Mia madre mi sta rovinando la vita, non posso più fare finta di niente!! Aiutatemi

Discussione iniziata da LUDOVICA2002 il 24-06-2021 - 16 messaggi - 1515 Visite

Like Tree14Likes
  1. LUDOVICA2002 LUDOVICA2002 è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2021 #1

    Predefinito Mia madre mi sta rovinando la vita, non posso più fare finta di niente!! Aiutatemi

    Mia madre mi sta rovinando la vita, non posso più fare finta di niente!! Chiedo aiuto a voi.

    Ciao, ho bisogno di consigli su come comportarmi con mia madre. Premetto che sono una brava ragazza, ho 19 anni.. vado a scuola e prendo sempre voti alti, non vado a ballare perché studio o pulisco, e il massimo che faccio è una passeggiata con le amiche, non bevo e non fumo.
    Nonostante ciò mia madre non mi ha mai appoggiata in niente o ringraziata per quello che faccio per lei. Fin da quando ero piccola mia madre è stata severa, non mi ha mai permesso svaghi e mi ha trattata male; pensavo sarebbe cambiata e invece no.
    Ora mi ritrovo a 19 anni e la situazione è peggiorata; non so se è causa dei suoi fallimenti personali, ma mi dice ogni giorno che sono una nullità solo perché non riesco ad essere indipendente e che devo ringraziare di vivere sotto il suo tetto e che mi dia da mangiare (dovrebbe essere normale). E pensare che a casa le faccende le faccio io e non le ho mai chiesto un soldo perché mi 'mantengo' dando ripetizioni ai ragazzini o stirando. La cosa più assurda è che con tutte le altre persone si lamenta perché a casa fa tutto lei e perché mi deve mantenere. Qualsiasi cosa faccia non è abbastanza per lei, neanche quando faccio tutto e vado bene a scuola o mi impegno x trovare un lavoro è contenta.
    Lei mi ha sempre dato un educazione forte rigida e severa, che sicuramente mi ha reso autonoma sin da quando avevo 5 o 6 anni (andavo all'asilo da sola a piedi) però forse fin troppo. Ora come ora non riesco ad avere un'indipendenza. In casa siamo 4 donne, io , mia madre e 2 sorelline di 8 anni che lei ha avuto con un altro uomo. Io mio papà non l'ho mai conosciuto. Sto bene, ma mi sento tanto sola perché qui non ho parenti. Ho solo lei e la famiglia del padre delle mie sorelle, ma non mi vogliono bene come se fossi una nipote di sangue. Mi sento sfruttata, sola e impotente di cambiare la situazione, abbandonata. L'unica persona che sta esprimendo un interesse reale è il mio fidanzato.
    E ciò che più mi fa star male è il fatto che mia madre si intromette tra me e lui. Dato che lui lavora e abita in una casa decisamente più grande della mia dove c'è armonia e indipendenza, il weekend stiamo da lui, però per mia madre non va mai bene perché sono io che devo ubbidire quando lei chiama e deve sempre farmi pesare tutto. Appena ritorno non fa altro che inveire su di me e a volte lo fa anche usando le mani... e si lamenta se mi difendo , anzi, se provo a farlo, poiché pesa il triplo di me.

