Il mistero delle persone impopolari.

Discussione iniziata da Iperbole_Equilatera il 18-08-2018 - 511 messaggi - 16904 Visite

Like Tree369Likes
  1. Iperbole_Equilatera Iperbole_Equilatera è offline JuniorMessaggi 1,572 Membro dal Apr 2017 #1

    Predefinito Il mistero delle persone impopolari.

    Ciao a tutti, come scrissi in un post la scorsa settimana ora sto molto meglio, non mi ossessiono più pensando a ciò che non potrò mai vivere e nel complesso mi sento serena.
    Prima, tuttavia, stavo riflettendo su una questione: come mai ci sono persone (di entrambi i sessi) che risultano spesso impopolari ed antipatiche a quasi tutti? Voi direte: Saranno antipatiche davvero, e può anche darsi, ma non sempre è così. Ad esempio io, a parte la questione del non piacere esteticamente (già sviscerata fino all'ossessione), sono sempre stata anche abbastanza esclusa nei gruppi, di frequente la gente mi risponde male o mi tratta con indifferenza ecc ecc. Ad esempio, anche ex compagni di liceo e delle medie pure a distanza di secoli continuano ancora ad avere un'idea di me come di una sfigata, pur non avendo io mai fatto niente di male-almeno credo. Secondo voi, cosa rende alcune persone emarginate e giudicate in modo negativo? Io dico: un aspetto fisico pessimo (questo purtroppo è ovvio), ma forse non solo, forse vengo percepita come un po'strana anche a livello caratteriale o diversa (nell'accezione negativa del termine), non lo so.
    Voi che dite?
    In realtà ormai sto bene da sola, ho pochissimi amici (anche per mia scelta) e non ci soffro più di tanto, però è comunque un dubbio che mi attanaglia, come mai certe persone non vengono mai accettate e ricevono sempre critiche, disprezzo o indifferenza?


    passerosolitario84 likes this.
     
  2. L'avatar di Berlin__

    Berlin__ Berlin__ è offline JuniorMessaggi 1,925 Membro dal Jul 2018
    Località Italia
    #2

    Predefinito

    può essere che "a pelle" uno venga percepito come poco allegro, astioso, in qualche modo negativo, perchè sorride poco magari.
    In realtà l'aspetto fisico, anche semplicemente per gli aspetti relazionali, è purtroppo una zavorra che ti porti dietro sempre. Sia per le donne che per gli uomini.
    Ad ogni modo io tutte queste persone con tonnellate di amicizie importanti non ne vedo, le amicizie tendono ad essere molto spesso superficiali. I rapporti sono diventati "liquidi".
    Ultima modifica di Berlin__; 18-08-2018 alle 13:47
     
  3. ragazzobds ragazzobds è offline FriendMessaggi 3,988 Membro dal Jul 2017 #3

    Predefinito

    Io credo dipenda dalle persone con cui ti trovi a crescere.

    Io ad esempio non ho mai avuto problemi con nessuno durante le scuole, anzi, tutto il contrario. E non credo sia solo merito del mio carattere buono e gentile, ma perchè ho trovato persone che fossero in grado di accettare chiunque per come fosse, senza mai insultare, ma limitandosi al massimo a prese in giro reciproche, per divertirsi.

    Sono stato fortunato, non so che dire...

    Spesso l'aspetto estetico aiuterà di sicuro, perchè chi appare imbranato già solo a guardarlo e per cosa fa (ho un amico simile) di sicuro svilupperà su di lui una reputazione tutt'altro che positiva. Ma anche il mio amico, per esempio, pur avendo un aspetto non di certo gradevole alla vista e pur avendo un modo di fare tutto suo e anche comico, era accettato, e ancora oggi pur scherzandoci su gli vogliono bene.

    Io direi dunque che da un lato potremmo essere noi a porci stranamente. Dall'altro però non dipende da noi, ma dagli altri. Soprattutto da questi.

