Le persone che fanno più male - Pagina 7

Discussione iniziata da Mercury3000 il 05-01-2021 - 68 messaggi - 3746 Visite

Like Tree110Likes
  1. L'avatar di Minsc

    Minsc Minsc è offline Super FriendMessaggi 5,241 Membro dal Aug 2020
    Località Italia
    #61

    Predefinito

    Penso che tutti abbiamo ricevuto del male da persone, a volte da persone care a cui vogliamo bene. Io però non ho risentimento o odio. Non esiste l'odio per me. Non ha nemmeno senso sperare che tutti gli ritorni. Alla fine si perdona altrimenti si vive con emozioni negative e non fa bene a nessuno e poi se comunque vuoi bene, puoi rimanere ferito e deluso ma non augurare il male


    "Nessuna causa è persa finché ci sarà un solo folle a combattere per essa"

    "Dove l'amore impera, non c'è desiderio di potere, e dove il potere predomina, manca l'amore. L'uno è l'ombra dell'altro"

    "Il progresso tecnologico è come dare un'ascia ad un pazzo criminale"

    "Cos’è meglio, nascere direttamente buono, o sconfiggere la tua natura malvagia attraverso un grande sforzo?"

    "Anche nei momenti bui, non possiamo rinunciare alle cose che ci rendono umani"

     
  2. gioiadivita gioiadivita è offline JuniorMessaggi 1,397 Membro dal Aug 2013 #62

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mercury3000 Visualizza Messaggio
    Boh, forse aiutando gli altri credevo di aiutare me stessa. Forse nel caso della mia amica volevo pure cementificare un'amicizia nella convinzione che mi sarebbe tornata utile, forse il confronto con lei mi faceva sentire superiore, il che non mi rende affatto buona e generosa. Concentrati su te stessa, giusto. Cosa vorrei? Mollare tutto. Non si può. In alternativa mi piacerebbe avere una macchina del tempo e tornare dalla Mercury a nove anni e darle un paio di consigli. Ah vero, non si può neppure. In alternativa dato che non posso cambiare le grandi cose mi concentro a cambiare le piccole cose, mie e degli altri. Ed eccoci al punto di partenza. Quando mi chiedo, e me lo chiedo spesso, cosa voglio, posso accontentarmi solo nelle piccole cose, spendere qualche soldino, prendermi qualche soddisfazione, prendermi cura di me stessa come se fossi mia figlia. Lo faccio, tento di dimostrarmi quanto mi voglio bene, ma non basta. E' un'insoddisfazione mista a rabbia, allora più che sindrome da crocerossina diventa sindrome da deus ex machina. Non ci sono riuscita io ad essere felice, vedo se posso fare felice qualcun altro.
    Credo che la delusione per un'amicizia che finisce, l'abbiamo provata tutti. È doloroso, frustrante e perderla è come rompere con un fidanzato(Almeno per come interpreto io l'amicizia)...ma richiede tempo.
    Forse ora sei solo concentrata sulle cose negative (il periodo storico non aiuta), ma concordo con chi dice che il bene lo si deve fare senza pretendere di ricevere qualcosa in cambio.
    Io in questi casi sai cosa penso? che dovresti prenderti un po di tempo per te...magari focalizzandoti sui tuoi hobby e traendo piacere da questo.
     
  3. L'avatar di cavalletto

    cavalletto cavalletto è online FriendMessaggi 4,538 Membro dal Dec 2016
    Località sei di Cinisello se...
    #63

    Predefinito

    Non sono le persone che fanno male, ma i loro atteggiamenti e ciò che tu permetti loro di farti.
    Più che urtarti, chiediti dove hanno colpito e perché era così scoperto quel nervo.
    Azzy and gioiadivita like this.
    Non usare 7 parole dove ne bastano 4.
     
  4. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,908 Membro dal Dec 2016 #64

    Predefinito

    Sentirsi dire "mi stai antipatica" da una persona alla quale ho fatto del bene fa male a prescindere, casomai devo interrogarmi sul perchè tendo a fare la perfettina. Ultimamente sto cercando di essere diversa dalla solita me, quando non sono soddisfatti di quello che faccio mi fanno un complimento, è così bello essere imperfetti, non rispondere alle aspettative, metterei paletti.
    Dare il massimo mi creava ansia, perchè pensavo di poter dare sempre di più; ammettere i miei limiti in fondo è quello che ho sempre voluto, ecco perchè tante volte nella mia vita mi sono "autosabotata" (ad esempio ingrassando). Mi dicevano (mia madre) che non mi amavo, in realtà stavo gridando al mondo che non volevo essere perfetta come tutti mi volevano.
    cavalletto and Minsc like this.
    A scuola mi domandarono cosa volessi essere da grande. Io scrissi “Essere felice”. Mi dissero che non avevo capito il compito, e io risposi che loro non avevano capito la vita. (John Lennon)
     
  5. L'avatar di cavalletto

    cavalletto cavalletto è online FriendMessaggi 4,538 Membro dal Dec 2016
    Località sei di Cinisello se...
    #65

    Predefinito

    E poi Mercury, si vive anche più rilassati da consapevoli imperfetti.
    Mercury3000 likes this.
    Non usare 7 parole dove ne bastano 4.
     
  6. michelino123 michelino123 è offline JuniorMessaggi 1,674 Membro dal May 2019 #66

    Predefinito

    Io ci rimango male quando si tratta di piccole cose. Mi spiego:Se mi serve un favore ENORME, non posso arrabbiarmi se non me lo fanno appunto perchè è una cosa molto grande o difficile.Ma se si tratta di un piccolo favore cioè che costa poca fatica, ma è importante per me, perchè non mi aiuti?Esempio: dovevo andare a lavoro (non lontano) ma avevo un problema con la macchina. Ho chiesto un passaggio ma mi hanno risposto no. Il motivo? Dovevano vedere la partita.
    Ultima modifica di michelino123; 13-02-2021 alle 06:37
     
  7. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,908 Membro dal Dec 2016 #67

    Predefinito

    Beh però un motivo lo avevano, anche se futile. Invece ho capito che la maggior parte della gente ti fa schiattare con la giustificazione perchè io?
    A scuola mi domandarono cosa volessi essere da grande. Io scrissi “Essere felice”. Mi dissero che non avevo capito il compito, e io risposi che loro non avevano capito la vita. (John Lennon)
     
  8. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,908 Membro dal Dec 2016 #68

    Predefinito

    Oggi sono rimasta colpita dalla telefonata di mia madre, che voleva parlare con me del più e del meno, come avevamo mangiato,cose così. Era una vita che volevo che mi chiamasse per parlare di cose stupide, invidiavo le persone che si sentivano con i genitori per questi motivi, invece mi chiamava sempre per farmi prediche, per dirmi che potevo fare di più, per ricordarmi i miei doveri, i problemi della famiglia, o ripetermi dieci volte che c'era da comprare il caffè. Le ho risposto male, mi fa male pensare che questi suoi nuovi atteggiamenti, di cui la credevo incapace, erano atteggiamenti possibili. L'anno scorso è stata male ed io mi sono occupata di lei, è da quel momento che mi ha rivalutato. Perchè così tardi? Se non le piacevo prima, come posso piacerle adesso? O forse ho avuto sempre ragione, con me si è sentita in competizione e ha cercato con ogni mezzo di intralciare la mia felicità.
    A scuola mi domandarono cosa volessi essere da grande. Io scrissi “Essere felice”. Mi dissero che non avevo capito il compito, e io risposi che loro non avevano capito la vita. (John Lennon)