    Chi ha conosciuto mia madre mi ha sempre detto che è frustrata/esaurita e che mi tratta come se fossi la sua schiava.
    Tutte le faccende di casa le faccio io, lei non lavora e non ha un occupazione. È mantenuta e per di più si becca il mio reddito di cittadinanza, ma questo non basta, mi fa sentire pure di troppo ogni volta che provo ad alzare la voce, tanto da dirmi ' Se non ti piace come stai qui, vattene via '.
    Se in casa i pavimenti sono sporchi, non si mette a lavarli, urla contro di me dicendo ' qua non pulisce mai nessuno ' ma se non lo faccio io, davvero non lo farebbe nessuno.
    Non le chiedo soldi perché non sia mai. Se faccio qualche lavoretto extra dopo scuola pretende pure che io usi i miei soldi per fare la spesa o che gliene presti la metà o quasi tutti, e se dico di no minaccia di buttarmi fuori di casa, perché l'ha già fatto.
    Per me è sempre stata una grande egoista, dato che per le mie necessità non ha mai speso un soldo ma quando deve fare qualcosa i soldi li ha trova tranquillamente; è frustrata (forse gelosa) perché lei è grassa e invece io ho un bel fisico; è egocentrica, perché ogni mio minimo errore è una tragedia mentre i suoi errori sono sciocchezze e perché le sue esigenze vengono prima di ogni mio impegno o necessità. Non mi rispetta MAI. Non mi chiede mai se posso fare una cosa, lei lo da per scontato. Non mi dice per favore, non mi ringrazia.
    Per farvi un'idea della situazione, l'altro giorno abbiamo litigato (ero appena uscita da scuola) e stavo pranzando alle 15.30 circa, neanche il tempo di fare un boccone che subito mi ha detto ' 10 minuti ed escono le tue sorelle da scuola, valle a prendere ' senza preavviso e senza rispetto visto che lei non ha impegni giornalieri se non i suoi personali. Ovviamente io dopo l'ennesima pretesa ho rifiutato ed è uscita lei, è andata lei a prenderle 50 minuti dopo, borbottando.

    Premetto che sono sempre io che vado a prendere le mie sorelle. Ma lei vuole pure mettermele contro facendomi passare per cattiva sorella se un giorno non vado (perché magari lavoricchio o studio). Ed io non so più come fare. Il suo ex marito, finge di aiutarmi per poi buttarmi ***** addosso e farmi passare come una persona di *****, ma n realtà non gli frega niente di me. Dà ragione a mia mamma solo perché gli conviene.

    Anche se non ho scritto molti piccoli dettagli, vorrei capire se è normale che una madre si comporti così, perché la situazione sta diventando molto pesante. Non ho un lavoro quindi non possono andarmene, ma non posso resistere così altri 2 o 3 anni..

    Come se non bastasse è arrivata a minacciare anche il mio fidanzato che è un angelo e mi vuole davvero bene. È gelosa di tutto, ma io cosa posso farci? Sono stanca e stufa.. Ho parlato con i professori, ma sanno dirmi solo di portare pazienza, o non credono realmente a cosa accade in casa mia. Non ho neanche tempo , modo e voglia di preparare gli esami così.

    Adesso ho trovato un lavoro estivo per 3 mesi, mi impegno perché mi servono soldi , anche a costo di non vedere il mio fidanzato.
    Non sto uscendo mai, non ho 1€ in tasca e lavoro 10 ore al giorno per 1000€ al mese.

    Oggi mia mamma ( che è in vacanza con le bambine ) mi chiama e mi dice '' MI SERVONO 1000€ PER LA CASA CHE DEVO BLOCCARE/COMPRARE ''

    Io dico che non glieli darò anche perché non lavoro 1 mese gratis e se così fosse non me ne Andrei mai via e la sua risposta è stata: SE è COSI, CON I SOLDI CHE HAI GUADAGNATO VAI A VIVERE IN HOTEL O ALTROVE.


    MI SENTO MINACCIATA E NON AMATA.


    Come posso fare? Davvero per favore datemi qualche consiglio utile... non ignoratemi
    A chi posso rivolgermi?
    Esiste un ente che potrebbe darmi casa?
    Il reddito di cittadinanza come potrei richiederlo se non ho un lavoro?
    Il mio fidanzato ha detto di denunciarla filmando ciò che vivo in casa, ma non voglio farlo perché è Comunque mia madre e perderebbe sicuro l'affido delle bambine.. come posso uscire da questa situazione? Mi manca l'ultimo anno di scuola superiore per poi prendere il diploma... già solo per questo, nessuno mi assumerebbe..

