Immagine, attrazione fisica, sessualità.

Discussione iniziata da laviniano il 13-05-2012 - 4 messaggi - 795 Visite

Like Tree2Likes
  • 2 Post By laviniano
  1. laviniano laviniano è offline PrincipianteMessaggi 49 Membro dal Dec 2009
    Località Roma
    #1

    Predefinito Immagine, attrazione fisica, sessualità.

    Ma è vero che nel nostro tempo i giovani frequentano la discoteca fino a notte inoltrata non solo per divertirsi ? A prescindere dall’uso di alcolici o droghe, dicono che “i ragazzi e le ragazze single vanno a ballare per conoscere il/la partner per un rapporto occasionale di una serata oppure per una relazione a breve termine.”

    Fino agli anni ’60 dello scorso secolo dominava la morale cattolica e le femmine, in particolare, venivano educate al valore della verginità fino al matrimonio, anche per tutelarle da possibili gravidanze. Erano importanti i fidanzamenti per progettare rapporti duraturi con la benedizione della Chiesa.

    Poi avvenne la “liberazione sessuale della donna”, la diffusione dei contraccettivi e la morale sessuale diventò evanescente. Ma tale evanescenza fu causata dai contraccettivi o da altre cause sociali ?

    Le giovani femmine hanno omologato i comportamenti maschili anche nella sessualità. Non hanno problemi con la verginità e per scegliere il partner hanno due opzioni:

    una è condizionata dalla propria rappresentazione mentale prodotta dalla fantasia. Guardano l’immagine corporea, l’estetica, se è gradevole non hanno problemi per un rapporto occasionale, anche se privo di desiderio sessuale. Ciò vale anche per gli uomini nei confronti delle donne;

    l’altra opzione si basa sull’attrazione fisica, sull’erotismo suscitato da un/a possibile partner. Questa scelta può limitarsi ad una sola serata oppure a più incontri, che finiscono entro poche settimane.

    Nel passato l’attività sessuale veniva svolta dopo lungo tempo ed essersi conosciuti bene. Ora si pensa subito al coito senza sapere o si sa poco con chi si ha a che fare, quali sono i suoi valori, i suoi sentimenti, le sue fragilità.

    Le suddette sono opinioni sbagliate o sono fatti reali ?
    chissasetitrovero and negozio like this.


     
  2. L'avatar di ambranera

    ambranera ambranera è offline ApprendistaMessaggi 269 Membro dal Jan 2011 #2

    Predefinito

    Non è tutto sbagliato ciò che dici diciamo che una parte di ragazze di oggi, non tutte, si concedono più facilmente senza aver paura, come gli anni passati, di essere considerata una "facile".
    Molte usano la parola "amore" con troppa facilità nonostante abbiano conosciuto il ragazzo solo la sera prima,forse c'è molta più superficialità nel relazionarsi nei rapporti sentimentali.
    E' comunque anche cambiato lo stile di vita rispetto agli anni 60. Prima la ragazza veniva educata a fare la brava casalinga, sposarsi e fare figli. Adesso la donna si sposa il più tardi possibile o comunque non prima di aver finito gli studi e assicurarsi un futuro indipendente dal marito o dal convivente che sia. Questo le porta a conoscere molta più gente a incontrare diversi "amori" e fare molte più esperienze rispetto agli anni passati.
    In ogni caso credo che, se una ragazza non si fa grossi scrupoli nell'avere un rapporto occasionale, è sempre comunque dominato da un desiderio sessuale non solo dall'aspetto gradevole di chi si trova davanti.
    Lo scopo del lavoro è quello di guadagnarsi il tempo libero.
     
  3. negozio negozio è offline Super ApprendistaMessaggi 629 Membro dal May 2011 #3

    Predefinito

    Laviniano trovo le tue considerazioni puntuali e corrette.
     
  4. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 7,740 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #4

    Predefinito

    Scusatemi il senso di frustrazione, sempre manifesto. Per quanto mi riguarda, negli anni 60 ero in realtà un bambino, negli anno 80, quand'ero un giovane, una tale mentalità si andava affermando, forse però non si era affermata come oggi, forse. Un rimpianto triste è di essere nato troppo presto; solo ora mi rendo conto quanto gli amori effimeri siano più attraenti, più lusinghieri; se ci volgiamo alla cultura del passato, in cui se due persone si mettevano assieme, era da parte di entrambi, praticamente, un successivo impegno già preso......davvero una tristezza.

    Per parte mia, lo dico, non rimpiango di non aver trovato la donna giusta (chi è, una racchia, però "con tante buone qualità"?), bello credo sia sempre trovarne molte di sbagliate, purché davvero non ci si annoi.
    Scogli e mare presso le Eolie