Lovegiver - Pagina 3

Discussione iniziata da Soldatojoker il 20-01-2021 - 48 messaggi - 2679 Visite

Like Tree56Likes
  1. apive apive è offline BannedMessaggi 3,682 Membro dal Dec 2016 #21

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Tempestaperfetta Visualizza Messaggio
    E giusto per precisare: rana dalla bocca larga a chi?
    Non te la prendere: le rane dalla bocca larga sono degli squisiti esseri molto apprezzati dai maschietti, che rifuggono i rospi dalla bocca stretta...
    Tempestaperfetta likes this.


     
  2. L'avatar di IsoldaCoeurDAnge

    IsoldaCoeurDAnge IsoldaCoeurDAnge è offline SeniorMessaggi 11,397 Membro dal Aug 2017
    Località Francia
    #22

    Predefinito

    Quello che ho trovato sul "love giver",è un sogetto molto delicato.



    Chi è e cosa fa un assistente sessuale per disabili?
    Per capire meglio cosa fa un lovegiver, ci siamo rivolti alle fonti sopracitate, promotori dell’iniziativa sul campo della sessualità e disabilità e, più in generale, dell’affettività.

    Su Love Ability, ad esempio, c’è un’interessante intervista (datata 2012) a un assistente sessuale localizzato in Svizzera, che spiega brevemente alcuni concetti cardine. Innanzitutto, il lovegiver è una professionista che “assiste le esigenze sessuali delle persone che hanno un handicap fisico o mentale”.

    Si tratta di un lavoro che bisogna svolgere in base al tipo di disabilità. Perciò, come prima regola, le attività del professionista dovranno orientarsi in base alla differenza tra disabilità fisica e mentale. Proprio per questo, esistono strategie particolari da mettere in campo a seconda del paziente. Infine, è specificato che le prestazioni dei servizi possono avvenire sia a domicilio che in luoghi comuni come una camera d’albergo.

    Inoltre, come anticipato precedentemente, l’assistente sessuale non si occupa peculiarmente di prestazioni sessuali per disabili. “Non offro un rapporto sessuale completo – si legge -, mi limito ad accarezzare, a massaggiare, a creare con il malato un rapporto sensuale molto epidermico”.

    Cosa fa un Lovegiver?
    Dunque, quali sono le specifiche di un assistente sessuale? Alcune definizioni più recenti sono definite da Lovegiver.it. In particolare, l’assistenza sessuale ai disabili è intensa nei concetti di “rispetto” ed “educazione”, grazie ai quali è possibile raggiungere il “diritto alla salute e al benessere psicofisico e sessuale” della persona disabile.

    A tal proposito, il progetto di Max Ulivieri ha coniato un nome specifico per questa professione: assistente all’emotività, all’affettività e alla sessualità, noto anche con l’acronimo OEAS. Da questo comprendiamo che il sesso con disabile non è solo un argomento pertinente alla sessualità carnale.

    In pratica l’OEAS è “un operatore professionale (uomo o donna) con orientamento bisessuale, eterosessuale o omosessuale che deve avere delle caratteristiche psicofisiche e sessuali ‘sane’. Attraverso la sua professionalità supporta le persone diversamenteabili a sperimentare l’erotismo e la sessualità”. Cioè, non prevede l’attuazione di un rapporto completo (penetrazione) o la pratica del sesso orale. Ma si realizzata primariamente come educazione alla sfera sessuo-affettiva.

    Nel dettaglio, quindi, l’assistente sessuale opera su tre aree: ludica (scoprire il proprio corpo); relazionale (scoprire il corpo dell’altro; etica (scoprire il valore della corporeità).

    Come diventare lovegiver?
    I primi cenni storici di corsi di formazione per diventare assistente sessuale risalgono al 2017. A Bologna, infatti, 17 persone parteciparono al primo corso nel nostro Paese in materia, promosso dal progetto Lovegiver di Max Ulivieri.

    Questi corsi sono tuttora attivi. Tuttavia per parteciparvi bisogna prima superare la selezione d’idoneità, che prevede anche un incontro con un sessuologo per un test psico-attitudinale. Una volta superata la selezione, sarà possibile prendere parte a corsi dove docenti di psicologia, medici, sessuologi e insegnati certificati formeranno gli interessati su tutti gli argomenti inerenti il binomio disabilità e sessualità.
    Chi sei tu,stella ardente,che hai illuminato le mie notti?
     
  3. L'avatar di Antasia

    Antasia Antasia è offline JuniorMessaggi 1,394 Membro dal Sep 2020 #23

    Predefinito

    Bel 3d, @soldato.
    Non ho visto quel documentario a cui ti riferisci, che a questo punto mi andrò a recuperare appena possibile. Anni fa ne avevo visto uno, non prodotto in Italia, sottotitolato, e trasmesso in seconda serata.
    Si tratta di qualcosa che va al di là dell'atto sessuale in senso stretto, e rientra nel concetto di affettività in senso ampio, indispensabile per la maturazione, emancipazione, e presa di consapevolezza di ognuno, necessaria per scavalcare l'idea di un corpo da destinare solo e soltanto alle cure mediche e all'accudimento genitoriale o sanitario da parte di terzi.
    Ho trovato un articolo che ne parla nei termini di “ sessualità come indispensabile espressione di vita, anche nella disabilità”, cosa che condivido pienamente.
    Posto a seguire il link che credo andrà temporaneamente in moderazione..
    "Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo."

    "Non posso farci nulla: l'idea dell'infinito mi tormenta."

    "Nell'impossibilità di poterci vedere chiaro, almeno vediamo chiaramente le oscurità."
     
