Homo faber fortunae suae - Pagina 2

Discussione iniziata da paoletta63 il 12-02-2011 - 23 messaggi - 3331 Visite

  1. L'avatar di framale

    framale framale è offline MasterMessaggi 32,243 Membro dal Aug 2009
    Località Atlantide
    #11

    Predefinito

    Questo per tornare al fatto che l'atteggiamento "vincente" dipende dalle qualità e dalle circostanze, le qualità o capacità personali vanno distinte da quella che tu chiami "forza interiore" e che per me è la semplice "consapevolezza dei propri mezzi"... va da sé che se i mezzi (intesi come capacità proprie)sono buoni o meno cambia parecchio anche l'atteggiamento.
    ....


     
  2. L'avatar di framale

    framale framale è offline MasterMessaggi 32,243 Membro dal Aug 2009
    Località Atlantide
    #12

    Predefinito

    ti risponde lui



     
  3. Leopard70 Leopard70 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,494 Membro dal Jan 2011
    Località Piemonte
    #13

    Predefinito

    Ciao Only_Van,
    va bene, proseguiamo il nostro confronto di opinioni.

    Assolutamente senza offesa, non trovo calzanti gli esempi che riporti.

    Anche perchè, mi sembra che o stiamo parlando di due cose diverse, oppure non ci capiamo.

    Tu, in pratica, vuoi sostenere che quello che abbiamo definito "atteggiamento vincente" può essere appannaggio solo di persone che, oltre ad essere coscienti delle proprie possibilità, sono davvero e realmente dotate di qualità che le fanno emergere dalla "massa" delle persone comuni.

    Non sono d' accordo con te. Perchè tu parti dal presupposto che sono le qualità che forgiano il carattere, rendendolo sicuro di sè. Non per niente, tra i vari esempi che citi, "estrai dal cappello" il nome di un famoso calciatore.

    E' proprio qui, che secondo me, sbagli clamorosamente.
    Perchè dimostri che ti confondi tra la gloriuzza di uno qualsiasi degli "eroi di carta" dei nostri giorni (come, appunto, un qualsiasi calciatore) con la grandezza dell' animo, che si pone su un livello completamente diverso.

    Io penso che i video che ha postato framale, da soli dovrebbero effettivamente bastare a troncare qualsiasi obiezione. Come puoi paragonare la gloriucola di un calciatore che, per aver due gambe che corrono e saper dare calci ad un sfera, viene proclamato eroe da dei "media" più inconsistenti di lui, con la forza di volontà e la voglia di vivere di un' uomo che, pur completamente privo degli arti, con il suo spirito è capace di smuovere una montagna?

    E' questa la grandezza di cui ti sto parlando, la Volontà di prendere "l' esistenza per le corna" costi quello che costi. Non sono due gambe o due braccia muscolose a forgiare lo spirito; è la grandezza dello spirito, che porta il corpo - se necessario - a scalare montagne, a compiere imprese ai limiti dell' impossibile. E' sempre stato così, fin dalla notte dei tempi, e mi auguro che ancora sarà così, anche in futuro, nonostante l' ottundimento culturale e di mentalità a cui stiamo andando incontro...
     
  4. Leopard70 Leopard70 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,494 Membro dal Jan 2011
    Località Piemonte
    #14

    Predefinito

    @framale

    I video che hai postato, lasciano letteralmente senza parole (nel senso buono del termine, ovviamente).
    Questo ragazzo, e la sua grandezza d' animo, dovrebbero essere una lezione per il mondo intero
     
  5. Leopard70 Leopard70 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,494 Membro dal Jan 2011
    Località Piemonte
    #15

    Predefinito

    "Questo per tornare al fatto che l'atteggiamento "vincente" dipende dalle qualità e dalle circostanze, le qualità o capacità personali vanno distinte da quella che tu chiami "forza interiore" e che per me è la semplice "consapevolezza dei propri mezzi"... va da sé che se i mezzi (intesi come capacità proprie)sono buoni o meno cambia parecchio anche l'atteggiamento."

    Ho riletto di nuovo quanto hai scritto prima.

    Forse, il punto su cui non ci troviamo è proprio questo.

    Semplice "consapevolezza dei propri mezzi"? No, Only_Van, assolutamente no.
    In questo senso, la nostra visione dell' approccio verso l' esistenza è diametralmente opposta.

    E' la forza di volontà di superare qualsiasi ostacolo, che ci spinge a trarre da noi stessi le qualità necessarie per riuscire nell' impresa... anche quando apparentemente, tali qualità non ci sarebbero. DOPO, ci accorgiamo che, dopotutto, le avevamo... anche se lì per lì, non ce ne rendevamo conto.

    In ogni caso, come si dice... chi vivrà, vedrà!
     