    Io comunque credo che il nostro modo di porci faccia molto, ma forse un ruolo importante lo gioca anche l'aspetto. Dico forse perchè a meno di solito si rientra nella media, per cui non si ha un aspetto tanto diverso e condizionante. Ma riconosco che alcuni soggetti hanno tratti più "originali", per cui potrebbero influire.
    Ultima modifica di ragazzobds; 18-08-2018 alle 15:54
     
  4. L'avatar di Marcioindanimarca

    Marcioindanimarca Marcioindanimarca è offline JuniorMessaggi 1,530 Membro dal Mar 2017 #4

    Predefinito

    Io vengo spesso e volentieri considerata molto antipatica, snob e sto "a pelle" sulle scatole a parecchia gente.
    Perfino i miei ex fidanzati e i miei ex amici/amiche lo pensavano prima di avere rapporti con me. Un giorno ho sostenuto un esame universitario e il professore (che tra l'altro mi ha messo il massimo) mi ha chiesto se nel mio paese fossero tutte altezzose come me
    La giustificazione che mi hanno dato è che ho un carattere molto chiuso che ha bisogno di un po' di confidenza per aprirsi, e questo viene spesso scambiato per presunzione quando alla fine è solo timidezza.
    Con il tempo ho imparato a smussare un po' questo mio aspetto; contemporaneamente, però, ho anche capito che la maggior parte delle persone non meritano affetto, anzi.
    Quindi ora non mi interessa più sapere se risulto simpatica o meno, anzi, magari funge da deterrente per qualche rompiscatole.
    "We walk through ourselves, meeting robbers, ghosts, giants, old men, young men, wives, widows, brothers-in-love. But always meeting ourselves." J.J.
     
  5. passerosolitario84 passerosolitario84 è offline FriendMessaggi 3,440 Membro dal Mar 2016 #5

    Predefinito

    @Iperbole in genere le persone con un carattere timido, fragile, introverso non piacciono. Poi in secondo luogo penso che influiscano il fattore estetico e l'avere interessi e idee diversi.
     
  6. Trixio Trixio è offline PrincipianteMessaggi 186 Membro dal Aug 2018 #6

    Predefinito

    Secondo me non bisogna credere a chi ti emargina per X motivo poiché spesso il motivo principale è che non sei funzionale a lui, quindi anche smussare le tue caratteristiche porta a poco, se non appunto togliere il/i deterrenti.
    Bisognerebbe chiedersi appunto quanto vale la considerazione di una persona.
     
  7. roma_amor roma_amor è offline JuniorMessaggi 1,678 Membro dal Dec 2015 #7

    Predefinito

    L'effetto alone è un bias cognitivo per il quale la percezione di un tratto è influenzata dalla percezione di uno o più altri tratti dell'individuo o dell'oggetto. Un esempio è giudicare intelligente, a prima vista, un individuo di bell'aspetto.
    purtroppo l'aspetto fisico condiziona anche l'amicizia e altri aspetti che non dovrebbero c'entrare niente con l'esteriorità.

    è più piacevole stare accanto e stare a sentire una bella persona.

    ecco perchè spesso si cercano persone di bella presenza a lavoro.
     
  8. Iperbole_Equilatera Iperbole_Equilatera è offline JuniorMessaggi 1,572 Membro dal Apr 2017 #8

    Predefinito

    Concordo con i commenti di tutti; mi pare dunque di capire che un minimo l'aspetto fisico influenzerà qualunque ambito della vita, giusto? Poi è ovvio che non conterà solo quello, però incide comunque un po'.
     
  9. L'avatar di Berlin__

    Berlin__ Berlin__ è offline JuniorMessaggi 1,925 Membro dal Jul 2018
    Località Italia
    #9

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Iperbole_Equilatera Visualizza Messaggio
    Concordo con i commenti di tutti; mi pare dunque di capire che un minimo l'aspetto fisico influenzerà qualunque ambito della vita, giusto? Poi è ovvio che non conterà solo quello, però incide comunque un po'.
    ... non hai idea in generale di quanto influisca, in tutti i campi. Ti hanno parlato anche dell'effetto alone, ne siamo tutti influenzati. Se vedo un "palestrato" tamarro, abbronzato e tatuato, in automatico penso che sia un decerebrato. Se sia vero non lo so, ma è un bias cognitivo sbagliato. Cosi come le persone belle automaticamente sono anche più intelligenti.

