Mi ha lasciato ma non riesco a lasciarla andare

Discussione iniziata da Alexyz il 12-09-2018 - 11 messaggi - 570 Visite

Like Tree4Likes
  1. Alexyz Alexyz è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Sep 2018 #1

    Predefinito Mi ha lasciato ma non riesco a lasciarla andare

    Sono un uomo da oltre 10 anni impegnato con una donna.
    Sono sempre stato rispettoso e ho sempre cercato di essere corretto ma da un po' di tempo a questa parte sento di aver perso il sentimento, gli obiettivi e un vero scopo di coppia. Mi sento di dire che le voglio certo bene ma è quasi come voler bene ad una sorella.

    4 mesi fa ho avuto una relazione con una collega: tutto è iniziato in maniera platonica e non era intenzione di nessuno dei due sfociare in una relazione ma l'intesa che avevamo era fuori dal comune e si è quindi trasformato in un rapporto vero e proprio. Ho ceduto perché sentivo con questa persona un coinvolgimento che mai prima d'ora (e ormai anni e relazioni alle spalle ne ho) avevo avuto.
    Posso solo descrivere quel che ho vissuto come un'esperienza senza paragoni, intesa mentale e sessuale perfetta. Parlavamo di tutto, le mie parole erano le sue e le sue le mie, eravamo uno nella mente dell'altro, il sesso con lei oltre che fisicamente appagante come mai prima d'ora mi dava un senso di completezza.
    Per la prima volta in vita mia sono stato completamente aperto e sincero con una persona. Le ho raccontato cose intime e private in totale trasparenza. Non ho mai mentito e mai riuscirei a farlo con lei. Anche lei dal canto suo ha condiviso con me, per sua ammissione, cose che in pochi sapevano.

    Nonostante il tutto sia durato poco più di un mese ho scoperto qualcosa in cui non credevo: l'amore, quello vero, quello con la A maiuscola, quello incondizionato ed irrazionale. Per lei avrei lasciato tutto.
    Mi rendo conto che in così poco tempo viene da dire "è impossibile provare questo", "hai visto solo la parte bella", "è solo passione": anche io avrei detto così prima di conoscerla.
    Ma vi assicuro che mi è entrata nell'anima e non solo perché è una donna bellissima: quello che mi ha fatto innamorare di lei è quell'aspetto che non mostra mai a nessuno, la sua tenerezza, quel suo intimo bisogno di essere amata che ho percepito chiaramente.
    Ne ho parlato con lei di questo e lei stessa si è meravigliata di quanto l'avessi capita nel profondo.

    Questa donna esce da una relazione precedente da cui ha avuto un figlio, e ora non si sente di legarsi a nessuno (almeno per il momento). Dice che ha il cuore freddo e ha paura di soffrire di nuovo e ora vuol solo pensare a lei ed al figlio.
    Essendo molto empatico sono in ogni caso certo che anche lei durante la relazione si sia in qualche modo legata. Ha avuto relazioni precedenti dopo la separazione ma la nostra è sempre stata definita speciale da lei.


    Ha deciso però di troncare vedendomi troppo coinvolto: non volendo mai mentirle le ho detto che mi stavo innamorando di lei ed in sincerità avrei rinunciato alla mia attuale vita di coppia per stare con lei.
    Oltre al fatto che le pesava essere "l'amante" e quindi il nostro rapporto iniziasse a metterla in difficoltà, non voleva essere la causa della mia separazione.
    Ho cercato di prendere del tempo per separare i miei problemi dalla voglia di stare con lei ma sono arrivato alla conclusione che in ogni caso il fatto che lei sia ora presente nel mio cuore non posso non considerarlo come uno sprono a lasciare la mia attuale donna.

    Cerco di rispettare la sua scelta essendo io una persona razionale ma questa volta a scapito di tutte le mie scelte passate ho a che fare col cuore: non riesco a smettere di pensarla, di volerla, il mio cuore si strugge.
    Nonostante la mia mente razionalizzi e giustifichi, il cuore non sente ragione.
    Ho perso il sorriso, sento di non avere più uno scopo e non trovo gioia in niente.
    Il problema è che io la amo, ma la amo veramente. Sembra di quegli amori che si sentono nelle canzoni o si vedono nei film a cui io non ho mai creduto prima d'ora.
    La incrocio ogni giorno nei corridoi degli uffici o ne sento la sua voce. Percepire la sua sola presenza mi fa vibrare l'anima, mi fa tremare dentro. Voglio solo il suo bene, che sia felice, le ho detto che l'avrei lasciata andare ma la cosa è per me struggente.
    Prima di conoscerla non avrei mai esitato nella risposta, ma come è possibile lasciare andare una persona che dentro, nel profondo, sappiamo sarà per sempre l'unico vero grande amore della nostra vita?

