaventato. Di questa intensità non me ne capitavano da più di un anno, infatti credevo di aver risolto. In realtà i problemi restano lì a fermentare se non li si affronta, così ho finalmente preso la decisione di iniziare una terapia, comincerò questo fine settimana. E' un periodo un po' così, dove risolvi un problema e ne emergono altri due. Ho davanti a me alcuni cambiamenti da affrontare e voglio farlo al meglio. E' l'unica cosa di cui mi importa, quasi non vedo l'ora che arrivi quel giorno, un po' per curiosità, un po' perchè so che è il momento giusto.


     
  2. L'avatar di la-psicolabile

    la-psicolabile la-psicolabile è offline JuniorMessaggi 1,872 Membro dal Dec 2017 #2

    Predefinito

    Dagli attacchi di panico si può guarire con terapia farmacologica data dallo psichiatra ed un eventuale percorso con psicoterapeuta . In passato anche io ne ho sofferto e ne sono uscita con una cura di antidepressivo associato ad ansiolitico . Tu da che specialista vai ?
    Quando sono andato a scuola, mi hanno chiesto cosa volessi diventare da grande. Ho risposto “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio e io risposi che loro non avevano capito la vita.
    (John Lennon)
     
  3. L'avatar di Mielezenzero

    Mielezenzero Mielezenzero è offline SeniorMessaggi 9,367 Membro dal May 2017 #3

    Predefinito

    Anch'io ho sofferto di ansia e attacchi di panico in passato ed è stato tremendo.
    Fai benissimo ad intraprendere un percorso simile, ti sarà di grande aiuto vedrai.
    In bocca al lupo
     
  4. Iote Iote è offline ApprendistaMessaggi 249 Membro dal Feb 2021
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    Ti consiglio di prendere questo percorso come un regalo che fai a te stessa. Col desiderio di scoprirti di parlarti con sincerità, di aiutarti ado amarti.
    In un periodo della mia vita ho sofferto di attacchi di panico, che naturalmente influivano in maniera pesante sui mio stato fisico. Un po quello che credo descrivi te.
    Li ho combattuti aiutandomi con la respirazione yoga e lo sport. In poco tempo sono spariti. Ti assicuro che la respirazione meditativa è lo sport cardio ti aiuta tantissimo a riequilibrare. Piú di ogni medicina.
    Buon percorso alla scoperta di te stessa, con il psicoterapeuta. Ti stai facendo un gran regalo. Si orgogliosa di questo.
    Un abbraccio forte forte
     
  5. L'avatar di Melite

    Melite Melite è offline SeniorMessaggi 11,812 Membro dal Oct 2017 #5

    Predefinito

    Ti consiglio di cercare un terapeuta con i controca22i, perché in giro ci sono tantissimi quaquaraqua. Prendere medicinali non è uno scherzo, a volte bisogna fare i conti con gli effetti collaterali, che a volte sono irreversibili. Dipende dal proprio fisico. Diffiderei da qualcuno che ti prescrive antidepressivi dopo un quarto d'ora di conoscenza e senza informarsi sul tuo stato generale di salute.
    passerosolitario84 and norge like this.
    Ultima modifica di Melite; 24-09-2021 alle 10:25
     
  6. L'avatar di la-psicolabile

    la-psicolabile la-psicolabile è offline JuniorMessaggi 1,872 Membro dal Dec 2017 #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Iote Visualizza Messaggio
    Ti consiglio di prendere questo percorso come un regalo che fai a te stessa. Col desiderio di scoprirti di parlarti con sincerità, di aiutarti ado amarti.
    In un periodo della mia vita ho sofferto di attacchi di panico, che naturalmente influivano in maniera pesante sui mio stato fisico. Un po quello che credo descrivi te.
    Li ho combattuti aiutandomi con la respirazione yoga e lo sport. In poco tempo sono spariti. Ti assicuro che la respirazione meditativa è lo sport cardio ti aiuta tantissimo a riequilibrare. Piú di ogni medicina.
    Buon percorso alla scoperta di te stessa, con il psicoterapeuta. Ti stai facendo un gran regalo. Si orgogliosa di questo.
    Un abbraccio forte forte
    Scusami se mi permetto ma se sei uscito dagli attacchi di panico con respirazione yoga e sport erano attacchi di panico all’acqua di rose . Ti assicuro che io ho passato periodi con un’ansia devastante , questi aiuti di cui parli tu vanno bene per persone che hanno crisi di piccolo calibro .In caso contrario non si può evitare la tappa dallo psichiatra con farmaci annessi , lo so che molti pensano che facciano male ma perché l’aspirina per il mal di testa la prendete e gli psicofarmaci invece li criticate e siete cosi restii ad assumerli . Il male della psiche non è così diverso da quello fisico
    Iote likes this.
    Quando sono andato a scuola, mi hanno chiesto cosa volessi diventare da grande. Ho risposto “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio e io risposi che loro non avevano capito la vita.
    (John Lennon)
     
