Normalità o patologia - Pagina 2

Discussione iniziata da Miseria il 14-11-2021 - 16 messaggi - 761 Visite

Like Tree20Likes
  1. L'avatar di Pollon-

    Pollon- Pollon- è offline Super ApprendistaMessaggi 608 Membro dal Oct 2021
    Località Natio borgo selvaggio, eventualmente nell'iperuranio
    #11

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Minsc Visualizza Messaggio
    A me perplime che nonostante tutto quello che subisce ci rimanga ancora insieme
    "Perplime" è l'indicativo presente, terza persona singolare del famoso participio passato "perplesso"?


     
  2. L'avatar di norge

    norge norge è offline MasterMessaggi 37,407 Membro dal Jan 2019 #12

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da MonacoFrigido Visualizza Messaggio
    Ma lui è quello che ti dice che gli piacciono bionde quando tu sei mora?
    Magari la madre è bionda...😁 scherzi a parte ma io direi di rifletterci sopra se vuoi o non vuoi passare il tuo tempo con questa persona.
    " Non parlare mai di Amore e Pace: un Uomo ci ha provato e lo hanno crocefisso !" ( Jim Morrison)


    " Gli animali non si preoccupano del Paradiso o dell'Inferno. Nemmeno io, forse è per questo che andiamo d'accordo. " ( Charles Bukowski)
     
  3. L'avatar di Lovecroft789

    Lovecroft789 Lovecroft789 è offline PrincipianteMessaggi 154 Membro dal Oct 2021 #13

    Predefinito

    Decisamente patologia.
     
  4. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline SeniorMessaggi 12,605 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #14

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pollon- Visualizza Messaggio
    "Perplime" è l'indicativo presente, terza persona singolare del famoso participio passato "perplesso"?
    Sinonimo di perplesso , indicativo presente, terza persona singolare
    Ho vissuto come un guerriero. Sono morto come un dio. Dopo aver subito il più atroce dei sacrifici, mi è stata negata la libertà. Io, io sconfiggerò l’Olimpo. Io avrò la mia vendetta
     
  5. Miseria Miseria è offline PrincipianteMessaggi 16 Membro dal Nov 2021 #15

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da toshio27 Visualizza Messaggio
    Minsc io credo evidente che lo ami!
    E che sia una situazione incementata da tempo!
    E a volte non credo sia cosi' automatico chiudere tutto e stop. Soprattutto se si ama veramente qualcuno.

    Ci arrivera' col suo tempo quando "avra' subito abbastanza"...

    Ma tornando IT...

    Si, e' PATOLOGICO.
    E mi unisco al coro che ti dice di USCIRE da questo circolo vizioso.
    Mettici il tempo di cui hai bisogno. Fai i tuoi passi, ma devi liberartene... E' in gioco la TUA serenita'... E la tua vita.
    Si, se sto ancora con lui dopo tutte queste cose è perché il sentimento ovviamente c'è da parte mia.
    Vi aggiorno sul fatto che gli ho parlato di questo e di altre cose che non vanno e mi fanno soffrire. Stranamente credo che un pochino lo abbia capito, ora è meno fissato con la madre.
     
  6. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline Super SeniorMessaggi 21,011 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #16

    Predefinito

    Miseria,
    nella vita reale la patologia è normale, cioè è normale che le persone si ammalino e vivano un periodo di malattia più o meno lungo. Va detto che ogni persona tende naturalmente a tornare in salute anche se a volte lo stato di malattia non si avverte come non sanità fisica o mentale o fisica e mentale.
    Fossi in te cercherei di imparare a vivere situazioni di questo tipo che non sono limitanti per la persona sana come tu dici di essere. Quindi per te la patologia da mammone del tuo partner non è limitante se non nel minor tempo che lui ti possa dedicare, per il resto tu puoi fare di tutto per te stessa e per lui. Considera pure che per quanto la tua suocera possa vivere, morirà prima di te per cui avrai tempo per essere l'unica donna nella vita di tuo marito.
    Ora, considera che per me la relazione di coppia non sostituisce la relazione con se stessi, l'amore di coppia non è prioritario sull'amore per se stessi, capisci che per me ogni persona DEVE saper vivere bene in compagnia di se stessa per poi saper vivere bene con il/la partner e con tutte le persone con cui in qualche modo si relaziona. Ne viene che, sempre secondo me, stai facendo l'errore che io facevo fino a circa 7 anni fa: focalizzavo la mia attenzione sulla relazione di coppia e non sulla mia personale felicità che è amare. Capisci che ero fortissimamente frustrato perché nessuna persona può dare un profondo e reale sentimento per me stesso. La stessa cosa è per te, se non ti ami, se non fai te il bene di te stessa chi vuoi che lo faccia? Né il tuo partner mammone né un altro uomo che probabilmente starebbe con te senza saper amare.
    La crudezza della vita sta in questa illusione, cerchiamo una relazione di vero sentimento prima di essere capaci di provare quel sentimento per noi stessi.
    Ti consiglio quindi di focalizzare la tua attenzione su te stessa e poi, dopo aver imparato ad amarti includi anche il tuo partner nella tua relazione amorosa, solo dopo che tu concretamente dimostri di volere il tuo bene, non è egoismo, è fare un elenco di priorità e tu ovviamente sei al primo posto, tienilo a mente. Nessuno può fare a meno di se stesso.
    Lascialo a sua madre il tuo partner e pensa a te stessa, non troncare la relazione con lui perché non cambierebbe la tua incapacità d'amarti, che ci sia lui o un altro non cambierebbe nulla, sei tu incapace di amarti e che lui preferisca la mamma non cambia questa tua incapacità.
    ... another perspective ...