Smarworking - Pagina 2

Discussione iniziata da Spettrale il 04-04-2020 - 37 messaggi - 1524 Visite

Like Tree15Likes
  1. L'avatar di Gigetta89

    Gigetta89 Gigetta89 è offline SeniorMessaggi 14,880 Membro dal Nov 2012
    Località Toscana
    #11

    Predefinito

    Sono costretta allo smartworking per alcuni giorni a settimana e personalmente lo odio.
    Il fatto di essere fuori ufficio rende il lavoro molto più complicato,con la conseguenza che si lavora di più e si rende di meno.
    In più trovo veramente malsano che non ci sia la solita separazione tra lavoro e tempo libero: lavori col pc con cui di solito ti diverti,negli spazi di casa tua che di solito sono relegati allo svago. A me quindi sembra di non staccare mai.
    Senza contare che spendi tue risorse personali che ancora non si capisce come e se saranno rimborsate (internet,cartucce per la stampante,carta...).
    In più è veramente deprimente non avere nessuno con cui parlare se non le persone con cui convivi, diventa veramente alienante.
    Altra cosa alienante è non doversi vestire,truccare e pettinare per andare a lavoro.

    Insomma,per adesso non ho trovato pro,ma solo contro.
    Magari ci sono tipologie di lavoro più adatte del mio per questa modalità.
    Hurrem and Tristaldo like this.


     
  2. L'avatar di Firecatcher

    Firecatcher Firecatcher è offline JuniorMessaggi 2,370 Membro dal Sep 2015 #12

    Predefinito

    Io non sono asociale: sono selettivo, il 90% delle persone non lo trovo stimolante, quel 10% me lo scelgo accuratamente e ovviamente lo frequento dal vivo. Però dai, se si parla di comunicare, del cazzeggiare parlando del più e del meno, i social sono un buon palliativo, e d'altronde tutti i rapporti ormai sono stati informatizzati, tinder ad esempio fino a qualche anno fa era considerato per incontri sentimentali, adesso lo usano praticamente tutti.
    IsoldaCoeurDAnge likes this.
    Ultima modifica di Firecatcher; 04-04-2020 alle 18:33
     
  3. Dorico Dorico è offline PrincipianteMessaggi 51 Membro dal Mar 2020
    Località Sangue veneziano, cuore romano.
    #13

    Predefinito

    Io insegno all'università e quindi mi sono visto costretto a ricorrere a videolezioni e video-conferenze. Ero e rimango molto scettico riguardo l'insegnamento a distanza, che non garantisce tutti i vantaggi della presenza fisica, senza contare i quotidiani problemi tecnici o di connessione, il dialogo con gli studenti difficile da instaurare, per non parlare del crollo delle presenze ai corsi. Per il momento non ci hanno obbligato a iniziare sessioni d'esame online e spero che non si arrivi mai a questo! Nel mio mestiere il tele-lavoro non è praticabile!
     
  4. L'avatar di Spettrale

    Spettrale Spettrale è offline MasterMessaggi 26,703 Membro dal Oct 2007
    Località dove capita
    #14

    Predefinito

    Deprimente o meno ...ho la vaga sensazione che lo smartworking...non verrà sospeso ..dopo l'emergenza corona virus..
    .ma sarà ... definitivo..
    .ed è già una certezza per molte aziende che hanno appena ..cominciato a metterlo in uso..
    Quindi si perderanno tutte quelle piccole abitudini che si condividono con i colleghi
    anche un semplice buongiorno ..uno sguardo .desueto
    .una battuta stupida verrà a mancare...
    gli sfottò nel calcio ...uno sfogo personale ..chiedere un parere ...cazzaggiare ridendo a squarciagola...oppure ridere di nascosto....mangiare un panino insieme
    prendere in giro il capo ..e non poter guardare il kulo alle colleghe 😂..quanto lo rimpiangeremo????
     
  5. L'avatar di trale

    trale trale è offline SeniorMessaggi 14,220 Membro dal Feb 2015 #15

    Predefinito

    Io già lavoravo in parte da casa e anche quando ero coi miei colleghi usavamo la mail per comunicare tra di noi. Quindi lo smartworking non mi ha sconvolto la vita. Ho una mia postazione in casa comoda con fotocopiatrice, stampante, eccetera. Anzi mi sono abituata così e non tornerei più indietro a dover rispettare un orario di lavoro. Certo non posso svolgere il mio lavoro al 100% perché i cantieri sono fermi. Sto preparando il lavoro per quando si ripartirà ...
    Se si ripartirà ... 😢
     
  6. liz23 liz23 è offline JuniorMessaggi 1,717 Membro dal Jan 2013 #16

    Predefinito

    Dove lavoro utilizziamo lo smart working da molto tempo con queste modalità: tutti possono lavorare da casa uno o due giorni a settimana. Poi ci sono anche persone che svolgono il telelavoro e loro tornano in ufficio un solo giorno a settimana.
    Personalmente non sono favorevole allo smart working. Per la mia esperienza il rendimento non è lo stesso (e non parlo solo di me).
    La cosa che mi pesa di più è la difficoltà nel confronto coi colleghi. Si ok, si può comunicare lo stesso ma dal vivo è tutta un'altra cosa.
    Per me può essere uno strumento da utilizzare ma con dei limiti. (Un giorno a settimana va più che bene).
    In teoria il mio sarebbe anche un lavoro che si presta, ma in pratica per me non c'è paragone con il lavorare in ufficio.
    Tristaldo likes this.
     
