Insegui ciò che ami o finirai per amare ciò che trovi

Discussione iniziata da vagabondosp il 17-05-2014 - 33 messaggi - 8453 Visite

Like Tree14Likes
  1. vagabondosp vagabondosp è offline ApprendistaMessaggi 362 Membro dal May 2014 #1

    Predefinito Insegui ciò che ami o finirai per amare ciò che trovi

    è una frase che ho sentito sett scorsa ed è bellissima, e folle allo stesso momento.
    perché ti sprona a cercare, a osare, a vivere con la fede di qualcosa che senti ma non hai.

    nella mia ultima relazione mi sono fatto travolgere, è lei che mi ha conquistato, ed io ci sono stato senza farmi troppi problemi. errore madornale.
    perché col tempo la scoprivo, e trovavo sempre tante cose in comune, e si viveva bene con lei, eravamo in sintonia. ma non sentivo nessun trasporto.
    la cosa è andata avanti, per diversi motivi e perché non accettavo il fatto di avere una così bella persona e non amarla.
    era tutto perfetto, come se fossimo destinati a convivere e sposarci, perché insieme c'era tutto: ma non aveva la profondità dell'amore, la complicità, la tenerezza.
    e alla fine l'ho dovuta lasciare...
    di errori in questa storia ne ho fatti a valanghe.

    ora a distanza di tempo, mi chiedo cos'è l'amore.
    se non abbia sbagliato tutto io, cercando chissà che campane nel mio cuore.
    CAmpane che forse, se fossi stato meno rigido, meno esigente, avrebbero potuto suonare comunque, anche se sono partito meno coinvolto.
    mi chiedo se sono in grado di amare, e cosa ci voglia perché accada.
    ho 32 anni, e dopo questa storia mi sono pesantemente reso conto di come avere qualcuno al proprio fianco, fare una vita semplice, ma col cuore, sia la cosa più bella e appagante del mondo.

    forse l'amore mi sta ancora aspettando...ma per ora mi rimane il grande dubbio che mi sia pasato di fianco e non l'abbia saputo vedere...e la cosa che mi disturba di più è perché non l'ho visto?


     
  2. L'avatar di NeriOcchi

    NeriOcchi NeriOcchi è offline JuniorMessaggi 1,309 Membro dal Mar 2011
    Località Toscana
    #2

    Predefinito

    Ma magari!!!
    Se davvero riuscissi ad amare cio' che trovo ... sarei felicissima, invece!!! Il problema è che non è così, purtroppo!!! :-)
    EndlessHorizon and silvermoon like this.
     
  3. vagabondosp vagabondosp è offline ApprendistaMessaggi 362 Membro dal May 2014 #3

    Predefinito

    e come mai non ami quello che trovi?
    forse perchè non è ciò che desideri in fondo al cuore?
     
  4. L'avatar di Lanonimo

    Lanonimo Lanonimo è offline FriendMessaggi 2,956 Membro dal May 2013 #4

    Predefinito

    mmmboh, sull'insieme non m'esprimo, ma che quella frase sia bellissima ci ho un po' i miei dubbi...

    ...mi sembra che possa facilmente scivolare nell'amore per... l'assenza... le care immagini... e, bhé... ci vuole anche quello a volte, credo... ma che siano plurali, allora...
    follow your bliss
     
