Innamoramento: magia o sofferenza? - Pagina 12

Discussione iniziata da trale il 28-01-2020 - 126 messaggi - 6470 Visite

Like Tree96Likes
  1. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline Super SeniorMessaggi 19,934 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #111

    Predefinito

    "... l'innamoramento è come cavalcare senza sella un cavallo da domare, da gestire"

    ... ed il problema non è non avere la sella ... gestire l'innamoramento è non avere necessità di sellare il cavallo e non avere necessità di aggrapparsi alla sua criniera ... la relazione d'innamoramento si vive identificando la propria libertà nella libertà dell'altro/a ... nel rispetto naturale che ci porta a galoppare con lui/lei e non su di lui/lei ... sapendo che il cavallo ci ha già "abbandonato" perché è libero e non possiamo perdere un essere libero ... possiamo solo percorrere insieme un tratto godendo la magia del proprio e del suo essere ...
    Andreamore likes this.


    ... another perspective ...
     
  2. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline SeniorMessaggi 9,090 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #112

    Predefinito

    Il topic aperto da Trale, come lei descrive la propria senzazione, il lungo rapporto col marito che sembra un limbo (nel caso migliore), da' la conferma ulteriore di cio' che penso:
    a L'idea che l'amore puo' venire in molti modi,
    e' sufficiente la "persona giusta", ci si puo'
    piacere per altre cose and so on;
    b.Pero', ci si puo' piacere e innamorare davvero.

    Non so come sia iniziata la storia con suo marito. Qualcosa forse ha apprezzato razionalmente o con una certa rassegnazione.
    Non capisco come abbia, altrimenti, potuto mettersi assieme a un uomo che non le piace e sposarlo.

    Sono le donne, ad esempio, a dire che noi uomini siamo riluttanti a un impegno o "la cerchiamo bella"...Mumble..Dovrei impegnarmi subito con la prima racchia che ci sta ?...Sono spesso le donne a mettere il compagno davanti a un aut aut; non ho mai sentito, davvero, che un uomo abbia questo atteggiamento con la sua ragazza.
    Sono altrettanto piu' spesso le donne che gli uomini, a essere presto infelici o fortemente insoddisfatte su un rapporto gia' avviato e a un impegno gia' preso; per esempio, il matrimonio.
    Attenzione alla realta' e su dettagli, nelle esperienze proprie, non di meno su cio' che sentiamo degli altri. "In che brutto cimento si e' trovato Pietro ! Che fortuna ho avuto ! Poteva capitare cosi' a me", per esempio. Mementote.
    Paesaggio presso San Felice Circeo.... non è da escludere.
     
  3. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,373 Membro dal Feb 2015 #113

    Predefinito

    @Tony ma quando è iniziata la storia con mio marito avevo 19 anni, "razionalmente" non pensavo una cippa, semmai del tutto irrazionalmente mi sono innamorata di lui. Cosa ti può aver fatto pensare che non mi piacesse? Avrei fatto qualsiasi cosa per lui, anzi l'ho fatta. Non sto a raccontare le vicende del mio matrimonio un'altra volta perché non ne ho voglia, nemmeno era questo l'oggetto del topic. Adesso ho 48 anni, e il topic esula completamente dal rapporto che ho con mio marito che è, diciamo, sullo sfondo del quadro della mia vita. In ogni caso non c'entra col topic che ho aperto che riguarda l'innamoramento corrisposto, pieno di passione, amore.
     
  4. Hurrem Hurrem è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 6,163 Membro dal Aug 2017 #114

    Predefinito

    Rispondo direttamente al titolo, per me è un miscuglio di entrambe le cose. Magia quando mi sento felice, euforica, piena di entusiasmo ad esempio quando pianifico cosa fare nel weekend o nella nostra sera durante la settimana quando usciamo e mi sento quasi come se galleggiassi sopra una nuvoletta rosa, il mondo mi sembra un posto migliore e nulla può infastidirmi. Angoscia quando sono da sola e ritornano tutte le mie paure ed insicurezze: di non essere abbastanza, di essere lasciata, ingannata e sento che i miei pensieri mi divorano ecc. Devo lottare tantissimo contro quella voce interna che mi dice di scappare perché la sofferenza è inevitabile quindi meglio prima che poi.