    Con la mia compagna attuale ho certo parlato dicendo che mi sento in crisi (non ho detto della mia relazione, non volevo arrecarle ancora più male), affermando che la non voglia di avere figli con lei o di non avere il desiderio di sposarci è per me indicativo e mi fa riflettere.
    Ci sono state lacrime, ma ora lei si comporta come se nulla fosse: capisco che sta cercando di migliorare certi suoi difetti e ne apprezzo lo sforzo; il problema è purtroppo il mio cuore.
    E' una carissima ragazza e le voglio un mondo di bene, 10 anni assieme senza affetto sarebbero impossibili altrimenti. Però io nel profondo sento che non è "Lei".

    H
    o un serio problema nel non voler far soffrire le persone, mi sacrifico quasi sempre io. La mia attuale ragazza è molto fragile, lo staccarmi da lei le causerebbe un grandissimo dolore (è molto innamorata); solo la prospettiva di stare col mio vero amore potrebbe spingermi a fare un passo del genere. Altrimenti mi sembrerebbe di essere solo egoista. Mi limito quindi a fingere, cercando di farla star bene perché è comunque una bravissima ragazza e vorrei fosse sempre felice. Le voglio bene: 10 anni assieme senza affetto sarebbe stato impossibile.
    Purtroppo ora so che la mia Lei era un'altra.


    Io non ho timore a dire, e l'ho detto anche alla donna che sento di amare (probabilmente sbagliando), che io vedo la mia vita con lei, con suo figlio. E' lei che mi manca, non solo il suo corpo, ma il suo sguardo, il suo sorriso, la condivisione delle nostre esperienze, parlare della quotidianità (lavorando insieme anche se è durato poco più di un mese, abbiamo avuto molti momenti assieme in cui condividere il quotidiano, certo non si dormiva assieme, ma è stato davvero vissuto e non era certo sesso tutte le volte, anche solo parlare).
    Non fraintendete, non è per me perfetta, ha i suoi difetti, ci sono aspetti di lei che mi fanno dire "ma come è possibile che ti piaccia?" eppure è così. Mi sento di dire che la amo per quella che è, pregi e difetti.
    Vorrei condividere con lei la quotidianità, non solo il letto.
    E' tutto pazzesco, sono il primo a dirlo, eppure è questo.
    Lei ha problemi che porta con lei, l'ex compagno ed altro ma sento solo che vorrei essere al suo fianco per aiutarla e confortarla. E' una cosa che mi viene dal cuore.

    Sono passati un paio di mesi ormai da quando non ci frequentiamo ma è un pensiero fisso nella mia testa, mi manca ogni momento come potrebbe mancare una compagna di vita. Ho voglia di lei certo, ma è averla al mio fianco ogni momento anche solo per abbracciarla o sentirla parlare la cosa che più vorrei.

    La vedo ogni giorno e ogni giorno mi sento morire dentro un pezzettino alla volta.
    Provo a distrarmi, a impegnarmi in altro, cerco di recuperare il rapporto con la mia ragazza (cercando di riportare i piedi per terra) ma Lei rimane sempre un pensiero costante nella mia mente e nel mio cuore.
    Ora so che non ho mai amato nessuno come amo Lei, mai in vita mia sono stato così per qualcuno.
    Mi ha insegnato cos'è il vero amore ma ora come ora vorrei non averlo mai conosciuto: meglio non aver mai amato che incotrare il tuo grande amore e perderlo.

    Ho ripreso a far sesso con la mia ragazza, che mancava da un po', per cercare di recuperare la "normalità" nel rapporto ma lo faccio in maniera meccanica, non trovo piacere o sentimento. Anzi mi sembra quasi di tradire il mio vero amore e quasi lo sento una costrizione.

    Ho perso l'istinto di guardare le altre donne perchè nessuna regge il suo paragone. Non potrei desiderare altro che lei già non abbia.
    Per la prima volta in vita mia le parole "per sempre" non mi spaventano se associate a Lei.
    Lei è il mio sorriso, Lei è il mio mondo. Senza mi sento davvero vivo a metà.

    Scusate lo sfogo, a molti la mia situazione sembrerà ipocrita, arriveranno critiche, lo so, ma avevo bisogno di dire tutto questo a qualcuno…

    Non ero in cerca di scappatelle. E' nato tutto perché il mio cuore ha iniziato a battere davvero per la prima volta.
    Da molti anni avevo smesso di credere all'amore, almeno per come lo si dipinge.
    L'ho trovato.
    Lo provo.
    Ed è straziante perché non posso averla con me.


