Provo rabbia verso la mia famiglia e voglio solo fuggire via

Discussione iniziata da martals99 il 17-04-2022 - 15 messaggi - 1073 Visite

Like Tree15Likes
  1. martals99 martals99 è offline PrincipianteMessaggi 28 Membro dal Oct 2018 #1

    Predefinito Provo rabbia verso la mia famiglia e voglio solo fuggire via

    Ciao a tutti. A 23 anni mi ritrovo a scrivere della mia vita su un forum perché non so più cosa mi prende ultimamente. Per farla breve, ho vissuto all'interno di una famiglia molto presente, con genitori troppo apprensivi, severi e autoritari. Premetto che la mia infanzia è stata magnifica, che i miei genitori non mi hanno mai fatto mancare nulla, anzi, mi hanno sempre accontentata, facendomi però crescere in una "campana di vetro"...e forse è questo il problema. Sin da quando ero piccola, infatti, sono sempre stati troppo rigidi nei miei confronti, mi hanno imposto solo regole e proibizioni, dal semplice orario in cui rientrare al cibo da evitare fino al controllo quotidiano del telefono. Non mi è mancato affetto da parte di mia madre, per quanto riguarda mio padre, invece, adesso non abbiamo più un buon rapporto. Subisco spesso violenza verbale da parte sua e tutto ciò mi fa molto soffrire perché, a parer suo, "devo crescere", ignorando il fatto che sono stati loro a farmi crescere in una campana, non permettendomi mai di sbagliare con le Mie stesse mani. Ultimamente, da qualche anno a questa parte, sento una sorta di rabbia repressa molto forte, un malessere (non saprei definirlo esattamente) dentro, mi sento come se odiassi la mia famiglia. So che odiare è una parola forte, ma ogni giorno sfogo tutta la mia rabbia contro di loro dicendogli che non vedo l'ora di fuggire da questa casa e da questa città (mi laureerò tra qualche mese), che voglio stare lontana da loro perché solo così potrò sentirmi realmente in pace e felice. Di recente sono stata venti giorni fuori casa e al ritorno gli ho detto che non mi erano mancati per niente. Quando pronuncio queste parole mi sento bene ma poi da una parte mi sento in colpa perché non mi hanno fatto mai mancare nulla, mi hanno supportata anche per tutto il mio percorso universitario; dall'altro, però, non ce la faccio più a vivere in questo clima di oppressione che mi accompagna da una vita. Vorrei avere un buon rapporto con loro, essere compresa, capita, libera, ma tutto ciò che provo è solo rabbia.


     
  2. L'avatar di antonio60

    antonio60 antonio60 è offline JuniorMessaggi 2,456 Membro dal Mar 2020 #2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da martals99 Visualizza Messaggio
    ... Di recente sono stata venti giorni fuori casa e al ritorno gli ho detto che non mi erano mancati per niente. ..
    Secondo me sbagli a uscirtene con frasi come questa. Finisci gli studi, trovati un lavoro e renditi indipendente, poi farai quello che vorrai e troverai la tua "rivincita" senza arroganza nè acredine.
    LaSeguaceDiCratete likes this.
     
  3. L'avatar di Lionheart87

    Lionheart87 Lionheart87 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 135 Membro dal Jan 2022 #3

    Predefinito

    Tempo per far gli errori c'è sempre, prenditi questa laurea e inizia a far domande di lavoro. Ad intuito credo tu sia del sud, quindi ti consiglio di fare domande di lavoro al nord così sarai libera, farai vedere quanto vali . Per quanto riguarda le persone col tempo conoscerai tanti figli di p... che guarderai i tuoi genitori da un altro punto di vista. Questo non vuol dire che rompere il c... sia il modo di educare giusto però è difficile essere genitori, vorrei che tu pensassi ai genitori che hanno avuto loro, magari troveresti anche qualche perché i tuoi hanno sto modo di comportarsi. Comunque la cosa più importante è che ti laurei e poi inizi a trovar lavoro e sperimentare la vita indipendente...lì avrai tutte le risposte che cerchi.
    norge and martals99 like this.
     
  4. L'avatar di LaSeguaceDiCratete

    LaSeguaceDiCratete LaSeguaceDiCratete è offline Super ApprendistaMessaggi 593 Membro dal Jan 2016 #4

    Predefinito

    Quando economicamente sarai autonoma, vattene da quella casa e fatti la tua vita.
    martals99 and norge like this.
     
  5. L'avatar di Mercury3000

    Mercury3000 Mercury3000 è offline JuniorMessaggi 2,327 Membro dal Dec 2016 #5

    Predefinito

    Ho vissuto una giovinezza simile alla tua e alla soglia dei 40 ho capito che a venti anni invece è indispensabile prendere le distanze dai genitori e affermare la propria personalità perchè dopo una certa età non solo viene più difficile ma si inizia a perdere fiducia in se stessi. In ogni cosa che fai rifletti se è veramente ciò che vuoi e quello che vuoi, pensa con la tua testa e fatti rispettare anche e soprattutto nelle piccole cose.

