Mio padre vuole cacciarmi di casa - Pagina 17

Discussione iniziata da Altiva il 15-09-2022 - 170 messaggi - 6289 Visite

Like Tree133Likes
  1. Primavera40 Primavera40 è offline JuniorMessaggi 1,345 Membro dal Feb 2022 #161

    Predefinito

    È anche vero altiva che finché vivi sotto il loro tetto le regole sono le loro.
    Questo ovviamente non giustifica minimamente il fatto che tuo padre ti picchi.
    In ogni caso se l'aria è irrespirabile e se ti senti costretta oltre ogni possibilità di sopportazione puoi solo andare via.
    Non so se il tuo piano di studi ti consenta di non frequentare. In questo caso potresti lavorare a tempo pieno e prenderti una stanzetta in un appartamento in condivisione con altri studenti. Ciò per limitare le spese.
    Se invece devi frequentare l'unica alternativa è sospendere per un po' e poi trovare una soluzione on line. Una cosa del genere insomma. Non hai molte alternative purtroppo. Sappi però che non è impossibile lavorare a tempo pieno e studiare. io alla tua età guadagnavo quasi 1500 euro con due lavori e studiavo di notte. È stato un periodo faticoso, ma lo ricordo con grande nostalgia.
    LaPeppa and PINASO like this.


     
  2. nikita73 nikita73 è offline Super ApprendistaMessaggi 846 Membro dal May 2022 #162

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Altiva Visualizza Messaggio
    Ti giuro hai descritto perfettamente come sto. L'unica differenza è che mal sopporto le loro imposizioni nel senso che li informo che tornerò a una certa ora o che rimarrò a dormire dallo ragazzo e loro cominciano a dire di no al che io dico non vi stavo chiedendo il permesso ma solo informando visto che ho 21 anni e sono capace di prendere le mie decisioni da sola. Sia chiaro che mi dicono di no a prescindere, non perché magari il giorno dopo serve la macchina a mia mamma.o quello che è, non li ascolto quando le loro motivazioni sono solo il perché no. Quindi alla fine esco comunque o sto comunque a dormire fuori ma a quale costo? Appunto litigate su litigate, minacce, e comunque senza godermi mai la serata o la compagnia del mio ragazzo perché rimane sempre un pochino di colpa. Alla fine loro mi hanno educata e mi sembra quasi di essere settata per obbedire, però essendo cresciuta questo mi fa solo sentire un po' in colpa dopo, perché come avete ribadito anche voi la mia libertà è sacrosanta e sono pronta a litigare all'infinito per tenermela.
    vedrai che se decidi di andare via di casa capiranno come non sei capace di prendere delle decisioni per la tua vita e ci rimarranno di cacca perché pensano di poterti ricattare con la scusa che sei studentessa.

    Ma credo che questa mentalità te la riserverebbero anche se lavorassi e basta, un po’ come per Petitnoir. In alcune famiglie c’è ancora il modello del padre-padrone.

    Molto triste che ci sia così poco equilibrio tra far vivere nella bambagia figli senza responsabilizzarli come la mia amica e chi invece offre ai figli una vita di violenze e malumori come nel caso della nostra autrice.


    @Petitnoir tu hai figli? Come ti ha plasmata come genitore la tua esperienza? Come hai superato il trauma?

    Mi sono laureata lavorando, sposata a e poco prima di partorire, studiando d notte.
    Ultima modifica di nikita73; 20-09-2022 alle 19:11
     
  3. L'avatar di petitenoir

    petitenoir petitenoir è offline Super FriendMessaggi 7,649 Membro dal Sep 2015
    Località Italia
    #163

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Altiva Visualizza Messaggio
    Ti giuro hai descritto perfettamente come sto. L'unica differenza è che mal sopporto le loro imposizioni nel senso che li informo che tornerò a una certa ora o che rimarrò a dormire dallo ragazzo e loro cominciano a dire di no al che io dico non vi stavo chiedendo il permesso ma solo informando visto che ho 21 anni e sono capace di prendere le mie decisioni da sola. Sia chiaro che mi dicono di no a prescindere, non perché magari il giorno dopo serve la macchina a mia mamma.o quello che è, non li ascolto quando le loro motivazioni sono solo il perché no. Quindi alla fine esco comunque o sto comunque a dormire fuori ma a quale costo? Appunto litigate su litigate, minacce, e comunque senza godermi mai la serata o la compagnia del mio ragazzo perché rimane sempre un pochino di colpa. Alla fine loro mi hanno educata e mi sembra quasi di essere settata per obbedire, però essendo cresciuta questo mi fa solo sentire un po' in colpa dopo, perché come avete ribadito anche voi la mia libertà è sacrosanta e sono pronta a litigare all'infinito per tenermela.
    Io spero che per te sia diverso. Ma a me le litigate non hanno mai portato a nulla, se non un inasprimento ulteriore della situazione…
    Hai valutato una possibile condivisione di appartamento con altri studenti?
    norge likes this.
    Non andartene docile in quella buona notte. Infuria, infuria, contro il morire della luce.
     
