Quando cerchi di migliorare e non è mai abbastanza - Pagina 9

Discussione iniziata da Humidity il 11-06-2021 - 83 messaggi - 3436 Visite

Like Tree85Likes
  1. Midnight77 Midnight77 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 187 Membro dal Jun 2021
    Località Nowhere
    #81

    Predefinito

    Scusa Humidity, senza offesa perché non è mia intenzione, ma a volte risulto un po' freddo nell'esposizione... abbordare, rimorchiare, tecniche di seduzione, mille altri cliché... forse è il contatto con la realtà che ti manca. Hai mai sentito una/o psicologa/o? Ma non per la verginità, per uscire da questo loop... e secondo me leggi i libri sbagliati. La vita, il sesso, i sentimenti... non sono questioni da manuale, ma di esperienze, ti testa e di cuore. Le donne non sono automobili.

    A volte il miglior modo per risolvere il problema è non focalizzarsi su quello. Sai cosa fanno alcuni tra i più "illuminati" quando devono uscire da un impasse? leggono, corrono, prendono una boccata d'aria, tagliano la legna, fanno una cosa che gli piace davvero e che li toglie dalla fissazione.

    Io ti capisco abbastanza bene, sono rimasto solo fino a 23 anni e avevo pensieri simili ai tuoi. Ho avuto amici e amiche che tranquillamente a 27/28 anni mi hanno "confessato" di non aver mai avuto nessun tipo di rapporto... magari gli uomini la vivono in maniera più pressante e capisco, ma penso sia un cliché pure questo comunque.

    Secondo me non è il corpo, non è una questione puramente fisica. E' la mente. Il mio ex capo per esempio era bruttino, secco secco, eppure aveva frequentemente relazioni intime. Ma sai noi cosa facevamo? Lavorando di notte (ho cominciato presto a lavorare) ci ritrovavamo alle 3 del mattino a disquisire su Nietzsche e su Kant, passando poi a parlare di metal mentre alla radio davano tutta musica anni '80, di auto e di cani, di prodotti bio e droghe tra un panino al salame e un "ma te lo sai come devi leccarla vero?" e via che mi spiegava dettagliatamente cosa dovevo fare per soddisfare in quel senso una donna, mentre io fingevo un serio riserbo per non fargli capire il mio imbarazzo.

    che cose assurde... mentre lo racconto mi viene la pelle d'oca, mi sa che andrò a trovarlo prima che uno dei due ci rimanga secco.

    Se non esci da questo loop è difficile. Poi per carità, sei un uomo libero di vivere come vuoi. Di certo non sarò io a frantumarti i cosiddetti.

    Bye.


     
  2. L'avatar di Humidity

    Humidity Humidity è offline ApprendistaMessaggi 252 Membro dal Sep 2020 #82

    Predefinito

    @Midnight77

    Credo tu abbia frainteso: le mie elucubrazioni non sono date dall'ignoranza, ma dalla disillusione.
    Da adolescente e giù di lì vedevo le cose più o meno come te... Le ragazze che vedevo fuori di casa mi parevano vuote, superficiali, seguivano acriticamente la massa e le mode senza accendere il cervello; erano interessate a cose come il fisico, i soldi, il gossip, programmi televisivi insulsi. Le trovavo immature e pensavo che fossero un'eccezione, di essere stato sfortunato a trovarmi a crescere in ambienti con persone simili.

    Mi sentivo diverso e avevo interessi diversi; non m'importava niente dei VIP, dello sport, dell'estetica e non prestavo minimamente attenzione al mio aspetto (anche un vestito per me valeva l'altro e mettevo quello che trovavo nell'armadio, ovvero delle felpe orribili con la marca Nike/Addidas/Puma scritta enorme e i blue jeans della Levi's).
    Per me quello che contava erano il carattere, l'intelligenza, la personalità... Quando da adolescente incappavo in "manuali del rimorchio" & co. era ovvio si trattasse di truffe a cui potevano abboccare solo uomini fuori di testa. Anzi, frequentavo le chat e insieme a coetanei facevamo scherzi spacciandoci per delle ragazzine assatanate e ci sbellicavamo dal ridere nel vedere tutti questi adulti pervertiti disperati che cercavano di convincerci a spogliarci in cam e ci vomitavano addosso le loro perversioni; mi sembravano dei matti.

    E sai una cosa? Sempre da adolescente conoscevo un sacco di ragazze su internet, e non era tanto raro che qualcuna si prendesse una cotta per me. Non raccontavo niente della mia esistenza fuori da internet e nessuna ha mai visto una mia foto, ero vago e misterioso e anche per questo intrigante; alle ragazze piacevo per il mio carattere e la mia intelligenza, e credevano che fuori da internet fossi una persona di successo. M'immaginavano alto, intelligente (nell'accezione di brillante, non secchione/nerd), corteggiato dalle ragazze... Siccome scrivevo bene, dicevo cose sensate e usavo una dizione ricercata, davano per scontato che andassi bene a scuola e che avessi una carriera di successo davanti a me. Per qualcuno ero anche di famiglia ricca e mi godevo la vita, giravo il mondo e per questo ero saggio e di mente aperta.
    Ma la realtà era pressoché opposta: stavo chiuso in casa per l'ansia senza studiare né lavorare; non avevo uno straccio di amico e tutte le esperienze di vita me le ero fatte via internet (per quanto suoni paradossale).
    I miei genitori, e anche i miei parenti, sono persone modeste, che fanno lavori modesti, chiuse nel loro microcosmo fatto di parenti, colleghi, vicinato e supermercati. I miei sono iperprotettivi e ai tempi delle medie non volevano nemmeno che uscissi di casa da solo e mi rinfacciavano casi di cronaca nera di ragazzini rapiti o accoltellati da immigrati...
    Quando avevo 17 anni e frequentavo un forum sui videogiochi dove avevo una certa reputazione, non potevo andare ai raduni perché i miei mi volevano accompagnare per accertarsi che frequentassi dei ragazzi per bene... Quindi, per non perdere la faccia presentandomi con la mamma, dovevo fingere di tirarmela e snobbare i raduni. Per fare un paragone, in quello stesso forum c'era una bambina di 11 anni che ai raduni ci andava in treno non accompagnata: dalla Puglia andava a Roma...