  6. L'avatar di framale

    framale framale è offline MasterMessaggi 32,243 Membro dal Aug 2009
    Località Atlantide
    #16

    Predefinito

    si
    mi spiace che non sia qui perchè non è bello parlare con degli assenti , leggerà domani , comunque il suo punto di vista non è solo terribile è altamente diseducativo , gli auguro ma fortemente di cambiarlo prima di avere dei figli se li avrà
    Ultima modifica di framale; 15-02-2011 alle 03:10
     
  7. Only_Van Only_Van è offline JuniorMessaggi 1,152 Membro dal Jun 2010
    Località Treviso
    #17

    Predefinito

    Mi sa che avete estremizzato il mio pensiero...

    @Framale: Se Annibale non fosse stato un genio ma un "comune" uomo, avrebbe fatto quello che hanno fatto i suoi fratelli, sarebbe diventato generale, dato che era stato cresciuto nell'odio per Roma e che suo padre l'aveva poi portato a combattere in Spagna fin dall'infanzia. Però sarebbe stato solo un buono o discreto generale, come i suoi fratelli.

    Non si tratta per chi è mediocre di farsi da parte o sparire, ma semplicemente di rendersi conto delle sue possibilità ed agire di conseguenza, senza sprecare tempo ed energia per obbiettivi irraggiungibili.
    Di gente piena di sé e che si sopravvaluta ce n'è parecchia, ma generalmente sta in piedi finché le cose vanno bene (e quando vanno male spesso tendono al disastro).

    Riguardo a Nick, massimo rispetto per la persona, ma non vedo cosa centri.

    Comunque non temere, probabilmente non avrò figli.

    @Leopard: ti ho fatto due esempi, uno di un personaggio storico, uno, che ho definito più "terra-terra" di un giocatore di calcio, ma l'esempio era riferito alle qualità tecniche e non al fatto che sia un eroe o chissà cosa, semplicemente i giocatori più dotati tecnicamente osano cose che altri non fanno o fanno raramente, perché sanno di potercela fare.
    Poi la solita litania di "dar calci ad una sfera" sa molto da pseudo-intellettuale oltre che da luogo comune.

    Visto che non ti piace il calcio, proviamo con la corsa: praticamente chiunque, se si allena un po', è in grado di correre 10 km in meno di un'ora.
    Gran parte delle persone, con una preparazione di mesi, può ambire a portare a termine una maratona, anche se realisticamente a buona parte di esse farà più male che bene.
    Pochi, indipendentemente dall'allenamento, sono in grado di scendere sotto le 3 ore e pochissimi (1 su 10000) sotto le 2 ore e 20 (e siamo ancora a 15 minuti dal record mondiale).
    Nella corsa la testa conta e ovviamente l'allenamento, ma se non sei nato con il fisico giusto il tuo massimo sarà poca cosa, infatti la maggioranza dei runner corre confrontandosi col proprio tempo o di qualche compagno di corsa, traendo soddisfazione dai miglioramenti personali, oltre che per il piacere della corsa in sé.

    Tanto per rimanere in tema, se so di valere 1 ora e 40 minuti sui 21 km (4 minuti e 45 secondi al km) e voglio migliorare non posso certo partire a 4 minuti e 30 al km, pena di scoppiare, anzi, dovrò tenere d'occhio cronometro e chilometraggio per evitare di andare troppo forte nella fase iniziale, la mia volontà di migliorare mi servirà negli ultimi chilometri quando ci sarà un pò di stanchezza, ma non posso lasciarmi trascinare da essa o mi farà crollare.

    Tu dici che la forza di volontà può tirare fuori qualità che non sapevamo di avere, può essere, ma anche no, ovvio che l'ideale sarebbe conoscersi alla perfezione e conoscere adeguatamente la situazione.
    Anche perché in determinate situazioni le nostre qualità possono bastare, in altre no, o ancora il ripetersi continuo di situazioni sfavorevoli singolarmente superabili possono determinare un crollo ad un certo punto.
    L'esempio più classico è lo stress lavorativo, quando anche la mente si impone di continuare e di non cedere, l'aver superato il limite tende ad avere conseguenze sul fisico: spossatezza, stanchezza, difficoltà a concentrarsi, scrsa qualità del sonno, irritabilità, tremori ecc... una parte di questi sintomi li abbiamo probabilmente vissuti tutti nella nostra vita in momenti particolarmente pesanti, tuttavia se vissuti come temporanei si riesce a superarli... passa il momento e ci si ricarica.
    Il problema è quando sono continui e non c'è "ricarica", prima o poi si crolla (la cocaina tra i manager delle grandi aziende è molto diffusa anche per questo).
     
  8. L'avatar di framale

    framale framale è offline MasterMessaggi 32,243 Membro dal Aug 2009
    Località Atlantide
    #18

    Predefinito

    Riguardo a Nick, massimo rispetto per la persona, ma non vedo cosa centri.
    ma stai scherzando ?

    sn sconvolto ..

    mi cancello dalla discussione perchè almeno evito di leggere ..

    non ho niente contro di te , te lo giuro e te lo assicuro , tanto quanto ti assicuro che alcune delle cose che scrivi mi fanno alzare la pelle di 5 cm..

    sai quando trovi una persona / un pensiero che è all'altro capo dell'universo ( rispetto al tuo ) , e inoltre guarda in direzione opposta al tuo ..