  4. L'avatar di petitenoir

    petitenoir petitenoir è offline Super FriendMessaggi 7,649 Membro dal Sep 2015
    Località Italia
    #164

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da nikita73 Visualizza Messaggio
    vedrai che se decidi di andare via di casa capiranno come non sei capace di prendere delle decisioni per la tua vita e ci rimarranno di cacca perché pensano di poterti ricattare con la scusa che sei studentessa.

    Ma credo che questa mentalità te la riserverebbero anche se lavorassi e basta, un po’ come per Petitnoir. In alcune famiglie c’è ancora il modello del padre-padrone.

    Molto triste che ci sia così poco equilibrio tra far vivere nella bambagia figli senza responsabilizzarli come la mia amica e chi invece offre ai figli una vita di violenze e malumori come nel caso della nostra autrice.


    @Petitnoir tu hai figli? Come ti ha plasmata come genitore la tua esperienza? Come hai superato il trauma?

    Mi sono laureata lavorando, sposata a e poco prima di partorire, studiando d notte.
    No, non ho figli e non ne voglio. Ho 35 anni ed è da quando ne avevo 15 che sono consapevole di non volerne.
    Probabilmente la mia situazione in famiglia (divorzio dei miei genitori + allontanamenti definito di mio padre + arrivo del compagno di mio madre che si è investito del ruolo di padre/padrone) ha generato in me un totale rifiuto della maternità. Forse perché la vedo come un vincolo alla mia libertà personale.
    O forse, semplicemente, non mi piacciono i bambini. Chi lo sa.

    Dopo essermene andata di casa, ho passato quasi un anno di inferno perché era una tortura vedere mia madre e mio fratello così sofferenti.
    Per un paio di anni non ho parlato con il mio patrigno e andavo a casa solo quando lui non c’era.
    Nel mentre, mia madre ha smesso di fare la sottona e ha tirato fuori i marons, cambiando la situazione con lui.
    Alla fine, mi pare verso il 2013 o 2014, abbiamo avuto uno scontro pacificatore e siamo, finalmente, diventati una famiglia normale
    Non andartene docile in quella buona notte. Infuria, infuria, contro il morire della luce.
     
  5. nikita73 nikita73 è offline Super ApprendistaMessaggi 846 Membro dal May 2022 #165

    Predefinito

    Grazie Petitenoir pera tua condivisione. Purtroppo certe brutte esperienze ci segnano per sempre, salvo andare in terapia, ma anche lí bisogna fare tanto tanto lavoro su se stessi.
     
  6. L'avatar di LaPeppa

    LaPeppa LaPeppa è offline Super FriendMessaggi 5,260 Membro dal Mar 2022
    Località Italia
    #166

    Predefinito

    Non sempre serve la.terapia.
    Larga la foglia, stretta la via dite la vostra che ho detto la mia 🌿

    Cadi sette volte, rialzati otto 🤼

    Link nuovo forum: https://sfrattati.freeforumzone.com/mobile/f/200443/Sfrattati-da-Amando/forum.aspx
     
  7. nikita73 nikita73 è offline Super ApprendistaMessaggi 846 Membro dal May 2022 #167

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LaPeppa Visualizza Messaggio
    Non sempre serve la.terapia.
    Finché non ci si va, non si può sapere! È come andare dal fisioterapista: le sedute da sole non servono. Bisogna fare tanto lavoro su se stessi a casa e crederci!
     
