Portare la minigonna qui in Italia senza sentirsi a disagio? - Pagina 13

Discussione iniziata da deiena il 15-09-2018 - 131 messaggi - 3317 Visite

Like Tree68Likes
  1. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,497 Membro dal Dec 2016 #121

    Predefinito

    Spettrale, dubito che tu abbia visto come si vestono le donne a Milano, in genere si mettono comode per prendere la metro e correre a destra e a manca, niente scollature niente minigonne, niente trucco.


     
  2. L'avatar di Spettrale

    Spettrale Spettrale è offline Super SeniorMessaggi 19,495 Membro dal Oct 2007
    Località dove capita
    #122

    Predefinito

    Confermo ..
    Le poche donne che ho conosciuto a Milano ...in albergo rimanevano subito in mutande

    Ma non dire fregnacce ..le donne si truccano sempre ..seppur in forma leggera .

    Wow
    Ricordati di ..dimenticarmi
     
  3. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 1,497 Membro dal Dec 2016 #123

    Predefinito

    Che albergo era? Ad ore?
     
  4. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline Super SeniorMessaggi 22,617 Membro dal Aug 2013
    Località Italia
    #124

    Predefinito

    era lui a portare la minigonna...........
    Mercury3000 likes this.
    .........Hai in tasca una pistola o sei semplicemente felice di vedermi?

    Mae West
     
  5. L'avatar di Spettrale

    Spettrale Spettrale è offline Super SeniorMessaggi 19,495 Membro dal Oct 2007
    Località dove capita
    #125

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mercury3000 Visualizza Messaggio
    Che albergo era? Ad ore?
    Non lo so ..
    Di solito mi faccio i c@xx1 ..miei
    Ricordati di ..dimenticarmi
     
  6. L'avatar di stellaguerriera

    stellaguerriera stellaguerriera è offline SeniorMessaggi 10,546 Membro dal Sep 2011
    Località in un angolo di cielo colorato
    #126

    Predefinito

    A Milano non si truccano? Escono comode? Io ho visto un sacco di tacchi in metro ed erano praticamente tutte in tiro (tranne quelle sopra una certa età), persino la mamma con bambino nel passeggino...
    Non posso venire da te, perché già ti sono accanto.

    Nessun regno è più grande di questa piccola cosa che è la vita.

     
  7. L'avatar di Spettrale

    Spettrale Spettrale è offline Super SeniorMessaggi 19,495 Membro dal Oct 2007
    Località dove capita
    #127

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mercury3000 Visualizza Messaggio
    Spettrale, dubito che tu abbia visto come si vestono le donne a Milano, in genere si mettono comode per prendere la metro e correre a destra e a manca, niente scollature niente minigonne, niente trucco.
    Secondo me ..sei stata al Vaticano ..
    e pensavi di stare a ..Milano
    Ah ah ah
    Ricordati di ..dimenticarmi
     
  8. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline FriendMessaggi 3,747 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #128

    Predefinito

    Sono un supporter del gonnellino scozzese, è comodo e fa prendere la giusto aria al perineo. Pochi sanno che la temperatura del basso ventre, dei genitali, del perineo e delle gambe deve essere un pò più bassa rispetto al resto del corpo. Questo bilanciamento termico aiuta la flora batterica intestinale buona ed evita esplosioni funginee di vari tipi nell'intestino e nella vescica. L'essere troppo vestiti, pantaloni + mutande o pigiama + mutande, provoca un innalzamento della temperatura interna del ventre di 1,5-2 °C o di più, favorendo i batteri e funghi. Il perineo raffreddato, aiuta a riattivare il sistema immunitario.
    Non a caso gli scozzesi sotto al gonnellino non indossano le mutante, penso che dovrebbe essere un uso da diffondere togliendo il primato della gonna alle donne. Ogn'uno potrebbe accorciare a piacere la lunghezza del suo gonnellino, ma senza l'obbligo di depilarsi.
    No comment is best comment!
     
  9. L'avatar di Pataya

    Pataya Pataya è offline FriendMessaggi 3,867 Membro dal Mar 2015
    Località Questo qui purtroppo
    #129

    Predefinito

    In tutti i paesi del mondo,almeno quelli a maggioranza etero,se si vede una in minigonna si butta l'occhio... è inevitabile.Poi se a uno piace la gnocca,è ben contento.
    Se invece è uno stranoide,un invasato barbuto e puzzolente che prega con le chiappe in aria,allora potrà dare anche fastidio.

    Per mia esperienza però,meglio indossare la mini solo se sei in compagnia e ci sono almeno un paio di uomini con te del tuo gruppo.
    Da sola attireresti troppe attenzioni di maniaci ed extracomunitari vari,che se vedono una minigonna non capiscono più nulla.

    Quindi vestiti come ti pare,ma con sicurezza.

