I sentimenti si anestetizzano?

Discussione iniziata da 0cchineri il 13-12-2016 - 61 messaggi - 2646 Visite

Like Tree37Likes
  1. 0cchineri 0cchineri è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 890 Membro dal Oct 2015 #1

    Predefinito I sentimenti si anestetizzano?

    Ciao ragazzi.
    Mi accade di avere a che fare con persone che quasi si vantano di non riuscire più a sentire niente, non riescono ad innamorarsi dopo una delusione amorosa, o perlomeno non riescono a trovare un coinvolgimento tale da far tornare la voglia di rimettersi in gioco, questo anche per le amicizie, accade di imbattersi in persone carinissime, capaci di piccoli gesti che lasciano intendere ci sia la voglia di approfondire una conoscenza, ma di non sentirle, di far cadere nel vuoto la possibilità di riscoprire un valore prezioso solo perché altri rapporti che abbiamo alle spalle ci hanno oramai svuotati.
    Pensavo che è un vero peccato, io mi ritrovo nella seconda ipotesi, quella delle amicizie, in una sorta di "potrei ma non ne ho voglia", per ora sto bene così, ma mi chiedevo..."quali sono i meccanismi che si innescano nella mente utili a far riaccendere una qualsiasi scintilla?" "E' questione di chimica? Di cosa?" Perché a volte è bello lasciarsi coinvolgere in un rapporto, si riprende vita ed un po' di entusiasmo.
    Mi piacerebbe ricevere dei pareri..


    Pitonessa and CharlotteYork like this.
     
  2. Eirwen Eirwen è offline BannedMessaggi 7,604 Membro dal Mar 2015
    Località ItaGlia
    #2

    Predefinito

    Che bel topic, 0cchineri!
    Ti rispondo ben volentieri: quest'anno, per me, è stato orribile sia dal punto di vista delle amicizie che da quello sentimentale.
    Ora sto sempre in guardia, sono terrorizzata dagli esseri umani, però sarei più propensa nel conoscere femmine che potrebbero diventare potenziali nuove amiche (senza l'ammmore vivo benissimo, senza amici no!).

    Cosa potrebbe suscitare interesse in me, a tal punto da voler approfondire un'eventuale amicizia? La profondità d'animo, l'empatia, la gioia di vivere nonostante tutto, la trasparenza, l'assenza di maschere, l'aver voglia di divertirsi, ridere, riflettere, il non volersi omologare.
     
  3. ameliadespel ameliadespel è offline BannedMessaggi 8,015 Membro dal Nov 2015
    Località italia
    #3

    Predefinito

    parlando i termini puramente "didattici" si tratta di un meccanismo di difesa, "erigo un muro per non soffrire", tranquilla, prima o poi il bisogno di socialità tornerà forte.

    comunque ti capisco, è facile dopo delle delusioni non volere, per un periodo di tempo, avere a che fare con quel che ci ha deluso.

    io lo racconto spesso, ho perso un'amicizia importante in un periodo simile al tuo. ero delusa dai ragazzi, e non ne volevo, ma questa mia amica insisteva a presentarmi suoi amici, io però, non avevo il minimo interesse e alla fine abbiamo discusso. il periodo, poi, è passato fisiologicamente, credo che sarà così ache per te, se riuscirai ad elaborare questo tuo "bisogno" di difenderti dal mondo e stare sola.
    Eirwen and 0cchineri like this.
     
  4. 0cchineri 0cchineri è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 890 Membro dal Oct 2015 #4

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eirwen Visualizza Messaggio
    Che bel topic, 0cchineri!
    Ti rispondo ben volentieri: quest'anno, per me, è stato orribile sia dal punto di vista delle amicizie che da quello sentimentale.
    Ora sto sempre in guardia, sono terrorizzata dagli esseri umani, però sarei più propensa nel conoscere femmine che potrebbero diventare potenziali nuove amiche (senza l'ammmore vivo benissimo, senza amici no!).