    Ho paura di non farcela

    Grazie a chi risponderà, Ludovica






     
  2. AAMOOREE AAMOOREE è offline PrincipianteMessaggi 197 Membro dal Feb 2008 #2

    Predefinito

    intanto prenditi il diploma, magari dopo troverai qualcosa che ti aiuti a renderti indipendente.. mi dispiace se è tutto vero quello che scrivi..
    Tony59 likes this.
     
  3. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è online Super SeniorMessaggi 21,039 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #3

    Predefinito

    ... quando le mamma non è capace ... i figli devono impegnarsi per loro stessi senza farsi influenzare dalla sua negatività ... appena puoi iscriviti ad un corso di lotta o arti marziali ... aiutano molto ...
    Tony59 likes this.
    ... another perspective ...
     
  4. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è online SeniorMessaggi 12,637 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    Ciao Ludovica, mi dispiace tanto. Come dici tu tua madre ha avuto una vita un po' fallimentare e ha scaricato il suo rammarico e dolore su di te figlia primogenita. Spero che un giorno si renderà conto che sei sempre sua figlia e che in fondo ti vuole bene. Se hai l'occasione giusta per lavorare e andartene di casa fallo , magari con l'aiuto del fidanzato avrete più possibilità, ricorda che non sei sola. Allontanarti da lei forse cambierà le cose. Sei comunque una donna indipendente da come parli , serve solo un ultimo passo. Per il reddito solo se lavori in nero altrimenti non potresti richiederlo o potresti ma forse percepisci di meno. Informati col patronato della tua città. Buona fortuna e spero troverai la serenità! sono certo che sarà così perché questa esperienza ti ha resa più forte e serve solo l'ultimo passo e cioè il lavoro
    Nairobi likes this.
    Ho vissuto come un guerriero. Sono morto come un dio. Dopo aver subito il più atroce dei sacrifici, mi è stata negata la libertà. Io, io sconfiggerò l’Olimpo. Io avrò la mia vendetta
     
  5. L'avatar di Hannibal__Lecter

    Hannibal__Lecter Hannibal__Lecter è offline FriendMessaggi 4,881 Membro dal Aug 2020 #5

    Predefinito

    Sembra la storia di Cenerentola....
    Comunque, mi sembra ovvio che, oltre ai suoi fallimenti personali, tua madre covi un rancore incoercibile nei confronti del tuo padre biologico per chissà quale motivo, e che, rendendoti la vita impossibile, si voglia "vendicare", in qualche modo, di lui, o, meglio, del suo ricordo.
    Te ne devi andare da casa, il prima possibile. E, per farlo, devi chiedere aiuto al tuo "Principe Azzurro", il tuo fidanzato e alla sua famiglia, non hai alternative.
    Attenta alle scarpine di vetro...😉
    Auguri.
    Adanyy, Melite and PINASO like this.


    "​Vorrei che potessimo parlare più a lungo, ma sto per avere un vecchio amico per cena"
     
  6. Adanyy Adanyy è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,579 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #6

    Predefinito

    Non semplice da accettare, ma se la tua è una non-madre trattala per quello che è.
    Sei maggiorenne, nessuno ti trattiene, dopo che ti sarai organizzata vai per la tua strada senza pensarci 1 solo secondo di più!

    Quoto il consiglio di Hannibal di farti aiutare dal tuo fidanzato.
    Ultima modifica di Adanyy; 25-06-2021 alle 10:03
     
  7. LUDOVICA2002 LUDOVICA2002 è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2021 #7

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da AAMOOREE Visualizza Messaggio
    intanto prenditi il diploma, magari dopo troverai qualcosa che ti aiuti a renderti indipendente.. mi dispiace se è tutto vero quello che scrivi..
    Si lo è .. grazie mille Comunque
     
