Pensate o avete mai pensato di non esser fatti per una relazione? - Pagina 6

Discussione iniziata da polinares il 26-12-2015 - 134 messaggi - 12166 Visite

Like Tree107Likes
  1. Eddie_Achernar Eddie_Achernar è offline ApprendistaMessaggi 274 Membro dal Jul 2013 #51

    Predefinito

    Ho provato a risistemare gli aspetti dai quali capire di non essere portati per una relazione:

    Ambito organizzazione/gestione/impegno
    -non riuscire a "pensare a due" e a far spazio ad un'altra persona nella propria vita.
    -sapere di non riuscire a conciliare le differenze di vedute, interessi, modi di fare...
    -pensare che "le cose devono già andare bene di loro" e non concepire di poter cambiare qualcosa di sé per venire incontro all'altra persona.
    -divenire consapevoli di essere una persona per la quale l'unico modo per poter stare insieme è che ci si deve incastrare (e incastrarsi pressoché alla perfezione) anziché venirsi incontro cercando dei compromessi.
    -non riuscire a mettere abbastanza impegno e iniziativa nel cosa fare quando si è insieme.

    Ambito sentimenti/passione
    -non riuscire ad avere cura dei sentimenti dall'altro, mancanza di empatia, tranne forse nel solo caso in cui si è innamorati cotti.
    -non saper riconoscere e gestire nemmeno i propri sentimenti (figuriamoci quelli dell'altra persona) : per esempio, sono davvero innamorato di questa persona? ho in comune delle cose con lei? non è un sentimento superficiale? Sono conscio delle possibilità che abbiamo di stare bene insieme?
    -avere una soglia troppo alta di "passionabilità", cioè un eventuale partner deve avere delle caratteristiche che mi vanno veramente molto a genio, perché io possa invaghirmene/ricambiare il sentimento.
    -oppure avere il lato "passione" del proprio carattere, troppo diverso da quello comune (principalmente essere troppo freddi, o non amare molto il contatto fisico)


    -di conseguenza a quanto sopra... finire sempre col far soffrire l'altro.

    Suggerimenti?


    passerosolitario84 likes this.

    "Ma fa male essere vivi, amico mio, in questa corrente silenziosa siamo rami galleggianti di passaggio. Non desideri essere di nuovo un bambino? Solo per un minuto, solo per un altro minuto…"
     
  2. Schnee Schnee è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 492 Membro dal Oct 2016
    Località Nord
    #52

    Predefinito

    No. Ho quasi 30 anni, non ho mai avuto una ragazza e sono vergine (neanche mai baciato), quindi mi farebbe anche comodo buttarla sul destino.

    La verità è che il mondo è spietato e sono un concentrato di difetti e cose che non piacciono alle donne, ma badate che dipende dalla cultura e dall'influenza dei media: in Africa dove muoiono di fame la nera obesa è supersexy...
    Magari da qualche parte nel mondo anche essere basso e pelato, oltre che poco dotato, può essere un pregio.
     
  3. Eddie_Achernar Eddie_Achernar è offline ApprendistaMessaggi 274 Membro dal Jul 2013 #53

    Predefinito Andiamo alla radice della questione

    Quali sono i motivi per cui si arriva ad essere degli "incapaci sentimentali" ?

    In altre parole: quali potrebbero essere identificati come gli elementi del proprio vissuto a causa dei quali, arrivati all'età che dovrebbe essere matura, diciamo ai 25 anni, una persona (parliamo sia di uomini che di donne, e di quali sono gli elementi in comune e quelli diversi) si trova nella condizione mentale/caratteriale di non saper avere/mantenere/gestire un legame sentimentale; quindi come si arriva ad avere le caratteristiche che ho elencato nel mio precedente post?
    (tra l'altro, se vi vengono in mente dei punti da aggiungere ben vengano)
    ghoster likes this.

    "Ma fa male essere vivi, amico mio, in questa corrente silenziosa siamo rami galleggianti di passaggio. Non desideri essere di nuovo un bambino? Solo per un minuto, solo per un altro minuto…"
     
  4. L'avatar di Lanonimo

    Lanonimo Lanonimo è offline FriendMessaggi 2,956 Membro dal May 2013 #54

    Predefinito

    @Eddie: ma se escludiamo il caso di chi non ha mai avuto una relazione arrivati ai 25\30 anni, non mi sembra tanto una questione di "incapacità sentimentale" quanto di valori secondo cui si indirizza\ci si sente indirizzati riguardo il proprio vivere:

    - e di sicuro è un'opzione (pure comprensibile\bella\ecc.) quella della serenità\quotidianità\affetto"costruzione"; ma c'è anche tutto l'altro polo dell'intensità\del desiderio\ della ricerca del nuovo ecc.

    che di sicuro è almeno in parte in contrasto col precedente (nn fosse altro, per questioni di tempo ), ma che secondo me sbagli a vedere necessariamente come il risultato di mancanze o strane architetture esperienziali\cerebrali

    voglio dire che dare per scontata la coppia come esito naturale di una maturazione sentimentale a me sembra sbagliato proprio a livello teorico (anche se è probabilmente il risultato più normale, nel senso di norma statistica)