    Trale ti rispondo sul fatto della fragilità: non credo tu sia fragile perché ti lasci andare alle tue emozioni e agisci d’impulso quando sei innamorata. Penso che questo ti renda una persona forte, perché nonostante la sofferenza credo tu abbia il coraggio di lasciarti andare ed innamorarti di nuovo.
    Trovo sia più fragile chi cerca di mantenersi razionale perché evidentemente ha paura del proprio lato emotivo e di cosa lo porterebbe a fare.

    Penso che il proprio passato influenzi tantissimo il modo di vivere le emozioni e quanto uno si lascia andare. Quello che ho vissuto con mio padre ha insidiato in me la paura di essere abbandonata o non amata da nessun uomo, quindi quell’angoscia è parte integrante di me. Chi lo sa se mai riuscirò a liberarmene?
    Non sono ancora arrivata alla parte dopo l’innamoramento, quella matura e sana, nella quale dormire serena ed essere sicura dei sentimenti dell’altro quindi semmai aggiornerò in futuro sul dopo.
     
  5. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,373 Membro dal Feb 2015 #115

    Predefinito

    @Hurrem, beh certo il rapporto col padre direi che è influente sul rapporto con gli uomini. Anche io ho avuto un rapporto non felice, che ho analizzato diverse volte nella mia vita, ogni volta ho creduto di aver superato il passato, di aver raggiunto un equilibrio ma poi ci sono sempre rigurgiti di rancore e insofferenza per il passato. Del resto, quando ascolto certe frasi da parte di un uomo, mi viene spontaneo pensare "ecco perché mio padre si è comportato così ..." e la sfiducia generale, la paura dell'abbandono, la sensazione di non essere mai amata veramente si affacciano nella mia mente. Per esempio a me basta una lite per pensare "mi abbandona, non mi vuole più, è finita, mi devo staccare per non soffrire" e non faccio altro mettere in discussione il rapporto.
     
  6. Hurrem Hurrem è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 6,163 Membro dal Aug 2017 #116

    Predefinito

    Sfortunatamente credo sia impossibile lasciarsi del tutto il passato alle spalle, uno può anche andare in terapia o lavorarci da solo ma certe cicatrici rimangono. Penso che già il fatto di mettersi in gioco e lasciarsi andare nonostante la paura significa aver fatto numerosi passi in avanti e che il futuro nonostante condizioni il futuro, non lo fa in maniera decisiva.
     
  7. L'avatar di Andreamore

    Andreamore Andreamore è offline PrincipianteMessaggi 194 Membro dal Dec 2019 #117

    Predefinito

    Andare in psicoterapia vuol dire accettare il passato e perdonare, perdonarsi per poter accettare il presente amandosi per amare. Mi è venuto spontaneo questo giro di parole....ma quello che ho capito visto che ho fatto psicoterapia per un anno e mezzo è perdonare. Se mi perdoni e perdono gli altri accetto e posso amare, altrimenti le mie cicatrici rimangono pesanti macigni sul cuore e sull'anima
     
  8. Hurrem Hurrem è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 6,163 Membro dal Aug 2017 #118

    Predefinito

    Andreamore, immagino tu risponda a me.
    Io il mio passato l’ho accettato e non ho più rancore per mio padre da molti anni ormai.
    Ma è impossibile per me (o un’altra donna con un passato complicato) avere la stessa spensieratezza e fiducia che può avere una donna che avuto un padre presente e amorevole, che le ha dato speranza e fiducia nel genere maschile e l’ha rassicurata sul fatto che merita di essere amata e che ci sarà sempre lui come uomo nella sua vita. La paura dell’abbandono non te la toglie nessuno se l’uomo che pensi in qualche modo sia geneticamente programmato per amarti non ti ama. Ci sarà sempre la vocina che si chiede perché allora debba amarti un estraneo.
    trale likes this.
     
  9. L'avatar di Navigatore1

    Navigatore1 Navigatore1 è offline Super FriendMessaggi 6,691 Membro dal Apr 2015
    Località Torino
    #119

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Melite Visualizza Messaggio
    potresti educatamente ignorarmi così evitiamo discussioni e flame, per favore?.
    Sbaglio o tempo fa avevi annunciato pomposamente di avermi messo in lista ignore? Che è successo?
     
  10. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline SeniorMessaggi 9,090 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #120

    Predefinito

    Trale,
    mi spiace di aver detto cio' che non sapevo ed essermi, percio', permesso questo.
    L'avevo interpretata cosi', come mi sembrava che facessi dei confronti con tuo marito.
    Me ne scuso.
    Paesaggio presso San Felice Circeo.... non è da escludere.