Mi piace la mia professoressa. È passata un'intera estate e continuo a pensarla. Help

Discussione iniziata da Luca211 il 09-09-2021 - 32 messaggi - 1196 Visite

Like Tree17Likes
  1. L'avatar di Luca211

    Luca211 Luca211 è offline PrincipianteMessaggi 9 Membro dal Sep 2021 #1

    Predefinito Mi piace la mia professoressa. È passata un'intera estate e continuo a pensarla. Help

    A scuola, tra diversi sorrisetti che ci scambiavamo e come lei si interessasse a me, interpellandomi anche quasi sempre per primo alle lezioni, pensavo ci fosse del feeling… Ho scoperto che probabilmente era solo il suo modo di porsi agli alunni e in questo caso a me… Il fatto è che in questi otto-nove mesi ho sviluppato una sorta di cotta credo, e non riesco più a togliermela dalla testa. Lei ha 40 anni e io 21. Quello ancora più doloroso è che quest'anno non sarà più nella mia classe e non avrò più modo di parlarle. Mi ci sono sentito con qualche messaggio nell'ultimo periodo, giusto per chiederle delle informazioni riguardo la sua materia, per iniziare una conversazione, anche perchè non saprei proprio come confessarle qualsiasi cosa io provi tramite un messaggio. Sto impazzendo, qualcuno ha qualche consiglio per me?


     
  2. L'avatar di Ultima

    Ultima Ultima è offline Super ApprendistaMessaggi 769 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #2

    Predefinito

    Ciao Luca: i rapporti che sfondano i 15 anni di differenza sono... Dei casi particolari. Qualche domanda preliminare: sai se la professoressa è sposata, o accompagnata o comunque sentimentalmente impegnata, oppure libera?
    La vita è una favola: tutto sta nel capirne la morale.
     
  3. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline FriendMessaggi 3,859 Membro dal Nov 2019 #3

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Luca211 Visualizza Messaggio
    Lei ha 40 anni e io 21. Sto impazzendo, qualcuno ha qualche consiglio per me?
    Certo! Tampinala in sala professori, nessun'insegnante quarantenne può resistere al fascino del pluribocciato.
    Ultima modifica di Soldatojoker; 10-09-2021 alle 10:47
     
  4. L'avatar di Berlin__

    Berlin__ Berlin__ è offline Super FriendMessaggi 5,714 Membro dal Jul 2018
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    a 21 sei ancora in classe ? hai perso un po' di anni o stai all'università ?
    toshio27 likes this.
     
  5. Cabalo Cabalo è offline BannedMessaggi 22 Membro dal Sep 2021 #5

    Predefinito

    tiralo fuori e appoggialo sulla cattedra
     
  6. L'avatar di Luca211

    Luca211 Luca211 è offline PrincipianteMessaggi 9 Membro dal Sep 2021 #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Soldatojoker Visualizza Messaggio
    Certo! Tampinala in sala professori, nessun'insegnante quarantenne può resistere al fascino del pluribocciato.
    Pluribocciato? Mai bocciato in vita mia. In passato ho avuto diversi problemi personali che mi hanno fatto abbandonare l'ambiente scolastico per diverso tempo. Sto al 4 anno di serale lol. Ho chiesto una cosa e qua tutti invece si interessano del perchè a 21 anni stia ancora frequentando la scuola, bah.
     
  7. L'avatar di Luca211

    Luca211 Luca211 è offline PrincipianteMessaggi 9 Membro dal Sep 2021 #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima Visualizza Messaggio
    Ciao Luca: i rapporti che sfondano i 15 anni di differenza sono... Dei casi particolari. Qualche domanda preliminare: sai se la professoressa è sposata, o accompagnata o comunque sentimentalmente impegnata, oppure libera?
    Potrei già conoscere la risposta... Non so perchè abbia pubblicato questo post.. probabilmente per ricevere dei pareri da qualcuno che non rientri nel mio circolo famigliare e per mio sfogo personale... Comunque, si, dal quel che so è impegnata.
     
