Quando un gruppo devia dal proprio genere... come reagite?

Discussione iniziata da Eddie_Achernar il 14-11-2016 - 25 messaggi - 2220 Visite

Like Tree21Likes
  1. Eddie_Achernar Eddie_Achernar è offline ApprendistaMessaggi 269 Membro dal Jul 2013 #1

    Predefinito Quando un gruppo devia dal proprio genere... come reagite?

    A molti di noi sarà capitato di vedere (anzi, ascoltare) che un gruppo che ci piaceva nell' "album nuovo" ha preso una strada sonora diversa da quella con la quale abbiamo imparato ad amarlo.

    Gli esempi possono essere innumerevoli, già solo nel mio piccolo posso fare questi esempi:


    • i Coldplay (mi sono piaciuti molto fino a Viva la Vida, poi... lasciamo perdere)
    • i Muse (ho quasi consumato i loro dischi fino a The Resistance, tanto li adoravo, poi con certe canzoni di The Second Law dovevo costringermi a cambiare stazione in radio per non piangere)
    • i Thirty Seconds to Mars (ho trovato magnifici esempi di alternative rock i loro primi tre album, il quarto mi ha lasciato mooolto a desiderare)
    • i Linkin Park (eh va beh, dopo Hybrid Theory e Meteora - e ancora ancora Minutes to Midnight - i lavori successivi non potevano che essermi indigesti, ma si sono risollevati un po' con l'ultimo)


    Però è una situazione che bisogna trovarcisi per capirla: tanto per dirne una, va da sé che sentendo gli album mi accorgo del cambiamento fatto dai Metallica negli anni '90 e di come siano tornati un po' alle sonorità iniziali con gli ultimi due album, però avendoli conosciuti quando già tutto era compiuto la cosa mi è stata un po' meno indigesta di come fu vissuta dai fan all'epoca.

    Certo non voglio dire che un artista non può permettersi di seguire la propria vena creativa, ma magari quando il tuoi fan imparano a conoscerti come esponente di un certo genere musicale, beh non puoi aspettarti rose e fiori se cambi.

    E voi?



    "Ma fa male essere vivi, amico mio, in questa corrente silenziosa siamo rami galleggianti di passaggio. Non desideri essere di nuovo un bambino? Solo per un minuto, solo per un altro minuto…"
     
  2. L'avatar di Regolarefollia

    Regolarefollia Regolarefollia è offline FriendMessaggi 4,296 Membro dal Jun 2015
    Località Deep north east
    #2

    Predefinito

    Credo non ci sia di peggio per un musicista che rimanere bloccato in un solo genere, fare il verso a sè stesso.
    Apprezzo le contaminazioni, le sperimentazioni (persino quelle più commerciali) perchè segnano un percorso di crescita artistica ed umana.
    PINASO likes this.
     
  3. L'avatar di Black_Knight

    Black_Knight Black_Knight è offline Super FriendMessaggi 5,357 Membro dal May 2015
    Località Regno delle nebbie
    #3

    Predefinito

    Quoto Reg, ma aggiungo che a volte i cambi di stile sono indotti dalle case discografiche, che badano più alla quantità (di dischi venduti) che non alla qualità della musica che propongono...purtroppo gli artisti che si "piegano" al mercato ci sono, tuttavia più sono famosi e affermati e più possono permettersi di mantenere la propria identità musicale, facendola evolvere secondo il loro sentire e non basandosi solamente sulle richieste del mercato.
    Pitonessa likes this.
    Ultima modifica di Black_Knight; 16-11-2016 alle 09:40
     
  4. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline MasterMessaggi 25,204 Membro dal Aug 2013
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    Eddie Achernar
    Molto interessante la tua osservazione che trova pieno riscontro nelle band longeve, quelle per intenderci affermate, stabili, che hanno superato diversi decenni.... variando genere al variare dei tempi e dei gusti ma pur mantenendo una forte identità.... es Rolling Stones, poi va a gusti personali quale decennio musicale si preferisce.
    Differente invece è il caso di band che dopo un brano di successo commerciale si arrampicano sugli specchi per mantenere notorietà non avendo sostanza da proporre...
    .........Hai in tasca una pistola o sei semplicemente felice di vedermi?