    .....................
    poi l'importante è capire che si tratta in generale di fasi e che non bisognerebbe fossilizzarsi nell'una o nell'altra che sono un continuum, tolta la già citata preferenza individuale spostata verso l'uno o l'altro dei due poli, e magari cercare di trovarsi con persone che al momento attuale possiedono le stesse esigenze, lo stesso sentimento, per cercare di fare e farsi il meno male possibile

    "state buoni se potete...."
    follow your bliss
     
  5. L'avatar di MonacoFrigido

    MonacoFrigido MonacoFrigido è offline SeniorMessaggi 8,352 Membro dal Jun 2016
    Località Brixia, Longobardia Maior
    #55

    Predefinito

    Il modo migliore per fare una cosa, è prendere l'abitudine di farla.
    È risaputo che le abitudini che si prendono durante la fase adolescenziale e nei primissimi anni post-adolescenza, sono quelle che hanno la maggior probabilità di perdurare. Viceversa, prendere un'abitudine diventa esponenzialmente più difficile man mano che passa il tempo.
    Lanonimo likes this.
    We need a more permanent solution to our problem
     
  6. Valentina_G Valentina_G è offline BannedMessaggi 5,571 Membro dal Jul 2016 #56

    Predefinito

    Ok Monaco ora ho capito perchè il mio matrimonio è fallito: mi sono sposata a 30 anni suonati e fino ad allora non avevo mai convissuto con nessuno.
     
  7. ghoster ghoster è offline BannedMessaggi 707 Membro dal Nov 2016
    Località Italia del nord
    #57

    Predefinito

    Io non mi ritengo adatto per una relazione perché ho i nervi deboli.
    Prediligo la tranquillità agli sbalzi umorali derivanti da un'altra persona.
    Ergo non mi piace l'euforia ne le droghe, tra cui l'amore
    Eddie_Achernar likes this.
     
  8. ghoster ghoster è offline BannedMessaggi 707 Membro dal Nov 2016
    Località Italia del nord
    #58

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eddie_Achernar Visualizza Messaggio
    Quali sono i motivi per cui si arriva ad essere degli "incapaci sentimentali" ?

    In altre parole: quali potrebbero essere identificati come gli elementi del proprio vissuto a causa dei quali, arrivati all'età che dovrebbe essere matura, diciamo ai 25 anni, una persona (parliamo sia di uomini che di donne, e di quali sono gli elementi in comune e quelli diversi) si trova nella condizione mentale/caratteriale di non saper avere/mantenere/gestire un legame sentimentale; quindi come si arriva ad avere le caratteristiche che ho elencato nel mio precedente post?
    (tra l'altro, se vi vengono in mente dei punti da aggiungere ben vengano)
    Ci sono persone più o meno socievoli, questo è il punto.
    E non a tutti piacciono i discorsi che ci fanno gli altri. Ad alcuni non gliene frega niente.
    Io ho notato nella mia personale esperienza che le donne reagiscono al nostro stato d'animo.
    Provate a creare un discorso entusiasmante con una donna... empatico.
    Provate a vedere come reagisce.
    Sentirà là vostre stesse emozioni.
    Io penso che tanti qui dentro che si lamentano in realtà non sentano un vero piacere nel socializzare con donne o ragazze.
    Se gli piacesse, belli o brutti che siano le loro probabilità aumenterebbero non di poco nel successo.
    Lo dico perché io stesso solitamente non provo molt piacere a parlare con gli altri..: solo con gli amici di infanzia e raramente con qualcun altro.
    Queste dinamiche sociali fanno da ponte all'affettività e la stessa persona magari bellissima, se chiusa e "piatta" richiamerà magari addirittura un colpo di fulmine inizialmente, che poi si spegnerà per carenza di pathos.
    In altre parole... dire che la bellezza ha un peso dell'80% è assurdo se si parla di relazioni umane. Non è qualcosa di così pratico e il solo fatto di pensarlo presuppone deficit relazionali... anaffettivita e via dicendo
     
  9. L'avatar di Azzy

    Azzy Azzy è offline Super FriendMessaggi 6,559 Membro dal Dec 2015 #59

    Predefinito

    Io l'ho sempre pensato di me e lo penserei tuttora.
    Fino a che la più normale delle persone, inteso come un insieme di grandi qualità senza altri risvolti caratteriali, ha deciso per tutti e due che io ero quella giusta, molti molti anni fa.
    Per questo penso e dico che amore, chimica tra due persone, affinità e affetto non hanno regole comprensibili e non si possono stabilire leggi o assiomi. E mai dire mai.
    Valentina_G and Black_Knight like this.
    Welcome Home
     
  10. Sousuke Sousuke è offline BannedMessaggi 53,606 Membro dal Jun 2015
    Località Gallarate - Padania
    #60

    Predefinito

    considerato che le relazioni sono spesso incastri di bisogni egoistici

    chiunque può essere adatto a una relazione
    ghoster likes this.
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]