La scrittura, da passione a qualcosa di più.. - Pagina 4

Discussione iniziata da Fawks il 06-11-2018 - 42 messaggi - 3488 Visite

Like Tree17Likes
  1. L'avatar di Spettrale

    Spettrale Spettrale è offline MasterMessaggi 29,958 Membro dal Oct 2007
    Località dove capita
    #31

    Predefinito

    Fawks@
    Per mia esperienza...posso dirti..che la gente legge solo quello che "gli conviene leggere" si prende quello che le può far bene...e il resto non lo prende mai in considerazione😩...non so se hai capito il concetto🤔
    Eppoi le storie d'amore si assomigliano quasi tutte...ma i dettagli e le sfumature sono sempre diversissime tra loro...come siamo diversi noi stessi...
    Ma con la fantasia si può fare tutto.
    Wow


    Accidenti a te.👄siamo tutti bugiardini.... Amore Sally toccami la mano... scopiamo pure su questo divano😋👄.... Magari no😁.... . Scricciolo dove cacchio sei? 😍.... . Wow
     
  2. L'avatar di Fawks

    Fawks Fawks è offline JuniorMessaggi 1,199 Membro dal Feb 2012 #32

    Predefinito

    @Spettrale
    Diciamo che di storia d'amore questo scritto ha veramente poco.
    Comunque vedremo cosa mi spingeranno a fare.
    Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere assoluto di essere sicuro di aver giudicato bene sin da principio.


    - Pride and Prejudice -
     
  3. LadyKore LadyKore è offline Super ApprendistaMessaggi 966 Membro dal Oct 2021 #33

    Predefinito

    @fawks tienici aggiornati poi!
     
  4. L'avatar di Fawks

    Fawks Fawks è offline JuniorMessaggi 1,199 Membro dal Feb 2012 #34

    Predefinito

    @LadyKore
    Volentieri, al momento sono in una fase di rilettura revisione che però non riesco a svolgere con il distacco che vorrei.
    Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere assoluto di essere sicuro di aver giudicato bene sin da principio.


    - Pride and Prejudice -
     
  5. LadyKore LadyKore è offline Super ApprendistaMessaggi 966 Membro dal Oct 2021 #35

    Predefinito

    Ti capisco. A volte io chiudo e riapro dopo un po' perché così mi risultano più evidenti le parti da rivedere... Però ad un certo punto bisogna anche avere il coraggio di terminare, se no si rischia di portare avanti un lavoro infinito. Potresti sempre farlo leggere anche a qualcuno di cui ti fidi, così è anche un modo per abituarti all'idea di condividerlo con altri
     
  6. L'avatar di Fawks

    Fawks Fawks è offline JuniorMessaggi 1,199 Membro dal Feb 2012 #36

    Predefinito

    @LadyKore
    Non è una questione di errori o di refusi, quelli bene o male sono stati sistemati, anche se ancora qualcuno ci sarà.
    Il mio ostacolo principale sono io, i miei sentimenti, le mie emozioni, c'è davvero tanto di me in questo diario e non è facile rileggerlo con distacco e cercando di essere il più obiettiva e oggettiva possibile.
    Farlo leggere potrei anche pensarci ma il problema è che non potrei farlo con amici o con qualcuno che mi conosce perché non sarebbe obiettivo dal momento che tante circostanze già le conosce.
    Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere assoluto di essere sicuro di aver giudicato bene sin da principio.


    - Pride and Prejudice -
     
  7. L'avatar di Ultima

    Ultima Ultima è offline JuniorMessaggi 1,225 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #37

    Predefinito

    Ciao Fawks, attenta col labor limae (passami il termine dalla poesia)...
    “Ma fu con ali di tenebra che Ultima diede inizio alla rivolta contro gli dei.
    L'inespressività acquisita in seguito alla caduta denota un animo insondabile."
     
  8. L'avatar di Fawks

    Fawks Fawks è offline JuniorMessaggi 1,199 Membro dal Feb 2012 #38

    Predefinito

    @Ultima
    Assolutamente ed è la ragione per cui me ne sono distaccata per tanto tempo prima di riprenderlo in mano.
    LadyKore likes this.
    Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere assoluto di essere sicuro di aver giudicato bene sin da principio.


    - Pride and Prejudice -
     
  9. L'avatar di Ultima

    Ultima Ultima è offline JuniorMessaggi 1,225 Membro dal Dec 2020
    Località Italia
    #39

    Predefinito

    Ciao Fawkes, estendo un po' più la risposta, visto che potrebbe esserti utile.

    A livello estetico, non c'è bisogno che ti dica che alcuni hanno elevato il labor limae a vero e proprio monumento e pratica fondativa della scrittura, ma ci sono da tenere a mente due cose.

    La prima, a cui indirettamente accenni tu: senza un sufficiente distacco mentale e temporale, la fatica dello scrivere sarà sempre vincente, ed in pratica qualsiasi cosa abbiamo scritto, al netto di errori grammaticali e simili, sarà sempre a posto principalmente perchè per scriverla ci abbiamo faticato.

