Restrizioni nella vita di coppia.

Discussione iniziata da Frabr89 il 25-03-2015 - 8 messaggi - 899 Visite

Like Tree3Likes
  • 3 Post By rubria
  1. Frabr89 Frabr89 è offline PrincipianteMessaggi 5 Membro dal Mar 2015 #1

    Predefinito Restrizioni nella vita di coppia.

    La mia precedente storia è finita fondamenralmente per la troppa possessività di lui:io metto come premessa che posso dire orgogliosamente di non averlo mai tradito ne esagerato in affettuosità con altri,ma ormai il modo in cui vivevo io era incompatibile col modo in cui lui mi avrebbe voluta!
    tra le cose che erano diventate motivo di liti continue:

    -non potevo coltivare amicizie maschili senza che lui non dovesse controllarle,cioè per me è normale sentirmi o vedermi per una pizza con un ragazzo che mi è simpatico (con cui metto le cose in chiaro da subito,che sono impegnata ecc.) mentre per lui era impensabile
    -io spesso faccio vacanze in famiglia a cui sono molto legata e di solito le mie vacanze estive erano più o meno la metà coi miei (2/3 settimane) e metà con lui..le settimane che passavo fuori coi miei erano continui interrogatori telefonici e rinfacci di essere partita!
    -io tengo molto alla femminilità ed ammetto di essere vanitosa,sono magra,sono carina e ho messo qualche foto al mare in costume sul mio profilo senza vederci nulla di male e apriti cielo,successe il finimondo
    -il colpo di grazia lo ha dato il fatto che non credo nella convivenza e quando lui dopo 2 anni mi ha detto di convivere gli ho risposto che per me esiste il matrimonio e non il convivere (nulla togliere a tutti quelli felici che convivono ma ognuno ha le sue idee)..cioè capisco convivere per un paio di mesi ma poi per me ci sono le nozze,sono all'antica..questo non è stato accettato anzi!

    che ne pensate?voi credete nella fiducia totale come la vedo io (ho sempre lasciato molto liberi i miei fidanzati e se ero un pizzico gelosa lo esprimevo ma senza scenate e soprattutto solo in situazioni davvero irrispettose e non paranoie) o siete d'accordo col mettere i paletti?io credo l'amore sia fiducia e libertà...se si ama non si vuole cambiare ne rendere infelice ne tantomeno ingabbiare l'altro..e non credo nei rapporti di totale isolamento,fare tutto insieme senza spazi propri..


     
  2. L'avatar di erik555

    erik555 erik555 è offline Super FriendMessaggi 5,548 Membro dal Oct 2012
    Località una grande città in mezzo alla pianura
    #2