  8. L'avatar di Soldatojoker

    Soldatojoker Soldatojoker è offline FriendMessaggi 3,859 Membro dal Nov 2019 #8

    Predefinito

    Eddai Luca, se le cose non le dici come si fa a risponderti pertinentemente. Già il fatto che la tua sia una scuola serale cambia il contesto ...
    Chiedile delle ripetizioni private il pomeriggio: le quarantenni al pomeriggio hanno il picco 😜
    Quando sarò vecchio mi pentirò dei miei peccati... non commessi
     
  9. L'avatar di Ultima

    Ultima Ultima è offline Super ApprendistaMessaggi 769 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #9

    Predefinito

    Ciao Luca, io sono innamorato di una donna che ha una ventina d'anni più di me (ho 31 anni), ha una figlia, anche se non so se è sposata (ma come sono solito dire, io vedo il bicchiere mezzo vuoto: meglio non farsi illusione).

    Ci ho messo 3 anni per capire che mi ero innamorato di lei: ho avuto molte cose su cui riflettere, e c'è un punto importante che devi tenere a mente, ancor prima di una questione di corna, o di sfasciare una famiglia, nel caso. E' proprio un problema legato alla differenza di età, ed è generale a tutti questi casi.

    Quando la differenza di età supera i 15 anni, Luca, c'è un problema di notevole importanza che va tenuto a mente: ad es., io ho 31 anni ora, e lei ne ha, poniamo, 50; quando io avrò 41 anni, lei ne avrà 61, e quando ne avrò 61, lei ne avrà 81.

    Un ovvietà, Luca, che nasconde una cosa molto importante, e che, a mio parere, la persona più matura delle due dovrebbe dire a quella più giovane, mettendo da parte qualsiasi cosa: la differenza di età è tale da rendere più probabile che venga prima la morte della persona con più anni, che quella con meno anni. Mi spiego meglio.

    Nessuno di noi sa quando morirà, Luca: ma in un caso con notevole differenza di età, la probabilità va a favore della persona più anziana. Man mano che passa il tempo, più inizierà la vecchiaia, i dolori e gli acciacchi, nella migliore delle ipotesi: nella peggiore, la malattia e la debilitazione, ed infine la morte. Ma c'è di nuovo un altro problema, Luca: di nuovo la differenza di età.

    L'aspettativa di vita, è intorno ad 80-85: se ti fai due conti, ti rendi conto che emerge una possibilità alquanto chiara. C'è il rischio, cioè, di passare almeno una ventina d'anni a piangere davanti ad una tomba, se chi è rimasto in vita è davvero innamorato: in questi casi, Luca, è la persona più grande che deve farsi carico di informare di questo importante fatto quella più giovane.

    Ben prima di qualsiasi altra cosa, viene questo importantissimo fatto, Luca: in sostanza, come vedi, non ci sono le condizioni per poter iniziare una relazione, perchè c'è troppo squilibrio, in un modo o in un altro. Mettiti nei panni della persona più grande: cosa può davvero dare in cambio a qualcuno che ha fatto una scelta del genere?
    Questo ragionamento non è in grado, ovviamente, di escludere a priori ogni rapporto fra persone con notevole gap di età, ma mostra chiaramente che, in questi casi, è altamente sconsigliato che il rapporto si tramuti in convivenza, matrimonio e genitorialità. Questo non tocca l'amore che potete provare, o la genuinità, in generale, di quello che potete sentire, ma rimane il fatto che non potete pensare ad un futuro insieme, nei sensi che ti ho indicato.

    E' possibile, se sono date le circostanze, tuttavia avere un rapporto sentimentale, come diventare una coppia o altro ancora, ed ora veniamo alle altre questioni. Tu sai che è già impegnata sentimentalmente: ha un fidanzato, convive oppure è sposata? Ognuno di questi casi porta ad una situazione diversa.

    Se è sposata, e magari ha dei figli, lascia totalmente perdere, Luca: non serve che io ti racconti come mi sono sentito il giorno in cui, al supermercato, ho visto la donna di cui mi sono innamorato con la figlia, e la piccola interazione che ho avuto con sua figlia. Vuoi fare lo sfasciafamiglie, Luca? Nel mio caso, anche perchè ho vissuto sulla mia pelle il tradimento (mio padre ebbe un amante un po' di tempo fa), la mia scelta è stata risolutamente negativa, ma anche dovuta al fatto che è da molto tempo che ho capito di essere un pessimo marito per lei: e stai sicuro che questo vale anche per te, in questa ipotesi. Se lei è sposata, non sarai mai un buon marito, o persino un alternativa da prendere in considerazione.