  7. L'avatar di Melite

    Melite Melite è offline SeniorMessaggi 11,812 Membro dal Oct 2017 #7

    Predefinito

    Il discorso sugli antidepressivi è molto complesso e mi pare che sia già stato affrontato in passato. Penso che, se non si può estremizzare da un lato, non lo si può nemmeno dall'altro, e personalmente continuo a dire a tutti di stare molto attenti con questo tipo di "terapie". Io sinceramente ho avuto una brutta esperienza con un antidepressivo che mi ha lasciato danni permanenti alle gengive (oltre ad avermi creato altri problemi, per fortuna passati dopo la dismissione, che anche lì, auguri con la sindrome da dismissione). Francamente non consiglio a nessuno di affidarsi a queste medicine, ma dico sempre di informarsi bene su cosa si va ad assumere. Poi ognuno è libero di decidere, ci mancherebbe altro.
    passerosolitario84 likes this.
    Don’t pay any attention to what they write about you. Just measure it in inches.
    Non considerare ciò che scrivono di te. Considera solo la lunghezza di quanto scrivono.
    (Andy Warhol)

     
  8. L'avatar di Romance

    Romance Romance è offline Super ApprendistaMessaggi 855 Membro dal Oct 2013 #8

    Predefinito

    Principalmente cercherò di risolvere il problema dell'ansia. Onestamente non credo di aver bisogno di una terapia farmacologica, ma sarà il mio psicologo a definire questo. Se dovesse essere necessario prendere farmaci mi informerò bene, cerco di non prenderli se non strettamente necessario.
    Grazie a tutti per il sostegno, voglio davvero farmi questo regalo prezioso.
    passerosolitario84, Iote and norge like this.
     
  9. Iote Iote è offline ApprendistaMessaggi 249 Membro dal Feb 2021
    Località Italia
    #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da la-psicolabile Visualizza Messaggio
    Scusami se mi permetto ma se sei uscito dagli attacchi di panico con respirazione yoga e sport erano attacchi di panico all’acqua di rose . Ti assicuro che io ho passato periodi con un’ansia devastante , questi aiuti di cui parli tu vanno bene per persone che hanno crisi di piccolo calibro .In caso contrario non si può evitare la tappa dallo psichiatra con farmaci annessi , lo so che molti pensano che facciano male ma perché l’aspirina per il mal di testa la prendete e gli psicofarmaci invece li criticate e siete cosi restii ad assumerli . Il male della psiche non è così diverso da quello fisico
    Figurati, non preoccuparti, permettimi pure.
    Quello che ti posso dire io, per quello che é capitato a me, é che fui ricoverato in terapia intensiva, per 10 giorni, per fibrillazioni atriali. Quando fui ricoverato mi fu detto da subito che erano talmente elevate e irregolari da essere a rischio infarto. Fui curato con il concord.
    Poi fui dimesso dalla terapia intensiva e messo in osservazione in un altro reparto. In questo reparto iniziarono gli attacchi di panico. (che a parere medico dipendevano dagli stessi problemi legati alle fibrillazione) Attacchi che andavano ad aumentare di frequenza e intensità, questo anche quando fui dimesso.
    Dopo 3 mesi di attacchi di panico, (tremendi, te lo posso assicurare, perché tu sai di cosa parlo, senso di morire, sudore freddo, malessere appena entravo in qualsiasi locale ecc...), fui convinto ad andare da uno psichiatra, che mi prescrisse psicofarmaci. Li presi per 2 mesi, ma la situazione non cambiava piú di tanto. Nel frattempo dopo un mese di psicofarmaci, mi riscrissi in palestra, e riniziai a fare ginnastica e sopratutto la mia passione di correre.
    In palestra, per caso partecipai a uno lezione che spiegava la respirazione di rilassamento yoga..... Iniziai a farla a casa. Nel giro di pochissimo tempo mi sparí tutto.
    Allora feci una cosa che non bisogna fare, guardai il biglietto illustrativo del medicinale, e smisi da solo di prenderlo nella modalità che era descritta.
    Dopo una ventina di giorni incontrai lo psichiatra, per un controllo, gli dissi tutto. Lui mi disse che dovevo contattarlo. Poi mi chiese se ora stavo bene. Io gli dissi di sì, e lui mi disse che allora avevo fatto bene a fare cosí.
    Non dico che non bisogna prendere i medicinali che ve gono prescritti. Dico solo che lo sport(cardio é meglio) è la respirazione meditativa(fatta per bene) é un toccasana per tali patologie. Semplicemente perché scarica tensioni dalla testa e dal corpo, che dialogano e si ascoltano a vicenda.
    Mi domando una cosa:Quanta gente prima o durante una cura di psicofarmaci prova tali attività, che male di sicuro non fanno a tale patologia.?
    A te invece domando: hai mai provato queste attività per dire che non servono per patologie anche di livello medio alto?
     