    Predefinito

    nel tuo post e e nelle tue preferenze ci sono luci ed ombre e qualche contraddizione...
    vediamo punto per punto
    non potevo coltivare amicizie maschili
    tutti hanno diritto alla loro privacy, ma dipende dalla quantità di vita sociale al di fuori della coppia e da quanto è soddisfacente la vita sociale in coppia. Si sta assieme anche per cenare e passare le serate assieme; e se il tuo partner convivente eccetera non ha altrettanti e cospicui hobbies e vita sociale che gli fan passare le serate fuori è chiaro che si vive svantaggiato dalle tue uscite per non parlare di quell'agenda e messaggeria ribollente di inviti e corteggiatori: passabile per una single, ma quando un partner non riesce a colmare e soddisfare una buona parte delle tue aspettative di socialità e presenza affettiva qualcosa non va.
    Ma comunque ri-sottolineo, è pur sempre questione di "misura" e di spazio dedicato prevalentemente al partner e alla vita di coppia piuttosto che a coltivare la propria vita sociale, amichevole, eccetera con altri uomini.
    Con un po' d'astuzia potresti sfruttare di più aperitivi e " hepy hauar" mantenendo un "lau profàil" ...così salvi le apparenze.
    Ma poi come faresti a conoscere così tanti uomini che si accontentano solo di uscire a cena con te? Ogni santa volta? Come uomo, scusami tanto, mi sento un po' scettico al riguardo.
    -io spesso faccio vacanze in famiglia a cui sono molto legata e di solito le mie vacanze estive erano più o meno la metà coi miei (2/3 settimane) e metà con lui.
    no, qui proprio non ci siamo, comportamento improponibile e inaccettabile in una coppia "light" men che in una convivenza figuriamoci il matrimonio!
    La tua famiglia è il tuo uomo e questa tendenza, tutta italica (ché altrove sarebbe considerato "attaccamento patologico") al familismo-mammismo non depone a favore della tua maturità personale e della tua evoluzione come individuo adulto. Questioni di priorità, insomma, obiettivamente se non investi nel tempo da trascorrere con il tuo uomo ci si chiede in quale posizione tu metta la tua vita privata e intima e quale valore tu le attribuisca.
    -io tengo molto alla femminilità ed ammetto di essere vanitosa,sono magra,sono carina e ho messo qualche foto al mare in costume sul mio profilo senza vederci nulla di male e apriti cielo,successe il finimondo
    questo dipende da lui e dal suo carattere, altri uomini sono ben contenti di avere una partner bella e ammirata... ma ragiona un po': il tuo uomo somma la tua vanità alla tua nutrita agenda, c'è da attendersi ben qualche borbottìo o inquietudine.
    -il colpo di grazia lo ha dato il fatto che non credo nella convivenza e quando lui dopo 2 anni mi ha detto di convivere gli ho risposto che per me esiste il matrimonio e non il convivere (nulla togliere a tutti quelli felici che convivono ma ognuno ha le sue idee)..cioè capisco convivere per un paio di mesi ma poi per me ci sono le nozze,sono all'antica..questo non è stato accettato anzi!
    e qui hai peccato di grande supponenza, superficialità e incoerenza perchè lui si è detto che se tanto gli da tanto il tuo comportamento attuale a parte non conciliarsi con i suoi desiderata non si concilia nemmeno con una convivenza che potrebbe rappresentare la prova generale di un possibile matrimonio.
    Obiettivamente è poco probabile che tu possa cambiare o modificare un siffatto stile di vita con il matrimonio.
    Il matrimonio è un patto sottoscritto con doveri e responsabilità a livello civile e se il tuo chiodo fisso è il tuo livello di libertà personale il matrimonio "non è cosa per te".
    In ogni caso...convivenza come prova generale del matrimonio o matrimonio richiedono un livello di maturità personale, dedizione al partner, al bene di entrambi e di altruismo che tu obiettivamente non possiedi.
    Ognuno è fatto a modo suo, certo, però libertà non è indifferenza o egoismo o privilegiare sempre e comunque edonisticamente le proprie preferenze. Una coppia è anche e soprattutto condivisione che è spontanea e gioiosa. Abbi pazienza ma professare l'idea di una coppia light dagli ampi spazi di autonomia non si sposa affatto -gioco di parole voluto con l'idea di matrimonio, salvo il caso che il tuo potenziale sposo sia un ricco e attempato magnate che dedito ai suoi affari e alle sue collezioni d'arte condivida con te un minimissimo di vita sociale e di rappresentanza e lasci libera la sposa di girare il mondo in compagnia di chi vuole e la lasci flirtare con ragazzotti coetanei o più giovani. Però lo devi trovare.
    Io ti auguro di trovarlo un uomo così, ci mancherebbe, sarebbe la tua fortuna & felicità però per tornare con i piedi sulla terra come si diceva all'inizio bisogna un po' essere coerenti, trovare una giusta misura fra privacy, esigenze personali e dimensione di coppia.
    Se non si è fatti per una convivenza o un rapporto a lungo termine, se la singletudine è una dimensione preferibile ad ogni altra non ci si può "forzare" in una relazione o forzare l'altro ad accettare un comportamento che non sente e non vive come un livello d' amore adeguato per lui.
    Occorre insomma tenerne conto nelle proprie scelte e nella scelta del partner. e se le proprie e altrui esigenze non collimano e le proprie personalità non si amalgamano..significa che non si è compatibili...
    Ultima modifica di erik555; 25-03-2015 alle 18:06
     
  3. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,018 Membro dal Feb 2015 #3

    Predefinito

    Dei paletti per me ci sono perché a lungo andare andando a cena con amici intimi del sesso opposto ci si fa le corna, e onestamente non mi piacerebbe nemmeno che il mio partner tappezzi internet di foto sue in costume da bagno. Le vacanze vanno fatte col fidanzato/convivente/marito ... altrimenti che vacanze sono? Al limite te lo puoi portare dietro, ma il tempo libero si passa assieme, secondo me eh.
    Quella del matrimonio sì e convivenza no ... non l'ho capita.
     