    Se convive, il discorso cambia un po', ma si ripete per alcune aspetti: dove la porti a vivere, se lei si lascia col suo convivente? O dove va a vivere lei nel caso? Ovviamente non sappiamo la situazione immobiliare della tua professoressa, magari è lei la proprietaria dell'immobile, e quindi non avere particolari problemi, ma è bene non trasformare l'ignoranza in conoscenza, Luca.

    Se è fidanzata, cioè non convivono, le cose cambiano a loro volta, e diventano anche abbordabili: se magari è in crisi col suo attuale fidanzato, o comunque in periodo di sostanziale magra, basta iniziare un periodo di conoscenza per capire se siete adatti a diventare una coppia (su questo punto ci ritorno tra un attimo).

    Certo, Luca: c'è sempre la possibilità di diventare il suo amante. Vuoi che ti dica cosa ne penso? Ti dirò quello che io ho deciso per me, per quanto riguarda il mio caso: è una opzione che non ha senso. Se sei innamorato, come hai detto, questa possibilità non ha alcun senso: non ha senso illudersi che quello che si prova possa trovare anche solo una vaga manifestazione in un rapporto clandestino. E' solo ingannarsi a vicenda ed illudere se stessi, e quel che più conta, fare del male a se stessi ed agli altri.

    Non ti sconsiglio di dichiarare quello che senti alla tua professoressa: fallo, anzi.
    E' l'unico modo che hai per poter sapere quello che ti serve sapere, cioè se è sposata, convive oppure se è disposta ad approfondire la conoscenza, in vista di una chiusura del rapporto che ha col suo attuale fidanzato, nel caso.
    Vedo che nel tuo caso hai qualche contatto: vista la situazione, Luca, non hai altro da fare che dire cosa provi e chiederle se può essere interessata a conoscervi meglio. Inutile temporeggiare o peggio ancora mentire: la situazione non è di quelle che richiedono mezzi del genere. Sei solo tu e quello che provi per lei: non c'è null'altro, Luca.
    Luca211 likes this.
    La vita è una favola: tutto sta nel capirne la morale.
     
  10. L'avatar di Luca211

    Luca211 Luca211 è offline PrincipianteMessaggi 9 Membro dal Sep 2021 #10

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Ultima Visualizza Messaggio
    Ciao Luca, io sono innamorato di una donna che ha una ventina d'anni più di me (ho 31 anni), ha una figlia, anche se non so se è sposata (ma come sono solito dire, io vedo il bicchiere mezzo vuoto: meglio non farsi illusione).

    Ci ho messo 3 anni per capire che mi ero innamorato di lei: ho avuto molte cose su cui riflettere, e c'è un punto importante che devi tenere a mente, ancor prima di una questione di corna, o di sfasciare una famiglia, nel caso. E' proprio un problema legato alla differenza di età, ed è generale a tutti questi casi.

    Quando la differenza di età supera i 15 anni, Luca, c'è un problema di notevole importanza che va tenuto a mente: ad es., io ho 31 anni ora, e lei ne ha, poniamo, 50; quando io avrò 41 anni, lei ne avrà 61, e quando ne avrò 61, lei ne avrà 81.

    Un ovvietà, Luca, che nasconde una cosa molto importante, e che, a mio parere, la persona più matura delle due dovrebbe dire a quella più giovane, mettendo da parte qualsiasi cosa: la differenza di età è tale da rendere più probabile che venga prima la morte della persona con più anni, che quella con meno anni. Mi spiego meglio.

    Nessuno di noi sa quando morirà, Luca: ma in un caso con notevole differenza di età, la probabilità va a favore della persona più anziana. Man mano che passa il tempo, più inizierà la vecchiaia, i dolori e gli acciacchi, nella migliore delle ipotesi: nella peggiore, la malattia e la debilitazione, ed infine la morte. Ma c'è di nuovo un altro problema, Luca: di nuovo la differenza di età.

