Quando non ci si sente capiti cosa fare?

Discussione iniziata da Rosascarlatta il 08-06-2018 - 17 messaggi - 980 Visite

Like Tree7Likes
  1. L'avatar di Rosascarlatta

    Rosascarlatta Rosascarlatta è offline JuniorMessaggi 1,513 Membro dal Sep 2016 #1

    Predefinito Quando non ci si sente capiti cosa fare?

    Alle volte mi sento incompresa. Mi capita di essere sempre accomandante e bene o male di cercare di capire gli altri.. ma quando ci sono atteggiamenti che a me danno fastidio e provo a spiegarli è come se l'altro non comprenda e non capisca il mio punto di vista. aldilà della ragione o torto delle parti.. non è giusto manifestare un fastidio che si prova ? perché io cerco di capire e gli altri con me sembra che non lo facciano?


     
  2. L'avatar di MonacoFrigido

    MonacoFrigido MonacoFrigido è offline Super FriendMessaggi 7,005 Membro dal Jun 2016
    Località Brixia, Longobardia Maior
    #2

    Predefinito

    O spieghi meglio oppure significa che non hanno alcun interesse a capirti.
    SALVINY CLANDESTINY
     
  3. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline FriendMessaggi 3,718 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #3

    Predefinito

    Rosascarlatta,
    funziona così: nessuno si preoccupa di osservare e ascoltare gli altri. Se tu lo fai, vieni travolta. Ma ti nasce la domanda: perché io osservo ed ascolto gli altri e gli altri se ne fregano? Tenti di farti valere, ma sbatti contro un muro di gomma. Ti domandi: ma che succede?
    Risposta: devi fare quello che va bene a te, non egoisticamente, ma realisticamente. Cioè, quanta energia hai? Quanta ne serve a te? E' sufficiente per tutte le richieste degli altri?
    Nel momento che sceglierai di volta in volta quello che va bene per te, allora ti accorgi che sarai più rispettata.
    Con questo non dico che te ne devi fregare degli altri, dico che se non stai bene tu, non puoi far star bene gli altri.
    Rifletti, incompresa, accomodante, "atteggiamenti che a me danno fastidio", non esiste. Ti devi far capire bene, se non ti va bene qualcosa devi dire no! Rifletti, che significa accomodante? Mantenere uno stato di malessere, insoddisfazione? A che pro?
    Ripeto, se tu non stai bene, gli altri non stanno bene con te.
    Rosascarlatta likes this.
    No comment is best comment!
     
  4. spericolato spericolato è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 42 Membro dal May 2018 #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rosascarlatta Visualizza Messaggio
    Alle volte mi sento incompresa. Mi capita di essere sempre accomandante e bene o male di cercare di capire gli altri.. ma quando ci sono atteggiamenti che a me danno fastidio e provo a spiegarli è come se l'altro non comprenda e non capisca il mio punto di vista. aldilà della ragione o torto delle parti.. non è giusto manifestare un fastidio che si prova ? perché io cerco di capire e gli altri con me sembra che non lo facciano?
    Dipende in che contesto. Lavoro, amore, sesso, parenti??Comunque non e' vero che nessuno ascolta. Io tendenzialmente non faccio parlare a vuoto. O dico che non mi intetessa o ascolto. Si puo' sempre imparare.
    Ultima modifica di spericolato; 08-06-2018 alle 20:06
     
  5. L'avatar di fausto62

    fausto62 fausto62 è offline FriendMessaggi 3,718 Membro dal Apr 2018
    Località Stato Pontificio
    #5

    Predefinito

    Spericolato,
    sei uno delle rare persone che lo fanno, se tu avessi una relazione con Rosascarlatta, lei non avrebbe attivato questo thread!
    Rosascarlatta likes this.
    No comment is best comment!
     