    La seconda, è invece questione più complicata: a livello letterario, sono noti casi di labor limae di durata enorme. Pensa al Canzoniere di Petrarca: sono viventi molti manoscritti, alcuni scritti da Petrarca o comunque sua dettatura, con tutte le varianti delle sue poesie e le sue migliorie e correzioni, che man mano applicava.

    Il problema è che una pratica del genere, cioè una revisione che dura anni ed anni, da alcuni, come ti dicevo, elevata a vero e proprio punto centrale della creazione artistica e letteraria, nasconde due problemi: e cioè il cattivo impiego del proprio tempo ed una forma di censura interiore.

    In poche parole, Fawkes, se passiamo 10 anni a revisionare un testo, quant'è probabile che ne passeremo altri 10 a fare altrettanto? In sostanza, Fawkes, più il tempo di revisione si allunga, più diventa probabile che il problema non è di forma, ma di sostanza: se passo 20 anni a revisionare, è molto probabile che, a conti fatti, sia proprio il testo che ho scritto ad avere dei problemi di fondo, sostanzialmente insanabili (prova ne sia che in 20 anni, se stiamo ancora revisionando, non li abbiamo risolti).

    La seconda è che se si passano 10 anni a revisionare, viene il serio dubbio che si stia attuando una qualche forma di censura su quanto prodotto: e questo è problema non meno inferiore del precedente. Autocensurarsi diventa pratica alquanto comune per alcuni scrittori, anche a livelli altissimi: in questo, effettivamente, viene chiamata in causa una qualche forma di coraggio da parte di chi scrive.

    Ultimo problema, Fawkes: tempo fa scrissi un poema di 1200 versi circa. Revisionato circa 3-4 volte in un anno di tempo (quindi una volta ogni 3 mesi circa): all'incirca al 300-400esimo verso, io cominciavo a dimenticare cosa accadeva in precedenza, cioè a perdere la visione d'insieme del testo. Questo è un noto problema a livello poetico ed estetico, ed in effetti è reale... "Grande libro, grande malanno", si diceva in tempi antichi: chi creò questa frase aveva da parte sua l'effettiva conferma pratica della prassi di revisione, che è innegabile.

    Altro consiglio, slegato da questa questione, è legato alla natura in parte autobiografica del testo: se l'autobiografismo garantisce per la verisimiglianza e soprattutto per essere una garanzia da parte tua di prendere sul serio quello che fai, può portarti a non cogliere il fatto che, non rade volte, la realtà non è artisticamente soddisfacente...

    In passato si è infuriato molto sulla questione del verisimile e dell'arte basata sul verisimile: viene il dubbio che ci sia stato un fraintendimento, e che, anche leggendo i testi, il "verisimile", e la richiesta di verisimiglianza, altro non fosse che la richiesta di coerenza interna, più che di adeguatezza alla verità effettuale e riscontrabile.

    In tal senso, Fawkes, forse il miglior consiglio che ti posso dare in tal senso è di preoccuparti di avere una trama coerente con dei personaggi altrettanto coerenti al suo interno, anche quando la realtà dei fatti tanto coerente e solida non è stata.
    LadyKore likes this.
    “Ma fu con ali di tenebra che Ultima diede inizio alla rivolta contro gli dei.
    L'inespressività acquisita in seguito alla caduta denota un animo insondabile."
     
  10. L'avatar di Fawks

    Fawks Fawks è offline JuniorMessaggi 1,199 Membro dal Feb 2012 #40

    Predefinito

    @Ultima
    Non posso che concordare sulla maggior parte di quanto hai detto.
    Quanto ai tempi di revisione io ho scritto di getto o quasi nel periodo tra fine marzo e inizio aprile 2020 da lì ho lasciato che il testo sedimentasse e l'ho ripreso in mano o, almeno, ci ho provato verso la primavera del 2021 ma non avevo raggiunto un distacco tale che mi permettesse di leggerlo senza ritrovarmi coinvolta con tutta me stessa, in fondo si parla di me e della mia storia.
    Ora è circa una settimana che l'ho ripreso in mano e mi rendo conto di riuscire a lavorarci con maggior scioltezza, certo non ho molto tempo a disposizione e questo allunga i tempi necessari ma credo che un anno per una revisione accurata possa essere considerato un tempo adeguato.

    Quanto alla natura autobiografica mi trovi in parte in disaccordo molti libri, soprattutto per adolescenti o giovani adulti riportano dei diari e molto probabilmente alcuni di loro hanno certamente un fondo autobiografico e l'interesse che suscitano è comunque apprezzabile.
    In questo caso dovrò valutare con attenzione a quale target di pubblico intenderò arrivare ma questo è certamente un passaggio successivo del quale ora non intendo preoccuparmi.
    Allo stato attuale la mia preoccupazione è riuscire a concludere la revisione senza snaturare troppo il testo e spero di riuscirci in tempi adeguati.
    Chi non cambia mai la propria opinione ha il dovere assoluto di essere sicuro di aver giudicato bene sin da principio.


    - Pride and Prejudice -