Io e lui - Pagina 106

Discussione iniziata da HistoiredO il 21-07-2021 - 1529 messaggi - 169516 Visite

Like Tree879Likes
  1. Pastroccio Pastroccio è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 117 Membro dal Sep 2021 #1051

    Predefinito

    Fiore, è tanto pesante quello che hai scritto, da molto da pensare....
    fioredimaggio75 likes this.


     
  2. L'avatar di Ultima

    Ultima Ultima è offline JuniorMessaggi 1,225 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #1052

    Predefinito

    La questione di Histoire, può essere così esposta, a mio parere: è chiaro che sta cercando qualcosa che il suo matrimonio e la sua famiglia non sono in grado di dargli. Su questo punto, Histoire è chiaramente molto restia a dare informazioni in più: per privacy, ma anche perchè, ho incominciato a credere, neanche lei abbia molto chiaro cosa stia realmente cercando.

    Ovviamente, ciò che la famiglia ed il suo matrimonio non le danno, è ciò che sta cercando di ottenere dal Rigido, in questo caso, e dai suoi amanti, nel futuro: qui sorge una domanda, il punto fondamentale della questione. Il Rigido non le ha potuto dare ciò che cercava perchè ha trovato un caso sfavorevole, oppure perchè nessun amante, in generale, e quindi non il caso particolare col Rigido, può offrirglielo? Difficile dare una risposta a questa domanda: probabilmente per Histoire stessa.

    Ciò che si può dire con più credibilità, è che con molta probabilità ha ragione almeno su un punto: anche a mio parere, qualsiasi cosa stia cercando in questo momento al di fuori della sua famiglia, ha ragione a cercarla al di fuori, perchè probabilmente non è qualcosa che un matrimonio ed una famiglia, anche quando soddisfacenti e ben riusciti, sono in grado di dare.

    Se effettivamente la mia idea è corretta, ovviamente questo complica le cose, perchè non si può dire ad Histoire di ravvivare il suo rapporto con suo marito, i suoi figli, la sua famiglia in generale: probabilmente la fiamma di Vesta brilla e divampa senza particolari problemi, anche adesso.
    Tutto sta allora nel sapere se quello che cerca Histoire può realisticamente trovarlo in una relazione extra, oppure no: se la risposta è sì, ha solo avuto sfortuna col Rigido. Se la risposta è no... Il discorso si complica ulteriormente.

    Se la risposta è no, si ritorna alla base: un matrimonio che funziona, una famiglia felice, a cui non ha senso chiedere qualcosa che nessun matrimono o famiglia felice sarebbe in grado di dare. Ma neanche fuori dal matrimonio c'è, realisticamente, quel che si cerca: e quel che rimane è il bisogno e la necessità interiore, che vive dentro di noi.

    Non rimane altro che seppellire dentro di noi quella parte, ma così facendo, ci si condannerebbe all'infelicità, delle più amare peraltro, perchè sappiamo che, in ultima istanza, quel che cerchiamo è irrealizzabile.

    Ci sono altre possibilità, Histoire? Ce n'è una sola, ma... Histoire, sai cosa ha detto in punto di morte Hegel? Sembra effettivamente attestato da fonte sicura che egli abbia detto una frase alquanto strana: "C'è stata una sola persona che sia stata in grado di capirmi, e non sono sicuro che ci sia riuscito fino in fondo".

    Puoi immaginarti, visto anche quanto era di successo Hegel nel mondo accademico tedesco quando era morto (era diventato il filosofo ufficiale dello stato prussiano), come tutti si siano messi a cercare questa fantomatica persona... Ma probabilmente Hegel intendeva riferirsi a sè stesso. Amor proprio, Histoire? Viene il dubbio che Hegel potrebbe aver pensato a qualcosa di diverso.

    In ultima istanza, Hegel ha detto in punto di morte quello che potrebbe essere stato secondo lui il senso della vita: dal suo punto di vista, noi esseri umani, in particolar modo, siamo "astuzie della Ragione", cioè strumenti, in genere largamente inconsapevoli, di cui la Ragione si serve per realizzare il proprio autodispiegamento ed il proprio raggiungimento della comprensione di sè. Naturalmente, punto su cui Hegel sembra stato fraintenso (Lezioni di filosofia della storia alla mano) l'happy end è certo e sicuro per la Ragione e per l'idea: molto meno o affatto per l'individuo.