    Perché ti racconto queste cose? Perché credo tu abbia una visione romantica della realtà... Per suscitare "attrazione mentale" servono delle basi materiali, in senso lato. E questo forum ne è la prova. Qui dentro ho raccontato un mare di cose della mia vita e non sono minimamente stimato da nessuno. Per qualcuno ho problemi mentali, per qualcun altro sono pigro e viziato, altri ancora mi vedono come un bambino che non conosce l'ABC del mondo. Mi scrivono che non ho niente da offrire, niente di positivo, che non valgo nulla; nessuno si sogna di vedermi sotto una luce positiva. Eppure sono la stesso di altrove, dove non raccontavo niente di me, ricevevo rispetto e ammirazione sulla sola base di quello che scrivevo. Cos'è cambiato? Semplice: le persone che non sapevano niente di me colmavano il vuoto immaginando un personaggio che non esiste. Su Amando e in altri posti dove sono venuto a lamentarmi della verginità le persone si creano invece un'immagine di me ancora più negativa della realtà.
    La "mente", come dici tu, non conta granché: posso scrivere tutti i post arguti e interessanti che voglio: se una persona mi conosce come il poveretto sui 30 anni che esce a malapena di casa, qualsiasi cosa scriva ai suoi occhi sarà il mezzo delirio di un disadattato; anche la cosa più intelligente suona come una sciocchezza, se l'ho postata io.

    Non so nulla di te, ma se hai successo con le donne, evidentemente oltre a personalità/intelligenza c'è altro.
    Perché io sono il primo che aveva un discreto successo sul piano puramente mentale nelle chat, ma quando esco di casa c'è il mio corpo, ci sono i "di cosa ti occupi?", c'è il fatto che vivo coi miei che mi stanno dietro come fossi un bambino, che non ho un'automobile né mezzi di trasporto ecc.
    Le ragazze non mi danno nemmeno la possibilità di parlare con loro perché mi scartano per il mio corpo: non le posso "ammaliare" con la mia interiorità a prescindere. E tante pensano che se uno a 30 anni non lavora/non vive da solo/non ha la macchina non può essere interessate né intelligente e stop. Non ne vogliono nemmeno discutere. Quindi di cosa stiamo parlando?
     
  3. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline Super SeniorMessaggi 15,790 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #83

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Humidity Visualizza Messaggio
    Anche su internet leggo sempre le stesse cose: donne che lamentano di aver fatto sesso all'istante con qualche tizio semi-sconosciuto e belloccio, scomparso dopo averle portate a letto. E parte la stessa lagna che non ci sono uomini decenti, che i pochi passabili cercano solo sesso e non si vogliono impegnare; che loro sono assillate da 10.000 casi umani (o al contrario che nessuno s'interessa a loro, perché tante i non-belli nemmeno li conteggiano).
    Gli uomini al contrario vengono su internet per lamentarsi di essere snobbati da tutte per il loro aspetto e/o per altro es. che vivono coi genitori o sono senza lavoro. Dicono di essere dei bravi ragazzi ma che alle donne non importa niente, perché vanno dietro ai mezzi delinquenti alti e muscolosi (e coi capelli) pieni di donne che trattano tutte in modo schifoso; mentre loro per essere minimamente calcolati da qualcuna devono offrire cene a ristoranti di lusso, viaggi e quant'altro salvo venire dopo un po' mollati lo stesso, perché le donne sono pretenziose all'inverosimile e niente è mai abbastanza se sei una persona comune.

    L'unica speranza di rompere il circolo vizioso è diventare carino e venire abbordato da una ragazza interessata solo al mio corpo, che non faccia domande e non voglia conoscermi, perché se racconto 1/10 qualsiasi ragazza scappa a gambe levate.
    Finché continuerai a vedere la realtà come limitata solo a questi due poli opposti che hai descritto, non ci saranno possibilità di evoluzione per te.
    Quelle che leggi su internet sono situazioni limite, perché nessuno va a scrivere in merito a situazioni non limite.
    Indubbiamente a molte donne è capitato di andare a letto col belloccio ed essere poi snobbate, così come a molti uomini sarà capitato di essere snobbati per il belloccio di turno.

    Ma se vai nella realtà la maggior parte delle coppie è formata da persone mediocri, con i loro difetti, che si sono trovate e accettate.
    Evidentemente apprezzandosi per un complessivo che andasse al di là dell'essere solo belloccio o solo bravo ragazzo.

    Il tuo problema è che il tuo complessivo ti porta in una situazione di insufficienza sia sul mercato sessuale che su quello relazionale.
    La tua unica strada è quella di diventare più persona compiuta e meno bozzolo, da tutti i punti di vista.
    Il problema è che di solito è un percorso che si fa uscendo dall'adolescenza, non a trent'anni.