    In rete si trovano molte *******, ma anche molte cose interessanti.
    Pare che la bellezza aiuti anche a fare carriera (anche se ovviamente da sola non basta), pare che aiuti ad ottenere pene carcerarie inferiori, pare che ... in realtà non è che "pare", è proprio cosi. Spesso anche in lavori dove la bellezza non è scontata (come in tv, o al cinema). E' chiaro che per tanti lavori non conta nulla o quasi (medico, ingegnere, elettricista, idraulico). Ma già se cerchi lavoro come commessa o cameriera, è facile che aiuti. Questo perchè c'è gente che conosco e anche che stimo (=intelligente), che va in un pub piuttosto che un altro perchè c'è una bella cameriera. In età adulta intendo. Se lavori nel marketing, aiuta ad essere assunti e a fare i numeri dopo. Cerca su google:
    "bellezza vantaggi studi"

    Questo è un libro che ne parla, anche se io non lo leggerò e non darò soldi a questo tizio, per scoprire cose che so già:
    "La bellezza paga. Tutti i vantaggi dell'essere attraenti"

    La realtà è che il condizionamento della bellezza è inconscio e riguarda tutti, anche persone che si auto-reputano intelligenti e spesso lo sono. Acculturate, laureati, gente che ha studiato. Ma l'attrazione della bella ragazza laureata per il tamarro alla Corona (Fabrizio, non Mauro) non si controlla. E risulta naturale esserne condizionati. I maghi del marketing agiscono su questo, hanno perfettamente chiare tutte queste dinamiche, cosi come chi aiuta le persone a fare campagna elettorale, e curano dettagli apparentementi irrilevanti (non solo legati alla bellezza) per i più, ma vincenti poi nella realtà. I prezzi a 19.90, 199E sono tutte magie introdotte perchè l'essere umano medio pensa di spendere poco più di 10E e 100E, ed alla fine cosi facendo spende invece molto di più.
    La bellezza è la prima delle droghe.

    Altro libro interessante: "Pensieri lenti e veloci" (a questo i soldi li ho dati)
    Parla di condizionamenti inconsci. I giudici israeliani concedevano i permessi ai carcerati molto più spesso dopo pranzo che prima, perchè dopo mangiato siamo tutti più di buon umore. Ovviamente i magistrati, depositari della legge e tipicamente umili, si rifiutavano di credere che la cosa dipendesse da quello. Ma i numeri sono numeri, le percentuali pure.

    Si presuppone che persone adulte abbiano smesso di guardare l'aspetto fisico, se non nella scelta del partner, almeno nel modo in cui si trattano le persone, o nel gestire le "amicizie". Eppure io vedo persone anche in età adulta ghettizzate per questo, o prese in giro alle loro spalle. Da persone che a volte non avrebbero molto da parlare. Obesi che prendono in giro obesi per esempio. Cose fuori da ogni logica.

    Ah ... buona domenica
    Ultima modifica di Berlin__; 19-08-2018 alle 11:13
     
  10. L'avatar di Brutto97

    Brutto97 Brutto97 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 88 Membro dal Jul 2018 #10

    Predefinito

    Come già molti d voi hanno scritto, l'aspetto fisico conta e non poco. Il carattere pure. Io dico che a volte, si sceglie l'emarginazione. Ho sentito spesso casi di emarginazione volontaria, di non voler interagire e avere a che fare. Dalla semplice asocialità al caso degli hikikomori: persone che rifiutano qualsiasi tipo di interazione sociale, vivendo completamente soli a casa. Qui è spiegato in modo più approfondito il fenomeno, cui ho saputo che ai primi del 2018 è scoppiato nel nostro paese!
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]