     
  2. FairyTale87 FairyTale87 è offline PrincipianteMessaggi 137 Membro dal Mar 2017 #2

    Predefinito

    L'unica cosa che provo è pena per la tua ragazza...dici di "sacrificarti" per le e invece l'unico motivo per cui sei rimasto in questa relazione è la tranquillità, perché l'altra non ti ha voluto.
    Provi davvero affetto per la tua ragazza? Lasciala libera di trovare qualcuno che la ami veramente, che la ritenga la donna della propria vita e l'amore con la A maiuscola. Non sei tu quella persona, tu ci stai assieme per comodità e trovo irrispettoso anche come parli di lei.
    Per cui assumiti i tuoi rischi e esci dal tuo guscio di egoistica comodità.
     
  3. Alexyz Alexyz è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Sep 2018 #3

    Predefinito

    Come dicevo in principio: lei è molto fragile. In passato ha avuto problemi di depressione. Per lei ci sono sempre stato.
    Non è comodità il motivo per cui sto con lei, sicuramente è c'è affetto da parte mia ed ho davvero paura di come possa reagire.

    A lei non ho mai fatto mancare niente ed in casa ho sempre dato tutta la mano possibile. Sono sempre stato molto, molto presente. Sono sempre stato la sua ancora anche nei momenti più difficili.
    Ho sempre pensato a lei prima che a me.
    Per una volta nella vita ho però trovato qualcosa che è in grado di rendermi davvero felice. Egoismo? Non me lo sono mai concesso sino ad ora.
    In 10 anni ho portato sulle mie spalle davvero tanto, forse troppo tanto che ora la mia ragazza non saprebbe cosa fare senza di me. Lo ha detto quando abbiamo parlato della mia crisi. Questo mi mette ancora più in difficoltà.

    Se non posso stare bene io con la persona che amo, il mio sacrificio sta nel rimanere con la mia ragazza dandole tutto ciò che riesco a darle. L'affetto certo non manca.
    Ma cosa ci posso fare se il mio cuore sta altrove? Non è una scelta che riesco a comandare, lo vorrei tanto credetemi. Non è per paura di stare da solo che non prendo questa scelta.

    Sono sempre stato una persona molto razionale ma al cuore non riesco a comandare.

    E' facile prendere le parti di chi in questa storia sembra essere la parte lesa (la mia ragazza), ma nessuno conosce me o le persone coinvolte. Le difficoltà che ho dovuto gestire nel corso degli anni.
     
  4. Berlin__ Berlin__ è offline JuniorMessaggi 1,192 Membro dal Jul 2018 #4

    Predefinito

    è bello vedere thread come quello sui matrimoni e i divorzi, in cui alcuni dicono che bisogna sposarsi senza paura, e senza preoccuparsi che possa finire. E vedere thread di questo tipo in cui uno prende una sbandata dopo 10 anni, cosa del tutto possibile, e i consigli che arrivano sono del tipo "segui il tuo cuore, non stare con lei perchè devi". Per una storia di QUATTRO (dico 4) caz_zo di mesi.
    E' FACILE vincere quando sei la novità. E' cosi e sarà sempre cosi. E' la fase dell'innamoramento in cui il tuo cervello è ottenebrato, ti dici che è quella vera e giusta, ed è tutto diverso.
    Per cui, se siete abbastanza ipocriti, fatevi e tenetevi l'amante onde tenere in piedi il matrimonio. Tanto va già cosi in quasi tutti i matrimoni che non finiscono. Cioè, o finiscono nel 40% dei casi, nella percentuale quasi rimanente uno dei due o entrambi hanno l'amante.

    Nel tuo caso mi sembra tu non abbia nemmeno figli ... è cosi ?
     
  5. L'avatar di cosmicglitter

    cosmicglitter cosmicglitter è offline Super ApprendistaMessaggi 791 Membro dal Jan 2018 #5