    Mae West
     
  5. L'avatar di Regolarefollia

    Regolarefollia Regolarefollia è offline FriendMessaggi 4,296 Membro dal Jun 2015
    Località Deep north east
    #5

    Predefinito

    Concordo Pito. Penso a Bowie.. a come dal folk sia passato per ogni genere musicale fino all'elettronica, sparire addirittura per un periodo lavorando a progetti completamente diversi per poi tornare suggestivo come solo lui poteva essere.
    PINASO likes this.
     
  6. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline MasterMessaggi 25,204 Membro dal Aug 2013
    Località Italia
    #6

    Predefinito

    sapevi che conservava la pipi nel frigo? era il periodo dei "viaggi" coi francobolli!
    Regolarefollia likes this.
    .........Hai in tasca una pistola o sei semplicemente felice di vedermi?

    Mae West
     
  7. L'avatar di Haydee

    Haydee Haydee è offline Super ModeratorMessaggi 2,790 Membro dal Apr 2016 #7

    Predefinito

    Credo che le opere prime siano in sostanza quelle più vere e più credibili, e poi ci si adegua che sia il mercato, il pubblico, le mode, i soldi, la fama....
    Ovviamente escludendo tutto il ciarpame (ma anche quello serve) costruito a tavolino.
    A me non dispiace il cambiamento e la voglia di sperimentare, credo che sia un bisogno legittimo.
    Faccio un esempio di uno decisamente sottovalutato in Italia, il Signor Giovanni Pellino, meglio conosciuto come Neffa, ahò lui è uno straordinario giocoliere di sonorità e stili diversi.
    Tra i miei preferiti ci sono i RHCP e Black Sabbath, ecco il cambio dei componenti non è cosa da sottovalutare, ad esempio con John Frusciante nei primi ... vabbè con i secondi la lista è leggermente più lunga: Ozzy, Geezer Butler, Bill
    Regolarefollia and Pitonessa like this.
     
  8. L'avatar di Regolarefollia

    Regolarefollia Regolarefollia è offline FriendMessaggi 4,296 Membro dal Jun 2015
    Località Deep north east
    #8

    Predefinito

    ..pensa che acida..
    Pitonessa likes this.
     
  9. L'avatar di Pitonessa

    Pitonessa Pitonessa è offline MasterMessaggi 25,204 Membro dal Aug 2013
    Località Italia
    #9

    Predefinito

    Rego, geniale!!!!!!
    .........Hai in tasca una pistola o sei semplicemente felice di vedermi?

    Mae West
     
  10. L'avatar di Daybreak

    Daybreak Daybreak è offline Super ApprendistaMessaggi 723 Membro dal Jan 2008
    Località Roma
    #10

    Predefinito

    Dipende.
    Accetto che un Delonge possa passare da punk a pop-punk a emo ad un rock alternativo come naturale evoluzione dell'artista, in primis perché continuo ad apprezzare i suoi lavori e poi perché mi sembra che abbia reso il suo cambiamento molto coerente, dal timbro di voce al look fino al suo dichiarato distaccamento dalla scena punk.
    Mi infastidiscono invece quei gruppi che si presentano ancora come quando facevano punk, con creste colorate e piercing come a dire "Ehi, non siamo mai cambiati nonostante la pelle incartapecorita!", e poi cantano pezzi pop come una boy band qualsiasi.
    Diciamo che generalmente rosico quando ci sono cambiamenti più o meno repentini: è un dispiacere personale proporzionale al mio gradimento verso quella band o artista.
    Non giuro fedeltà ad un mondo che non riconosce ciò in cui credo
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]