  7. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 7,706 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #17

    Predefinito

    Concordo un po' con tutti coloro che non si trovano a loro agio. In particolare, condivido il disagio di Gigetta.
    Per me, pero', non si pone il problema di non avere un orario. Alle 16:45, orario terminato, prendo, scollego il computer che l'azienda mi ha dato in...deposito, stacco.
    E' una strana sensazione pensare: "Non sto piu' lavorando, posso fare cio' che voglio"; a casa. Poi, cosa sono libero di fare?
    I collegamenti funzionano male. Posso pero' - a casa - essere controllato su cosa sto facendo. Poter uscire di casa, anche per andare al lavoro, trovo cio'...saluberrimo.
    La distinzione non solo di tempi, ma anche di luoghi, tra il lavoro e i fatti nostri, mi sembra piu' dignitosa e piu' umana.
    Veduta del Gorgo della Sposa, pressoTrecenta (RO).
     
  8. L'avatar di Tony59

    Tony59 Tony59 è offline Super FriendMessaggi 7,706 Membro dal Dec 2010
    Località Anywhere I can stay, I have no fear to go away. No need to mind, where people are of your own kind.
    #18

    Predefinito

    Vorrei fare una precisazione, proprio sull'inglesismo accennato da Spettrale. Concordo, ma non solo.
    Gli anglicismi spesso usati in italiano, altrettanto spesso denotano il ridicolo di chi li ha introdotti. Cio' detto, pur col fatto che non sono un purista, l'inglese mi e' sempre piaciuto, le lingue un po' si integrano e, non di rado, ho spesso trovato italicismi leggendo in altre lingue e anche in inglese; a prescindere dai termini musicali, va inteso, e dai nomi di cibi e bevande.
    "Smart working"....Smart' sta a significare 'elegante'. In senso traslato indica una persona brillante, rapida d'intelletto; come potrebbe essere, forse, per noi 'figo'.
    "Smart working" potrebbe - cosi' cosi' - avere il senso di 'lavoro furbo', da gente accorta, da poter eseguire piu' rapidamente e piu' efficacemente. Alla prova dei fatti, di certo non e' cosi'.
    Usare termini di altre lingue...quando si teme di far brutta figura o, come nel caso, essere smentiti vergognosamente, se detti nella propria. Pensando che non abbiano lo stesso impatto immediato, anche per chi conosce bene quella lingua straniera...
    Gossip - pettegolezzo...
    Rave party' invece di "festa demenziale"...
    "Writers" starebbe a significare gente come Dickens, le sorelle Bronte...'scrittore'.
    Qui a Padova, i cronisti dei giornali locali, usano l'espressione...per indicare quei deficienti che scrivono sui muri...!
    Cosa posso pensare di questi giornalisti...non l'ho gia' detto?
    Veduta del Gorgo della Sposa, pressoTrecenta (RO).
     
  9. L'avatar di Hurrem

    Hurrem Hurrem è offline FriendMessaggi 4,801 Membro dal Aug 2017 #19

    Predefinito

    Il termine è usato incorrettamente dato che Smart working non è sinonimo di Working from home che sarebbe il termine adatto in questo caso. Però vabbè stendiamo un velo pietoso su questo.

    Lavoro in un’azienda dove da sempre è permesso di lavorare da casa un giorno a settimana. Anche di più in caso di bisogno, tipo che sei influenzato ma non vuoi poltrire sul divano ma allo stesso tempo non vuoi andare a contagiare altri.
    Io ho lavorato da casa in passato solo quando stavo male, non approfittando mai del giorno settimanale concesso perché detesto lavorare da casa. Sono più produttiva e lavoro benissimo quindi non è quello il problema. Mi manca il contatto con i colleghi, girarmi e fare una battuta, guarda qualcuno e alzare insieme gli occhi al cielo perché siamo entrambi esauriti, o andarmi a prendere un caffè e fare due chiacchiere. Trovo insalubre (per me) lavorare sempre da casa, perdendo quel contatto umano che trovo vitale. Ho coinquilini quindi ogni tanto vado a rompere a loro ma non è la stessa cosa.

    Mi manca anche il fatto di prepararmi per andare al lavoro, l’aria fresca del mattino quando corro verso il tram perché sono sempre in ritardo, incontrare qualcuno che conosco e farmi due chiacchiere durante il tragitto.
    Penso che sia importante per le aziende essere preparate per far lavorare la gente da casa, perché è bello concedere la possibilità di farlo almeno uno due giorni a settimana. Però allo stesso modo penso che si perderebbe molto facendolo continuamente.
    Tony59, Gigetta89 and Tristaldo like this.
    Optimist: Someone who figures that taking a step backward after taking a step forward is not a disaster, it's more like a cha-cha.​
     
  10. L'avatar di Maurice78

    Maurice78 Maurice78 è offline Super ModeratorMessaggi 5,755 Membro dal May 2016 #20

    Predefinito

    Per me è stato già nei mesi scorsi, una svolta nettamente in positivo: evito di fare il pendolare per circa 3 ore al giorno, mi gestisco meglio gli impegni della giornata e sto di più con i figli.
    Figuramoci adesso che, avendo perso il padre, devo aiutare mia madre e occuparmi della successione, quindi mi sarebbe fondamentale anche se non ci fosse il problema del covid.

    Il problema dello smart working è che è difficile farlo tutti insieme e contemporaneamente nella stessa ditta, noi per esempio adesso facciamo giornalmente 2-3 riunioni telefoniche di gruppo e si perde un sacco di tempo ad aspettare tutti, a coordinarsi, ci sono persone che proprio non sanno spiegarsi o fare due conti se non hanno la carta davanti.
    Farlo 1-2 giorni a settimana e/o solo 1-2 persone per reparto contemporaneamente mi sembra molto più gestibile.
    Sic pesto creatus est