    E qual'è allora il senso della vita, ponendoci dal punto di vista di un individuo, di ciascuno di noi, poveri esseri viventi che gironzolano su uno sperduto pianeta di un universo certamente enorme, se non forse infinito? Molto semplicemente, comprendere ed avere la massima coscienza possibile di quelle necessità e di quei processi di cui siamo portatori e che portiamo in essere, in maniera più o meno surrettizia, dentro di noi.

    Hegel riteneva se stesso "l'astuzia della Ragione" con cui la Ragione era finalmente giunta alla conclusione che l'infinito ed il finito sono veri e possono esistere solo l'uno in rapporto all'altro: Hegel, in punto di morte, si chiedeva, probabilmente in piena sincerità, fino a che punto egli avesse compreso ciò che lui stesso rappresentava. Autocoscienza, un tema notoriamente hegeliano.

    E certamente l'autocoscienza, nel peggiore dei casi che sopra ti ho descritto, Histoire, è davvero l'unica altra possibilità che ti rimarrebbe. Non eliminerà del tutto il senso di infelicità, ma lo renderà almeno tollerabile: la vita certamente non è tale da permettere la felicità, e "tristi se nati, o se nati, al più presto finire nell'Ade", diceva Teognide, oramai tanto, tanto tempo fa.

    "Sperimentarono anche i tori nel servizio di guerra,/
    e tentarono di spingere contro i nemici i cinghiali crudeli./
    Alcuni innanzi a sè spinsero leoni robusti/
    con domatori armati, e crudeli maestri,/
    che riuscissero a guidarli e a dominarli con le catene,/
    ma per nulla: poichè eccitati da strage promiscua/
    sconvolgevano, crudeli, senza far distinzione, le folle,/
    scuotendo dovunque le criniere spaventose sul capo,/
    nè riuscivano i cavalieri a calmare gli animi dei cavalli,/
    sconvolti dal ruggito, e rivolgerli, con i freni, addosso al nemico./
    Le leonesse gettavano a balzi i corpi infuriati,/
    da ogni parte, e si dirigevano al volto, contro chi giungeva,/
    e abbattevano, assalendoli da dietro, soldati colti di sorpresa,/
    e avvinghiandosi a loro li gettavano a terra, vinti dalle ferite,/
    attacatesi a loro con artigli forti ed adunchi.
    E i tori gettavano via i padroni, e sotto i piedi li pestavano,
    e fianchi e ventre squarciavano sotto i cavalli
    con le corna, e minacciosamente scavavano la terra./
    E con zanne robuste i cinghiali massacravano i vicini,
    le lance spezzate dentro il loro corpo tingendo, crudeli, col sangue,/
    e causavano distruzioni frammiste di cavalieri e di fanti./
    Infatti i cavalli, buttandosi a lato, tentavano di fuggire/
    i morsi feroci, o impennandosi cercavano con gli zoccoli l'aria,/
    invano: poichè avresti potuto vederli, tagliati ai garretti,/
    abbattersi, e con pesante caduta coprire la terra./
    Le belve che pensavano fossero state domate, prima, in tempo di pace,/
    le scorgevano ribollire durante la lotta/
    per ferite, urla, fuga, spavento, tumulto,/
    nè potevano alcuna parte di loro ridurre in ordine;/
    fuggivano a sbando infatti le diverse specie di belve;/
    come oggi spesso elefanti, malamente percossi dal ferro,/
    fuggono a sbando, dopo aver arrecato gravi danni ai padroni./
    ...Se davvero agirono così. Ma a stento mi posso convincere che, prima/
    che il male e il danno di tutti accadesse, non riuscissero/
    a immaginarlo nell'animo e a vederselo innanzi.
    Piuttosto, potresti pretendere che ciò avvenga nel Tutto,/
    nei vari mondi con regola varia creati,/
    piuttosto che proprio su un orbe di terre determinato e sicuro./
    Ma ciò vollero fare non tanto sperando vittoria,/
    quanto per dare ai nemici ragione di gemito, e loro stessi morire,/
    loro che non confidavano nel numero ed erano privi di armi./"

    Lucrezio, De rerum natura, libro V, vv. 1297-1349

    Forse il passo più bello di Lucrezio, insieme alla celebre descrizione del libro VI, dove descrive la peste di Atene: chiaramente un monito su quale futuro ci attenda...
    Il mondo non è esattamente un posto che conosce pietà per chi lo abita, ed a stento noi uomini abbiamo pietà, fra di noi...
    HistoiredO likes this.
    “Ma fu con ali di tenebra che Ultima diede inizio alla rivolta contro gli dei.
    L'inespressività acquisita in seguito alla caduta denota un animo insondabile."
     
