Relazionarsi con un ex tossicodipendente

Discussione iniziata da Selica il 22-11-2020 - 5 messaggi - 780 Visite

Like Tree2Likes
  • 2 Post By SilentScream
  1. Selica Selica è offline PrincipianteMessaggi 124 Membro dal Nov 2016 #1

    Predefinito Relazionarsi con un ex tossicodipendente

    Ciao a tutti.
    Sono Selica.
    Fino ad alcuni mesi fa il mondo della tossicodipendenza era un terreno totalmente inesplorato per me.
    Sapevo che c'era, ma non l'avevo mai conosciuto né visto da vicino.
    Poi inizia l'amicizia fra noi.
    Parliamo molto, all'inizio di cose leggere poi mi confida di essere un ex tossicodipendente ormai pulito da moltissimi anni dopo diversi di dipendenza importante.
    Mi racconta tutto il suo calvario, insieme cerchiamo risposte a domande che forse non ne hanno o non hanno quelle che vorrebbe, il nostro legame si fa forte e continua a ripetermi che non lo rifarà mai più.
    Io non ho motivo di non crederci, sono fiduciosa nella sua forza e nei suoi buoni propositi.
    In fondo sono decenni che non fa più uso di sostanze.... almeno così dice.
    Passano i mesi, aumenta la sua fiducia in me e confessa di aver avuto delle ricadute, in realtà, qualche volta in tutto questo tempo, ma non vuole più farlo succedere.
    Ok, continuo a crederci.
    In certi momenti i suoi demoni riprendono vigore e va fuori di testa, mi caccia, mi tratta male, sembra odiarmi più di ogni altra cosa al mondo, minaccia di rifarlo, poi si calma e chiede scusa ed io mi inginocchio e si ritira su.
    Nell'ultimo periodo, però, queste crisi e minacce si sono fatte sempre più frequenti e l'alcool rimane un surrogato importante delle sostanze.
    Io mi sento sconfitta e vorrei che mi aiutaste a capire cosa posso fare perché stia lontano dalle droghe.
    Non ho strumenti e competenze per affrontare una cosa così grande, solo tanto affetto e tanta voglia di non evitare le ricadute, ma mi sono accorta che non bastano.
    Una volta mi ha detto: "Ricordati che un tossico lo è per sempre" e temo di non poter combattere né tanto meno vincere contro questa sua persuasione.
    Io non riesco a dire i giusti "No", non è facile, ho paura delle sue reazioni, soprattutto temo che si allontani da me, se non assecondo, ma è assurdo.
    Come faccio così ad evitare le ricadute?
    E poi è giusto che io subisca tutto quello che mi fa subire con i suoi continui sbalzi d'umore, allontanamenti e ritorni, "schiaffi" e "carezze" in senso figurato?
    Continua a ripetermi che farò come tutti gli altri prima di me, ad un certo punto me ne andrò cioè, ed io ripeto che voglio restare per uscire insieme dal suo inferno, ma più il tempo passa più mi esaspera, sembra stia provando a vedere fino a che punto posso arrivare prima di mollare la presa.
    È come se nella sua testa ci fosse un unico finale possibile e me lo volesse dimostrare, ma al tempo stesso mi fa vivere come una mia responsabilità (con relativo senso di colpa) un eventuale abbandono che poi sarebbe un abbandono visto dal suo punto di vista, ma un salvare me stessa visto dal mio.
    Grazie a chi vorrà aiutarmi a fare chiarezza.