    Cosa potrebbe suscitare interesse in me, a tal punto da voler approfondire un'eventuale amicizia? La profondità d'animo, l'empatia, la gioia di vivere nonostante tutto, la trasparenza, l'assenza di maschere, l'aver voglia di divertirsi, ridere, riflettere, il non volersi omologare.
    Eravamo fidanzate per un giorno e poco dopo ti hanno bannata, quindi sono felicissima di ritrovarti.
    Non dev'essere facile se scrivi che sei terrorizzata. Che ti hanno fatto questi disgraziati?
    Tornando a noi, chiedo a te se mi leggerai: metti il caso che ci fossero cento persone con le caratteristiche che hai elencato, 100 persone splendide così, chi spiccherebbe tra queste 100? Intendo che c'è qualcosa che va oltre..succede....(faccio un esempio) che si dorme sul divano, in realtà si stava sonnecchiando da un po', solita gente anche nuova, solite cose....ma un giorno *bam*, arriva qualcuno che ci sveglia dal torpore, (che fuigata), eppure il giorno prima abbiamo conversato con mezzo mondo, al quale siamo rimaste indifferenti. Perché accade? Sto iniziando a pensare che non dipenda dagli altri ma dal modo in cui quel qualcuno risveglia qualcosa che sta già in noi. Eirwen, sto "usando" te per cercare di capire me, perdonami.
     
  5. 0cchineri 0cchineri è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 890 Membro dal Oct 2015 #5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ameliadespel Visualizza Messaggio
    parlando i termini puramente "didattici" si tratta di un meccanismo di difesa, "erigo un muro per non soffrire", tranquilla, prima o poi il bisogno di socialità tornerà forte.

    comunque ti capisco, è facile dopo delle delusioni non volere, per un periodo di tempo, avere a che fare con quel che ci ha deluso.

    io lo racconto spesso, ho perso un'amicizia importante in un periodo simile al tuo. ero delusa dai ragazzi, e non ne volevo, ma questa mia amica insisteva a presentarmi suoi amici, io però, non avevo il minimo interesse e alla fine abbiamo discusso. il periodo, poi, è passato fisiologicamente, credo che sarà così ache per te, se riuscirai ad elaborare questo tuo "bisogno" di difenderti dal mondo e stare sola.
    Sì Amelia, ora sto mischiando un po' di discorsi. Parlo di come ci si chiude e chiedo perché ci si risveglia, perché mi piacerebbe mi accadesse ora.
    Sono passati 5 anni dalla fine di un'amicizia sbagliata, sbagliata perché sì, era giusto finisse. Però non c'è verso che mi venga la voglia di frequentare regolarmente qualche gruppo di amici, mi dispiacerebbe che questo bisogno fisiologico tornasse invadente quando non avrò più la possibilità di costruire qualcosa, ma mi manca proprio lo slancio e non lo faccio perché mi sento superiore anzi, mi dispiaccio per questa indifferenza che mi sta caratterizzando ma che ho sperato facesse parte di me nei momenti in cui ho sofferto.
     
  6. ameliadespel ameliadespel è offline BannedMessaggi 8,015 Membro dal Nov 2015
    Località italia
    #6

    Predefinito

    non c'è un perchè, purtropppo, non tutti elaborano i "lutti" (anche la fne di un'amicizia lo è) nello stesso modo.

    l'unico consiglio chemi sento di darti è comunque d tenerti occupata, uscire, fare corsi, tenerti occupata con attività organizzate e iniziare a parlare del più e del meno con le persone con cui condividi questi interessi, vedrai che pian piano diventerà più facile.
    Eirwen and 0cchineri like this.
     
  7. Eirwen Eirwen è offline BannedMessaggi 7,604 Membro dal Mar 2015
    Località ItaGlia
    #7

    Predefinito

    @Occhineri, non ti perdonare, "usami" pure, ne sarei ben contenta se riuscissi a capirti!

    Preferisco non raccontarti ciò che quei disgraziati mi hanno fatto, ti dico solo che mi sveglio nel cuore della notte e non chiudo più occhio, questo da quattro mesi: se dormo sei o sette ore di fila, grido al miracolo, però è anche colpa mia; ho permesso loro di trattarmi malissimo e non li ho allontanati al primo campanellino d'allarme.