    L'aspettativa di vita, è intorno ad 80-85: se ti fai due conti, ti rendi conto che emerge una possibilità alquanto chiara. C'è il rischio, cioè, di passare almeno una ventina d'anni a piangere davanti ad una tomba, se chi è rimasto in vita è davvero innamorato: in questi casi, Luca, è la persona più grande che deve farsi carico di informare di questo importante fatto quella più giovane.

    Ben prima di qualsiasi altra cosa, viene questo importantissimo fatto, Luca: in sostanza, come vedi, non ci sono le condizioni per poter iniziare una relazione, perchè c'è troppo squilibrio, in un modo o in un altro. Mettiti nei panni della persona più grande: cosa può davvero dare in cambio a qualcuno che ha fatto una scelta del genere?
    Questo ragionamento non è in grado, ovviamente, di escludere a priori ogni rapporto fra persone con notevole gap di età, ma mostra chiaramente che, in questi casi, è altamente sconsigliato che il rapporto si tramuti in convivenza, matrimonio e genitorialità. Questo non tocca l'amore che potete provare, o la genuinità, in generale, di quello che potete sentire, ma rimane il fatto che non potete pensare ad un futuro insieme, nei sensi che ti ho indicato.

    E' possibile, se sono date le circostanze, tuttavia avere un rapporto sentimentale, come diventare una coppia o altro ancora, ed ora veniamo alle altre questioni. Tu sai che è già impegnata sentimentalmente: ha un fidanzato, convive oppure è sposata? Ognuno di questi casi porta ad una situazione diversa.

    Se è sposata, e magari ha dei figli, lascia totalmente perdere, Luca: non serve che io ti racconti come mi sono sentito il giorno in cui, al supermercato, ho visto la donna di cui mi sono innamorato con la figlia, e la piccola interazione che ho avuto con sua figlia. Vuoi fare lo sfasciafamiglie, Luca? Nel mio caso, anche perchè ho vissuto sulla mia pelle il tradimento (mio padre ebbe un amante un po' di tempo fa), la mia scelta è stata risolutamente negativa, ma anche dovuta al fatto che è da molto tempo che ho capito di essere un pessimo marito per lei: e stai sicuro che questo vale anche per te, in questa ipotesi. Se lei è sposata, non sarai mai un buon marito, o persino un alternativa da prendere in considerazione.

    Se convive, il discorso cambia un po', ma si ripete per alcune aspetti: dove la porti a vivere, se lei si lascia col suo convivente? O dove va a vivere lei nel caso? Ovviamente non sappiamo la situazione immobiliare della tua professoressa, magari è lei la proprietaria dell'immobile, e quindi non avere particolari problemi, ma è bene non trasformare l'ignoranza in conoscenza, Luca.

    Se è fidanzata, cioè non convivono, le cose cambiano a loro volta, e diventano anche abbordabili: se magari è in crisi col suo attuale fidanzato, o comunque in periodo di sostanziale magra, basta iniziare un periodo di conoscenza per capire se siete adatti a diventare una coppia (su questo punto ci ritorno tra un attimo).

    Certo, Luca: c'è sempre la possibilità di diventare il suo amante. Vuoi che ti dica cosa ne penso? Ti dirò quello che io ho deciso per me, per quanto riguarda il mio caso: è una opzione che non ha senso. Se sei innamorato, come hai detto, questa possibilità non ha alcun senso: non ha senso illudersi che quello che si prova possa trovare anche solo una vaga manifestazione in un rapporto clandestino. E' solo ingannarsi a vicenda ed illudere se stessi, e quel che più conta, fare del male a se stessi ed agli altri.