  3. L'avatar di Spaturno999

    Spaturno999 Spaturno999 è offline JuniorMessaggi 2,128 Membro dal Feb 2021 #1053

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da HistoiredO Visualizza Messaggio
    Il tradimento dura da mesi: chat intense, incontri furtivi, scuse per vederci. Forse andare a letto è l’unico tradimento apprezzabile? Per me no..
    Mia moglie per esempio non la pensa come te. Per lei "chat intense, incontri furtivi, scuse per vederci" non sono niente di che. Questo per farti capire che ognuno ha la sua sensibilità.
    Lui sinceramente non mi sembra sia stato mai molto leggero, non so come potesse rivendicare leggerezza.

    Comunque sono d'accordo con te sul tagliare, non capisco le motivazioni per cui questa cosa ti possa intristire
    Alla fine della fiera.. MORIREMO TUTTI!
     
  4. Etta87 Etta87 è offline BannedMessaggi 12,949 Membro dal Oct 2020
    Località Itaia
    #1054

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fioredimaggio75 Visualizza Messaggio
    eppure non riesco a troncare. sono arrabbiata con me stessa perchè gli permetto di trattarmi in un modo che non mi piace.
    forse anche io desideravo possederlo mentalmente...che detta così è difficile da spiegare, ma tanto è.
    Ma perché infatti noi donne ci mettiamo anche la testa a differenza degli uomini.
     
  5. Etta87 Etta87 è offline BannedMessaggi 12,949 Membro dal Oct 2020
    Località Itaia
    #1055

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Spaturno999 Visualizza Messaggio
    Per lei "chat intense, incontri furtivi, scuse per vederci" non sono niente di che.
    Nel senso che non si sente tradita?
     
  6. Etta87 Etta87 è offline BannedMessaggi 12,949 Membro dal Oct 2020
    Località Itaia
    #1056

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da HistoiredO Visualizza Messaggio
    non è che mi racconto balle o penso di competere con la moglie.
    Infatti mai competere con le mogli. Loro saranno sempre le prime e noi le seconde.
     
  7. L'avatar di Spaturno999

    Spaturno999 Spaturno999 è offline JuniorMessaggi 2,128 Membro dal Feb 2021 #1057

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Etta87 Visualizza Messaggio
    Nel senso che non si sente tradita?
    Etta, pensavo che avendo tu commentato diversi miei 3D li avessi anche letti, ma evidentemente mi sbagliavo Errore mio.
    Alla fine della fiera.. MORIREMO TUTTI!
     
  8. L'avatar di erendil

    erendil erendil è offline FriendMessaggi 4,065 Membro dal Dec 2016 #1058

    Predefinito

    Nel senso che LEI, solo con chat intense, incontri furtivi, scuse per vederci, non pensa di aver tradito Spaturnio.
     
  9. L'avatar di erendil

    erendil erendil è offline FriendMessaggi 4,065 Membro dal Dec 2016 #1059

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Spaturno999 Visualizza Messaggio
    Etta, pensavo che avendo tu commentato diversi miei 3D li avessi anche letti, ma evidentemente mi sbagliavo Errore mio.
    E anche il mio, a quanto pare. Evidentemente risponde tanto per, sperando di azzeccarci prima o poi.
     
  10. sbagliata92 sbagliata92 è offline Super ApprendistaMessaggi 888 Membro dal Jul 2021 #1060

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Etta87 Visualizza Messaggio
    Infatti mai competere con le mogli. Loro saranno sempre le prime e noi le seconde.
    Cosa che però tu fai continuamente… ti piace proprio essere l’eterna seconda di qualcuno…
    Ultima modifica di sbagliata92; 14-09-2021 alle 11:24