     
  6. L'avatar di norge

    norge norge è offline MasterMessaggi 42,038 Membro dal Jan 2019 #6

    Predefinito

    Intanto pensa a laureati, poi vedrai i passi da fare per renderti indipendente e vivere da sola.
    A poco a poco farai le tue esperienze.
    Ultima modifica di norge; 19-04-2022 alle 14:30
     
  7. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline MasterMessaggi 33,031 Membro dal Aug 2013
    Località Torino
    #7

    Predefinito

    Hai una fisiologica esigenza di tagliare il cordono ombelicale con la famiglia di origine, completa gli studi, trovati un lavoro e una casa e a testa alta, senza scontrarti con nessuno, cambierai vita come è giusto che sia...
    .........Si vive una volta sola, ma se lo fai bene, una volta sola è abbastanza

    Mae West
     
  8. L'avatar di Maskerade

    Maskerade Maskerade è offline Super ApprendistaMessaggi 676 Membro dal Oct 2021 #8

    Predefinito

    Sai cosa mi fa pensare ciò che hai scritto? Vorresti comprensione e lo capisco: chi non la vorrebbe? Ma hai provato tu a comprendere loro?
    Non sto dicendo che non sia stato eccessivo il loro modo di fare, ma hai provato a comprendere da dove nasca questo atteggiamento così apprensivo?
    La rabbia è un veleno che fa stare male soprattutto a chi la prova e poi a chi ci è più vicino. Avvelena dentro e fuori. E di sicuro non risolverà i problemi che hai con loro, anzi li peggiorerà.
    Tieni inoltre presente che spesso la rabbia che proviamo verso gli altri fa da specchio a quella che proviamo verso noi stessi.
    Hai parecchi passi da compiere verso il tuo futuro: la laurea, un lavoro, una casa tua... ma cerca di partire al meglio dalla posizione attuale. Invece di dire che vorresti scappare, prova a pensare che sia il momento di iniziare ad andare via. E se è la libertà che vuoi, non aspettarti che siano gli altri a dartela. Conquistala.
    norge and Fraxo like this.
    MAI e SEMPRE sono le parole più improbabili al mondo.
     
  9. Fraxo Fraxo è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 2,926 Membro dal Nov 2021 #9

    Predefinito

    mi hanno imposto solo regole e proibizioni, dal semplice orario in cui rientrare al cibo da evitare fino al controllo quotidiano del telefono.
    Questo lo sai cosa significa? Che hai bisogno di quelle cose e questo l'ho capito dalla frase che hai aggiunto poi:

    Subisco spesso violenza verbale da parte sua e tutto ciò mi fa molto soffrire perché, a parer suo, "devo crescere"
    Evidentemente la campana di vetro di cui parli non lo è minimamente; quelli cresciuti sotto tale campana, amano, anzi, venerano i genitori e non sanno muoversi nel mondo esterno. La tua è una situazione totalmente differente, il posto in cui ti trovi l'hai trasformato in una cella, fai qualcosa che non porta i tuoi a fidarsi e non te ne rendi conto, fosse il mentire, o fare cose di nascosto, il tuo ribellarti. Tutto questo finirà nel momento in cui ti renderai indipendente economicamente ma non solo, anche a livello organizzativo nei riguardi della tua vita; finché loro pagano e te sei sotto il loro tetto hai praticamente la libertà di fare quello vuoi, puoi odiarli, trattarli male, sputargli anche addosso, ma loro continueranno a volerti bene e romperti per prevenire i tuoi errori. Un giorno quando non ci saranno più, non lo faranno e in quel momento capirai che non sei più libera di sbagliare, perché non avrai più nessuno dove tornare a medicarti le ferite degli sbagli. Organizza bene la tua vita, sfrutta la situazione che hai a tuo vantaggio, non vedere il negativo per forza intorno a te, abbi la capacità di trasformare quello che pensi sia uno svantaggio in vantaggio, guarda oltre le cose, capisci il perché fanno così e cresci con la consapevolezza che quando un figlio è amato lo si vuole proteggere e non esistono manuali che spieghino la via giusta, siamo tutti diversi e il "metodo" migliore è l'adattamento e la maturità di esser capaci ad andare avanti, invece che rimanere indietro o fermi.
     
  10. L'avatar di Lovecroft789

    Lovecroft789 Lovecroft789 è offline ApprendistaMessaggi 473 Membro dal Oct 2021 #10

    Predefinito

    @Martals

    L'esperienza della vita ti insegnerà che a volte non è facile essere un buon genitore come non è facile essere un buon figlio/a.
    Ci vuole comprensione per capire loro, è facile provare rabbia, ti manca la propria libertà e non sai come ottenerla e ti arrabbi con loro.
    Non serve a niente dire frasi forti ed entrare in conflitto con loro.

    Porta pazienza, laureati e trovati un lavoro,renderti independente fa parte delle priorità.
    E lo fai per il tuo bene mentale ma pure per riuscire mantenere delle relazioni cordiali e non disfare la famiglia ,che anche se imperfetta, sempre famiglia rimane.
    martals99 likes this.