  5. Cuoreribelle84 Cuoreribelle84 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 1 Membro dal Aug 2014 #5

    Predefinito Ho lo stesso problema

    Caro vagabondosp, mi sono iscritto a questo forum quasi appositamente per rispondere al tuo post che ho trovato cercando la frase di collodi su google. Devo dire che mi sento esattamente come te. Io ho avuto storie un po' simili alla tua, l'ultima in particolare, che mi ha lasciato un amaro in bocca che difficilmente riuscirò a togliermi. Quando ho conosciuto la mia ex io capii fin da subito che pur essendo una ragazza bravissima, dolcissima e molto bella, era ancora troppo immatura per me o per il mio carattere. Cionostante mi sono lasciato conquistare da lei, per una volta nella mia vita diciamo che mi sono lasciato andare, memore anche delle parole di un mio conoscente che disse "se in una relazione non ci provi, non sai mai come può andare a finire". Ebbene, tra noi c'era tutto, c'era amore, c'era passione, c'era anche quel trasporto che tu dici essere mancato tra te e la tua ex... Quello che mancava, invece, era compatibilità caratteriale: lei aveva parecchi problemi personali (in parte con la famiglia, in parte con le persone che la circondavano, amici e conoscenti) è lunga da raccontare, fatto sta che era molto nervosa, molto ansiosa e tutto ciò la portava a reagire malissimo al minimo disaccordo e così via. Morale della favola, in pratica, litigavamo spessissimo e tanto per delle banalità ed alla fine ci siamo dovuti separare ma con la speranza, almeno da parte mia, che superati i suoi problemi potessimo tornare insieme. Lei ha rimesso un po' apposto la sua vita, anche e soprattutto grazie a me che durante la nostra storia le ho fatto superare molti dei problemi con i suoi genitori, l'ho incoraggiata, invogliata ed aiutata a fare nuove attività ed a fare ciò che le piaceva... Ha proseguito su questa strada anche dopo che ci siamo lasciati e lei ha conosciuto qualcun altro con cui ora si è messa insieme (cosa che io immaginavo sarebbe accaduto) lasciando un vuoto incolmabile in me.
    E qui viene il punto...
    Questo vuoto per me è incolmabile per lo stesso problema che hai tu, ero troppo esigente fin da prima e forse dopo questa storia lo sono diventato ancora di più. Ho imparato a guardarmi attorno e capire cosa e chi mi passa vicino, questo si, ma forse per la paura di rivivere una delusione ora alla minima cosa che non va scarto subito persone che non mi danno quel trasporto al 100% vuoi per un discorso di una minima caratteristica fisica che non mi piace, o magari una frase che non mi va a genio, un comportamento che non gradisco anche se non chissà quanto grave, una minima, anche minuscola cosa che non vedo bene, o che mi fa immaginare qualcosa di negativo (es. una che dice che all'università ha la media del 28 e subito penso: oddio questa è una secchiona, farà due palle così, non uscirà mai di casa, pensa solo ai libri eccetera) e subito scarto persone che invece conoscendole bene o meglio potrebbero rivelarsi tutt'altro.
    Ed a questo punto mi chiedo la stessa domanda che ti poni tu per me stesso:
    non e' che sono troppo rigido o troppo esigente? non è che forse l'amore mi sta ancora aspettando...ma per ora mi rimane il grande dubbio che mi sia passato di fianco anche più di una volta e non l'abbia saputo vedere...e la cosa che mi disturba di più è perché non l'ho visto?
    dal mio piccolissimo so solo che il giorno in cui si troverà la propria donna ideale e che rispetta tutte le esigenze che abbiamo dentro, le campane si sentiranno davvero e la vita è certamente più semplice e spontanea se si riesce a trovare quel trasporto al 100% di cui anche tu hai parlato. Resta il problema di riconoscerlo e perche' non e' cosi' facile vederlo e tantomeno riconoscerlo??
    ti prego solo di una cosa, se troverai risposta o soluzione ai tuoi interrogativi, ti chiedo di dirmeli perche' provo le stesse identiche cose. Grazie mille.
    Ste14 likes this.
    Ultima modifica di Cuoreribelle84; 13-08-2014 alle 11:21
     
  6. EyeCee89 EyeCee89 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 22 Membro dal Apr 2014 #6

    Predefinito

    Se vi può consolare (dubito), la mia situazione è, in un certo senso, simile, con la differenza che io mi sono fermato prima di buttarmi nella storia.

    Ho conosciuto la ragazza in questione tre anni fa circa, l'avevo subito trovata interessante, ma poi ci eravamo persi di vista. Lo scorso inverno lei si è trasferita nella mia città, e l'ho reincontrata quasi per caso... Ho fatto io il primo passo, e lei mi ha segito a ruota, sembrava molto interessata... Insomma siamo usciti diverse volte, abbiamo passato ore a parlare, lei mi piaceva moltissimo sia fisicamente sia come persona, come modo di pensare, come carattere... certo, in tante cose era molto diversa da me, ma spesso per me le differenze sono uno stimolo più che un ostacolo; stavamo benissimo insieme, ci capivamo con uno sguardo, e questo a me bastava. A lei sembrava non importare nulla delle mie insicurezze, anzi, spesso mi esortava a superarle con leggerezza, scherzandoci su, senza farmele pesare. Insomma, avessi dovuto seguire solo la ragione, avrei detto di aver finalmente trovato la ragazza giusta per me.