  4. Alwayssmile Alwayssmile è offline FriendMessaggi 3,052 Membro dal Jul 2014 #4

    Predefinito

    Mi pare che ragionaste entrambi per compartimenti stagni. Lui possessivo, tu che ti fai vedere ma sei una "donna da matrimonio"... Mah.
     
  5. L'avatar di rubria

    rubria rubria è offline Super FriendMessaggi 7,467 Membro dal Oct 2013 #5

    Predefinito

    Io credo che ognuno debba trovare la persona adatta, che capisca e accetti i propri bisogni. Come d'altra parte ognuno deve fare da parte sua. Se a lui non andavano bene molte cose che per te sono importanti e non era disposto ad accettarle, non faceva per te. D'altra parte anche tu, se non volevi accettare la convivenza, non facevi per lui. Da quanto ho letto infatti non mi sembra che nessuno dei due avesse un comportamento condannabile di per sé.
     
  6. Hotgirl9 Hotgirl9 è offline PrincipianteMessaggi 110 Membro dal Mar 2015 #6

    Predefinito

    @frabr89

    Le restrizioni a lungo andare logorano il rapporto! Io la penso come te, l amore deve essere fiducia e libertà, avere ognuno i propri spazi e naturalmente condividerne altri!
    La mia esperienza:io sono una ragazza carina, semplice, non mi trucco(a volte metto il mascara ), sono quasi sempre in jeans ed il mio vezzo sono le scarpe col tacco che uso molto spesso(per le quali ho una vera e propria adorazione&#128525.nonostante io non ami mettermi in mostra, quando cammino per strada, entro in un locale, ecc...non passo mai inosservata e di questo si è accorto anche il mio ragazzo che in risposta a questa situazione ha sfoderato la sua gelosia (probabilmente dovuta ad una mancanza di fiducia ) che lo ha portato a darmi tante restrizioni alle quali io nei primi anni del nostro rapporto, mi sono sottoposta senza ribellarmi...col tempo però ho capito che la fiducia dev essere alla base di un rapporto! Due persone che si amano devono avere per forza fiducia reciproca per stare bene insieme altrimenti il rapporto diventa deleterio!
    So già che qualcuno che avrà letto altri miei post storcera' il naso leggendo queste mie parole, ma forse tra le motivazioni che mi hanno portato a fare certe cose profondamente ingiuste, di cui non vado affatto fiera e che io stessa non approvo, ha influito anche quest aspetto!
    Io ho sempre avuto fiducia nel mio compagno e gli lasciato le sue libertà ed i suoi spazi com è giusto che sia! Ma perché una relazione sia sana e felice questa fiducia deve esserci da entrambe le parti!
     
  7. soleluna09 soleluna09 è offline BannedMessaggi 18,933 Membro dal May 2011 #7

    Predefinito

    non centra la possessività, la gelosia, mancanza di fiducia ecc
    tu hai uno stile di vita e lui ne ha un altro ed entrambi non vogliono modificare il proprio stile di vit a e nemmeno andare incontro all'altro
    quindi è un bene che sia finita
    meglio trovare una persona con lo stesso stile di vita o una che viene incontro o che modifica un pò la sua vita per quella persona
    Ultima modifica di soleluna09; 27-03-2015 alle 14:54
     
  8. L'avatar di inpuntadipiedi

    inpuntadipiedi inpuntadipiedi è offline Super ApprendistaMessaggi 505 Membro dal Feb 2015 #8

    Predefinito

    Io detesto la gelosia , quindi ti capisco benissimo . Questo ragazzo forse pensa di vivere nella Sicilia dei primi anni del '900.😒
    Se tu non accetti questo modo di fare e lui non accetta il tuo carattere, credo che abbiate fatto bene a troncare questo rapporto .