    La tua riflessione mi piace tantissimo: quando conobbi quella che è attualmente la mia migliore amica da cinque anni, a parte che rimasi folgorata dalla sua bellezza, grazia ed eleganza, una volta feci una battuta, erano presenti una decina di persone, solo LEI scoppiò a ridere, solo LEI l'aveva capita.
    Da quella volta, non ci siamo più lasciate.
    Quello che ci accomuna è il sarcasmo, lo stupore dinanzi all'ignoranza della gente.

    Una sera, eravamo io e lei con altre persone, abbiamo fatto la stessa battuta, ridendo come matte, gli altri non si sono minimamente scomposti, al che, una volta rimaste sole, le domandai: "Ma come mai nessuno ha riso alla nostra battuta?" e lei rispose: "Perché non ci arrivano, noi due siamo troppo intelligenti!".
    Questa è la chimica di cui parlavi, almeno per me.
    Io adoro ridere, provo piacere fisico quando mi scompiscio, quindi riuscire a farmi ridere, è fondamentale per poter entrar nel mio mondo, sia come amica/o che come fidanzata/o.
    ameliadespel, Solarz and honeytrap like this.
     
  8. 0cchineri 0cchineri è offline Ex Utente di Amando.itMessaggi 890 Membro dal Oct 2015 #8

    Predefinito

    @Eirwen

    Aaaah, che ventata di freschezza è arrivata leggendo di voi due.
    Sì, è questo di cui parlo, di quel riconoscersi a pelle che diventa subito certezza inequivocabile, intesa perfetta, mi manca e mi spiace per le persone che magari l'hanno sentita con me e non l'ho saputa contraccambiare. Dov'è quel qualcuno? La vita forse mi ha messa in stand-by, forse per altre priorità, chi lo sa.
    Per quanto riguarda te vedi il discorso di Amelia. Ci vuole un tempo fisiologico per superare qualsiasi cosa, quindi accetta questa insonnia come una reazione normale dovuta ad una delusione, tutto lentamente tornerà nella norma. Se hai quest'amica preziosa già è un bell'aiuto.
     
  9. Dr.jena Dr.jena è offline BannedMessaggi 3,920 Membro dal Nov 2015
    Località Toscana
    #9

    Predefinito

    Per tutto ci vuole un perido refrattario.... e poi comunque bisogna sperare di avere quella famosa "memoria selettiva" per cui ci si dimentica delle cose brutte ricordando solo i momenti belli; è quella cosa di cui parlano sempre gli psicologi militari ....
    per alcune cose ce la faccio.... dolore fisico.... paure ecc. dove non ce la faccio sono i sentimenti...
    quindi per me è difficile.
    Stranamente non mi chiudo, non ho il rifiuto come voi....io ho subito la porta aperta per gli altri.... perchè non mi hanno fatto nulla!!
    Eirwen and 0cchineri like this.
     
  10. Eirwen Eirwen è offline BannedMessaggi 7,604 Membro dal Mar 2015
    Località ItaGlia
    #10

    Predefinito

    @0cchineri, ho un pretendente da quasi due anni, lui si trova benissimo con me, ma per la sottoscritta non è lo stesso; per quanto sia stupendo, colto... manca quel qualcosa.
    A me piacciono le persone umili, lui è altezzoso, sa di esser un bell'uomo (ha diverse fans) e possiede questo atteggiamento da intoccabile che mi fa cascare le braccia.
    Siamo usciti tre volte, non lo vedo da poco più di un anno, mi chiede sempre di vederci, ma con lui mi sento a disagio, non c'è niente da fare!
     
Questo sito Web utilizza "cookie" a fini statistici e per la navigazione nonché cookie di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito, ritornandovi in seguito, cliccando sui link al suo interno o anche facendo scrolling dichiari pertanto di acconsentire al loro utilizzo. [Cookie Policy]   [OK]