  8. L'avatar di LaPeppa

    LaPeppa LaPeppa è offline Super FriendMessaggi 5,260 Membro dal Mar 2022
    Località Italia
    #168

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da nikita73 Visualizza Messaggio
    Grazie Petitenoir pera tua condivisione. Purtroppo certe brutte esperienze ci segnano per sempre, salvo andare in terapia, ma anche lí bisogna fare tanto tanto lavoro su se stessi.
    Citazione Originariamente Scritto da nikita73 Visualizza Messaggio
    Finché non ci si va, non si può sapere! È come andare dal fisioterapista: le sedute da sole non servono. Bisogna fare tanto lavoro su se stessi a casa e crederci!
    Nel primo post scrivi che ci sono esperienze brutte che segnano per sempre a meno di andare in terapia.
    Non sempre è necessaria, a volte si superano anche senza. Intendevo questo
    Larga la foglia, stretta la via dite la vostra che ho detto la mia 🌿

    Cadi sette volte, rialzati otto 🤼

    Link nuovo forum: https://sfrattati.freeforumzone.com/mobile/f/200443/Sfrattati-da-Amando/forum.aspx
     
  9. nikita73 nikita73 è offline Super ApprendistaMessaggi 846 Membro dal May 2022 #169

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da LaPeppa Visualizza Messaggio
    Nel primo post scrivi che ci sono esperienze brutte che segnano per sempre a meno di andare in terapia.
    Non sempre è necessaria, a volte si superano anche senza. Intendevo questo
    Beh mi sembra ovvio che se uno ha superato un problema non deve andare a cercare di guarire dalle ferite causate da esso! Come non vai dal medico dopo aver avuto mal di pancia se ti è passato.
     
  10. L'avatar di Andromeda88

    Andromeda88 Andromeda88 è offline Super ApprendistaMessaggi 549 Membro dal May 2022 #170

    Predefinito

    @Altiva

    Vivi una situazione molto delicata e devi imparare a scendere a dei compromessi.
    Non giustifico il tuo padre per i suoi atti violenti, ma credo che pure tu devi fare qualche sforzo per evitare di scatenare la sua ira.
    Non so come rispondi o come ti diffendi davanti le loro critiche, non vedendo come vi comportate tutti, è difficile stabilire chi ha torto.
    Tu presenti la situazione dal tuo punto di vista e a 21anni non abbiamo la maturità di interpretare sempre bene.

    I tuoi genitori non mi sembrano dei mostri, ti danno abbastanza libertà, puoi avere un fidanzato, esci le notti a divertirti, devi capire cosa scatena l'ira e se c'è un rimedio per poter sopportarvi ancora.

    Per essere sincera con te, non mi sembra normale manco a me che una ragazza così giovane faccia le nottate fine alle 5 del mattino.
    Ci sta nel weekend ma non ogni sera.

    Il fatto che guadagni un po di soldi per spendere nelle tue uscite, non ti da il diritto di fare come ti pare.
    Dal momento che dipendi da loro , ti pagano gli studi( credimi che è molto , non tutti i genitori sostengono il progetto di studio dei figli), non ti manca niente dal punto di vista materiale, penso che dovresti avere più riconoscenza ed imparare a trovare un modo per accontentare te stessa ma pure loro.
    Sei sempre sotto il loro tetto, è la loro casa e ti piace o no, devi rispettare certe regole di convivenza.

    Se vuoi finire gli studi e divertirti, devi rimanere ancora con loro.
    Se però credi che non ce la fai più e l'atmosfera sia proprio pesante, interrompi gli studi e concentrati sul lavoro.

    Ma io da persona con certe esperienze di vita, ti consiglio di tentare di accontentarli e di evitare i conflitti.
    Finisci gli studi, ho capito che fai degli studi importanti, quello è il tuo pane per tutta la vita, sii razionale e trova un modo per intendervi.
    Se ti mancano 2 anni, 2 anni è niente, si può sopportare, una volta laureata, ti trovi un buon lavoro ed esci di casa.

    Senno parla con il fidanzato ed andate a vivere insieme se è possibile e se ti fidi di lui.
    O vivere dai suoi, se sono brave persone, potrebbe essere una soluzione provvisoria.
    Conosco gente che vive con i genitori del fidanzato, giustamente perché i propri genitori sono complicati.
    Ma non ti consiglio di abbandonare gli studi, nel contesto difficile che viviamo, trovare lavoro non è una passata e non ha senso abbandonare degli studi importanti per dei lavori mal pagati e scarsi.
    Hai una borsa di studio? Potrebbe essere una soluzione per pagare gli studi e fare un part time.
    Ovviamente devi rinunciare al divertimento ogni notte, tutto ha un prezzo e devi vedere quali sono le tue priorità:il divertimento o finire più presto gli studi.
    Io vedo delle soluzioni, ma c'è sempre qualcosa da sacrificare/rinunciare.
    81Giulia and PINASO like this.
    Tengo il mio cuore, la mia mente e il mio spirito aperti ai miracoli :-) - Patrick Swayze .