    Eppure...

    Eppure non ho mai sentito la spinta ad andare "oltre", non sentivo troppo la mancanza di lei quando non ci sentivamo per qualche giorno, non sentivo le famose "farfalle nello stomaco", non ho mai provato veramente il desiderio di baciarla... neanche quando l'occasione si è presentata su un piatto d'argento.

    Non volevo solo la sua amicizia, eppure non ero abbastanza "coinvolto".

    Ci ho messo un po' ad accettare la cosa, ho tergiversato per mesi, perché non accettavo l'idea di arrendermi dopo aver trovato una persona così... ma poi ad Aprile ho deciso di lasciar perdere, ho cominciato ad allontanarmi gradualmente, e lei, ovviamente e giustamente, si è stancata di starmi dietro.

    È allora che mi sono iscritto a questo forum, per cercare di fare un po' ordine nella mia testa e dare una risposta agli stessi dubbi che avete anche voi... sono stato troppo esigente o mi sono comportato nel modo corretto? Avrei dovuto "rischiare" sperando che pian piano la passione venisse fuori da sé? Dovrei forse parlare con questa ragazza, spiegarle le ragioni del mio "tira e molla" durato mesi? Se non ha funzionato con lei, con chi dovrebbe funzionare? Come mi devo comportare adesso, specialmente considerando il fatto che sono un ragazzo che fa difficilmente nuove conoscenze? È giusto "filtrare" in modo troppo selettivo ragazze che magari non mi vanno a genio anche solo per un semplice comportamento che non mi fa subito sentire a mio agio? Devo imparare ad "accontentarmi" di più, o aspettare di incontrare quella che davvero mi faccia girare la testa?

    Tutte domande a cui, ancora, non ho trovato risposta, e francamente non credo di poterla trovare tanto facilmente...
     
  7. L'avatar di silvermoon

    silvermoon silvermoon è offline FriendMessaggi 3,059 Membro dal Jan 2008
    Località salerno
    #7

    Predefinito

    inseguire ciò ke si ama fa male è cm farti del male da solo, meglio lasciar perdere e amare ciò ke trovi, nel senso ke qualcuno ke ti voglia bene allora gliene vorrò ancora di più( nn intendo il primo ke capita) almeno x me è così, se mi dà 10 io dò 20.
    Arriverai! Come un uragano, porterai via l male che ho provato aspettandoti,come un angelo allieverai le mie ferite,volerò insieme a te, aspettando che le mie ali imparino a volare da sole...e insieme affronteremo il viaggio più bello,l'amore...attraverseremo insieme per mano,inferno, paradiso, nuvole,innamorati per sempre...
     
  8. grigia29 grigia29 è offline BannedMessaggi 8,410 Membro dal Dec 2012 #8

    Predefinito

    Mi ricordo un ragazzo che ho frequentato anni fa mi disse la stessa frase( insegui ciò che ami o finirai x amare ciò che trovi) ,ancora oggi non ha trovato nessuno
     
  9. grigia29 grigia29 è offline BannedMessaggi 8,410 Membro dal Dec 2012 #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da vagabondosp Visualizza Messaggio
    mi sono pesantemente reso conto di come avere qualcuno al proprio fianco, fare una vita semplice, ma col cuore, sia la cosa più bella e appagante del mondo.
    Veramente lo pensi? Non è la propria libertà e i soldi più appaganti al mondo?
    Ultima modifica di grigia29; 17-08-2014 alle 15:06
     
  10. MissCullen MissCullen è offline Super ApprendistaMessaggi 575 Membro dal Jul 2014 #10

    Predefinito

    A volte mi chiedo cosa si intenda per "amare". Non è la prima volta che sento discorsi di questo tipo: "lei era perfetta, c'era grande feeling tra noi, stavamo benissimo, ma non sentivo quel trasporto...".
    Quel "colpo al cuore", come molti lo chiamano, non è necessariamente il preludio di una storia. Si può amare una persona senza che vi sia stata quella fase da "farfalle nello stomaco". Che sono più che altro appannaggio dei romanzi Harmony, per come la vedo io. Ti accorgi che ami una persona quando sei in sintonia con lei in un modo che non credevi possibile. Quando senti di volerla accanto per la vita.
    Le farfalle nello stomaco, l'infatuazione... quelle sono sensazioni che con l'amore non c'entrano assolutamente nulla.