  10. L'avatar di la-psicolabile

    la-psicolabile la-psicolabile è offline JuniorMessaggi 1,872 Membro dal Dec 2017 #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Iote Visualizza Messaggio
    Figurati, non preoccuparti, permettimi pure.
    Quello che ti posso dire io, per quello che é capitato a me, é che fui ricoverato in terapia intensiva, per 10 giorni, per fibrillazioni atriali. Quando fui ricoverato mi fu detto da subito che erano talmente elevate e irregolari da essere a rischio infarto. Fui curato con il concord.
    Poi fui dimesso dalla terapia intensiva e messo in osservazione in un altro reparto. In questo reparto iniziarono gli attacchi di panico. (che a parere medico dipendevano dagli stessi problemi legati alle fibrillazione) Attacchi che andavano ad aumentare di frequenza e intensità, questo anche quando fui dimesso.
    Dopo 3 mesi di attacchi di panico, (tremendi, te lo posso assicurare, perché tu sai di cosa parlo, senso di morire, sudore freddo, malessere appena entravo in qualsiasi locale ecc...), fui convinto ad andare da uno psichiatra, che mi prescrisse psicofarmaci. Li presi per 2 mesi, ma la situazione non cambiava piú di tanto. Nel frattempo dopo un mese di psicofarmaci, mi riscrissi in palestra, e riniziai a fare ginnastica e sopratutto la mia passione di correre.
    In palestra, per caso partecipai a uno lezione che spiegava la respirazione di rilassamento yoga..... Iniziai a farla a casa. Nel giro di pochissimo tempo mi sparí tutto.
    Allora feci una cosa che non bisogna fare, guardai il biglietto illustrativo del medicinale, e smisi da solo di prenderlo nella modalità che era descritta.
    Dopo una ventina di giorni incontrai lo psichiatra, per un controllo, gli dissi tutto. Lui mi disse che dovevo contattarlo. Poi mi chiese se ora stavo bene. Io gli dissi di sì, e lui mi disse che allora avevo fatto bene a fare cosí.
    Non dico che non bisogna prendere i medicinali che ve gono prescritti. Dico solo che lo sport(cardio é meglio) è la respirazione meditativa(fatta per bene) é un toccasana per tali patologie. Semplicemente perché scarica tensioni dalla testa e dal corpo, che dialogano e si ascoltano a vicenda.
    Mi domando una cosa:Quanta gente prima o durante una cura di psicofarmaci prova tali attività, che male di sicuro non fanno a tale patologia.?
    A te invece domando: hai mai provato queste attività per dire che non servono per patologie anche di livello medio alto?
    No io non sono mai stata una sportiva , mi avevano proposto il training autogeno . Io iniziai la terapia farmacologica e ti posso dire che le prime 4 settimane furono durissime . I sintomi erano peggiorati per effetto paradosso , lo psichiatra mi spiego’ che i risultati si vedono dopo circa 2 mesi dall’ inizio dell’ assunzione . Comunque felice per te se ne sei uscito con metodi naturali ... ti sei risparmiato delle bombe chimiche , farmaci e’ meglio prenderne il meno possibile
    Iote likes this.
    Quando sono andato a scuola, mi hanno chiesto cosa volessi diventare da grande. Ho risposto “felice”. Mi dissero che non avevo capito l’esercizio e io risposi che loro non avevano capito la vita.
    (John Lennon)