    Anche i vecchietti possono essere pericolosi,anche quelli che frequentano questo forum.Ce ne sono alcuni,pure impegnati,che contattano le donne per mp per infastidirle e chiedere loro sesso orale e la visione di mutande.
    Il nemico è sempre in agguato.
    fausto62 likes this.
    Ultima modifica di Pataya; 08-11-2018 alle 15:46
     
  10. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline FriendMessaggi 3,747 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #130

    Predefinito

    NIENTE FISCHI ALLE DONNE, SIAMO INGLESI – FARE COMPLIMENTI ALLE DONNE OLTREMANICA DIVENTA REATO. PROTESTE DEL CAPO DELLA POLIZIA, SARA THORNTON: A SUO PARERE LA POLIZIA DEVE PENSARE A TROVARE LADRI E ASSASSINI ANZICHÉ CONCENTRARSI SU CHI SI COMPORTA DA MISOGINO...

    Da qualche tempo in Inghilterra chi ha l' abitudine di far complimenti alle donne avvenenti o fischiare al loro passaggio per strada rischia di ricevere una contestazione dalla polizia. Al di là della Manica, infatti, da due anni la misoginia, ovvero l' atteggiamento di repulsione, avversione o irrisione delle donne, è parificata a un reato d' odio nella regione del Nottinghamshire.

    Merito di un programma pilota per tastare il polso del Paese, in base al quale la polizia della zona ha messo a punto un prontuario d' intervento in cui si classificano le azioni da contestare, dalla «mano morta» sull' autobus alle avances troppo insistenti fino alla violenza vera e propria.

    A seguito di questo esperimento, condotto insieme alle università di Nottingham e di Nottingham Trent, però, anche l' atteggiamento dei politici sta cambiando. Tanto che a seguito di un emendamento su una legge promulgata ad ottobre ora la Law commission, incaricata di rivedere le nuove norme, sta valutando di avvalorare a livello nazionale la nuova specie giuridica individuando i reati, che pene meritano e quali atteggiamenti vanno invece derubricati come incidenti, ma possono comunque essere sanzionati con richiami o multe.

    Un percorso che entusiasma le associazioni di volontariato, ma contro il quale si è schierata in questi giorni la polizia. La cosa imprevedibile, però, è che a fare polemica sono state proprio due donne che occupano posizioni di vertice nel corpo di sicurezza. La prima a intervenire è stata Sara Thornton, responsabile del National police chiefs' council (Npcc). Durante un incontro pubblico ha raffreddato gli entusiasmi per l' iniziativa.

    A suo parere la polizia deve pensare a trovare ladri e assassini anziché concentrarsi su chi si comporta da misogino. Non che non si tratti di un problema, ha ammesso la supercommissaria, ma con il numero di agenti ancora troppo ridotto e l' aumento di omicidi e aggressioni, occorre mettere mano prima a queste emergenze e indagare su furti, rapine, aggressioni con coltello tra le gang giovanili. Anche perché il numero dei reati è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, mentre quello degli arresti risulta diminuito, segno che le forze dell' ordine non riescono a tenere il passo.

    La sua uscita ha suscitato reazioni da parte dei gruppi di volontariato che stanno lottando per far riconoscere la misoginia come un reato d' odio, ma ha trovato consenso in un' altra signora in uniforme. Si tratta di Cressida Dick, responsabile della polizia metropolitana di Londra. Poco dopo l' affermazione della collega e le reazioni indispettite del mondo del sociale, il capo di Scotland yard ha deciso di prendere posizione. «Credo che questi siano temi a cui la gente tiene molto, ma che non devono essere gestiti dalla polizia», ha detto, parlando a Radio 4. «Non è nemmeno appropriato per gli agenti occuparsi di queste problematiche». Le emergenze anche secondo lei sono altre, dai furti agli omicidi.

    Anche perché certi comportamenti dettati da misoginia, come l' abuso sessuale ad esempio, sono già dei reati perseguibili. Certo, ci sono azioni che non vengono considerate tali, anche se di fatto minano la sicurezza e la serenità delle signore, come la tendenza a insistere con le avances anche quando una donna le rifiuta oppure i fischi e i complimenti indirizzati alle ragazze di passaggio.

    Fastidi da stigmatizzare, ma che non possono diventare, però, materia di indagine. Alla polizia, sostengono le due commissarie, spetti il compito di indagare sui reati gravi. O anche su quelli dettati da misoginia, quando hanno caratteristiche tali da determinare ferite fisiche o morali pesanti nelle vittime.

    L' importante, insomma, è non costringere gli agenti a fare verbali e verifiche su comportamenti poco gradevoli, ma comunque non così pericolosi - come ad esempio gli apprezzamenti in arrivo dal ponteggio di un cantiere edile - distraendoli da compiti più essenziali per la sicurezza della comunità.

    Anche perché le statistiche di giugno hanno fatto registrare un aumento del 12 per cento nelle aggressioni violente, del 14 per cento negli omicidi e del 22 per cento nei furti.
    No comment is best comment!
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]