    Non ti sconsiglio di dichiarare quello che senti alla tua professoressa: fallo, anzi.
    E' l'unico modo che hai per poter sapere quello che ti serve sapere, cioè se è sposata, convive oppure se è disposta ad approfondire la conoscenza, in vista di una chiusura del rapporto che ha col suo attuale fidanzato, nel caso.
    Vedo che nel tuo caso hai qualche contatto: vista la situazione, Luca, non hai altro da fare che dire cosa provi e chiederle se può essere interessata a conoscervi meglio. Inutile temporeggiare o peggio ancora mentire: la situazione non è di quelle che richiedono mezzi del genere. Sei solo tu e quello che provi per lei: non c'è null'altro, Luca.
    Dal punto di vista morale e realistico ti dò piena ragione, l'età in una relazione duratura influisce non poco. A 40 anni immagino poi, che una donna prima di interrompere un rapporto con il compagno abbia bisogno di certezze e sicurezze. Ma vedi, se i sentimenti che questi due individui provano reciprocamente sono così forti, non ci si dovrebbe fare mille paranoie su come andrà, proiettarsi già nel futuro pensando che il più anziano prima o poi morirà e via dicendo. Se in quel momento quella è la cosa che entrambi desiderano, si dovrebbe semplicemente spegnere la mente e viversi il presente, al resto si penserà poi e si vedrà. Se la passione e l'amore è vero, non c'è età che tenga. Questo è già più un discorso generale ed è il mio pensiero per quanto rilevante possa essere.

    Come amante direi di no, alla fine quello provo va oltre alla semplice pulsione sessuale da dover sfogare.

    Onestamente non so che marito potrei mai essere per lei, finche in una situazione non ci sono dentro con i piedi, specialmente così delicata, non mi so esprimere.

    Purtroppo (per me) aveva menzionato che avrebbe dovuto badare ai bimbi, questo mi fa presumere che sia sposata o conviva.
    Sfasciafamiglie tu dici.. ora ti dirò una cosa che a te come a molti altri potrebbe far storcere il naso.. arrivando anche ad affibbiarmi titoli come "meschino", "bastardo" e chi più ne ha più ne metta. Se IO avessi anche una sola remota possibilità di frequentare/mettere insieme con la mia prof, la coglierei al volo senza esitazioni, non curandomi quali ripercussioni questa mia scelta potrebbe avere sui suoi famigliari... Un ragionamento egoista vero? Io penso solo a me e a far star bene me. Sono stufo marcio di trattenermi continuamente pensando di non ferire gli altri. Non me ne importa più nulla, esisto solo io, punto.
    Queste però sono solo congetture personali, quello che pensa la professoressa è ancora tutto un mistero, non si sa quali fossero le sue reali intenzioni.

    Ceh, io non capisco. All'inizio dell'anno scolastico io ero del tutto non curante del rapporto prof-alunno, ero focalizzato sono sul mio automiglioramento come persona. E' successo tutto per caso. Dal nulla è stata lei a interessarmi a me, farmi domande, scambiarci sorrisi che potevano sembrare banali, ma io notavo una certa passione, non so.. sensazione mia.. e la lista continua.. la trovi al mio primo post.
    Questa mia infatuazione, se così si può definire, è cominciata a farsi sempre più insostenibile a fine scuola, quando venni a conoscenza che non ci saremmo più visti.
    Tutti questi pensieri per la testa e mi vuoi venire a dire che quello era solo il suo semplice modo di comportarsi a scuola? Inaccettabile, sono sempre io quello che ci rimette alla fine, seppur non essendomela andata a cercare...
    Probabilmente, non avendo esperienze in questo campo, ho solamente frainteso questi suoi gesti ed ho ingigantito questa situazione più di quello che fosse.

    Come contatto ho la sua mail. Il fatto è che ho già provato a programmare un incontro usando la scusa della sua materia, che mi servivano dei consigli sul metodo di studio ecc.. ma ha evitato completamente la domanda, dicendomi che lei non avrebbe più fatto parte del serale ma si sarebbe trasferita al diurno, sempre nella mia stessa scuola.. lavandosene le mani dandomi degli stupidissimi consigli che già sapevo di mio. E già qui poteva essere un campanello che non fosse interessata... Un'altra mail d'incontro non se ne parla proprio, ha già rifiutato la prima, non avrebbe senso riprovarci. Come ti ho detto, lei è stata assegnata di ruolo al diurno e non insegnerà più al serale, perciò le mie possibilità di vederla sono quasi pari a zero. L'unica soluzione rimasta qual'è? Sarebbe quella di attenderla fuori da scuola prima o dopo la fine delle lezioni e parlarle lì... ma come si fa... non vorrei apparire ai suoi occhi come un disperato fuori di senno o uno stalker. Non so.........

    E tu invece, sei riuscito a confessare i tuoi sentimenti a questa donna?