Io e il figlio del mio compagno - Pagina 7

Discussione iniziata da scorpio811 il 28-02-2009 - 63 messaggi - 33001 Visite

Like Tree3Likes
  1. charlotte79 charlotte79 è offline BannedMessaggi 9,091 Membro dal Jan 2010 #61

    Predefinito

    non dirglielo, lei è uan persona buona e sensibile, siamo noi quelle cattive e odiose.


     
  2. paoletta87 paoletta87 è offline PrincipianteMessaggi 1 Membro dal Jun 2012 #62

    Predefinito

    Ciao sono nuova del forum, mi ci sono imbattuta perchè alla ricerca di consigli.....
    Il figlio del mio compagno! ha 3 anni e mezzo e fino ad un'anno fa mi conosceva benissimo! Poi, una volta separati i genitori la mamma ha deciso che il bambino per un anno non mi dovesse vedere! :-/ risultato...
    Ho paura che il bambino non si ricordi più di me, piuttosto che non mi voglia più "bene" come una volta e quindi non mi accetti! Io non abito ancora alla sua casa (denominata da lui la casa dei maschietti) ma convivo con suo papà in un altro appartamento (a causa del divieto della mamma). a ottobre mi trasferirò e la psicologa ha detto che sarebbe meglio che il bambino cominciasse a rivedermi prima, in modo che quando sarò alla loro casa non subisca uno shock! Ora, io adoro i bambini, le sue cuginette mi adorano ma immagino che il nuovo approccio con lui sarà un po diverso.... E' un bambino dolcissimo ma ho paura di sue trasformazioni... Il papà dice che è impossibile che io mi faccia voler male da un bambino ma... Avete qualche Consiglio?
     
  3. Mileny Mileny è offline PrincipianteMessaggi 1 Membro dal Mar 2020 #63

    Predefinito Non sono d'accordo

    Il trehad è vecchio, ma non posso fare a meno di esprimere il mio disappunto. Non sono nuova compagna, al contrario sono madre divorziata con un nuovo compagno. Voi dite che chi si mette con un genitore separato deve sapere a cosa va incontro, io dico che anche il genitore separato deve sapere che se se inizia una vita con una persona che non è il padre o la madre del proprio figlio, questo comporta la responsabilità di mediare e di stabilire gli equilibri. Ho letto addirittura che il bambino non è obbligato ad accettare la nuova compagna... ragazzi, stiamo scherzando? Se il problema è la sofferenza del figlio allora stringi i denti e non divorzi, così non lo fai soffrire. Dal momento che hai divorziato, non puoi certo pretendere che chi arriva dopo debba scontare le conseguenze di tutto e fare da sfogatoio per tuo figlio. Il mio compagno accettando di stare con me ha accettato anche i miei figli, ma il mio compagno non conosceva certo il carattere e l'educazione dei miei figli. È mio dovere far sì che siano educati e pronti alla situazione. Se il mio compagno non ha diritti educativi perché non è il padre, non ha nemmeno il dovere di sopportare. Non esiste al mondo che il mio compagno torni la sera a casa dopo 10 ore di lavoro, lavoro il cui guadagno finisce in casa, e che debba accettare di essere trattato male da mio figlio perché "mio figlio ha il diritto di non accettarlo". Ma stiamo scherzando. Questa è casa del mio compagno come mia, adesso. Il figlio è mio e non posso far pagare ad altre persone i suoi difetti. I figli vanno educati all'autorità genitoriale, non può mio figlio decidere al posto mio se il mio compagno può stare o non stare in casa nostra. Se non sapete educare i vostri figli, perché coinvolgete altre persone nella vostra vita costringendole a sopportare vostro figlio che le tratta a pesci in faccia? Fortunatamente il mio compagno ed i miei figli vanno d'accordissimo (perché io mi sono sprecata a lavorarci su, non ho lasciato liberi i miei figli di fare tutto quello che vogliono)... nel caso in cui i miei figli fossero stati duri di comprendonio nonostante i discorsi, nonostante le parole dolci, la pazienza... cosa avrei dovuto fare, buttare fuori il mio compagno da casa sua perché mio figlio di 8 anni non lo vuole? Poi vi stupite perché a scuola rispondono male ai professori. Per forza, se riescono a comandare su di voi addirittura rovinandovi le relazioni, perché dovrebbero rispettare un professore? I figli non si autoeducano, ci dobbiamo pensare noi.
    Azzy and Gershwin like this.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]