  8. LUDOVICA2002 LUDOVICA2002 è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2021 #8

    Predefinito

    Ciao Ludovica, mi dispiace tanto. Come dici tu tua madre ha avuto una vita un po' fallimentare e ha scaricato il suo rammarico e dolore su di te figlia primogenita. Spero che un giorno si renderà conto che sei sempre sua figlia e che in fondo ti vuole bene. Se hai l'occasione giusta per lavorare e andartene di casa fallo , magari con l'aiuto del fidanzato avrete più possibilità, ricorda che non sei sola. Allontanarti da lei forse cambierà le cose. Sei comunque una donna indipendente da come parli , serve solo un ultimo passo. Per il reddito solo se lavori in nero altrimenti non potresti richiederlo o potresti ma forse percepisci di meno. Informati col patronato della tua città. Buona fortuna e spero troverai la serenità! sono certo che sarà così perché questa esperienza ti ha resa più forte e serve solo l'ultimo passo e cioè il lavoro


    Sicuramente su di lui potrei contare ma dovrei comunque distaccarmi a 360 gradi. Ciò che vorrei sapere è se c'è la possibilità che lei possa buttarmi fuori casa o no.. vorrei parlare con qualcuno con la quale parlare per sapere dove appoggiarmi in caso di 'rivendicazione dei miei diritti' diciamo ... perchè nn posso continuare così. Per il reddito posso ottenerlo rivolgendomi a chi? Per la casa so che esistono delle associazioni ma forse per aiutare piu persone possibili non te le lasciano a lungo termine .. non lo so, sono confusa. Ma ovviamente ti ringrazio per questo tuo commento così sentito. Farò il possibile per cercare di lavorare
    Ultima modifica di LUDOVICA2002; 25-06-2021 alle 21:07
     
  9. LUDOVICA2002 LUDOVICA2002 è offline PrincipianteMessaggi 4 Membro dal Jun 2021 #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Hannibal__Lecter Visualizza Messaggio
    Sembra la storia di Cenerentola....
    Comunque, mi sembra ovvio che, oltre ai suoi fallimenti personali, tua madre covi un rancore incoercibile nei confronti del tuo padre biologico per chissà quale motivo, e che, rendendoti la vita impossibile, si voglia "vendicare", in qualche modo, di lui, o, meglio, del suo ricordo.
    Te ne devi andare da casa, il prima possibile. E, per farlo, devi chiedere aiuto al tuo "Principe Azzurro", il tuo fidanzato e alla sua famiglia, non hai alternative.
    Attenta alle scarpine di vetro...😉
    Auguri.
    Potrei farlo, ma non sarebbe una soluzione perchè non potrei mai stare da lui per un anno circa. Già siamo lì tutti i weekend... dovrei provare a trovarmi un lavoretto per pagare almeno una stanza da affittare.
    Non c'è niente che si possa fare se una madre non 'si prende cura' di una figlia?
    Grazie comunque per aver risposto
     
  10. L'avatar di norge

    norge norge è offline MasterMessaggi 37,431 Membro dal Jan 2019 #10

    Predefinito

    A me ha colpito questa tua frase in neretto" Io mio papà non l'ho mai conosciuto"
    Provare a conoscerlo e chiedergli una mano, potrebbe essere fattibile? Sei figlia anche sua dopotutto... magari hanno litigato tra loro ma non vuol dire sia cattivo....Chiedo ne.... Non vorresti conoscerlo?

    Oppure è una via da non intraprendere per te... chiedo perché un mio amico ha conosciuto suo padre a 19 anni e incredibilmente si è trovato bene con lui . Però non so la tua vita personale quindi non so se è una strada praticabile per te...
    " Non parlare mai di Amore e Pace: un Uomo ci ha provato e lo hanno crocefisso !" ( Jim Morrison)


    " Gli animali non si preoccupano del Paradiso o dell'Inferno. Nemmeno io, forse è per questo che andiamo d'accordo. " ( Charles Bukowski)