    cmq auguro a chiunque di avere un pensiero positivo aperto e ottimista , diverso da quello che esponi , che trovo terribile , altro che fare calcoli sulla misura che manca o cul cm di volontà da tirare fuori nella situazione x y del momento z , non solo " non andate a casa piu' " ma non andate avanti nella vita , infatti questo è il modo migliore per rimanere fermi o anche andare indietro

    la vita ( "ora" , non solo "domani" ) ha un rischio in sè , che vale la pena prendere in ogni istante piuttosto che vivere in una misurata mediocrità che permette a chiunque di calpestare te , il tuo spirito , la tua volontà , la tua vita stessa , senza che neanche tu sappia chi è questo chiunque , e quello che subisci . . chi ragiona così , come chi vede il video di Nick e pensa " cosa c'entra" .., deve vergognarsi per la propria miopia .. sarebbe un buon inizio per iniziare a provare a pensare diversamente ..
    Ultima modifica di framale; 16-02-2011 alle 00:29
     
  9. Leopard70 Leopard70 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,494 Membro dal Jan 2011
    Località Piemonte
    #19

    Predefinito

    Ciao Only_Van

    Innanzi tutto, vorrei sottolineare questo punto : avrai notato che, sin qui, ho accettato il dibattito ed il confronto di idee con te, cercando sempre di mantenerci sul piano del reciproco rispetto, pur non condividendo assolutamente il tuo modo di argomentare;

    prima di liquidare alcune mie espressioni come "litanie" e "luoghi comuni pseudo-intellettuali", ti invito cortesemente a scorrere i miei post precedenti, ed a verificare se io, nello scrivere, mi sono lasciato andare ad espressioni simili nei tuoi confronti. Poichè mi pare di non averlo fatto, vorrei che tu facessi altrettanto.

    Innanzi tutto, a differenza di quanto fai tu, io mi riferisco all' aspetto psicologico, intellettuale ed emotivo del problema. Non a quello fisico. Ti invito quindi a lasciare da parte esempi che chiamano in ballo atleti sportivi, e relative prestazioni, che confondono solo le idee, e non c' entrano nulla con l' argomento in discussione.

    Qui, si sta parlando di atteggiamento verso l' esistenza.
    Che cosa ambisci a fare, da grande? Vorresti fare il Poliziotto, l' Investigatore Privato? Molto bene; quale sarà allora il tuo atteggiamento, pensando al tuo futuro?
    Aspetterai che la manna ti piova dal cielo? Oppure farai tutto quanto è nelle tue risorse, affinchè il tuo sogno, il tuo progetto, si avveri?

    Questa, te lo ripeto per l' ennesima volta, è la differenza di atteggiamento verso l' esistenza che interessa a me, e che ritengo sia la risposta alla domanda posta inizialmente.

    Tu hai un sogno nel cassetto (stiamo parlando ovviamente di un sogno nell' ambito del "realizzabile") e giochi tutte le tue carte affinchè esso si avveri; e dunque, che tu abbia la forma fisica di un' atleta, oppure quella di un' ippopotamo, se vuoi ad esempio fare un determinato mestiere, che cosa importano le tue qualità atletiche? Sono quelle morali che contano, ed è imparando giorno per giorno a superare gli ostacoli che ti si presentano davanti, con le tue forze (morali, non fisiche) e con le tue risorse (sempre morali) che, confrontandoti con te stesso, acquisirai quella capacità di saper contare su di te, senza sottovalutarti, nè sopravvalutarti, che io chiamo : "atteggiamento vincente".
    Ultima modifica di Leopard70; 16-02-2011 alle 01:22
     
  10. L'avatar di framale

    framale framale è offline MasterMessaggi 32,243 Membro dal Aug 2009
    Località Atlantide
    #20

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Leopard70 Visualizza Messaggio
    Ciao Only_Van

    Innanzi tutto, vorrei sottolineare questo punto : avrai notato che, sin qui, ho accettato il dibattito ed il confronto di idee con te, cercando sempre di mantenerci sul piano del reciproco rispetto, pur non condividendo assolutamente il tuo modo di argomentare;

    prima di liquidare alcune mie espressioni come "litanie" e "luoghi comuni pseudo-intellettuali", ti invito cortesemente a scorrere i miei post precedenti, ed a verificare se io, nello scrivere, mi sono lasciato andare ad espressioni simili nei tuoi confronti. Poichè mi pare di non averlo fatto, vorrei che tu facessi altrettanto.
    e da quando e perchè ti aspetti che educazione ( in senso lato , anche quella logica , o ql affettiva , o quella dell'anima .. ) ti restituisca educazione ?

    è già un lusso infatti essere Educati , come sei tu ..


    Tu hai un sogno nel cassetto (stiamo parlando ovviamente di un sogno nell' ambito del "realizzabile") e giochi tutte le tue carte affinchè esso si avveri;
    infatti è questo già essere vincenti , NON essere calcolatori per costruire la meta perfetta , ma ( vivere ) essere al 100% il viaggio verso qs meta ..


    con stima ,
    saluti .
    Ultima modifica di framale; 16-02-2011 alle 02:06