Quando frequento qualcuno mi annullo

Discussione iniziata da Sonica il 22-01-2014 - 5 messaggi - 3915 Visite

Like Tree2Likes
  • 2 Post By behold89
  1. Sonica Sonica è offline PrincipianteMessaggi 168 Membro dal Jan 2010
    Località Napoli
    #1

    Predefinito Quando frequento qualcuno mi annullo

    È una situazione insostenibile... quando comincio a frequentare una persona con estrema assiduità la mia vita si annulla, precisiamo, non per volere dell'altro, sono proprio io il problema. Comincia lentamente... faccio le cose che faccio sempre ma con un interesse sempre minore fino a quando giorno dopo giorno mi riduco a fare giusto il minimo indispensabile, abbandono hobby che ho da anni, esco con gli amici soltanto se qualcuno me lo propone ma a proporlo io non se ne parla. È terribile... quando trovo qualcuno che mi piace mi sembra come se tutto ciò che mi circonda perda di interesse. Se mai la storia finisce cado in un baratro per i primi giorni e poi a poco a poco (ma non con poca fatica) riprendo in mano la mia vita: La voglia di fare, di vedere, di imparare. Se la storia ricomincia (la stesso o un'altra che sia) mi dico di non ripetere lo stesso errore... ma lentamente sento che tutto ricomincia...
    Non so cosa fare... ci provo a fare altro... ma lo faccio forzatamente, senza interesse e senza una reale voglia. È terribile...
    Mi sento succube dell'altro senza che l'altro lo voglia, mi sento una sanguisuga, cosa che spesso porta appunto ad un allontanamento più che comprensibile... non so cosa fare...


     
  2. behold89 behold89 è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 869 Membro dal Jan 2014 #2

    Predefinito

    Guarda, premettiamo che ognuno vive le relazioni a modo suo, quindi a prescindere dal concetto di giusto e sbagliato, quello potrebbe semplicemente essere l'unico modo in cui riesci a coinvolgerti nel rapporto.
    Comunque io sono esattamente come te, quando mi sono fidanzato ho abbandonato dei cari amici, perso un hobby, perso qualche occasione di vita sociale interessante, e mi sono concentrato al 100% sul rapporto portando avanti poco e niente della mia vita, precludendomi numerose esperienze di cui capisco la necessità solo oggi.

    In generale viversi troppo intensamente è sempre sbagliato, e la cosa va vista sotto molteplici aspetti. Puoi prima di tutto tendere a "soffocare" il partner, specialmente se ha un carattere contrastante e vive i rapporti affettivi diversamente, poi puoi fare del male a te stessa perchè "congelare" la propria vita per un altro è sempre un grosso errore, a prescindere da chi sia la persona di cui parliamo. Potresti anche "bruciare" il rapporto troppo in fretta, perchè se ti concentri costantemente su una persona arrivi anche a perdere l'interesse nella coppia se ad un certo punto non ti viene trasmesso più nulla, e se il legame dall'altra parte non era ancora così forte.
    In generale ho imparato che il modo migliore per stare insieme è capire che in una coppia ci sono due IO che diventano un NOI. Si deve sempre essere trasparenti, onesti, e rispettosi nei confronti dell'altro. Si cresce insieme e si condivide un pò di tutto, ma non si deve mai dimenticare, appunto, che al di fuori di quel NOI ci sono due individui con due vite distinte, del cui andamento dovranno rendere conto a se stessi. Alle volte tendiamo a credere che l'amore sia tutto, ma in realtà è solo l'apice di tutta una serie di elementi che formano la vera realizzazione personale. Puoi avere l'amore più grande del mondo, ma poi non hai amici, non hai un lavoro e non hai prospettive future, e allora si magari trovi conforto nel partner, ma per lui/lei hai anche rinunciato a vivere.
    Questo comportamento, oltre che a danneggiarti, porta anche a creare situazioni spiacevoli, perchè poi se hai a fianco una persona che agisce diversamente, tendi a sentirti poco considerato/a e a covare rancore per questo. Quindi penso che la soluzione migliore sia sempre un equilibrio fra l'esclusività e la libertà totale, un sapiente "dosare" dei concetti esclusivi alla coppia che si mescolano con ciò che l'individuo può e deve fare.
    EndlessHorizon and mary_svevo like this.
     
  3. L'avatar di Novembrine_Waltz

    Novembrine_Waltz Novembrine_Waltz è offline FriendMessaggi 3,778 Membro dal Jun 2013 #3

    Predefinito

    Io sono più o meno come te, ma anche nelle amicizie. C'è il momento della novità in cui mi dedico completamente a quella. Poi però dopo qualche tempo rientro in carreggiata, non rimane quella condizione perenne ecco.
     
  4. erik555 erik555 è offline BannedMessaggi 6,086 Membro dal Oct 2012
    Località una grande città in mezzo alla pianura
    #4

    Predefinito

    Un individuo fragile e dalla scarsa autostima si ritrova talvolta e in varia misura a rimorchio del partner.
    Sono soprattutto le donne a cadere in queste situazioni a volte patologiche e drammatiche specie quando il partner è violento, manipolatore, abusante.
    Accorgersi di questo problema e della sua gravità è un primo passo per volerlo risolvere.
    Chiaramente si tratta di una problematica delicata e radicata profondamente in te e originata da un vissuto difficile, poco felice sul piano affettivo, di scarsa evoluzione e maturazione della personalità il cui esito visibile è interpretare la relazione e l'affetto di un partner come un comodo rifugio nel quale regredire a un livello preadolescenziale quasi che si identificasse il partner come un genitore al quale si delega la gestione del proprio presente.
    Se intendi risolvere questa tua problematica è bene che tu ti rivolga ad uno specialista e cominci assieme a lui un percorso per affrancarti finalmente da questo stato e cominciare a vivere le tue relazioni da individuo libero, autonomo, adulto.
     
  5. L'avatar di FraFra91

    FraFra91 FraFra91 è offline JuniorMessaggi 1,394 Membro dal Oct 2012
    Località Torino
    #5

    Predefinito

    diventare totalmente (o quasi) dipendenti del proprio partner porta solo alla rottura del rapporto oltre che ad uno spreco di tempo a mio parere visto che durante quel periodo per l'appunto sopravvivi e non vivi come dovresti. devi capire che l'amore ti deve migliorare la vita non renderti succube (ma forse questo lo saprai già).
    ti consiglio di andare a farti qualche chiacchierata con qualche psicologo, ma devi volerlo te in prima persona! non è mica una situazione semplice ma devi cercare di superarla! buona fortuna
    "Siamo attratti da ciò che l'occhio vede. Ma siamo distratti da ciò che l'anima richiede."