  6. L'avatar di Rosascarlatta

    Rosascarlatta Rosascarlatta è offline JuniorMessaggi 1,513 Membro dal Sep 2016 #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da fausto62 Visualizza Messaggio
    Rosascarlatta,funziona così: nessuno si preoccupa di osservare e ascoltare gli altri. Se tu lo fai, vieni travolta. Ma ti nasce la domanda: perché io osservo ed ascolto gli altri e gli altri se ne fregano? Tenti di farti valere, ma sbatti contro un muro di gomma. Ti domandi: ma che succede?Risposta: devi fare quello che va bene a te, non egoisticamente, ma realisticamente. Cioè, quanta energia hai? Quanta ne serve a te? E' sufficiente per tutte le richieste degli altri?Nel momento che sceglierai di volta in volta quello che va bene per te, allora ti accorgi che sarai più rispettata.Con questo non dico che te ne devi fregare degli altri, dico che se non stai bene tu, non puoi far star bene gli altri.Rifletti, incompresa, accomodante, "atteggiamenti che a me danno fastidio", non esiste. Ti devi far capire bene, se non ti va bene qualcosa devi dire no! Rifletti, che significa accomodante? Mantenere uno stato di malessere, insoddisfazione? A che pro?Ripeto, se tu non stai bene, gli altri non stanno bene con te.
    Infatti ho detti basta e ho detto cosa per me non andava. Ora il problema è che la Persona in questione si è offesa senza provare ad approfondire e capire le mie ragioni. Siamo rimasti che mi chiama appena gli passa. Ovviamente anche io a mia volta mi sento offesa e quindi aspetto e vedo cosa farà lui. In ogni caso condivido. Per accomandate intendo dire che ho lasciato correre perché magari c'era una motivazione o altre volte non ci ho voluto dare peso. Ma ora ho detto basta.Le domande che hai scritto me le sono posta. Comunque condivido.
    fausto62 likes this.
    Ultima modifica di Rosascarlatta; 09-06-2018 alle 12:45
     
  7. L'avatar di Rosascarlatta

    Rosascarlatta Rosascarlatta è offline JuniorMessaggi 1,513 Membro dal Sep 2016 #7

    Predefinito

    La motivazione è la seguente. Mi adatto alle sue esigenze lavorative e familiari. Questo adattamento ora mi sta stretto perché ho anche io le mie esigenze.
     
  8. L'avatar di Rosascarlatta

    Rosascarlatta Rosascarlatta è offline JuniorMessaggi 1,513 Membro dal Sep 2016 #8

    Predefinito

    La cosa che si insinua nella mente è che andava tutto bene fino a quando non ce l'ho fatta più e con tono perentorio gli Ho detto cosa non mi piaceva del suo comportamento. Però so che questo meccanismo psicologico è errato perché anche io ho diritto di dire se una cosa non mi va più bene. Ovviamente non lo cerco perché è lui a mio parere che ha sbagliato e non è con un atteggiamento come quello di chiudere la conversazione che aiuta. Roba da matti. In base a come si comporterà valuterò se continuare ad investire su lui o evito.
     
  9. ventodestate88 ventodestate88 è offline Super ApprendistaMessaggi 798 Membro dal Mar 2015 #9

    Predefinito

    Io ho smesso di parlare da molto tempo con le persone. Intendo dei miei stati d'animo.
    Con l'ultimo uomo che ho frequentato ci ho provato più volte, perché volevo con tutte le mie forze che funzionasse, ma senza risultati.

    Credo che l'incapacità di ascoltare dipenda in parte da fattori caratteriali (ci sono persone che proprio non riescono e che quindi agiscono senza malizia) e in parte dall'intensità dell'interesse/sentimenti (chi vuole capire, anche se non condivide, cerca di mettersi nei panni dell'altra persona, salvo pretese di comprensione assurde, per es. "mi dà fastidio il tuo modo di vestire").
    Rosascarlatta likes this.
     
  10. L'avatar di Rosascarlatta

    Rosascarlatta Rosascarlatta è offline JuniorMessaggi 1,513 Membro dal Sep 2016 #10

    Predefinito

    Infatti. Da qui si capisce l'importanza che mi da una persona. Però purtroppo devo dire che è una costante della mia vita.... sono stanca di non poter dire cosa non mi va bene senza stare male dopo. Credevo che lui fosse diverso. Vediamo cosa succede....
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]