  4. L'avatar di Antasia

    Antasia Antasia è offline JuniorMessaggi 1,394 Membro dal Sep 2020 #24

    Predefinito

    "Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l'essenza della vita. La gente ha paura di ammettere quanto conti la fortuna nella vita. Terrorizza pensare che sia così fuori controllo."

    "Non posso farci nulla: l'idea dell'infinito mi tormenta."

    "Nell'impossibilità di poterci vedere chiaro, almeno vediamo chiaramente le oscurità."
     
  5. Tempestaperfetta Tempestaperfetta è offline JuniorMessaggi 1,197 Membro dal Mar 2019 #25

    Predefinito

    Fa piacere che la discussione si stia incanalando nella direzione corretta: qui si ha a che fare in primo luogo con i concetti di affettività e di conoscenza di sé, come ha evidenziato @Antasia.
    Con i distinguo necessari a seconda della disabilità di cui si tratta.
     
  6. L'avatar di Baal

    Baal Baal è offline JuniorMessaggi 1,379 Membro dal Aug 2019 #26

    Predefinito

    Da quel che leggo è una professione che va molto al di la della semplice sfera sessuale (per la quale basterebbe pagare una qualsiasi prostituta). Tanto è vero che il termine ufficiale è Operatore all'emotività, all'affettività e alla sessualità.
    Il mito del gender wage gap: https://forum.amando.it/mito-gender-wage-gap-147666/
     
  7. L'avatar di Mielezenzero

    Mielezenzero Mielezenzero è offline Super FriendMessaggi 7,877 Membro dal May 2017 #27

    Predefinito

    Avevo visto un servizio delle iene tempo fa.

    E non è prostituzione come in tanti, durante quel servizio, lo hanno definito.

    È un concetto ben più profondo e delicato.

    ( ho solo paura che come anche per tante altre cose in Italia, andrà a finire
    " in merd@".)
    Soldatojoker and Minsc like this.
     
  8. L'avatar di Dedelind

    Dedelind Dedelind è offline JuniorMessaggi 1,373 Membro dal Apr 2017
    Località Come fu che Masuccio Salernitano fuggendo con le brache in mano riuscì a conservarlo sano
    #28

    Predefinito

    In un certo senso, ciò mi riporta alla mente un documentario dedicato al pittore Ligabue, "il vero naif". In una scena, appare tutto il bisogno d'affetto dell'artista mentre chiede (a più battute) un bacio ad una donna, cercandone anche la vicinanza fisica ; quando alla fine riesce a strapparle un bacio, per Ligabue è una sorta di Epifania : "grazie, grazie tanto, [..] tutto bello, diventa tutto splendido".
    Wandi, Maslow, Spettrale...servirono il forum, celebravano il Bene. Declamiamo i loro nomi con orgoglio, e ricordiamoli, gonfi di cordoglio.


     
  9. L'avatar di Firecatcher

    Firecatcher Firecatcher è offline FriendMessaggi 2,949 Membro dal Sep 2015 #29

    Predefinito

    Non solo è un'ottima cosa, ma andrebbe estesa anche ai non-disabili. Ci sono tante categorie di uomini che come livello di autostima, estetica o considerazione da parte delle donne sono messi nello stesso modo, e presentano lo stesso livello di immaturità, che appunto non può venire colmata da una semplice spazzata con la prostituta.
     
  10. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è online FriendMessaggi 2,953 Membro dal Nov 2019 #30

    Predefinito

    Premesso che parlo per sentito dire (dalla tv) , sembrerebbe che molti (?) che vanno con prostitute, forse non quelle di strada ma quelle in appartamento, in realtà preferiscano le coccole, il sentirsi ascoltati e cose così...
    Il problema per un "normale" credo che sia anche riuscire di sopprimere gli eventuali sentimenti che potrebbero nascere verso una colei che gli dà retta... 🤔
    "Dato che tutti gli altri posti erano già occupati, ci siamo seduti dalla parte del torto" (B. Brecht - G. Meloni - L. Ciampolillo)
     

AMANDO SOCIAL

AVVISO LEGALE


Le pagine seguenti contengono immagini e testi a carattere erotico la cui visione è assolutamente vietata ai minorenni.

Questo avviso verrà riproposto entro 24 ore agli utenti che non hanno effettuato il login (oppure in seguito al cambio di indirizzo IP)

Consigliamo ai genitori di utilizzare un software di protezione per impedire ai minorenni di accedere alle pagine di questo e altri siti per adulti:
www.netnanny.com - www.cyberpatrol.com
www.surfcontrol.com - www.cybersitter.com

Questa pagina di avviso costituisce un accordo con valore legale fra l'editore di questo sito web e l'utente.

Cliccando sul pulsante "Accetto e Continuo" dichiaro e certifico:

- di essere maggiorenne cioé di avere almeno 18 anni (21 per alcuni paesi) e che la legislazione del paese da cui sto accedendo mi consente la visione di immagini e testi a contenuto erotico e sessuale.

- di essere il solo responsabile di eventuali dichiarazioni false o di conseguenze legali relative alla visualizzazione, alla lettura o al download di qualsiasi materiale di questo sito.

- di non portare a conoscenza di nessun minore il contenuto di tale sito e di non utilizzare le pagine seguenti per poter contattare o adescare minori.

- che il materiale sessualmente esplicito che visualizzo è solo per mio uso personale e che non esporrò alcun minore alla visione di tale materiale.

- di non ritenere che la visione delle pagine seguenti possa turbarmi e di non ritenere offensive ne obiettabili le immagini e testi per soli adulti, di adulti che praticano sesso o altro materiale a contenuto sessuale.

- di sollevare da qualsiasi responsabilità l'editore del sito ed il provider che lo ospita.