    Predefinito

    Sarò sincera quindi un po’ scomoda, ti chiedo quindi di scusarmi fin da ora.
    Non sono riuscita a finire il tuo lungo scritto, dopo che hai smesso di parlare della tua fidanzata e sono iniziate le sviolinate sulla tua avventura e mi è presa una noia mortale, e un bisogno impellente di saltare la lettura e passare direttamente al finale.
    ‘Non ero in cerca di scappatelle’ dici. No, è evidente, semplicemente eri stanco di doverti ‘sacrificare’ per la tua fidanzata (la vedi come una poveretta che ha bisogno di cure, renditi conto) e la tua collega non ha fatto altro che da detonatore ma poteva essere chiunque altra.
    La verità sta nel mezzo, per cui la tua fidanzata è una persona normale che ha tutto il diritto di non vivere con una persona accanto che è stufa di lei, e la tua collega è persona normale che stanca di qualsiasi relazione si vuole divertire con te o con qualcun altro, tanto che appena si è accorta che tu facevi sul serio ti ha mollato e tanti saluti. La sintonia sarà stata pure perfetta ma lei non ti vuole, gli è piaciuto solo divertirsi un po’ in leggerezza.
    Svegliati da quel sogno che ti rende una relazione che non puoi avere l’unica storia della tua vita, la sintonia sarà stata pure perfetta ma evidentemente non abbastanza perfetta - neppure per te - visto che ti ha lasciato usando tra l’altro una facile e classica scusa (‘ti lascio perché non voglio essere la causa della tua separazione’, quando l’amante innamorata sarebbe ben orgogliosa di esserlo) e non ti vuole affatto al suo fianco.
    Prima lo capisci e prima ritorni al timone della tua vita.
    Berlin__, tigermilk and nadir16 like this.
     
  6. L'avatar di tigermilk

    tigermilk tigermilk è offline Super ApprendistaMessaggi 631 Membro dal Aug 2017 #6

    Predefinito

    Ehh la situazione non appare rosea purtroppo. Il problema è che hai avuto una breve relazione con una collega e adesso ti tocca vederla e soffrire tutti i giorni. La tua attuale fidanzata non riesce a soddisfarti ed il sesso è meccanico e noioso. Forse sarebbe meglio iniziare a pensare se non sarebbe meglio fare chiarezza nella tua vita. Quindi lasciare la tua fidanzata alla quale non sei interessato e nel contempo cercare un'altra ragazza che ti permetta di dimenticare la tua collega. Distruggere tutto per poi rinascere.
     
  7. L'avatar di stellaguerriera

    stellaguerriera stellaguerriera è offline SeniorMessaggi 10,338 Membro dal Sep 2011
    Località in un angolo di cielo colorato
    #7

    Predefinito

    Ma qua il problema non è la sbandata in sé quanto il fatto che tu consideri la tua ragazza solo una poveretta con cui stare per affetto. Sarà pure comprensibile ma è triste, inoltre lei sembra anche abbastanza dipendente (non sa cosa farebbe se tu la lasciassi). Lei è innamorata di te, ovvero di una illusione, di una maschera priva di amore, che sopporta solo perché non ha il coraggio di mollare. Quanto è triste fare sesso senza coinvolgimento profondo? Per dovere?

    Non sei suo padre, né il suo dispenser di felicità. Incomincia a non darla per scontata e immagina sia lei a mollarti: cosa ne pensi? Di modi per farsi lasciare gli uomini ne hanno parecchi.
    Alexyz likes this.
    Non posso venire da te, perché già ti sono accanto.

    Vedo gli amici ancora sulla strada, loro non hanno fretta
    Rubano ancora al sonno l'allegria, all'alba un po' di notte
    E poi la luce, luce che trasforma il mondo in un giocattolo...

     
  8. Alexyz Alexyz è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Sep 2018 #8

    Predefinito

    Se devo essere onesto, se lei dovesse lasciarmi mi sentirei più leggero. So che si staccherebbe da me per sua scelta e non rischierebbe di cadere in un periodo mentale molto brutto che la faccia ricadere nella depressione.
    L'idea che abbia qualcun altro accanto che la sostenga sarebbe un sollievo.
    E lo dico proprio perché in ogni caso le voglio bene e se lo merita.
     
  9. L'avatar di stellaguerriera

    stellaguerriera stellaguerriera è offline SeniorMessaggi 10,338 Membro dal Sep 2011
    Località in un angolo di cielo colorato
    #9

    Predefinito

    E allora fatti lasciare. O lasciala tu. Se le tue non sono solo parole vuote per sentirti migliore dalle veramente la possibilità di trovare qualcuno che la ami davvero.
    Non posso venire da te, perché già ti sono accanto.

    Vedo gli amici ancora sulla strada, loro non hanno fretta
    Rubano ancora al sonno l'allegria, all'alba un po' di notte
    E poi la luce, luce che trasforma il mondo in un giocattolo...

     
  10. Berlin__ Berlin__ è offline JuniorMessaggi 1,192 Membro dal Jul 2018 #10

    Predefinito

    trova un amico a cui piaccia tua moglie e presentagliela.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]