    Ultima modifica di chi-cca; 23-11-2020 alle 14:53 Motivo: Eliminazione dati sensibili su richiesta dell'utente
     
  2. L'avatar di SilentScream

    SilentScream SilentScream è offline FriendMessaggi 4,494 Membro dal Dec 2017 #2

    Predefinito

    Selica, tu non puoi fare niente per tenerla lontana dalla droga, semplicemente è una sua scelta.
    È un meccanismo subdolo delegare a te...non ne ha la forza, ma allo stesso tempo non si fa aiutare, quindi togliti subito dalla testa che sia una tua responsabilità, tu al massimo puoi provare a starle vicino e offrirle supporto morale, a condizione che questo non ti logori.
    Non sei tu a dover scegliere per lei, non puoi impedirlo e finché non saprà affrontare i suoi demoni in modo sano, non ne uscirà...non è così semplice "un tossico resta sempre un tossico" o meglio in un certo senso, avrà sempre la tendenza, la tentazione, ma c'è chi ne esce per davvero...per cui è anche una scusa per non cambiare.
    È più facile credere che sia così... è più facile autosabotarsi...e te lo dico col cuore, no non è giusto che tu subisca i suoi scleri...non è giusto che ti faccia sentire la cattiva dicendo te ne andrai, quando lei è la prima che non cambia e riversa su di te le sue frustrazioni.

    Non puoi salvare nessuno che non voglia salvarsi per davvero.
    Non devi permettere che questo ti blocchi dall'allontanarti se è quello che desideri e viste le premesse, mi spiace ma io te lo consiglierei...

    Finché frequenterà gente che si droga non smetterà...puoi parlarle e provare a farle capire che finché non si terrà lontano da queste compagnie avrà sempre la tentazione...puoi provare a farle capire che deve affrontare il problema, ovvero cosa ti ha portato alla dipendenza...ci sono problemi sotto? (Probabilmente) e tu non sei una psicoterapeuta, non puoi farlo tu e sta a lei affrontare...puoi suggerirle un gruppo di supporto...ma DEVI farle capire oltre che tu stessa, non sei responsabile per lei, tu ti allontanerai se lei continuerà a comportarsi così e non sarà colpa tua, potrà dartela per vigliaccheria, paura, rabbia e qualsiasi altra motivazione ma sarà solo perché non vuole affrontare la realtà dei fatti.

    In questi casi, se non ti tuteli, rischi di andare a fondo anche tu...ed è quello che devi evitare a tutti i costi.
    Non farti manipolare e tieni da conto il tuo bene.

    Un abbraccio e un in bocca al lupo
    Selica and flair like this.
     
  3. L'avatar di SunsetLimited

    SunsetLimited SunsetLimited è offline Super ApprendistaMessaggi 581 Membro dal Jan 2017
    Località La più grande delle isole italiane
    #3

    Predefinito

    Fuggi.
    E' brutto scriverlo, è brutto leggerlo, ma è l'unica cosa.
    La tossicodipendenza la si affronta da soli e se ne esce se si ha voglia di farlo e con l'aiuto di professionisti. Se continui a frequentarlo rischi di finirci pure tu, non hai spiegato che tipo di sostanze usa, ma se è sotto metadone, non ha mai smesso di "farsi" in realtà.
     
  4. Adanyy Adanyy è offline ApprendistaMessaggi 306 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #4

    Predefinito

    Lui ti ha detto "che un tossico lo è per sempre"..
    Nulla di più vero.
    Al massimo potrà passare da una sostanza ad un altra, ma avrà sempre bisogno di farsi di qualcosa.
    Rinuncia a fare la crocerossina se non ci tieni a farti veramente male.
     
  5. L'avatar di IsoldaCoeurDAnge

    IsoldaCoeurDAnge IsoldaCoeurDAnge è offline SeniorMessaggi 9,618 Membro dal Aug 2017
    Località Francia
    #5

    Predefinito

    Io di solito non consiglio che in rari casi la separazione e il tuo caso corrisponde.
    Avrai molto dolore a lasciarlo,ma non c'è speranza!
    Se vuoi salvare te,devi lasciare lui,è triste ma non c'è modo:l'unico sarebbe di andare in clinica di disintossicazione ma dubito che vorra andarci.
    Isot ma drue, Isot m’amie, En vos ma mort, en vos ma vie! (Gottfried von Strassbourg)